LISC - Libreria Internazionale della Sinistra Comunista
[home] [content] [end] [search] [print]


STRUTTURA ECONOMICA E SOCIALE DELLA RUSSIA D’OGGI


Ecco il testo completo in un unico file HTML (2,1 MB). In formato PDF (circa 11 MB) o stampato, il documento รจ di circa 700 pagine (a seconda del browser/sistema operativo).


Content:

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (I)
Premessa
1 – Riferimento a trattazioni precedenti
2 – Piano del presente rapporto
3 – Ulteriore trattazione sulla «tattica»
4 – Risultati acquisiti
5 – La formula di Lenin
6 – Confronto con l’evento
7 – Storia di mezzo secolo
8 – Distruzione della guerra
9 – Liquidazione degli alleati
10 – Demolizione dello Stato

Parte prima
Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (II)
Lotta per il potere nelle due rivoluzioni
1 – La guerra 1914
2 – Crollo da incubo
3 – Sette tesi sulla guerra
4 – Niente «teoria nuova»
5 – Le rivoluzioni simultanee?
6 – Abbasso il disarmo!
7 – Giovanili esuberanze
8 – Operaio e fucile
9 – Patria e difesa
10 – Vittoria nel solo paese
11 – La carta cambiata

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (III)
12 – La inventata teoria
13 – Paesi e rivoluzioni
14 – Alla radice. Manifesto!
15 – Armoniche strutture
16 – Dal 1848 alla Comune
17 – Revisionismo socialdemocratico
18 – Nuovo solo l’opportunismo
19 – La trasformazione socialista
20 – Potere ed economia
21 – Produzione e politica
22 – Infamia e filistei

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (IV)
23 – Ritorno al 1914
24 – Sovversione delle «tendenze»?
25 – Prime vicende della guerra
26 – La guerra si addice alla democrazia
27 – L’impero scricchiola
28 – Rivoluzione guerrafondaia
29 – La rotta smarrita
30 – Trovata una patria?
31 – Vladimiro alza lo staffile
32 – Il pazzo di aprile
33 – Brividi della risciacquata
34 – Prova monosillaba: da

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (V)
35 – Capisaldi di aprile
36 – Ributtare il difesismo!
37 – Il disfattismo prosegue
38 – Transizione: tra quali due tappe?
39 – Il governo provvisorio alla gogna!
40 – Partito e soviet
41 – Tattica impeccabile
42 – Abbasso il parlamentarismo
43 – Polizia, esercito, burocrazia
44 – La frale natura umana?
45 – Le misure sociali nettamente borghesi
46 – Altri falsi dispersi

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (VI)
47 – Verso la conferenza di aprile
48 – Dissenso alla conferenza
49 – Ancora la questione del potere
50 – La nuova forma del potere
51 – La chiara alternativa
52 – Un piede e l’altro piede
53 – I passi ulteriori dei due piedi
54 – Cattive mosse dei primo piede
55 – La difficile manovra dopo aprile

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (VII)
56 – La questione nazionale russa
57 – Contrasto tra due posizioni
58 – Confutazione di Lenin ai sinistri
59 – La questione centrale: lo Stato
60 – La solita cucina storica
61 – Lenin e la questione delle nazionalità
62 – La risoluzione della conferenza
63 – Dispotismo ed imperialismo
64 – Separazione di Stati
65 – Contro l’autonomia «culturale»
66 – Nazioni ed organismi proletari
67 – Nazionalità ed occidente
68 – Rivoluzione con l’Europa

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (VIII)
69 – Dopo aprile verso la gran lotta
70 – Preparazione legale o battaglia?
71 – La fase dopo aprile
72 – La lotta nelle campagne
73 – Le richieste degli operai urbani

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (IX)
74 – Il primo Congresso Panrusso dei soviet
75 – Schieramento al Congresso
76 – Gli interventi di Lenin
77 – La posizione bolscevica
78 – Le rivoluzioni «popolari»
79 – La «democrazia rivoluzionaria»
80 – Le misure di politica economica
81 – Il congresso rincula
82 – Le lotte del giugno
83 – La situazione muta
84 – Le battaglie di luglio

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (X)
85 – Sconfitta nelle strade e repressione
86 – Congresso clandestino
87 – Ancora un bilancio della rivoluzione
88 – L’orientamento da Lenin
89 – Storia dell’oscillante potere
90 – Risposta ad obiezioni tattiche
91 – La conclusione di Lenin
92 – Ancora il sesto congresso
93 – Dove la linfa fu infranta

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XI)
94 – Dogma o guida per l’azione?
95 – La pretesa «filosofia della prassi»
96 – Ancora Lenin filotempista
97 – Famoso «fronte antidestro». Kornilov
98 – Fronte svanito, bolscevismo avanzante
99 – Preparlamento e boicottaggio
100 – L’insurrezione e un’arte!
101 – Ancora contrasto nel partito
102 – Gli organi della lotta
103 – La suprema ora

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XII)
104 – Il conquistato potere
105 – La luce di ottobre
106 – Distruzione dello Stato
107 – L’Assemblea Costituente
108 – Trotsky e Lenin
109 – Decreto di scioglimento
110 – Guerra e pace
111 – Cronologia tragica
112 – La grave crisi nel partito
113 – La valutazione di Lenin

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XIII)
114 – La tremenda guerra civile
115 – I tre compiti socialisti di ottobre
116 – Le somme tornarono
117 – Isolato sforzo supremo
118 – In Russia e in Europa
119 – «Ionizzazione» della storia
120 – Dialogo di colossi
121 – Chiosa al «dialogato»
122 – Il pensiero di Lenin
123 – Fronte nemico senza fratture
124 – L’appello contro i nemici

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XIV)
125 – Una guerra, venti nemici
126 – Fronte tedesco-ucraino
127 – Fronte cosacco e caucasico
128 – Interventi dell’intesa
129 – Est. Cecoslovacchi e Kolčak
130 – Fronte meridionale: Denikin
131 – Fronte occidentale: Judenič
132 – Fronte del sud: Wrangel
133 – La guerra russo-polacca
134 – La pace rossa
135 – Sempre il dettato di Lenin

Parte seconda
Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XV)
Sviluppo dei rapporti di produzione dopo la rivoluzione bolscevica
1 – Politica ed economia
2 – Lezioni senza posa obliate
3 – Altra confusione a «sinistra»
4 – Le due pretese anime di Lenin
5 – Programmi e decreti
6 – Piani della vigilia
7 – Misure economiche immediate
8 – Compiti della rivoluzione

Intermezzo
Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XVI)
Ricerca critica di parte e dialoghi col nemico
Saldatura autogena
L’essenziale sono i congressi?
Silenzi spezzati
Le cose e gli uomini
La via della Russia
Russia e marxismo classico
Via russa e marxismo russo
Via europea, italiana o di vattelapesca
La chiave di volta
Salpando l’ancora

Riprende la parte seconda
Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XVII)
Sviluppo dei rapporti di produzione dopo la rivoluzione bolscevica
9 – Ripresa a distanza
10 – Heri dicebamus
11 – Una tregua di classe?
12 – Teoria della guerra civile
13 – Marxismo internazionale
14 – La bussola al socialismo
15 – Controllo e socializzazione
16 – Il progetto di Lenin
17 – Le misure rurali
18 – Lenin sapeva bene
19 – Linguaggio aperto e sicuro
20 – Coerenza totale al marxismo
21 – Il compromesso quanto duró?

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XVIII)
22 – Mentitori silenzi nel «Breve Corso»
23 – Dichiarazione dei diritti
24 – Rivoluzioni e costituzioni borghesi
25 – La «Dichiarazione» del 1918
26 – Conquiste, scopi e mezzi
27 – Le misure decretate
28 – Politica internazionale
29 – Aspri itinerari della rivoluzione
30 – Principi della Costituzione
31 – Indirizzi politici della dittatura sovietica
32 – Altri compiti dello svolto rivoluzionario

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XIX)
33 – Lo scandalo del voto plurimo
34 – Ingranaggio dei soviet
35 – Il «diritto al voto»
36 – Rapporto tra i due alleati
37 – La «dittatura democratica»
38 – Quale termine doveva cadere?
39 – Dittatura e democrazia proletaria
40 – Decisione nella dittatura
41 – È marxista l’autorità individuale
42 – Conclusioni al 1918
43 – Democrazia, eredità contadina
44 – Lezione ai rinnegati

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XX)
45 – Lenin e il «suffragio universale»
46 – La guerra civile al marzo 1919
47 – Un Lenin «suffragetto»?!
48 – Il Congresso russo del 1919
49 – La privazione del diritto elettorale
50 – Finale sulla democrazia elettiva
51 – I rapporti di produzione
52 – Non fretta demagogica
53 – Un’abusata parola
54 – Vecchio e nuovo capitalismo

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXI)
55 – Nel 1919 il capitalismo rinacque
56 – Vie della rinascita
57 – Il capitalismo è uno
58 – Alla luce dei grandi principi
59 – Essenza costante del capitalismo
60 – Caratteri dello sviluppo russo
61 – Lo sviluppo internazionale
62 – Innesti di nuova gioventù
63 – Sequenze del film sovietico

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXII)
64 – L’agricoltura associata
65 – La collettivizzazione al 1919
66 – Il lungo cammino al socialismo
67 – Contro la sconfitta e la miseria
68 – Ancora contro la gestione «collegiale»
69 – Rigurgiti sindacalisti
70 – Ancora l’anarco-sindacalismo
71 – Produzione e rivoluzione
72 – La questione sindacale internazionale
73 – Il quadro della società russa

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXIII)
74 – Lenin e Trotsky sulla NEP
75 – «Il comunismo di guerra»
76 – Industrialismo di guerra
77 – Trotsky e la NEP
78 – Capitalismo di Stato
79 – La costruzione di Lenin
80 – Senso della russa epopea
81 – Le fasi della «reazione» storica

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXIV)
82 – La società di «fast»
83 – Tre questioni di Lenin
84 – «Il nodo della questione»
85 – Fase «rurale patriarcale»
86 – Piccola produzione mercantile
87 – A quale stadio si svolge la lotta?
88 – La prospettiva futura
89 – Lo svolto nella questione del grano
90 – Conclusioni di Lenin sulla NEP

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXV)
91 – Marxismo e sconfitta
92 – Aspirazioni al capitalismo
93 – La «utile» borghesia
94 – Russia e Cina
95 – Classe ed economia di classe
96 – Con il capitalismo, contro il «piccolborghesismo»
97 – Pace vale guerra
98 – Completa opera borghese
99 – Capitalismi di Stato
100 – Salutem ex inimicis
101 – Commiato da Lenin

Parte terza
Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXVI)
La grave vicenda storica fra la morte di Lenin e noi
1 [102] – I tempi del corso economico
2 [103] – Limiti della gestione economica
3 [104] – Attendere significa vivere
4 [105] – Direzione a zig-zag?
5 [106] – La salvezza dottrinale
6 [107] – Formule di Trotsky
7 [108] – Dal livello del minimo vitale
8 [109] – Discussioni economiche nel partito
9 [110] – Tre vie per la struttura russa
10 [111] – La soluzione di Bucharin
11 [112] – Ricorso marxista alla dialettica
12 [113] – «Arricchitevi»

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXVII)
13 [114] – Alla terza tappa
14 [115] – Industria e agricoltura
15 [116] – Lo sdoppiamento russo
16 [117] – Il conflitto coi kulak
17 [118] – Il riferimento di Trotsky
18 [119] – La tappa di «collettivizzazione»
19 [120] – Travolgente afflusso ai colcos
20 [121] – Struttura del colcos
21 [122] – Le categorie economiche
22 [123] – Prospettiva agraria russa

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXVIII)
23 [124] – Il colcos per Trotsky
24 [125] – La falsa collettivizzazione
25 [126] – Rivincita dell’egoismo rurale
26 [127] – Il peggior compromesso
27 [128] – Origine della forma colcos
28 [129] – Diritti del colcosiano
29 [130] – Spettanze del colcosiano
30 [131] – Rapporto tra colcos e Stato
31 [132] – Magro bilancio agrario russo
32 [133] – La composizione sociale
33 [134] – Dotazione di terra agraria
34 [135] – Produzione di cereali
35 [136] – Peso del sistema colcosiano
36 [137] – Le due facce del colcos
37 [138] – La tragedia del bestiame

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXIX)
38 [139] – Rassegna delle cifre
39 [140] – Curva demografica russa
40 [141] – Natalità e popolazione
41 [142] – La morte ripiega
42 [143] – L’incremento di popolazione
43 [144] – Densità di popolazione
44 [145] – L’inurbamento
45 [146] – La popolazione attiva
46 [147] – Settori economici
47 [148] – La solita biscia morde

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXX)
Collegamento
48 [149] – Il corso dell’industrializzazione
49 [150] – Investimento e finanziamento
50 [151] – Accumulazione e denaro

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXXI)
51 [152] – I piani della ricostruzione
52 [153] – Parametri disponibili
53 [154] – Piani antebellici
54 [155] – Piani postbellici
55 [156] – Non vi furono miracoli
56 [157] – Il mezzo monetario
57 [158] – Storia del rublo
58 [159] – Volume monetario dei piani
59 [160] – Investimento postbellico
60 [161] – Nascita e morte dell’«investimento»
61 [162] – Parabola commestibile

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXXII)
62 [163] – Stato, capitale, denaro
63 [164] – L’occidente batte la stessa via
64 [165] – Investimenti statali e fondamentali
65 [166] – Divisione dell’investimento
66 [167] – L’insuccesso agricolo
67 [168] – Costruzione e «appalti»
68 [169] – Percentuale degli appalti
69 [170] – Servizi delle moderne «organizzazioni»
70 [171] – Stato minchione

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXXIII)
71 [172] – Abitazioni e costruzioni
72 [173] – Dalla casa all’edificio
73 [174] – Edilizia privata e pubblica
74 [175] – Costruzione ed economia
75 [176] – Confronto in Europa
76 [177] – America e «boom»
77 [178] – Italia e case, ancora
78 [179] – Piano Vanoni e case
79 [180] – Le abitazioni in Russia
80 [181] – Misura delle abitazioni

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXXIV)
81 [182] – Pauroso inurbamento
82 [183] – Reddito e investimento
83 [184] – Ancora una sosta italiana
84 [185] – Reddito nazionale russo
85 [186] – Partizione dell’investito
86 [187] – Economia russa dell’abitazione
87 [188] – Costruzioni ultracostose
88 [189] – Più lusso che in America?
89 [190] – Il dramma dei «costi»
90 [191] – Politici ed «architetti»

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXXV)
91 [192] – Abitazioni e diritto
92 [193] – Codice civile sovietico
93 [194] – Abitazioni e locazioni
94 [195] – Costruzione ed assegnazione di case
95 [196] – L’antimarxismo emulato
96 [197] – La proprietà personale
97 [198] – La questione posta storicamente

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXXVI)
98 [199] – Crisi della casa nel 1956 e 1957!
99 [200] – Dati russi recenti
100 [201] – L’abitazione rurale
101 [202] – Confronto città-campagna
102 [203] – Altri indici dell’ultimo anno
103 [204] – Orgia di mercantile miseria
104 [205] – Mistero del tenor di vita
105 [206] – Nel tempio-stato, l’idolo d’oro
106 [207] – Reddito e bilancio
107 [208] – Il gobbo fisco sovietico
108 [209] – Dal mazzo delle democratiche ubbie

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXXVII)
109 [210] – Il sistema di imposte
110 [211] – Le forme dell’imposta
111 [212] – Lo Stato ammucchia denaro
112 [213] – L’atroce contraddizione
113 [214] – La vecchia infamia: un «nuovo corso»
114 [215] – Comunismo e «centralismo»
115 [216] – Impotenza alla dialettica
116 [217] – I falsari del leninismo
117 [218] – Liquidazione gigante
118 [219] – Il toro nella cristalleria
119 [220] – Gaudio degli antiburocratici
120 [221] – Lo scontrino di Marx
121 [222] – Riforma e rivoluzione

Appendice alla «Struttura economica e sociale della Russia d’oggi»
Passo accelerato delle riforme economiche a ritroso fra il XX e il XXI Congresso del PCUS
I
Le «riforme» postrivoluzionarie
Le antiriforme di oggi
Dalla proprietà statale alla proprietà aziendale
L’antiriforma agraria
Degna conclusione
II
Politica economica russa
Il nuovo volto del piano
Notes
Source


Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (I)

Premessa

1 – Riferimento a trattazioni precedenti

Il tema attuale si può considerare diretta continuazione di quello che venne trattato nella riunione generale del partito tenuta a Bologna nei giorni 31 ottobre e 1 novembre 1954, e che è stato ampiamente sviluppato nella serie apparsa in ben undici numeri del quindicinale «Il Programma Comunista»: essi vanno dal n. 21 del 1954 al n. 8 del 1955.

Il titolo «Russia e rivoluzione nella teoria marxista» corrispondeva all’obiettivo di dare una sistematica esposizione di quanto il movimento comunista marxista ha sostenuto in ordine allo sviluppo storico della società russa e dei suoi rapporti internazionali.

Fedeli al metodo di presentare il lavoro dei marxisti rivoluzionari non come una generica più o meno scettica attesa di avvenimenti che vengano con impreviste novità e svolte a segnare al movimento la nuova strada, ma come un continuo confronto degli accadimenti storici con la precedente «attesa» e «previsione» che il partito, nella sua viva organizzazione e partecipazione alla azione storica, è in grado di trarre, sia pure tra continue lotte, dalla teoria che ne costituisce la caratteristica e la piattaforma, ci siamo proposti di presentare quanto i marxisti avevano sviluppato in ordine al procedere della storia sociale in Russia, e al suo confronto coi dati storici degli sviluppi europei e mondiali precedenti e contemporanei.

La esposizione è stata divisa in tre tempi. Una Introduzione ha naturalmente ricollegato il tema ai molteplici sviluppi precedenti che un così importante argomento aveva già ricevuti nelle nostre convocazioni ed esposizioni scritte fin dai primi anni di questo dopoguerra, e ha impostato il problema: battere in breccia tutte le asserzioni di nemici aperti e larvati sulla inadeguatezza del marxismo ad inquadrare lo svolgimento russo, e la pretesa necessità di apportare revisioni alla nostra teoria generale, al fine di farvi rientrare le «particolarità» russe.

La prima parte ha avuto il titolo: «Rivoluzione europea ed area ‹grande slava›». In essa è stato tratteggiato un campo-tempo di sviluppo delle forme di produzione proprio della zona russa di oggi, nella sua distinzione da quello mediterraneo-classico e quello germanico-feudale; cercando di dare i grandi tratti di questi tre processi, e ponendo quello russo in rapporto ai dati storici sul modo di fissarsi ed organizzarsi sul suolo delle prime comunità, sul loro ordinarsi in classi sociali e in forme di produzione, e sulla maggiore o minore centralizzazione delle forme politiche e dello Stato. Pervenendo così ai tempi moderni, si è esposto quanto il marxismo originario ha sostenuto sulla funzione della Russia nel moto rivoluzionario europeo fin dalla rivoluzione francese, e in seguito sulle questioni sociali interne russe. Ciò nei contributi di Marx e di Engels nello scorso secolo.

Fermato così il doppio interessamento marxista alle rivoluzioni della Russia che mostravano, interferendo fatalmente, di incombere: la borghese e la proletaria, la seconda parte ha esposto le vedute particolarmente ricche e complesse su tale quesito di futuro storico dei movimenti interni della Russia, tanto premarxisti che soprattutto marxisti; fermandosi ai dibattiti e alle soluzioni avanzate nei vari congressi del partito bolscevico prima della guerra 1914. Anche qui si è andati verso la demolizione della ostinatissima idea, che in Russia si dovesse usare un metro storico speciale.

2 – Piano del presente rapporto

Sulla base del materiale in tal modo predisposto ed elaborato si viene direttamente al tema odierno: studio del modo storico con cui quella grandissima rivoluzione sotto i nostri occhi si è svolta, e valutazione degli eventi e della situazione che la hanno seguita.

Siamo quindi al tema essenziale, che non solo è quello che ha dato origine alla peculiare differenziazione del nostro gruppo da tanti altri, ma che in fondo sta al centro di tutta la lotta, di tutta la contesa politica del mondo contemporaneo: che cosa è oggi la Russia? E difatti dal lontano 1917 che il giudizio sulla situazione russa, la condanna o l’esaltazione di quanto ha il proprio teatro in Russia, e dei colpi di scena che questo mostra ad un mondo attonito, formano la pietra di paragone per i movimenti e i partiti che, anche in seno ai paesi più lontani da tale scenario, si contrappongono e combattono.

Tutto l’orizzonte odierno è occupato e soffocato da una interpretazione la quale in fondo è la medesima per i due settori tra loro nemici fierissimi, fra i quali l’agitato mondo contemporaneo è diviso da una barriera quasi fisicamente eretta, formidabile davanti agli occhi e ai passi di tutti. La Russia, col suo potente Stato guida e una fascia di satelliti e caudatari, starebbe dalla parte del proletariato mondiale e di una forma socialista della organizzazione sociale – mentre gli altri paesi alla cui testa si pongono pochi altri mostri di potenza statale a quella paragonabile, rappresentano la difesa, la conservazione e gli interessi legati all’attuale forma capitalistica della società economica, e alla classe borghese che ne sta alla direzione, con la bandiera della libertà democratica.

Fin dalle prime manifestazioni abbiamo combattuto, soli o pochissimi, contro questa interpretazione della vivente storia, e soli abbiamo dimostrato come rettamente la si avversa, in rigorosa coerenza al metodo marxista di lettura di tutta la lotta sociale del secolo che ci precede. Abbiamo denegato il parallelo Russia-socialismo fin dalle prime riunioni, e dalle prime pubblicazioni del nostro quindicinale e della rivista «Prometeo» (negli anni fino al 1951); abbiamo svolto le nostre formule fin dalle prime nostre adunanze a Roma, Napoli, Firenze, Milano[1], Trieste e così via. Abbiamo mostrato come esse si distinguono nettamente, oltre tutto, da quelle dei trotzkisti, che sono per la difesa di una Russia proletaria e socialista odierna, come da quelle di un sinistrismo banale cui manchi ogni dialettica forza per andare oltre la identificazione verbale di tutti i processi storici e di tutti gli imperialismi; abbiamo particolarmente smantellata una costruzione bislacca che vede nella struttura sociale formatasi in Russia una terza via al sanguinoso dialogo iniziato da un secolo tra capitalismo e comunismo, una pretesa dominazione di classi burocratiche. E tutto ciò abbiamo sviluppato mostrando come deriva dal cordone ombelicale del marxismo ortodosso unitario, anzitutto, e poi dalla dura difesa che ne fecero subito dopo la rivoluzione di Russia, e dinanzi ai primi sintomi della gigantesca ondata degenerativa che ha poi tutto travolto e che si designa col nome di stalinismo, l’ala sinistra dei comunisti marxisti italiani e rari altri gruppi internazionali.

Si tratta ora di una migliore esposizione di tutto questo che, dopo aver ripercorso (s’intende con metodo critico e non con ripetuta narrazione di una successione di fatti generalmente noti) le vicende della finalmente scoppiata doppia rivoluzione del 1917, pervenga al risultato di chiarificare i rapporti di produzione oggi in atto in Russia, con le leggi economiche alle quali rispondono, e alla dimostrazione che una tale società sta chiusa nei limiti del capitalismo; e alla fine di tutta la vicenda stabilisca il risultato acquisito, tutt’altro che da deridere, di una colossale rivoluzione borghese, che procede con epici sviluppi dalla vecchia Europa su tutto il Pianeta.

3 – Ulteriore trattazione sulla «tattica»

Anche dall’attuale rapporto, sebbene non se ne possa ogni tanto dimenticare la connessione, resterà fuori il tema a cui da tempo il nostro movimento lavora, e di cui si sono potuti raccogliere alcuni documenti notevoli: il dibattito di tattica e di metodo che preluse storicamente al nostro distacco dal comunismo ufficiale, che mano mano, da posizioni sempre meno accettabili ed eterodosse, è disceso fino al rinnegamento sistematico delle posizioni di partenza che si legano a quanto traemmo in comune, per dirla colle solite espressioni brevi, da Marx, da Lenin e dalla Terza Internazionale. Tale dibattito ebbe il suo sviluppo negli anni dal 1920 al 1926 e le sue posizioni, si dovrà mostrare, erano genuinamente marxiste, nella loro retta e tutt’altro che facile presentazione, ed hanno ricevuto dall’avvenire la meno gradita ma la più clamorosa delle conferme.

Tuttavia è importante precisare bene le nostre posizioni su questa rimessa in linea del delicato punto della tattica, indispensabile per ogni ritorno, auspicabile anche se non previsto troppo vicino, ai periodi in cui è di primo piano il settore dell’azione e della lotta rispetto a quello non offuscabile e sempre decisivo della dottrina di partito.

Indubbiamente la nostra lotta è per l’affermazione, nella attività del partito, di norme di azione «obbligatorie» del movimento, le quali devono non solo vincolare il singolo e i gruppi periferici, ma lo stesso centro del partito, al quale in tanto si deve la totale disciplina esecutiva, in quanto è strettamente legato (senza diritto a improvvisare, per scoperta di nuove situazioni, di ciarlataneschi apertisi «corsi nuovi») all’insieme di precise norme che il partito si è dato per guida dell’azione.

Tuttavia non si deve fraintendere sulla universalità di tali norme, che non sono norme originarie immutabili, ma norme derivate. I principi stabili, da cui il movimento non si può svincolare, perché sorti – secondo la nostra tesi della formazione di getto del programma rivoluzionario – a dati e rari svolti della storia, non sono le regole tattiche, ma leggi di interpretazione della storia che formano il bagaglio della nostra dottrina. Questi principi conducono nel loro sviluppo a riconoscere, in vasti campi e in periodi storici calcolabili a decenni e decenni, il grande corso su cui il partito cammina e da cui non può discostarsi, perché ciò non accompagnerebbe che il crollo e la liquidazione storica di esso. Le norme tattiche, che nessuno ha il diritto di lasciare in bianco né di revisionare secondo congiunture immediate, sono norme derivate da quella teorizzazione dei grandi cammini, dei grandi sviluppi, e sono norme praticamente ferme ma teoricamente mobili, perché sono norme derivate dalle leggi dei grandi corsi, e con esse, alla scala storica e non a quella della manovra e dell’intrigo, dichiaratamente transitorie.

Richiamiamo il lettore ai tanto martellati esempi, come quello famoso del trapasso nel campo europeo occidentale dalla lotta per le guerre di difesa e di indipendenza nazionale, al metodo del disfattismo di ogni guerra che lo Stato borghese conduce. Bisognerà che i compagni intendano che nessun problema trova risposta in un codice tattico del partito.

Questo deve esistere, ma per sé non scopre nulla e non risolve nessun quesito; le soluzioni si chiedono al bagaglio della dottrina generale e alla sana visione dei campi-cicli storici che se ne deducono.

Una successiva esposizione quindi, usando come materiale storico il dialogo polemico tra la sinistra italiana e Mosca, dovrà illuminare il problema tattico e rimediare ai gravi errori che tuttora circolano, ad esempio in merito al problema dei rapporti tra il movimento proletario internazionale e quelli dei popoli coloniali contro i regimi antichi interni e l’imperialismo bianco, massimo esempio di problema storico e non tattico – non problema di appoggio, perché bisogna prima spiegare in tutto perché ha totalmente ripiegato il movimento puramente classista del proletariato delle metropoli, e solo dopo si saprà come questa forza rivoluzionaria del livello post-capitalista si pone in rapporto alle, oggi potenti e vive in Oriente, forze rivoluzionarie del livello precapitalista.

Rispondere citando e peggio coniando a freddo una rigida formula di tattica, è in simili casi banale. Sostenere il diritto di riconiare ad ogni momento regole tattiche elastiche di comodo, questo sì è opportunismo e tradimento, contro cui sempre saremo spietati, ma contro cui opporremo assai più ferrate e meno innocue condanne d’infamia.

4 – Risultati acquisiti

Come risultati stabiliti nella precedente trattazione, su cui ora ci appoggiamo per andare più oltre, ci basterà ricordare i principalissimi.

La dottrina del materialismo storico ci dà ben ragione di quella che ai superficiali sembrerà originalità esclusiva della storia russa. La diversità del processo in cui la libera tribù errante si trasforma in popolo stabile organizzato si pone in relazione alla natura fisica del territorio, al clima, alla poca fertilità, alla immensa estensione di terre distanti dalle coste, al diverso ritmo dell’evoluzione rispetto a quella dei popoli delle calde rive mediterranee, al connesso diverso apparire dello schiavismo, al formarsi di uno Stato unitario. Diversa sorte hanno le popolazioni venute dall’oriente e giunte sui confini del crollante impero romano, di cui sfruttano ricchezze accumulate e dotazione di produzione avanzata – alle quali basta, per formare sulla terra una civiltà di produzione terriera, un ordinamento decentrato come quello dei signori feudali – e quelle rimaste più prossime all’Asia e nel cuore di territori immensi, esposte alle ulteriori ondate di orde in cerca di preda e di sede, la cui stabilità resta precaria finché affidata a capi locali, e che si fissano solo quando si forma una grande organizzazione statale a centro unico, di alta potenza ai fini non solo della guerra ma anche della produzione in tempo di pace.

Lo Stato è dunque fin dai primi tempi elemento essenziale della società russa; che grazie ad esso e alle organizzazioni militari e amministrative che lo hanno per centro supera gli attacchi continui da parte asiatica ed europea e diviene sempre più potente. Ma la sua funzione non è solo politica, bensì direttamente economica: alla corona e allo Stato appartiene circa metà delle terre e delle comunità rurali serve, e quindi la classe dei nobili non controlla che metà del territorio e della popolazione ed è in subordine rispetto al potere centrale dinastico: il re non è, come nel sistema decentrato germanico, l’eletto dei nobili, effettivi detentori del reale controllo economico e giuridico della società.

Questo tipico «feudalismo di Stato» arriva al tempo moderno e Marx vede in esso il pernio delle «Sante Alleanze» e la principale forza che, da Napoleone in poi, si impegna a soggiogare tutte le rivoluzioni borghesi in Europa, e più oltre resta pronto ad aiutare monarchie e borghesie contro i primi moti proletari.

Ponemmo agli atti l’interesse accanito di Marx per ogni sconfitta militare degli zar, da cui potesse uscire il crollo del baluardo reazionari slavo, quale che fosse il nemico.

Quindi allineammo i dati delle prime analisi delle forze sociali interne, e le risposte, di cui ebbe Engels a gettare le basi, circa il problema famoso del possibile «salto del capitalismo» cui lo stesso Marx aveva fatto dialettici accenni, pervenendo a scartare questa possibilità. Engels segue le prime formulazioni dei rivoluzionari russi che sottovalutano la sorgente industria e fanno leva sul movimento dei contadini, e discute, concludendo anche lui al tempo ultimo della sua vita per la nessuna probabilità che la comunità agricola slava possa svolgersi nel socialismo generale, prima che una completa forma capitalistica e mercantile si sia potuta delineare.

Nella seconda parte, come abbiamo ricordato, abbiamo seguito il lavoro di estrema importanza del nascente movimento marxista russo, poggiato sul proletariato industriale, e ricordate le sue successive storiche tesi, che così si possono riassumere:

1. Progressivo sviluppo del capitalismo in Russia e formazione di un grande proletariato urbano.

2. Conclusione negativa sulla efficienza rivoluzionaria della borghesia russa nel dirigere l’abbattimento dello zarismo.

3. Analoga conclusione sulla capacità dei movimenti fondati sui contadini, come i populisti, i trudoviki, i socialisti rivoluzionari.

4. Condanna della posizione dei marxisti di un’ala destra, poi definiti menscevichi, che con la falsa affermazione che la rivoluzione borghese non era affare interessante i proletari e i socialisti proponevano di lasciarne la direzione ai partiti democratici e popolari, praticamente abbandonando la lotta politica contro il potere zarista.

5. Ulteriore smascheramento di questa tesi controrivoluzionaria, contestando che si potesse appoggiare uno sviluppo della rivoluzione democratica basato su costituzioni elargite dallo zar e perfino sulla conservazione della dinastia, ossia formula insurrezionale e repubblicana della rivoluzione borghese.

6. Partecipazione del proletariato cittadino in prima linea a tutta la lotta, come storicamente avvenne nel 1905; potere rivoluzionario uscito dalla lotta armata che escludesse tutti i partiti borghesi costituzionali e si basasse sulla condotta della rivoluzione democratica ad opera dei lavoratori e dei contadini (dittatura democratica del proletariato e dei contadini).

7. Passaggio alla ulteriore lotta rivoluzionaria col programma socialista, solo a seguito dello scatenarsi, sempre previsto dal marxismo, della rivoluzione socialista proletaria in Europa dopo il crollo dello zarismo.

5 – La formula di Lenin

Lenin dunque prima della rivoluzione, come del resto in seguito, non ha mai preveduto un diverso processo della rivoluzione proletaria internazionale da scoprire attraverso lo sviluppo della crisi rivoluzionaria russa. Come marxista della sinistra radicale non ha mai dubitato che nei paesi capitalisti il socialismo sarebbe uscito da una insurrezione rivoluzionaria dei proletari e dalla attuazione della marxista dittatura del solo proletariato. Poiché doveva però lavorare al problema di un paese in cui la rivoluzione borghese era ancora da compiersi, ha previsto non solo che il proletariato e il suo partito rivoluzionario vi si dovessero con tutte le forze impegnare a fondo, ma, dato il particolare stato di ritardo nella caduta del reazionario regime zarista e feudale, ha enunciato la previsione ed il programma esplicito che la classe operaia dovesse togliere dalle mani della borghesia questo suo compito storico, e condurlo in sua vece, togliendole anche quello suo non meno caratteristico di capitanare nella lotta le masse contadine.

Se la formula, ad esempio della rivoluzione borghese, fu: direzione della classe borghese (ma anche allora più da parte dei suoi ideologi e politici che dalle persone di industriali, mercanti e banchieri) e trascinamento dei proletari delle città e dei contadini servi delle campagne nella scia della rivoluzione democratica; la formula russa della rivoluzione (sempre borghese, ossia democratica) fu diversa: direzione da parte del proletariato, lotta contro la stessa borghesia propendente ad una intesa di compromessi parlamentari con lo zarismo, trascinamento delle masse popolari e rurali nella scia del proletariato, che elevava, in questa fase storica, i contadini poveri al rango di suoi alleati nella insurrezione e nel governo dittatoriale.

Compiti di una simile rivoluzione, non già il socialismo, ma questi, ben definiti: guerra civile fino a battere polizia ed esercito zarista, abbattimento della dinastia e proclamazione della repubblica, assemblea costituente eletta lottando contro ogni partito borghese ed opportunista, poggiandosi sui Consigli – sorti nel 1905 – degli operai e dei contadini.

L’obiezione che questa non fosse una rivoluzione socialista non fermava Lenin nemmeno per un istante, essendo la cosa chiara in teoria. Si trattava della rivoluzione borghese, nella sola forma che assicurasse la sconfitta della controrivoluzione zarista e medievale: a questo solo (ma allora e anche dopo chiaramente grande e decisivo) risultato si consacrava la forza della dittatura proletaria: dittatura perché si usavano mezzi violenti e non legali, come le grandi borghesie avevano fatto in Europa alla testa delle masse, ma democratica perché il compito era la distruzione del feudalesimo e non del capitalismo, con i contadini alleati per questa stessa ragione e perché, mentre sono ulteriormente destinati a divenire un giorno alleati della borghesia contro il proletariato, lo sono anche ad essere nemici giurati del feudalesimo.

Lenin (ci pare indispensabile seguitare a sintetizzare il già detto a Bologna, rinviando i dubbiosi alla congerie di documenti e prove dati nel resoconto esteso) non si poneva dunque in tal fase il traguardo della rivoluzione socialista, e tale da condurre non ad una democrazia borghese al massimo radicale e conseguente, ma alla dittatura espropriatrice del capitale, perché lasciava tale ulteriore compito ad una lotta non più del quadro nazionale, come sarebbe stata quella della sopravveniente rivoluzione russa, ma ad una lotta internazionale.

Riteneva che, all’indomani di una guerra europea, sempre prevista da Marx e Engels come un urto tra slavi e tedeschi, la caduta dello zarismo avrebbe senz'altro messo in moto le masse lavoratrici di occidente, e che solo dopo che le stesse avessero preso il potere politico e i grandi mezzi di produzione concentrati da un pieno capitalismo avrebbe potuto la rivoluzione anche in Russia assumere contenuto socialistico. L’avvio dalla guerra era stato confermato da quella rovinosa col Giappone, ma la controrivoluzione aveva ben potuto schiacciare le forze del 1905, e per conseguenza l’abbattimento decisivo dello zarismo, finché la lotta non fosse risolta schiacciando sotto il terrore (anche a contenuto «borghese» come quello di Robespierre) le forze reazionarie, era sempre un risultato pregiudiziale rispetto all’avvento del socialismo. Mostrammo con Trotsky che la forza proletaria internazionale era da Lenin invocata, prima che per uno sviluppo sociale collettivistico, per sostenere il potere rivoluzionario sorto in Russia contro un ritorno zarista. Lo stesso infatti avrebbe significato il giogo per i proletari e contadini russi pervenuti al potere democratico, e per i lavoratori occidentali levati contro la borghesia capitalista.

Infatti fin nel 1917 e dopo altra serie di eventi, validi furono i tentativi di ritorno dello zarismo, fiancheggiati da forze di occidente, e molti anni richiese la lotta per liquidarli. Giusta quindi la graduazione delle fasi storiche nella potente veduta di Lenin, e sciocca esercitazione estremista sarebbe quella di presentarlo sicuro pronosticatore del socialismo in Russia.

Questa apparente spiegazione di sinistra dell’opera di Lenin servirebbe solo al gioco insidioso di mostrare che si va al socialismo traverso forme impastate con ingredienti democratici, storicamente; e socialmente con elementi contadini-popolari, il che è la forma centrale della degenerazione e della vergogna presente.

6 – Confronto con l’evento

Il tema attuale è stabilire se la Russia è andata più avanti o meno avanti di quanto in quella prospettiva era contenuto. Se gettassimo un ponte tra quelle che dal 1903 al 1917 sembravano disquisizioni piuttosto lontane da pratici effetti, e quella che è la situazione di oggi 1955, in cui noi radicatamente e fondatamente troviamo la piena forma capitalistica in via di poderosa diffusione in Russia, e troviamo poggiata ed intrecciata con essa una vera orgia di «valori» democratici, popolari, alleanzisti, vedremmo che è di buon diritto concludere che Lenin aveva ben previsto e la storia è giunta dove lui diceva, grazie ad uno sforzo gigante che il proletariato russo si è addossato, e il cui bilancio odierno è: «costruzione di capitalismo».

Con ciò resterebbero provati tutti i nostri punti: che con la chiave marxista l’antica e nuova storia di Russia si è potuta egregiamente leggere; che Marx ed Engels a ragione le pronosticarono gli orrori tremendi dell’inferno capitalista; che Lenin dette un’impeccabile costruzione marxista della via per uscire dal giogo di un formidabile potere e regime precapitalista, e una teoria felicissima della impotenza della borghesia a farlo, e della sua surrogazione storica da parte del proletariato. Ciò con pienissimo diritto di dire che in questo non aveva Lenin giustapposta alla teoria marxista classica alcuna parte nuova: la nascita del comunismo proletario è dialetticamente un fatto nazionale ed internazionale: non poteva nascere e formarsi che dove la forma di produzione moderna aveva trionfato e ciò non era avvenuto che in quadri nazionali (Inghilterra Francia ecc.) ma, apparendo da tali nazionali sbocchi, come teoria e come organizzazione e partito operante, doveva porsi subito e fin dal primo momento davanti non solo il binomio capitalismo-proletariato, ma il vero vivo quadro mondiale di tutte le classi e di tutti i moti delle società umane in tutti i gradi di sviluppo.

Il «Manifesto» contenne l’applicazione di tale principio ad un orizzonte universale, e da allora i comunisti, quando ogni altra vestale si sia lasciata sedurre, tengono accesa la fiamma di qualunque vera incandescente rivoluzione.

Questa la vera visione ed unica impostazione marxista per i complessi problemi di tutte le società non svolte ancora fino al gran duello di padroni ed operai, per tutte le classi marginali e impure di quelle società che pure hanno ormai per scheletro vivo il «modello» capitalistico dell’economia.

7 – Storia di mezzo secolo

Se tutto questo agli estremi è verissimo non si può tuttavia considerare i soli estremi di questo arco di cinquant’anni, tra la teoria tracciata dal 1905 e la struttura, consolidatasi nei fatti, del 1955. Questo ponte storico non è di una sola campata, e ciò non perché non possa esserlo, ma perché si è trattato forse dei 50 anni più densi di tutta la storia conosciuta a cavallo di due grandi guerre universali, e, per la Russia che ci riguarda, di almeno tre grandi rivoluzioni, e di un corso a metà rivoluzionario e a metà controrivoluzionario che (se non è caso unico nella storia dei modi di produzione) va indiscutibilmente più a fondo caratterizzato.

Non fornendo la teoria nel senso marxista delle arcate intermedie, che insieme definiscono tutto il difficile ciclo, si può al solito farsi prendere la mano dal semplicismo.

Sì, il partito russo degli operai rivoluzionari e dei socialisti comunisti pose a se stesso lo scopo storico di pervenire all’avvento del capitalismo mercantile e democratico, a condizione che accettando tale consegna (e dedicando ad essa le proprie forze di classe protagoniste di altro grande compito storico) si garantisse la cancellazione dall’Europa, col ferro e col fuoco, della mostruosa costruzione dello Stato degli zar, respingendone per sempre il ricordo nel buio del passato.

Sì, la gigantesca lotta, che si è dopo in alterne vicende svolta, non ha avuto altro risultato che questo, e si deve negare che vi siano nella Russia di oggi forze dominanti all’opera per la realizzazione di forme ultra-capitaliste, con lo stesso criterio che non ve ne sono nei paesi del capitalismo di occidente, consistendo la differenza nella distinzione tra un capitalismo in crescita fiorente ed uno in fase di inflazione che preannunzia il declino.

Ma è errato concludere seccamente da questo che, data questa collimazione fra quanto il partito tracciò, e quanto la storia ci presenta, non vi è stata in Russia che una rivoluzione borghese nel senso completo che borghese fu quella che diciamo di Kerenski e borghese quella di Lenin, stando esse nel rapporto (per così dire) di quella di Mirabeau con quella di Robespierre.

In questo sviluppo sosterremo che se la forma di produzione in Russia non è che borghese, borghese non fu l’Ottobre, ma proletario e socialista, dopo aver messo in loro luogo i fattori economici e sociali, le classi, i partiti, e i rapporti politici del potere.

Un simile svolgimento non è definibile che nel quadro internazionale della storia dei recenti decenni, e nella chiusura di questa premessa ricorderemo i tre caratteri storici che l’Ottobre in sé contiene e che lo portano enormemente più in alto del semplice contenuto di avere per sempre distrutto lo zarismo, che con i risultati soli del febbraio sarebbe probabilmente tornato alla rivincita, come tentò disperatamente di farlo e come una larga parte della borghesia mondiale avrebbe incoraggiato – come anzi di fatto incoraggiò, spezzandosi le corna contro la dittatura integrale dei bolscevichi.

8 – Distruzione della guerra

La stretta relazione stabilita tra la disfatta dell’esercito zarista e la rivoluzione politica, perseguita nelle anelanti impazienze di Marx e di Lenin in tutte le guerre che registra la storia europea – ben possiamo dire in rapporto all’uso puramente indicativo che facciamo dei nomi personali dalle coalizioni del primo '800 fino alla prima grande guerra 1900 – si confermò nella politica condotta, senza indietreggiare davanti alle più tragiche conseguenze, dal potere di Ottobre: favorire lo sfasciamento dei reparti, smontare il fronte, dominare ogni ubriacatura interna al partito, purtroppo anche dei migliori, e anche dei definiti sinistri, per una versione nazionale e patriottica della guerra che invece fu con successi veramente grandiosi spezzata senza pietà.

Questa politica illimitatamente rivoluzionaria, laceratrice di qualunque ipocrisia, spinta alle più estreme conseguenze, ispirata alla rivendicazione del disfattismo senza riserve, dello svolgere la guerra di difesa della patria in guerra civile, fu passata alla prova grandiosa della rovina del potere militare tedesco, dei fronti sfondati non da una offensiva da ovest ma da una capitolazione e dalle fraternizzazioni da est.

Non poteva avere un simile contenuto reale una rivoluzione borghese, inseparabile per motivi intrinseci, da noi a lungo esposti (per esempio nella trattazione alla riunione di Trieste del 29–30 agosto 1953 il cui resoconto scritto, col titolo «Fattori di razza e nazione nella teoria marxista», è apparso nei nr. 16–20/1953 de «Il programma comunista») dal favorire i valori e gli istituti a carattere nazionale e patriottico. Mostrammo una volta che Robespierre dalla tribuna parlamentare rinfacciò agli inglesi suoi nemici giurati la loro azione contro le influenze francesi oltre Atlantico, condotte contro Luigi XIV e XVI. La rivoluzione borghese non spezza la linea della storia nazionale, può solo una rivoluzione proletaria osare tanto. Oggi sì, che la linea del potere russo è patriottica ed esalta i vinti di Port Arthur e Tsushima cui Lenin aveva lavorato a tagliare i garretti, e non meno i difensori che stavano sullo stomaco di Marx da Sebastopoli, e fino le imprese di conquista di Pietro il Grande.

9 – Liquidazione degli alleati

Altra caratteristica della politica rivoluzionaria bolscevica è la progressiva lotta contro i transitori alleati della fase precedente, che uno dopo l’altro vengono messi fuori combattimento pervenendo ad un puro governo di partito. Non è sufficiente qui cercare una analogia con le rivoluzioni borghesi nelle lotte tra i vari partiti dal 1789 al 1793 in Francia, perché l’analogia si limita al metodo di azione. Non diremmo ad esempio che un carattere originalmente proletario della rivoluzione russa sia stato il terrorismo politico. Hanno avuto il terrore le rivoluzioni della borghesia, in Inghilterra, in Francia, in molti altri paesi, e un tale metodo in Russia era decisamente invocato anche da non marxisti, come i populisti della sinistra e i socialisti rivoluzionari, in quanto si trattava di distruggere i partiti che sostenevano lo zar.

Ma la dialettica posizione assunta in tutto lo sviluppo dai bolscevichi, partita da una surrogazione ai compiti della borghesia per giungere alla dispersione dei suoi partiti, e svolta attraverso la transitoria marcia con alleati semi-borghesi e contadini, per finire a cacciarli dal governo e da ogni diritto di partecipare allo Stato, risponde alla originale posizione dei marxisti, che fin da prima del 1848 si prospettano chiaramente una prima lotta al fianco di alleati borghesi, liberali, democratici, ed un successivo passaggio al deciso attacco contro tutti costoro e contro le fazioni piccolo-borghesi. Tale previsione è saldamente fondata su una anticipata inesorabile critica alle ideologie proprie di questi strati, che li fanno nemici immancabili del proletariato.

Questi sviluppi caratteristici di tutte le lotte tra classi hanno innumeri volte condotto alla sconfitta del proletariato e alla spietata distruzione delle sue forze ed organizzazioni, come nei classici eventi di Francia. Per la prima volta il partito proletario in Russia è giunto vittorioso all’ultimo episodio delle fasi della guerra civile, liberando il campo di tutti i successivi ex-alleati, che mano mano passavano alla controrivoluzione aperta, e la vittoria nelle ultime battaglie è rimasta nelle mani del partito. Qualunque sia stato il seguito, che non ha visto un rovescio nella guerra civile, ma ben altro processo, questa esperienza storica è veramente originale e resta un effettivo patrimonio del potenziale rivoluzionario, disperso poi per altre vie, e per la smaccata applicazione di alleanze e combutte destituite di ogni dialettica originale autonomia del partito di classe e delle esclusive sue posizioni.

Abbiamo molte volte svolto il concetto marxista che le esperienze delle controrivoluzioni sono alimento prezioso al duro cammino, come nel caso della Comune di Parigi da Lenin così fondamentalmente invocato.

Quindi questi risultati, se anche poi dispersi o svaniti, valgono per noi a provare che dopo Ottobre, e prima che avesse il tempo di porsi il compito, che nel seguito studieremo, di natura economica produttiva e sociale, il potere politico pervenne effettivamente nelle mani del proletariato, che per la situazione internazionale fu portato chiaramente se pure non definitivamente oltre i limiti della dittatura democratica ed oltre quelli dell’alleanza con partiti di base popolare-contadina, quindi nella sfera storica della rivoluzione politica socialista, cui mancarono poi gli apporti che solo la rivoluzione degli operai di occidente avrebbe potuto arrecare.

10 – Demolizione dello Stato

Il trapasso dalla rivoluzione puramente democratica, sia pure coi vari partiti socialisti in prima fila, all’Ottobre bolscevico, non fu possibile senza che tutta la questione dell’ascesa al potere del partito operaio nei paesi avanzati fosse rimessa in luce, e con essa la integrale teoria marxista della violenza nella storia, e della natura dello Stato politico.

Questa grande battaglia non fu solo teoretica, come nelle pagine di «Stato e rivoluzione» e nelle polemiche che impegnarono tutto il mondo del primo dopoguerra, e non fu solo organizzativa in quanto si attuò radicalmente la scissione tra i rivoluzionari della Terza Internazionale e i revisionisti e traditori della Seconda. Fu vera battaglia politica e si svolse armi alla mano negli episodi tremendi, quando vedemmo socialdemocratici divenuti boia del capitalismo pugnalare la rivoluzione e la dittatura rossa in Germania e in Ungheria, e lo stesso scontro prepararsi e svolgersi nell’intera Europa.

Ammettiamo che si fosse solo giunti all’attuata, insurrezionale, terrorista anche, dittatura democratica di operai e contadini, sola possibile erede storica del potere in Russia, ma non oltre. Sarebbe rimasta una sola esperienza, una sola eredità alla storia rivoluzionaria, e questa: sono necessari insurrezione, guerra civile, dittatura, terrore, ma solo per uscire dalla forma medioevale; non altrettanto per uscire, successivamente, dalla forma borghese e capitalistica.

Ma nella ulteriore avanzata del potere proletario bolscevico in Russia poté la lotta divenire tutt'uno con quella delle forze avanzate dei proletari comunisti che nei paesi d’Europa avevano davanti non più un obliato medioevo, ma la moderna democrazia del capitale, e che impararono (in linea con i compagni che in Russia avevano dovuto jugulare anche i socialisti sedicenti, che stavano all’ombra di idee borghesi e piccolo-borghesi, e di democratici pacifismi di classe, che sostenevano, dalla caduta in poi dei regimi feudali, doversi la lotta condurre negli ambiti legalitari, e si erano rivelati puri controrivoluzionari, alcuni fino al malcelato legame con lo stesso zarismo ancora tramante congiure) la necessità, in fase storica ben ulteriore rispetto alla conquistata libertà borghese, la necessità della violenza e della dittatura della classe oppressa dal capitale.

Benché la rivoluzione borghese classica avesse contenuto in sé la necessità dello smantellamento del precedente organo di Stato, in quanto fondato sui vecchi ordini, sui privilegi degli ordini stessi, e sulla diversa potestà giuridica dei componenti la società, solo la lotta della rivoluzione russa nella fase di Ottobre poté dare base storica e positiva alla esigenza che anche lo Stato giuridico delle moderne costituzioni proclamanti l’eguaglianza e libertà di tutti e basate su rappresentanze universali senza distinzioni di ordini, anche un tale Stato, come stabilito dalla prima ora da Marx e dal «Manifesto», non era che organo di dominio di classe, e un giorno la storia lo avrebbe a sua volta stritolato in frantumi.

Non è dunque permesso dire che la rivoluzione di Ottobre restò nei limiti di una rivoluzione borghese. Lo sviluppo sociale della Russia ha dovuto restare nei limiti delle forme e modi capitalisti di produzione, ed è un dato storico che il proletariato ha lottato per l’avvento di una forma borghese – e che doveva farlo. Ma non a questo si è limitata la sua lotta politica.

Come inseparabile parte della lotta politica del proletariato internazionale, che per organizzarsi in classe dominante deve prima organizzarsi in partito della propria caratteristica ed esclusiva rivoluzione, le forze e le armi che hanno indiscutibilmente vinta la battaglia di Ottobre vinsero per il proletariato e il socialismo mondiale, e la loro vittoria servirà nel materiale senso storico a quella mondiale del comunismo, sulle rovine del capitalismo di tutti i gradi e di tutti i paesi, Russia attuale ivi compresa.

Parte prima

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (II)

Lotta per il potere nelle due rivoluzioni

1 – La guerra 1914

Non può lasciarsi da parte la relazione che corre tra la Rivoluzione in Russia del 1917 e la prima guerra mondiale scoppiata nel 1914, punto molto noto e da noi infinite volte ricordato. Tutto lo sviluppo storico che lega tra loro le vicende dei partiti marxisti in Europa e in Russia, e il legame tra le prospettive dell’avvenire che si formarono e le particolarità della loro vita politica interna e delle loro lotte di tendenza, hanno come cruciale passaggio la crisi storica vulcanica, il terremoto politico dell’agosto 1914 da cui 41 anni ci separano.

Benché non si voglia qui fare storia e le cose essenziali siano scritte nella testa di tutti, occorrerà pure richiamare i capisaldi.

A Sarajevo, capitale della Bosnia, provincia in prevalenza slava passata dall’impero ottomano a quello austriaco dopo le guerre balcaniche, il 28 giugno l’arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono del vecchissimo Francesco Giuseppe, passa con la moglie in carrozza scoperta. Sono abbattuti dai colpi di rivoltella di due giovani nazionalisti bosniaci.

Nelle poche tragiche settimane trascorse il governo di Vienna affermò che gli attentatori avessero confessato negli interrogatori di essere agenti del movimento indipendentista e del governo serbo. Il 23 luglio, si disse per segreto incitamento del kaiser Guglielmo, il ministro degli esteri austriaco Berchtold trasmise alla Serbia lo storico ultimatum che imponeva una serie di misure di politica e di polizia interna. Il termine era di sole 48 ore: la Serbia rispose in tono debole ma non accettò tutte le condizioni. Il 26 il primo ministro inglese Grey cercò di intervenire per una conferenza, cui la Germania si oppose. Il 28, un mese dopo l’attentato, l’Austria dichiarò guerra alla Serbia.

Il 29 mobilitò la Russia, il 30 la Germania, sulle due frontiere. Il 31 la Germania intimò alla Russia di revocare in 24 ore l’ordine di mobilitazione, e non avendo avuto risposta le dichiarò guerra l’1 agosto. Il 3 dichiarò guerra alla Francia, il 4 invase il Belgio senza dichiarazione di guerra. Solo il 6 agosto l’Austria dichiarò guerra alla Russia.

Come si sa, il governo belga decise di resistere con le armi all’invasione e la Gran Bretagna dichiarò guerra alla Germania per il motivo che gli impegni internazionali per la neutralità del Belgio erano stati violati, al che il conte Bethmann-Hollweg ministro degli esteri oppose la frase famosa che i trattati non sono altro che pezzi di carta.

La storia ha poi acquisito che gli inglesi pochi giorni prima avevano assicurato a Berlino il non intervento in caso di guerra coi franco-russi, incoraggiando così il governo del kaiser a precipitarsi nel cratere.

Prima di vedere gli immediati riflessi dell’andamento della guerra sulla situazione in Russia, che qui interessa, è tuttavia necessario sgranare un altro rosario, quello della rovina del socialismo internazionale, che costituì l’altro aspetto di quei giorni di tragedia.

Situazione su cui occorre riflettere come ben diversa da quella di esplosione della guerra 1939. Allora in ogni paese si scontrarono due alternative nette: la posizione internazionalista di classe da una parte, dall’altra una posizione nazionale e patriottica di unanimità – e ciò con analogia assoluta in tutti i paesi. Nel 1939 tutto era mutato, e in dati paesi era presente un disfattismo borghese che fondò i movimenti contro la guerra di aperti «partigiani del nemico nazionale». Nel primo ciclo storico il nazionalismo trionfò, nel secondo si divise in due nazionalismi. Il ciclo in cui l’internazionalismo si leverà in piedi si attende ancora.

2 – Crollo da incubo

Due giorni dopo l’ultimatum dell’Austria alla Serbia il partito socialista germanico lanciò un forte manifesto contro la guerra in cui l’atto era condannato come «deliberatamente calcolato per provocare la guerra» e si dichiarava che per i governanti di Vienna non sarebbe stato «versato neppure un goccio di sangue di soldato tedesco».

Ma quando nei giorni 29 e 30 a Bruxelles, convocato d’urgenza, si riunì l’Ufficio Socialista Internazionale, già la situazione precipitava. Parlò il capo dei socialisti austriaci, il vecchio Vittorio Adler:
«Siamo già in guerra. Non attendetevi altre azioni da noi. Siamo sotto la legge marziale. I nostri giornali sono soppressi. Non sono qui per fare un discorso in un comizio ma per dirvi la verità che ora, mentre centinaia di migliaia di uomini marciano verso le frontiere, ogni azione è impossibile».
Non vi era più un Bebel, morto alla fine del 1913; per i tedeschi erano presenti Haase e Kautsky che discutevano direttamente con Jaurès e Guesde sulla estrema speranza di localizzare la guerra tra Austria e Serbia (magnifica l’attitudine dei pochi socialisti di Serbia).

Lo sciopero generale contro la mobilitazione viene proposto solo dall’inglese Keir Hardie (non indegno fu l’atteggiamento del piccolo British Socialist Party) e dalla Balabanoff che con Morgari rappresenta l’Italia. Ma chi risponde gelidamente? Il marxista ortodosso Jules Guesde:
«Uno sciopero generale sarebbe efficace solo nei paesi in cui il socialismo è forte, e faciliterebbe così la vittoria delle nazioni arretrate su quelle progredite. Quale socialista può desiderare l’invasione del suo paese, la sua sconfitta ad opera di un paese più retrogrado?».

Lenin non era lì, ma in un villaggio dei Carpazi con la moglie malata; malata con disturbi di cuore era Rosa Luxemburg. Grande fu il destro e non ortodosso Jaurès, che tuonò nel grandioso comizio davanti ad una immensa folla echeggiante le grida: abbasso la guerra! guerra alla guerra! viva l’Internazionale! Due giorni dopo il nazionalista Vilain abbatteva il grande tribuno con due revolverate, a Parigi.

La riunione non seppe fare altro che anticipare al 9 agosto il congresso mondiale socialista già fissato a Vienna pel 23. Ma come bene osserva Wolfe quei 10 giorni sconvolsero il mondo tanto quanto non hanno fatto i successivi decenni[2].

Intanto dal 31 al 4 agosto a Berlino si susseguono sedute della direzione socialista e del gruppo parlamentare, forte di ben 110 deputati al Reichstag.

Fu mandato Müller a Parigi ove si svolgeva la stessa questione, ma i più dei compagni francesi dissero: la Francia è aggredita, noi dobbiamo votare ai crediti di guerra, e voi tedeschi no. A Berlino 78 voti contro 14 decisero il ai crediti con una dichiarazione che declinasse la responsabilità della guerra. Il 4 tutti i 110 furono dati votanti per i crediti (compresi i 14, tra cui il presidente del partito socialdemocratico tedesco Haase e perfino Carlo Liebknecht, per disciplina) sebbene uno, ma uno solo, Kunert di Halle, si fosse allontanato dall’aula.

Lo stesso giorno i dispacci di stampa portavano da Parigi la stessa maledetta notizia: i crediti per la difesa nazionale passati alla unanimità.

Nelle due capitali le folle per le strade dimostravano al grido di viva la guerra! Trotsky era anche lui quei giorni in Austria, nella capitale. Sbalordito ascoltò le grida di esaltata gioia dei giovani dimostranti. Che specie di idea li accende? egli si chiese. L’idea nazionale? Ma non è l’Austria la negazione stessa di ogni idea nazionale? Ma Trotsky viveva della fede nelle masse, e nella sua autobiografia trovò una spiegazione del tutto ottimista a questo sommuoversi scatenato dalla mobilitazione, salto nel buio delle classi dominanti[3].

3 – Sette tesi sulla guerra

Lenin non aveva, passato che fu fortunosamente dall’Austria, ove era un cittadino nemico, nella neutrale Svizzera, notizie sicure sul contegno dei socialisti russi. Si era detto che tutta la frazione alla Duma dei socialdemocratici, anche menscevichi, aveva rifiutato il voto ai crediti di guerra. Ma alcune cose gli erano rimaste nella gola:

Kautsky, che egli ancora considerava un suo maestro, aveva nella discussione per il voto opinato per l’astensione, ma aveva poi con mille sofismi giustificato e difeso il voto favorevole stabilito dalla maggioranza. Aveva poi appreso che a Parigi Plechanov si era dato a fare il propagandista per gli arruolamenti nell’esercito francese. Lenin traversò giorni di rabbia e di furore fino a che non si orientò per la necessità di tutto ricominciare e defenestrare i nuovi traditori. Appena poté riunire sei o sette compagni bolscevichi, presentò loro sette scarne tesi sulla guerra. Erano lui e Zinoviev con le compagne, tre deputati alla Duma e forse la russo-francese Inessa Armand.

Primo. La guerra europea ha il tagliente definito carattere di guerra borghese dinastica e imperialista.

Secondo. La condotta dei capi della socialdemocrazia tedesca, partito della seconda Internazionale (1889–1914), che hanno votato i bilanci di guerra e che ripetono le frasi borghesi e scioviniste degli junker prussiani e della borghesia, è diretto tradimento del socialismo.

Terzo. La condotta dei capi socialisti francesi e belgi, che hanno tradito il socialismo con l’entrare nei governi borghesi, comporta eguale condanna.

Quarto. Il tradimento del socialismo da parte della maggioranza dei capi della Seconda Internazionale significa il crollo politico e ideologico di questa. La causa fondamentale di questo crollo è il predominio attuale dell’opportunismo piccolo-borghese.

Quinto. Sono false ed inaccettabili tutte le giustificazioni date dai vari paesi per la loro partecipazione alla guerra: la difesa nazionale, la difesa della civiltà, la democrazia e così di seguito.

Sesto. Il compito della socialdemocrazia in Russia consiste in primo luogo in una lotta senza sosta e senza mercé contro lo sciovinismo grande-russo e monarchico-zarista, e contro la sofistica difesa di un tale sciovinismo da parte dei liberali o costituzionali democratici russi, e parte dei populisti. Dal punto di vista delle classi laboriose ed oppresse di tutti i popoli di Russia, il minor male sarebbe la piena disfatta della monarchia zarista e del suo esercito, che opprime Polonia, Ucraina e molti altri popoli dell’impero.

Settimo. La consegna dei socialisti nel momento attuale deve essere una penetrante propaganda, estesa anche agli eserciti e alle aree di attività militare, per una rivoluzione socialista e per l’esigenza di volgere le armi non contro i propri fratelli, ma contro la reazione dei partiti e governi borghesi in tutti i paesi… l’azione illegale nel paese e nell’esercito… l’appello alla coscienza rivoluzionaria delle masse contro i capi traditori… l’agitazione in favore delle Repubbliche tedesca, russa, polacca.

Il testo fu adottato con pochi emendamenti o meglio aggiunte:
1. Un attacco al cosiddetto «centro» che aveva capitolato di fronte agli opportunisti, e doveva essere tenuto fuori dalla nuova Internazionale. Forse questo diretto colpo a Kautsky non uscì dalla penna di Lenin.
2. Un riconoscimento che non tutti i lavoratori erano stati preda della febbre di guerra, ma in molti casi si erano dimostrati ostili allo sciovinismo e all’opportunismo. Tale aggiunta fu forse dovuta alle notizie di quei paesi ove parte del movimento era sulla buona via (Serbia, Italia, Inghilterra, alcuni gruppi greci, bulgari, ecc.).
3. Un’aggiunta sulla Russia che Wolfe trova di indubbia fonte Leniniana in quanto costituisce «una caratteristica formulazione delle esigenze e delle parole d’ordine di una rivoluzione democratica in Russia». E l’abbiamo voluta porre qui perché ci riporta sul filone conduttore del nostro tema:
«Lotta contro la monarchia zarista e lo sciovinismo grande-russo, panslavista; propaganda per l’emancipazione e l’autodecisione dei popoli oppressi dalla Russia, con le parole d’ordine immediate: repubblica democratica, confisca delle terre dei grandi proprietari fondiari, giornata lavorativa di otto ore»[4]

Poche settimane dopo lo scoppio della guerra del 1914 la prospettiva dei marxisti rivoluzionari è dunque chiara.

In Europa: liquidazione della Seconda Internazionale e fondazione della Terza.

In Europa: lotta per liquidare la guerra non con la pace ma con l’abbattimento del dominio capitalistico di classe (rivoluzione socialista), previo rovesciamento di tutte le dinastie.

In Russia: perdita della guerra, fine dello zarismo, rivoluzione democratica con misure radicali. Passaggio a una rivoluzione socialista solo insieme a una simile rivoluzione europea[5].

4 – Niente «teoria nuova»

Questo ciclo viene raccontato nella ufficiale, stalinista «Storia del partito bolscevico» in modo da concludere al formarsi da parte di Lenin, e dinanzi al crollo del movimento europeo nell’opportunismo, di una «teoria nuova», che sarebbe quella della rivoluzione in un solo paese. Viene quindi in questo senso e a questo fine rivendicata l’adesione a tutta la inesausta crociata di Lenin contro i social-patrioti di ogni riva:
«Tale la concezione teorica e tattica dei bolscevichi nelle questioni della guerra, della pace e della rivoluzione»[6].
È invece evidente che, sotto pretesti più speciosi di quelli dei Guesde e dei Kautsky, le consegne clamorosamente date ai partiti comunisti nella seconda guerra mondiale, buttandoli tutti su un fronte in combutta con le borghesie, non hanno lasciato pietra su pietra della teoria di Lenin per la guerra, per la pace, e per la rivoluzione, in quanto essa non era che la «vecchia teoria» di Marx che i traditori del 1914 avevano analogamente dilaniata, e che Lenin a loro vergogna aveva gloriosamente riedificata. Che altro è la vittoria del paese retrogrado di Guesde a Bruxelles, se non l’eterna menzogna della deprecata vittoria dei fascisti sulla Francia o l’Inghilterra?

La falsificazione d’ufficio fa leva su due articoli di Lenin del 1915 e 1916. Quello del 1915 ha il titolo «Sulla parola d’ordine degli Stati Uniti di Europa». Lenin fa molte riserve su questa consegna, giustissime. Essa stava nelle sette tesi nella forma: Stati Uniti repubblicani di Europa, coordinata alla rivendicazione delle repubbliche di Russia, Germania e Polonia. (Oggi tutte fatte, ma quando ci aggiungeremo quella inglese?). Poi giustamente il partito decise di soprassedere a questa parola politica, che poteva dar luogo a malintesi. Secondo Lenin gli Stati Uniti d’Europa fra Stati capitalistici (non solo dinastici) sono una formula inammissibile: ma ciò non perché formula ancora pre-socialista e solo democratica, in quanto tali rivendicazioni possono essere utili, ma perché nella specie un tale organismo sarebbe reazionario. Ottima e profetica opinione sulle varie federazioni e leghe europee oggi propugnate da tutte le parti, anche staliniste.
«In regime capitalistico gli Stati Uniti di Europa equivalgono ad un accordo per la spartizione delle colonie»[7].

Si scusi l’insistere nella digressione. Oggi sarebbero stati secondi di quelli di America, che hanno in quella spartizione ormai il posto del leone. Ma ciò non rende che più «aut impossibile aut reazionaria» la formula federeuropea.

O contro l’America, come li vedeva Lenin nel 1915, o sotto l’America come oggi li avanzano (e magari sotto la Russia, o sotto una loro intesa) gli Stati Uniti d’Europa non si formerebbero che contro le colonie e contro il socialismo.

Per noi, dice Lenin chiaramente, è più rivoluzionaria la situazione della guerra che quella del federalismo europeo (altro che aver adottata tutta la teoria, ecc., ecc., da parte delle citate sacrestie!).

La nostra parola sarebbe Stati Uniti del mondo, Lenin dice. Ma non ci conviene neppure questa, prima perché coincide col socialismo,
«in secondo luogo perché potrebbe generare l’opinione errata dell’impossibilità della vittoria del socialismo in un solo paese e una concezione errata dei rapporti di tale paese con gli altri».

E qui che li vogliamo, quei signori. E il periodo successivo a questo che la storia ufficiale invoca:
«L’ineguaglianza dello sviluppo economico e politico è una legge assoluta del capitalismo. Ne risulta che è possibile il trionfo del socialismo dapprima in alcuni paesi o anche in un solo paese capitalistico preso separatamente. Il proletariato vittorioso di questo paese, espropriati i capitalisti e organizzata la produzione socialista, si ergerebbe contro il resto del mondo capitalistico attirando a sé le classi oppresse degli altri paesi [qui finisce la citazione degli alleatoni di Roosevelt, e prima di Hitler, dei castratori della rivoluzione e del pensiero di Lenin; ma noi seguitiamo] infiammandole ad insorgere contro i capitalisti, intervenendo, in caso di necessità, anche con la forza armata contro le classi sfruttatrici e i loro Stati»[8].

5 – Le rivoluzioni simultanee?

L’altra citazione di cui il testo indicato vuol fare stato è di un articolo dell’autunno 1916: «Il programma militare della rivoluzione proletaria» in cui è trattata apertamente l’ipotesi di un paese capitalistico in cui ha vinto il proletariato, che conduca una guerra contro paesi rimasti borghesi, e vi porti la rivoluzione. Un tema che più volte abbiamo fatto nostro, e che soprattutto sta a mille miglia dalle formidabili buffonate della «coesistenza pacifica», della «emulazione» e della «difesa contro l’aggressione», in quanto quella guerra sarebbe guerra di classe, di squisita aggressione, e soprattutto di non dissimulata dichiarazione al proletariato del mondo di altro non attendere che il momento in cui sia possibile attaccare la fortezza dello sfruttamento capitalistico.

Il volgare trucco sta nel passare dall’una all’altra di queste tesi: conquista del potere politico in un solo paese – costruzione del socialismo in un solo paese capitalistico dove si sia conquistato il potere – costruzione del socialismo nella sola Russia. Ed è quest’ultima cosa che sosteniamo appartenere al regno dei sogni, come i fatti economici palpabili – nella seconda parte di questo rapporto – ci ripeteranno.

Ecco la gran balla, che vuole giustificare la nuova teoria (per poi cacciarsela, nuova o vecchia che sia, sotto le piote). «Questa teoria differiva radicalmente dalla concezione diffusa tra i marxisti nel periodo del capitalismo pre-imperialistico, allorché i marxisti ritenevano che il socialismo non avrebbe potuto vincere in un solo paese ma avrebbe trionfato contemporaneamente in tutti i paesi civili». E poi: Lenin distruggeva, ecc.[9].

Questa non è che una favola fabbricata parola per parola e di cui Lenin non si è mai occupato. Chi mai ha creduto a questa storia del socialismo simultaneo in tutti i paesi? Né i sinistri, né a maggior ragione i destri del marxismo. E i paesi civili, quali sarebbero poi stati? La Russia certo no, ma la Francia, l’Inghilterra, l’America. E la Germania? A sentire i collitorti del 1914, quelli del 1941, e quelli di oggi che per colpire la comunità europea di difesa rialzano questo abusato spauracchio del tedescone in armi, la Germania è più incivile… dell’Ottentozia!

Prima tuttavia di continuare a disperdere l’equivoco centrale che anima tutto il racconto della storia proletaria ad usum Kremlini, occorre fare un’osservazione. Questo preteso dualismo tra due teorie, la vecchia e la nuova, l’una sorta dalla situazione del capitalismo pre-imperialista e seguita, con relativa tattica, dalla Seconda Internazionale, e l’altra che sarebbe stata scoperta e instaurata da Lenin, sulle esperienze della fase (tappa) imperialista più recente, non è solo la stimmata propria dell’opportunismo stalinista.

Lo stesso opportunismo della II Internazionale viveva di una pomposa (e schifosa) nuova teoria: quella che si vantava di aver fatto giustizia di un Marx quarantottesco e catastrofico, autoritario e terrorista, e che aveva infatti modellato, in luogo dell’ispido corrusco «red terror doctor», il molto onorevole parlamentare socialdemocratico in tuba e sciammeria (vedemmo di tali insetti perfino a Mosca), schifante il partito di classe e corteggiante i sindacati economici panciafichisti e gradualisti, pompiere di ogni azione delle masse, e finalmente, tra i furori bianchi di Vladimiro Ulianov, nonché di noi ultimi fessi, votatore dei crediti per il massacro imperialista. Era la teoria revisionista di Bernstein e soci, e cantava l’eterno motivo puttanesco: quei tem-pi so-no pas-sa-ti…

Orbene, la stessa vecchia storia della vecchia teoria ottocento di barbon Carlo, e della nuova teoria novecento che si osa affibbiare a Lenin, ma è patrimonio di uno scimmiesco esercito di mandrilli retrospelati che osano farfugliarne il nome, è propria di tanti gruppetti che stalinisti non si dicono, perché non si accorgono di esserlo, e che – come tante volte staffilammo – si danno a ricarenare la barca della rivoluzione, che avrebbe dato in secco perché non c’erano loro, poveri cercopitechi, a disegnare la nuova teoria, forti di quello che Marx non seppe, e Lenin cominciò appena a compitare; di tanti gruppetti che ad ogni tanto in una paurosa «bouillabaisse» di dottrine o di masturbate letture annunziano di darsi a «ricostruire il partito di classe». Lasciamo questi messeri alle loro esercitazioni (che falliscono soprattutto a quello scopo in cui è l’uzzolo misero che li muove, fare del rumore) e torniamo alla manipolazione cremlinesca.

6 – Abbasso il disarmo!

L’altro apporto alla teoria della «rivoluzione in un solo paese» è tratto da quelli del concilio di Mosca da altro articolo, dell’autunno del 1916, che tratta altro tema: cioè batte in breccia, come aveva fatto l’altro del '15 per gli Stati Uniti d’Europa, un’altra «parola» che gli elementi di sinistra del movimento socialista durante la guerra, e in ispecie quelli dell’Internazionale Giovanile Socialista, andavano lanciando in opposizione al social-sciovinismo: quella per il disarmo. È un possente attacco al pacifismo, coerente in Lenin, coerente attraverso i decenni nella «vecchia teoria» di Marx, inseparabile dalla disperata difesa dei marxisti radicali in tutti i tempi contro il pietismo filantropico-umanitario di radicali piccolo-borghesi e di libertari anche, contro le visioni gradualiste del riformismo fine ottocento, che in una general vespasiana di corporativismo bonzesco ed elettoralismo democratico voleva affogare forza, violenza, dittatura, guerra degli Stati e guerra delle classi, sozza veduta che sta agli antipodi del marxismo integrale ed originario, vendicato dalle mirabili mani dei cucitori di toppe. Da riproporsi oggi contro i raccoglitori di firme, in faccia ai banditori della crociata della pennina contro il cannone e il missile atomico[10].

Dall’articolo «Il programma militare della rivoluzione proletaria», che nelle nostre esposizioni (che nulla inventano o scoprono, ma solo ripropongono il materiale storico, dotazione del movimento anonimo ed eterno, nei quadri e nei cicli precisi del suo sviluppo) trova il suo giusto impiego, ecco il brano che fa comodo agli ufficiali:
«Lo sviluppo del capitalismo avviene nei diversi paesi in modo estremamente ineguale. E non potrebbe essere diversamente in regime di produzione mercantile [applica et fac saponem!…]. Di qui, l’inevitabile conclusione: il socialismo non può vincere simultaneamente in tutti [corsivo di Lenin] i paesi. Vincerà dapprima in uno o in alcuni paesi, mentre gli altri rimarranno, per un certo periodo, paesi borghesi e preborghesi.
Questo fatto provocherà non solo attriti, ma anche l’aperta tendenza della borghesia degli altri paesi a schiacciare il proletariato vittorioso dello Stato socialista. In tali casi la guerra da parte nostra sarebbe legittima e giusta. Sarebbe una guerra per il socialismo, per l’emancipazione degli altri popoli dall’oppressione della borghesia«
.

Passo che è tutto oro colato. Ma lo sono anche le frasi che precedono:
«La vittoria del socialismo in un solo paese non esclude affatto, e di colpo, tutte le guerre. Al contrario le presuppone».

Altro che pretendere, come fanno gli stalinisti, di essere in un paese socialista, e quindi preparare la pace universale! Sono in un paese borghese, il loro pacifismo è farisaico quanto quello borghese anti-1914, poi anti-1939, ed oggi anti-terza guerra (1970?). Farà la stessa fine.

E poi vi sono le frasi immediatamente successive.
«Engels aveva perfettamente ragione quando, nella sua lettera a Kautsky del 12 settembre 1882, riconosceva categoricamente la possibilità di «guerre difensive» del socialismo già vittorioso. Egli alludeva appunto alla difesa del proletariato vittorioso contro la borghesia degli altri paesi»[11].
Poveri miei chierichetti! Proprio negli scritti cui fanno ricorso per mostrarci Lenin che partorisce la nuova teoria, questi, con l’abituale limpida condotta del ragionamento, mostra che quanto egli va dicendo era ben noto ai marxisti «del secondo periodo pre-imperialistico»; ossia ben 38 anni prima; e certo non era noto ad Engels perché se lo fosse sognato quella notte autunnale, ma in quanto si rifaceva all’abc del marxismo partorito dalla storia in sul 1840.

A noi interessa l’inquadratura storica e tutta la costruzione dell’articolo. Non potendolo tutto riprodurre ne diamo il possente scheletro.

7 – Giovanili esuberanze

Lenin era stato colpito dalle tesi di Grimm nella Jugend-Internationale. Nei programmi minimi dei vecchi partiti era inserita la voce: milizia di popolo, armamento del popolo. La guerra aveva reso di attualità questo problema: è noto che i sindacati anarcoidi sostenevano la tesi «rifiuto al servizio»: loro esponente al congresso internazionale di Stoccarda nel 1907 era stato Hervé che aveva sostenuta la giusta tesi dello sciopero generale con un discorso sconnesso teoricamente (giudizio dello stesso Lenin). Orbene i giovani marxisti di sinistra proponevano di sostituire alla parola: armamento del popolo, quella: disarmo. Lenin si oppose.

Vogliamo ricordare che anche nella gioventù socialista italiana in quegli anni fu discusso a fondo e non solo teoricamente ma anche in famosi processi il problema antimilitarista. Si condannò come prettamente borghese la posizione individualista idealista: Io sono contro lo spargimento di sangue e non prendo il fucile. Quando la questione verteva sull’entrata dell’Italia in guerra, affermammo che nel dirci neutralisti si presentava male la nostra posizione rivoluzionaria: noi non ci ponevamo come traguardo la «neutralità» dello Stato borghese, e nemmeno il suo compito di mediatore, e di propugnatore della assurda idea: disarmo universale, tanto borghese quanto quella del disarmo individuale. In pace o in guerra dicemmo (a nostra vergogna, Lenin non lo conoscevamo nemmeno): Siamo nemici dello Stato borghese: dopo la mobilitazione, quali che le forze nostre possano essere, non gli offriremo neutralità, non disarmeremo la lotta di classe, tenteremo di sgarottarlo.

Miei bravi giovani, Lenin dice, voi volete rivendicare il disarmo totale perché questa è la più chiara, decisa, conseguente espressione della lotta contro qualsiasi militarismo e qualsiasi guerra. Ma è qui che sbagliate. Questa premessa è idealistica, metafisica, non ha a che fare con noi: essere contro la guerra per noi è un punto di arrivo fondamentale, ma non un punto di partenza. La stessa abolizione della guerra è parola non nostra. La guerra è uno dei fatti storici che segnano le tappe del ciclo capitalista nella sua salita e discesa: abolire la guerra per fortuna non vuoi dire nulla, se no vorrebbe dire fermare quel ciclo prima che giunga la soluzione rivoluzionaria. Ma queste sono frasi nostre. Lenin va – talvolta un poco troppo – per il concreto. Egli spiega in quali casi non siamo contro le guerre.

In primo luogo espone le guerre rivoluzionarie borghesi sostenute dai marxisti. Ci rimettiamo alle nostre lunghe trattazioni del tema[12]. La tesi che nel campo Europa tali guerre sono finite col 1871, quando Marx lo sentenziò con la formula «ormai tutti gli eserciti nazionali sono confederati contro il proletariato», è dal Grimm sostituita con l’altra «evidentemente falsa»: in quest'epoca di sfrenato imperialismo nessuna guerra nazionale è più possibile. Lenin avrebbe siglata la tesi se vi fossero state aggiunte le parole: nel campo europeo, tra le potenze europee, schiaffeggiando profeticamente la «liberazione nazionale» francese o italiana apologizzata nel 1945. Ma qui contrappone la piena possibilità – ancora attuale – di guerre nazionali extraeuropee, in Asia, in Oriente.

In secondo luogo le guerre civili sono guerre e non finiranno che con la divisione della società in classi: altro strappo alle famose «qualsiasi» guerre.

Infine Lenin cita la guerra rivoluzionaria non più borghese ma socialista di domani. Tre tipi dunque di guerre giuste, ossia che noi possiamo dover appoggiare. Secondo Lenin, ecco la giusta formulazione:
«La parola d’ordine e l’accettazione della difesa della patria nella guerra imperialista del 1914–16 sono soltanto una forma di corruzione del movimento operaio mediante la menzogna borghese».
Questa risposta, egli dice, colpisce gli opportunisti più che ogni platonica parola per il disarmo o contro ogni difesa della patria. Egli propone di aggiungere che ormai qualsiasi guerra di queste potenze: Inghilterra, Francia, Germania, Austria, Russia, Italia, Giappone, Stati Uniti, non può che essere reazionaria, e in essa il proletariato deve lavorare alla sconfitta del «suo» governo, approfittandone per scatenare l’insurrezione rivoluzionaria[13].

Questa teoria è incardinata sul radicato anti-pacifismo di Marx ed Engels. Quale sarebbe, staliniani, la teoria nuova? Forse l’epoca del pieno imperialismo era nel 1939 chiusa? E si doveva invece difendere la patria prima in Germania ed Austria, sfottendola altrove – poi in Francia, Inghilterra, Italia, per salvarle dalla Germania? Evidentemente qui è di bisogno la terza teoria, poi la quarta e via senza fine; ma gira sempre quel disco che vi piace tanto: i tem-pi so-no mu-ta-ti…

Ma è l’opportunismo che pute sempre al modo stesso.

8 – Operaio e fucile

Poiché si tratta del movimento dei giovani, Lenin dopo aver detto che non si deve includere la consegna del disarmo, ma sostituire quella della milizia di popolo con quella di milizia proletaria, rileva la necessità della preparazione tecnica militare ai fini insurrezionali, altro punto su cui da vari decenni si batte, se pure ne abbiamo purtroppo viste le applicazioni solo al puro purissimo servigio di ideologie borghesi, in movimenti illegali sì ma promananti da Stati ed eserciti borghesi. Lenin ricorda perfino l’armamento delle donne del proletariato. «Come reagiranno le donne proletarie? Si limiteranno a maledire ogni guerra e tutto ciò che è inerente alla guerra, rivendicando il disarmo? Mai le donne di una classe oppressa veramente rivoluzionaria accetteranno una funzione così vergognosa. Esse diranno ai loro figli: ‹Presto sarai cresciuto. Ti daranno un fucile. Prendilo e impara a maneggiar bene le armi. E una scienza necessaria ai proletari: no, non per sparare sui tuoi fratelli, sugli operai degli altri paesi – come accade in questa guerra attuale e come ti consigliano a fare i traditori del socialismo – bensì per combattere contro la borghesia del tuo paese, per mettere fine allo sfruttamento, alla miseria e alle guerre, non con le pie intenzioni, ma piegando la borghesia e disarmandola›»[14].

Questo discorso gli stalinisti non lo possono citare. Le donne le invitano appunto a formulare pii desideri; tanto pii, che invocano ad esempio massimo di disarmatore proprio Pio (lui, a petto di tal gentaccia, rispettabile) Dodicesimo.

Al fine di far capire ai giovani quella dialettica, che tanti dalle bianche chiome non ce la fanno ancora a smaltire, Lenin persegue la sua tesi fino a lasciare in piedi – teoricamente – l’espressione difesa della patria e guerra di difesa. Bisogna saper leggere, in questi casi. Nella letteratura marxista, essendo assodato che la frase «contro tutte le guerre» non si rinviene, essendo propria o di liberali o di libertari, e che deve intervenire una distinzione storica non sempre semplice tra le varie guerre e i diversi tipi di guerra, si era finito tuttavia con l’ereditare, ai fini di tale distinzione, la formula del linguaggio comune: quando si è attaccati ci si difende. Benché si sia lontani le mille miglia dal trasferire sul piano storico, come fanno i filistei, le regolette della morale individuale, si finì col chiamare guerre di difesa le guerre che andavano sostenute ed appoggiate, o almeno non sabotate. E notissimo che il primo Indirizzo della I Internazionale sulla guerra franco-prussiana contiene la frase: Da parte tedesca la guerra è guerra di difesa. Ed infatti era Napoleone III che baldanzosamente aveva sferrato l’attacco. Ma il fatto è che sulla fine di quel ciclo storico interessa a Marx più la rovina di Bonaparte che quella degli odiati prussiani, e Bonaparte (vedi la ricca messe di citazioni) è considerato alleato degli zar: nulla sarebbe cambiato se si fosse mosso Moltke per primo, e il grido non fosse stato: à Berlin! à Berlin!, ma nach Paris, nach Paris![15]

9 – Patria e difesa

Che scrive infatti Lenin, almeno nella sempre ufficiale traduzione in italiano?
«Ammettere ‹la difesa della patria› nella guerra in corso [1916] significa considerarla una guerra ‹giusta›, conforme agli interessi del proletariato – e nulla più, assolutamente nulla, poiché nessuna guerra esclude l’invasione. Sarebbe semplicemente sciocco negare ‹la difesa della patria› da parte dei popoli oppressi nella loro guerra contro le grandi potenze imperialiste, o da parte del proletariato vittorioso nella sua guerra contro un qualsiasi Galliffet di uno Stato borghese» (Galliffet fu il massacratore dei comunardi di Parigi)[16].

Noi, che non cambiamo mai le «proposizioni» o i «teoremi» della teoria, ma talvolta osiamo riordinare l’uso dei simboli, abbiamo messo in corsivo le parole nessuna guerra esclude l’invasione, per rendere evidente la chiosa.

Come non è dialettica la formula: Avversiamo tutte le guerre, così non meno metafisica e borghese è quella: Siamo contro le guerre, a meno che non siano guerre di difesa, e sia minacciato e invaso da un nemico il territorio nazionale, dato che la difesa della patria è sacra a tutti i cittadini di qualunque paese. Questa è appunto la formula dell’opportunismo che spiega come lo stesso giorno i francesi e i tedeschi votino nelle rispettive unanimità per la guerra nazionale. Le parole nessuna guerra esclude l’invasione richiamano un articolo dell’«Avanti!» del 1915 su «Socialismo e difesa nazionale»[17]. Con la formula del dovere della difesa nazionale non si accettano talune guerre, ma proprio qualunque guerra. Sferrato dagli Stati borghesi l’ordine di aprire il fuoco, di qua o di là entrambi i territori sono in pericolo, alle volte uno degli eserciti abbandona per ragioni strategiche il proprio, anche essendo «aggressore», e gli esempi storici sono a iosa. Quindi noi distinguiamo tra guerra e guerra, ed anche se usiamo talvolta i termini popolari (noi invero vorremmo dar loro l’ostracismo) di guerra giusta o difensiva, per designare sbrigativamente una guerra che appoggiamo e di cui crediamo utile il successo al corso rivoluzionario, in realtà ci poniamo solo il problema dialettico storico: questa data guerra interessa il proletariato? È, come Lenin ha ora detto, conforme agli interessi del proletariato? Per la guerra 1914 si risponde: no, da nessuna parte. Ed hanno torto anche i socialisti belgi sebbene sia pacifico trattarsi di un paese neutro aggredito; hanno ragione i bravi compagni della non meno aggredita Serbia.

Ma ad esempio nel 1849 Marx ed Engels appoggiano l’Austria contro la piccola Danimarca, aggredita palesemente, e fanno, come ampiamente mostrato nel rapporto di Trieste sui fattori di razza e nazione, il medesimo per tutte le guerre fino al 1870. Avrebbero appoggiato le invasioni napoleoniche e negato alle guerre tedesche del principio del secolo la natura di guerre giuste, difensive, e perfino di indipendenza, come nella generale idea borghese e piccolo-borghese. Interessava la rivoluzione, allora, che vincesse il primo Napoleone e non la Santa Alleanza.

Comunque è fondamentale sempre in Lenin la preoccupazione che il partito tragga le sue decisioni non dal quadro integrale della nostra completa, complessa, mai seccamente dualistica, veduta della storia che si svolge, ma da una frase formale, che varie volte è una frase borghese. Noi troveremmo più esatto dire non che in dati casi ammettiamo la giustezza della guerra e la patria difesa, ma che davanti alla guerra in dati tempi e luoghi sabotiamo la guerra, in altri difendiamo la guerra. La parola patria è troppo aclassista, e Lenin nelle stesse più diffuse tesi 1916 ben fa propria la frase del «Manifesto» che patria, noi proletari, non ne abbiamo.

Comunque il pericolo di adottare alla leggera parole come quella del disarmo è davvero enorme e significa ripiegamento totale nella ideologia borghese.

10 – Vittoria nel solo paese

Non è stata una digressione inutile – anche se è stata ripetizione di già esposti concetti, tuttavia da martellare soprattutto ai fini di inchiodare che la teoria della guerra e della pace è fissa e immutata dai soliti oltre cent’anni – quella sulla considerazione della guerra generale scoppiata nel 1914, in quanto essa si lega strettamente al tema storico della rivoluzione di Russia, come si premise.

Chiariti i due testi di Lenin incaricati della condanna di due stolide ubbie: gli Stati Uniti in Europa e il disarmo europeo mondiale, torniamo al punto che si è voluto distorcere dagli staliniani: la rivoluzione in un paese solo.

I nostri testi si devono leggere pensando che non nacquero per andare a riempire un certo vuoto in uno scaffale della biblioteca aggiungendo un capitolo in astratto ad una astratta materia e disciplina, ma nel vivo di una polemica che era la sottostruttura storica di una reale battaglia di opposte forze ed interessi. Qui siamo nel vivo dello scontro tra Lenin e i fautori delle guerre. Bisogna seguire il nutrito dialogo che presto diverrà lotta armi alla mano sui più diversi fronti.

I marxisti rivoluzionari dicono: In nessun paese questa guerra può essere appoggiata, niente difesa della guerra, ma in tutti i paesi sabotaggio della guerra e anche della difesa della patria.

Gli opportunisti ed anche i più pericolosi centristi rispondono ipocritamente: Siamo pronti a farlo. Ma alla condizione che con matematica certezza, mentre noi fermiamo alle spalle l’esercito del nostro Stato, sia fermato anche l’altro. Se questa garanzia manca, non faremmo che difendere la guerra del nemico.

E chiaro che una tale obiezione apparentemente logica, afferrabile quanto lo sono tutte le odierne tesi popolari degli sciagurati attivisti che parlano al proletariato, contiene la bancarotta della rivoluzione. Così ad esempio nella guerra con l’Austria si riuscì a impedire, con sovrumani sforzi, che i parlamentari socialisti italiani votassero per i crediti, ma quando avvenne la frana di Caporetto, solo in quanto i borghesi ci fecero l’onore di attribuirla alla nostra propaganda (come tratterebbe un tal problema storico un Togliatti? Direbbe che è infamia far franare il Veneto, gloria la Sicilia? Tanto ad opera sua nulla franò), i nostri onorevoli volevano precipitarsi a votare i fondi per la difesa sul Grappa, e imboccare la via di tedeschi e francesi del 1914. Se fu bene o male averlo impedito non si può dire: certo è che si rivelò a luce meridiana la peste opportunista, che successivamente si dovè trattare a ferro rovente.

Non era Lenin tipo da arrestarsi a tale argomento. Solo un imbecille non è in grado di intendere che occorre che ogni partito rivoluzionario saboti la guerra del proprio Stato, egli disse ripetutamente. In verità la nostra consegna era proprio la più difficile e meno banale, e l’avvenire su questo punto ha molto insegnato sulla impossibilità di procedere sempre con frasi cristalline, e sull’autentica gloria della «oscurità rivoluzionaria» in cui teniamo il gran Carlo a maestro.

Comunque Lenin è qui irriducibile ed egli stesso scrive sulle sue dure dimostrazioni il titolo inequivocabile: controcorrente.

La storia non volle che egli, nella sua grandezza, vedesse venire il pericolo osceno di ripiombare impotenti nel limaccioso fondo della corrente, che sembrava a tutti noi capovolta ma purtroppo non lo era.

Bisogna sabotare la guerra da uno e dall’altro lato del fronte senza la condizione che il sabotaggio sia di pari forza, senza badare se dall’altra parte sia per avventura inesistente. Bisogna egualmente, in una tale situazione, con un esercito nemico che varca lo sguarnito fronte, cercare di liquidare la propria borghesia, il proprio Stato, di prendere il potere, di instaurare la dittatura del proletariato.

Parallelamente con la «fraternizzazione», con l’agitazione internazionale, con tutti i mezzi a disposizione del potere vittorioso, si provocherà il moto ribelle nel paese nemico.

La risposta è facile, da parte del centrismo: Ma se tale moto malgrado tutto fallisce, lo Stato e l’esercito nemico restano efficienti, e vengono ad occupare il paese rivoluzionario per rovesciare lo Stato del proletariato; che farete?

Lenin ebbe per questo due risposte: una sta nella storia della Comune, che non avrebbe esitato, potendo debellare la sbirraglia borghese di Francia, ad accogliere a cannonate anche i prussiani, ma in nessun caso avrebbe abbassata la rossa bandiera della rivoluzione. L’altra risposta ai contorti apologizzatori della guerra borghese, imperialista, controrivoluzionaria, fu appunto: la guerra. La nostra guerra, la guerra rivoluzionaria, la guerra socialista.

Contro lo stesso nemico allora? Allora la stessa guerra da noi difesa?, sogghigna il filisteo contraddittore. No, perché la nuova guerra è guerra di classe, perché non è condotta al fianco dello Stato borghese e del suo stato maggiore, già travolti; perché la sua non sarà vittoria di una coalizione imperialista ma della rivoluzione mondiale.

11 – La carta cambiata

Questo punto storico riguarda la possibilità di una manovra rivoluzionaria dell’Internazionale opposta a quella dei traditori del 1914, come del tutto opposta a quella che fu fatta nel 1939 e 1941.

L’opportunismo è il bill di non-rivoluzione, la tregua di classe interna concessa a tutti i belligeranti, fino a guerra finita.

Mostreremo che è trucco volgare assimilare questo vergognoso, sfacciato espediente di traditori alla pretesa adesione preventiva del movimento ad una teoria che imponesse la «rivoluzione simultanea» in tutti i paesi.

La formula di Lenin è il negato bill, la negata tregua in tutti i paesi in guerra non meno che in pace, la pressione verso l’evento rivoluzionario nella vittoria e nella sconfitta dello Stato, e soprattutto l’utilizzazione rivoluzionaria di questa.

Ovunque il rovescio di guerra ne desse la possibilità il partito proletario doveva prendere il potere: questa avrebbe dovuto essere la politica in Germania, questa in Francia e questa, diciamo subito, in Russia.

La Francia senza la Germania avrebbe dovuto avere un governo socialista; o la Germania senza la Francia. Entrambi tali governi avevano la possibilità di risolute misure anti-capitalistiche e soprattutto di afferrare alla gola gli industriali di guerra, e dovevano subito, dalla parte in cui si era vinto, non disarmare, ma organizzare un esercito rivoluzionario, per fermare quello nemico, per impedire lo jugulamento della propria rivoluzione.

La costruzione del comunismo in Russia, e in generale in un «solo» paese prevalentemente feudale e patriarcale, non ha a che vedere con questa tesi, e non si può poggiare su di essa: è altro paio di maniche.

Che dovevano fare i rivoluzionari in Russia? Perdio, è mille volte detto in tutte lettere: non il socialismo, ma una repubblica democratica. L’ipotesi del socialismo in un solo paese è ovvia, ma si scrive: paese capitalista.

Eccolo: dalla vostra manica, signor baro, l’asso è uscito.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (III)

12 – La inventata teoria

Ci siamo diffusi sulla artificiale antitesi tra due teorie, la «vecchia» e la «nuova», sulle «questioni della guerra, della pace e della rivoluzione» accampata nella Storia (ufficiale) del partito bolscevico edita in Russia.

Autore della nuova teoria sulla «rivoluzione in un solo paese» sarebbe Lenin, mentre la vecchia, propria dei vecchi marxisti, sarebbe quella della «simultanea rivoluzione proletaria in tutti i paesi civili».

Abbiamo detto che tale teoria non è vera né falsa: soltanto, essa è inventata di sana pianta perché nessuno l’ha mai sostenuta. La vecchia teoria coincide con la nuova. Marx ha stabilito questi punti come Lenin li ha rivendicati. I marxisti (escludendo quelli che si dicono tali ma alla rivoluzione non credono) sono stati sempre per l’attacco rivoluzionario anche in un solo paese, quanto a strategia politica, a lotta per la presa del potere.

Quanto alla trasformazione della struttura sociale in socialismo, che con espressione teoricamente non meno falsa delle altre si chiama costruzione del socialismo, e si dovrebbe chiamare distruzione del capitalismo, essa è sempre stata considerata proponibile e possibile anche in un solo paese. Ma sotto due condizioni, di cristallina evidenza da Marx a Lenin. Primo: che il capitalismo in quel paese esista pienamente; secondo: che il proletariato vincitore di quel paese sappia applicare la consegna: non sono venuto a portare la pace, ma la guerra!

Non esiste altra teoria della guerra, della pace e della rivoluzione. Esistono, e ne nasce una ad ogni generazione, nuove teorie, e sono, come quella della Storia moscovita, le teorie della controrivoluzione.

Per dare questa dimostrazione riportiamo ancora il passo che inventa la teoria antica, e inventa l’invenzione di Lenin, sistematicamente degradato da integrale combattente marxista a fantoccio da altare e da monumento.

«Questa teoria [di Lenin, che, come riportammo, ne avrebbe gettato le basi nel 1905 nella sua opera «Due tattiche della socialdemocrazia nella rivoluzione democratica», a dire del testo che infila altra perla nella collana di gaffes teoriche e storiche: come fondare una nuova teoria per un problema «arretrato» da riferire per la Germania al tempo di Marx giovane, per la Francia a quello di Babeuf? Secondo questi falsari Lenin avrebbe dissertato sul come costruire il socialismo con la rivoluzione democratica, e sarebbe il più straccione degli ultradestri] questa teoria differiva radicalmente dalla concezione diffusa tra i marxisti del periodo pre-imperialista allorché i marxisti ritenevano che il socialismo non avrebbe potuto vincere in un solo paese, ma avrebbe trionfato contemporaneamente in tutti i paesi civili».

Non ripetiamo la critica della definizione civili. Se al posto dell’aggettivo civili vi fosse quello capitalisti (riferito alla struttura economica) o democratici (riferito a quella politica) la formula sarebbe meno priva di senso intrinseco, pur restando parimenti falsa. Quei «marxisti» non sono mai esistiti. Marx era indubbiamente un marxista del periodo pre-imperialista. E con questo? O Marx è fesso e il marxismo fesseria, oppure nel marxismo, teoria nata nel 1840, le leggi della tappa (non periodo) imperialista del capitalismo sono già date. Lenin infatti non le produsse come secreto della sua testa, ma come applicazione delle dottrine del Capitale. Basta leggerlo. Ridimostrò traverso gli eventi della tappa imperialista la nostra teoria del capitale, ridimostrò che paci di Stati e di classi ne vanno escluse e che, come nei primi albori, dominano al chiudersi del ciclo le fiamme della catastrofe sociale e della generale esplosione di violenza.

Fuori i nomi! Marxisti di quel tipo non ne sono esistiti. Andremo oltre: socialisti generici, nemmeno.

13 – Paesi e rivoluzioni

Fin dalla sua forma idealistico-utopistica il socialismo non è pensato come internazionale: nemmeno nazionale! Esso è pensato come socialismo in una sola città, nella Repubblica di Platone, nella Città del Sole di Campanella, nella Utopia (ossia città che non ha luogo) di Moro, nella Icaria di Cabet, nel paese del sovrano assoluto, illuminato tra tutti, dei grandi utopisti francesi, nella fabbrica cooperativa di Owen, nel falansterio di Fourier, e se vogliamo nel monastero medioevale di Benedetto. Questa roba avrebbe Lenin, o babbioni, riportato fuori come «teoria nuova»?

Questo primo ingenuo e nobile socialismo è pensato dai suoi (loro sì) costruttori come atto prima di opinione, poi di volontà, trasmesso al popolo dal sapiente guidatore, o anche dal grande re. E chiaro che nessuno lo subordinerà a coincidenza di queste ondate di illuminazione delle menti in vari paesi al tempo stesso; fin da quando è utopista il socialismo è previsto tra precise frontiere, e nei più suggestivi di questi «progetti» sociali è considerato permanente (questa concezione non è dinamica, ma statica in sé, e salvo i voli di non pochi intelletti geniali, come il poderoso Saint-Simon) il ceto militare, l’esercito stanziale e la difesa del paese eletto contro invidiosi nemici.

Passiamo dall’utopismo al marxismo non per una più fine «ripensatura» del tema, ma per l’effetto del comparire della produzione capitalista. Il marxismo costruisce la sua dottrina e il suo programma soprattutto lavorando sull’Inghilterra. Questo solo, solissimo paese gli dà la trama per provare che l’economia socialista, ad un certo stadio dello sviluppo mercantile-industriale, è non solo possibile e costruttibile, ma è determinatamente necessaria, ad una condizione non più tecnica produttiva ed economica, ma solo storica, cioè che vincoli antichi, rapporti di produzione e proprietà, siano infranti e travolti dalle forze produttive debordanti, non da luminose avanzate dell’opinione.

Quando nascono quindi le tesi sull’economia capitalistica e quelle più generali del materialismo storico, nascono grazie alla dinamica della società inglese del XVII e XVIII secolo.

Il programma socialista nasce non come una profezia del millennio ma come una possibilità in base a condizioni già acquisite, ma in un solo paese: l’Inghilterra in senso stretto, senza Irlanda, ove si attende la borghese rivoluzione agraria, senza la gran parte della Scozia.

All’albore dell’ottocento la Francia è pienamente borghese, ma meno assai capitalistica: la Francia non è un’isola, ma la locomotiva di Europa, il suo compito storico è di estendere ad occidente la fiamma della grande Rivoluzione. Solo tra il 1831 e il 1848 il proletariato inizia le sue epiche lotte, che non sono ancora per costruire socialismo, ma per diffondere la rivoluzione verso oriente: poniamo per audace che sia l’ipotesi che gli operai di Parigi avessero vinto nel 1848; sarebbe stato preminente rispetto al compito di distruggere il capitalismo interno quello di una guerra rivoluzionaria contro la reazione in Europa: ancora in largo senso il problema storico delle «Due Tattiche», non ancora la domanda se è possibile una Francia socialista. Ma ciò per ragioni storiche, che nulla di comune hanno con la stessa necessità di attendere che vi sia trama economica socialista oltre Reno e oltre Danubio o oltre le Alpi.

14 – Alla radice. Manifesto!

Giunti però al maturo 1848 noi abbiamo quello che deridono come «Bibbia dei comunisti»: il «Manifesto» di Marx e di Engels. Il problema della rivoluzione proletaria è già posto in pieno, insuperabilmente: non solo non vi è traccia della rivoluzione simultanea in tutti i paesi, attribuita ai marxisti dei vecchi tempi, ma è evidentemente proposta la rivoluzione socialista anche in un paese solo. Non è solo proposta o ammessa, è contenuta in tutta la poderosa unitaria costruzione, né potrebbe altrimenti essere.

Nei suoi ultimi anni, nel 1893, Federico Engels dettò la prefazione alla edizione italiana del «Manifesto». Ebbene, in questa breve prefazione sono alcuni passi storici, come quello che dice: Il «Manifesto» rende piena giustizia all’azione rivoluzionaria che il capitalismo ebbe nel passato. La prima nazione capitalistica è stata l’Italia. Ed Engels pone il trapasso dal medioevo feudale all’era moderna, al 1300, al tempo di Dante.

Tuttavia, tornando alla situazione del 1848, e nel ricordare come da Milano a Berlino e a Parigi furono gli operai primi sulle barricate in tutta Europa, e nel ribadire questo tratto di «simultaneità» europea della rivoluzione come guerra di tutte le classi, egli aggiunge le significative parole:
«Solo gli operai di Parigi, rovesciando il governo, avevano l’intenzione ben determinata di rovesciare il regime della borghesia. Ma, per quanto essi avessero coscienza dell’antagonismo fatale che esisteva tra la propria classe e la borghesia, né il progresso economico del paese, né lo sviluppo intellettuale delle masse francesi erano giunti al grado che avrebbe resa possibile una ricostruzione sociale. I frutti della rivoluzione furono dunque in ultima analisi raccolti dalla classe capitalista».

Si possono trarre diversi corollari, a parte il solito che abbiamo prima sfiorato della piramidale buaggine della lotta anti-medioevale nell’Italia 1945, o nelle… elezioni siciliane 1955. Errorucci di sei secoli e mezzo. In Sicilia più che ovunque – Palermo di Federico II – fu la prima metropoli borghese.

Nel 1848 Engels pensa che la trasformazione economica socialista non sia possibile nella borghesissima Francia! Egli, che ne aveva tratta la prospettiva sicura da giovanili studi sull’economia inglese!

Dunque la maledetta costruzione del socialismo è stata dai più antichi marxisti vista come cosa di un paese solo, né Lenin doveva scoprirlo nel 1905 o 1914.

Inoltre: fu forse inutile la lotta Parigina socialista del 1848? Mai! Engels dice che lo sfruttamento capitalista della rivoluzione condusse alle formazioni nazionali d’Italia e Germania, ricorda che secondo Marx quelli che avevano abbattuto la rivoluzione del 1848 ne furono esecutori testamentari.

Quindi la nozione del proletariato che lotta per la rivoluzione capitalistica, che deve per essa lottare, che lo dovrebbe se fosse sul punto di scegliere la sua via, anch’essa non è invenzione di Lenin 1905.

Quello che la storia riservò agli operai francesi del 1848, lo riservò agli operai russi del 1917: Lenin lo vide e teorizzò decisamente in anticipo; i fatti storici lo mostrano oggi in luce abbagliante: battersi con sviluppata organizzazione di classe e coscienza socialista di partito in una rivoluzione proletaria, mentre i frutti di tale rivoluzione consistono nell’instaurazione del capitalismo.

Ma richiamiamo il contenuto del «Manifesto» a questo riguardo, per notissimo che esso sia.

15 – Armoniche strutture

Occorre ricordare la «sistematica» del nostro codice storico? Il primo personaggio che viene sulla scena è la borghesia, di cui il peggiore nemico ineguagliabilmente scrive la «chanson de geste». Combatte e scorre il mondo, scuote dalle fondamenta secolari istituzioni, scatena forze immani dell’attività degli uomini, suscita diabolicamente i suoi becchini, i proletari.

Le classiche enunciazioni sulla «organizzazione dei proletari in classe, e quindi in partito politico», si riferiscono al quadro nazionale del «solo paese». Vi è infatti la nota osservazione: La lotta del proletariato contro la borghesia è anzitutto nazionale, ma piuttosto nella forma che nella sostanza. Il proletariato di un paese deve naturalmente sbarazzarsi prima della propria borghesia.

Questa tesi celebre è più oltre ribadita dalle non meno note frasi, e seguono il passo sugli operai che non hanno patria:
«Poiché il proletariato deve prima conquistarsi il potere politico [i social-traditori leggevano: il suffragio universale!], elevarsi a classe nazionale, costituirsi in nazione, anch’esso è nazionale, benché non nel senso borghese».

Il senso di tali parole, tanto discusse e falsate allo scoppio della prima conflagrazione, contiene in sé la teoria del potere e dello Stato. La borghesia aveva il traguardo di costruire lo Stato nazionale – il proletariato non ha come fine né la costruzione permanente dello Stato – né quella della nazione, ma, dovendo impugnare l’arma del potere, dello Stato, appunto quando abbia solo ottenuto il crollo della propria borghesia («anzitutto») e del proprio Stato borghese, edifica il suo Stato, la sua dittatura, si costituisce in nazione, ossia difende il suo territorio contro borghesie di fuori, in attesa che a loro volta le rovesci il proletariato.

Quanto perciò fin dalle tavole primarie abbiamo sul tracciato dell’avvento rivoluzionario, sviluppa non come eccezione ma come norma l’ipotesi della vittoria in un solo paese, e la teoria ne esiste dagli albori del marxismo.

Come altrimenti leggere quanto per un secolo i filistei hanno cercato di leggere a rovescio, ossia la parte ulteriore programmatica:
«Il proletariato si servirà del potere politico per strappare a poco a poco alla borghesia tutto il capitale, per accentrare tutti gli strumenti di produzione in mano allo Stato, ossia al proletariato stesso organizzato come classe dominante, e per accrescere il più rapidamente possibile la massa delle forze produttive»?

Ciò non è che l’inizio della «trasformazione dell’intero sistema di produzione» e si tratta di «interventi dispotici» e di «misure economicamente insufficienti e insostenibili». Vecchie cose, certo. Ma dobbiamo appunto provare che è vecchia e non nuova teoria quella della presa politica del potere e dell’avvio della trasformazione sociale. Come altrimenti continuerebbe il testo:
«Naturalmente queste misure saranno diverse a seconda dei diversi paesi»?

E ne aggiungerebbe un elenco per i più progrediti all’epoca 1848? E come il capitolo finale tratterebbe nazione per nazione la prospettiva della conquista rivoluzionaria del potere.. se non fondando sul concetto, che tutto guida, che la rivoluzione potrà cominciare in ogni paese ove si sia formato con lo sviluppo produttivo un moderno proletariato, e perfino prima in Germania che in Inghilterra e in Francia, perché ivi incombe la rivoluzione borghese
«con un proletariato molto più sviluppato che non avessero la Francia nel XVIII secolo e l’Inghilterra nel XVII»[18]?

16 – Dal 1848 alla Comune

Dopo la grave sconfitta del 1848 le prospettive della conquista proletaria del potere nei paesi europei si sono allontanate. Nel lungo successivo periodo, Stati e nazioni borghesi si sistemano in una serie di guerre, i partiti proletari non hanno posizioni di primo piano, la politica marxista si orienta verso quelle guerre che conducono alla sconfitta delle riserve reazionarie, a turno Austria, Germania, Francia, e soprattutto e in ogni fase Russia, come tante volte sviluppato.

La nuova sistemazione nasce dal grandioso episodio della Comune di Parigi. Questa volta il proletariato non solo si impegna per rovesciare la borghesia nazionale, ma vi perviene, pur sotto il peso di due forze nemiche, il vincitore esercito prussiano e le forze armate dello Stato borghese divenuto repubblica.

Qui si leva la memorabile analisi di Marx nelle classiche opere: Volevate capire che cosa era la rivoluzione proletaria, la dittatura del proletariato, lo Stato socialista? Eccovi il primo esempio storico: la Comune!

Forse Marx, o uno solo dei marxisti del tempo, nel mettersi a fianco della Comune si è sognato di condannarla per il motivo che, a differenza del 1848, nelle altre capitali di Europa il proletariato non si muove, e tanto meno a Berlino, sicché è palese che l’esercito tedesco in piena forza interverrà contro lo Stato socialista di Parigi, se non basteranno le forze borghesi di Francia?

Non era dunque totalmente in piedi (in piena fase pre-imperialista del capitalismo) ed in piedi essa sola, una teoria della rivoluzione in un solo paese, e dei primi passi, classicamente levati ad esempio da Marx e sulle sue esattissime orme da Lenin, della trasformazione sociale con decreti ed editti famosi?

Quale marxista, anche delle tendenze meno accese, ha sconfessato la Comune o le ha consigliato di cedere le armi, perché o si fa rivoluzione in tutta Europa, o non si fa in Francia?

Vi erano in quel momento due posizioni nella Prima Internazionale, la marxista e la bakuninista; vi sono due «versioni» della Comune, entrambe nel senso di esaltare senza riserve il suo insorgere, il suo breve ciclo di vita, e la gloriosissima caduta, onta e vergogna dei regimi «civili».

Nessuna di queste correnti può riaccostarsi all’inventata teoria della rivoluzione contemporanea in tutta Europa.

Nella visione libertaria la Parigi della Comune non è uno Stato politico, ma risponde al mito del comune locale che nel suo stretto ciclo si libera insorgendo della tirannia statale e dell’oppressione sociale, fondando un’autonoma collettività di liberi ed eguali. È noto perché secondo noi marxisti questo è per non dir peggio un sogno, ma lo ricordiamo per escludere che quest’ala dei socialisti (socialisti anarchici, si diceva) abbia mai creduto nella rivoluzione simultanea: lungi da ciò, essi avrebbero ammessa la rivoluzione nemmeno nazionale, ma cittadina, comunalistica.

Qualche anno dopo combattevano per fondare l’anarchia in Spagna e in qualche sua provincia, sostenendo tortuosamente di non avere eserciti e governi, cadendo sotto l’inesorabile demolizione critica di Engels e Marx.

Quali che ne siano gli errori, nemmeno in questa direzione peschiamo i fautori del: niente rivoluzione, se non in dieci paesi.

Abbiamo poi la versione ortodossa, marxista, della Comune, la versione, a spregio dei manipolatori di frottole, in degno senso Leninista.

La Comune non è solo la municipalità di Parigi assediata due volte; è la Francia, il proletariato francese costituito finalmente in classe, che ha piantato sulle rive della Senna la bandiera della sua costituzione in classe dominante, eretto lo Stato rivoluzionario della nazione francese. Non nazione nel senso borghese e contro la nazione tedesca, ma nel senso che con i suoi cannoni tenta di jugulare il traditore Thiers dal suo seggio di controllo di tutto il territorio francese, e versa per questo obiettivo il generoso sangue della rossa Parigi, anche se sa che, mentre il boia indigeno avanza, l’operaio di Berlino, di Vienna, di Milano non ha imbracciato la carabina. È la teoria che nel fulgore fiammeggiante diventa ardente storia. E diventa patrimonio e contenuto della rivoluzione mondiale, sua vittoriosa conquista, anche dopo il tacere delle ultime scariche contro il muro del Père Lachaise, nella generale coscienza dei marxisti che ben nascerà un giorno da una vittoriosa prima Comune nazionale l’incendio progressivo inarrestabile del mondo del capitale.

17 – Revisionismo socialdemocratico

Furono i nemici odiati di Lenin che dal 1900 fondarono una «nuova teoria» che pretendevano marxista, versione moderna del marxismo; e con ciò prepararono la catastrofe del 1914, che a dire degli intrappolatori di Mosca avrebbe indotto Lenin a rifare tutta la parola marxista su Guerra, Pace e Rivoluzione.

Mentre nel campo operaio Bernstein e tutti gli altri elaborano il riformismo gradualista – a sua volta per nulla nuovo, ma intruglio delle eresie, contro cui Marx bruciò tutta la sua vita, dei socialisti prussiani di Stato, del lassallismo, del social-radicalismo francese, del tradunionismo inglese, e così via – la borghesia elabora la sua teoria della guerra e della pace, rimettendo su il mito del disarmo, dell’arbitrato e della pace universale. Anche questa antica storia e già stritolata dai colpi di maglio di Marx, fin da quando dopo il 1848 ebbe a che fare con la sinistra radicale borghese, Mazzini, Blanc, Garibaldi, Kossuth e simili, di cui ben sappiamo con quale indignazione furente si occupasse.

Il revisionismo legalitario smonta la visione marxista pezzo per pezzo. Ne vengono anzitutto espulsi l’insurrezione, la violenza, le armi, la dittatura: si ammette per breve tempo una denicotinizzata «lotta di classe» che si obbliga a svolgersi nei limiti della legalità statale, con la conquista elettorale dei posti nelle assemblee politiche. Il modello è la socialdemocrazia germanica, mostruosa macchina per elezioni, e si fa basso sfruttamento di una delle ultime frasi di Federico Engels: La sua distanza dal potere si può ormai calcolare dalle statistiche degli ultimi progressivi scrutini. Ma Engels aveva ben detto che, passato un tale traguardo, il capitalismo avrebbe scatenato lui il terrore!

Non dobbiamo ripetere la critica di questa tendenza e della sua prospettiva. Maggioranza alla Camera, governo legale socialista, serie di leggi progressive che attenuano lo sfruttamento proletario e i profitti borghesi, fino ad avviare un graduale mutamento del capitalismo in socialismo: non ci occorre qui ricordare come pian piano in Francia, Belgio e altrove la stessa lotta di classe in forma cartacea fu barattata ammettendo che si potesse dai partiti operai entrare come minoranze in governi borghesi, fondando quello che fu detto ministerialismo, possibilismo, millerandismo. Lo condannò – in pace – la Seconda Internazionale, ma poi gli aprì vergognosamente le porte in guerra, scatenando l’anatema di Lenin. Non sapeva questi che la Terza lo avrebbe ammesso e vantato non solo in guerra ma anche in pace, col motivo solo che facesse comodo a un qualche Nenni.

Sia quel che sia di questa accolta di gentiluomini, si possono nelle loro file scovare quei misteriosi marxisti pre-imperialisti che volevano la conquista del potere il dì stesso in tutti i paesi civili?

Evidentemente se l’ascesa al potere non deriva più da un’azione con le armi e per le strade, da uno sprofondare nel vuoto delle basi del capitalismo, ma solo dal salire della massa dei voti «socialisti», non importa proprio nulla che il dì radioso della chiamata al potere di un premier socialista sia dappertutto lo stesso, anzi è certo e sicuro che avverrà in tempi sfasatissimi e nulla impedirà che convivano dieci regimi, capitalista cento per cento, socialista dieci per cento, venti per cento e così via, sorridendosi, arbitrandosi, disarmandosi, nobelandosi, picassandosi, attraverso le frontiere.

Nemmeno dunque in questo campo troviamo chi sia contro la costruzione del socialismo in un solo paese. Se questo si costruisce pian piano per leggi dello Stato borghese, solo cambiando il partito che ne è alla testa, l’esigenza della simultaneità europea non se la sogna, come non se la sognò, nessuno.

18 – Nuovo solo l’opportunismo

Non Lenin ma proprio i rinnegati che egli flagellò fecero allo svolto dal 1914 la nuova teoria della guerra, della pace e della rivoluzione.

Non lasciarono parola su parola della vecchia teoria, dell’unica teoria di Marx.

Marx diceva che la rivoluzione proletaria avviene con la guerra civile delle classi e il rovesciamento dello Stato – lo negarono.

Marx diceva che la guerra tra gli Stati cesserà solo col cadere del capitalismo e mai con un accordo generale tra gli Stati borghesi. Essi lo negarono.

Marx diceva che la guerra tra Stati capitalisti e precapitalisti può avere un contenuto che interessa il proletariato che deve parteciparvi, ma che nel campo del capitalismo di occidente, dal 1871, tutti gli eserciti sono contro il proletariato e questi è contro tutte le guerre europee e inter-capitaliste. Essi lo negarono nella prima e nella seconda concezione e dissero che in ogni guerra tra due Stati il proletariato deve aiutare il proprio, per poco che sia minacciato di soccombere. Furono pacifisti finché la guerra non v’è, guerristi appena essa scoppia.

Lenin rimise i processi di pace e guerra e rivoluzione al posto in cui sempre il marxismo li aveva tenuti. E, come sempre il marxismo aveva detto, chiese disfattismo e rivolta proletaria ovunque, e anche unilateralmente ed in un solo paese, nel campo e nel corso storico che la guerra civile del 1871 aveva aperto.

Non generò nessuna nuova teoria, ma volle strozzare quella nuova del social-patriottismo.

Quando da questo suo storico e imponente lavoro di restauratore della dottrina non vecchia, ma unica, si volle far sorgere come cosa originale l’ovvia strategia dell’attacco alla borghesia nei campo nazionale anche unilateralmente, enunciata nel «Manifesto» e in tutti i testi marxisti, tra cui quelli sulla Comune, per Lenin basilari e sacrosanti come da cento sue pagine; e quando si tradusse questa non nuova tesi in quella che senza rivoluzione europea poteva aversi in Russia una trasformazione sociale in senso comunista, le occhiute mammane del Cremlino tentarono una vera sostituzione di infante, attribuirono a quello che considerano il Piccolo Padre della rivoluzione in Russia un pestifero bastardo; non ne fecero il distruttore di un’antica teoria di inesistenti vecchi marxisti, ma il distruttore di quella che lui stesso, sulle dorsali del sistema generale, aveva elevata con genialità vera: In una rivoluzione che non si estenda fuori di Russia, il proletariato dovrà prendere il potere, ma per attuarvi la rivoluzione democratica e per favorire con ciò l’avvento e lo sviluppo del sistema capitalistico di produzione, superabile solo con la rivoluzione proletaria vincente in altri paesi d’Europa.

Teoria che Lenin costruì con completezza veramente meravigliosa, di cui vide realizzarsi la verifica, e che mai rinnegò o ritirò.

È inutile insultarlo insinuando, con ardite falsificazioni, che lo abbia fatto, dato che la storia dopo di lui ne ha dimostrato all’evidenza le fasi ulteriori, nell’ordine da lui costruito.

19 – La trasformazione socialista

La questione del passaggio della Russia dalla repubblica controllata non dalla borghesia, ma dal proletariato vincitore, con programma sociale di nazionalizzazione agraria e statizzazione industriale, ad un’economia socialista, non è al suo luogo se posta al momento del problema, del tutto pregiudiziale, di liquidare la guerra. Al momento del crollo della Seconda Internazionale la prospettiva russa – anche fin quando a Lenin non risulta che molti socialisti di varie rive anche lì hanno tradito – non si pone in modo più favorevole di quanto si ponesse nell’anteguerra. Fino al 1914 Lenin fa molto conto sul movimento operaio marxista dei paesi più sviluppati per abbreviare il corso del capitalismo in Russia, che ormai saltare non si può, non si crede più possibile. Ma nel momento in cui la potente socialdemocrazia tedesca con gli altri grossi partiti dei paesi industriali paurosamente rovina nell’opportunismo, diviene più difficile la previsione del succedere alla rivoluzione democratica antizarista russa di una rivoluzione proletaria in paesi europei, su cui possa far leva una meno lontana trasformazione socialista della Russia.

A questo svolto del 1914 abbiamo dunque visto come Lenin nelle sette tesi ricapitola il programma.

In Russia, lavorare in profondità alla disfatta, al crollo dell’esercito e della dinastia. Il programma successivo resta lo stesso: non governare con partiti borghesi e piccolo-borghesi, ma dirigere la repubblica con la dittatura democratica del proletariato e dei contadini. Socialmente una tale repubblica attuerà la nazionalizzazione agraria, le otto ore, la banca di Stato ed altre misure non uscenti ancora dai limiti del capitalismo.

In Europa: lotta per eliminare gli opportunisti, organizzazione di una nuova Internazionale proletaria, nuovi gruppi e partiti che conducano la lotta disfattista contro la guerra. Ovunque sia possibile, tentare la presa del potere politico con la parola della dittatura proletaria affidata al partito comunista.

Solo dopo che la guerra abbia fatto rovinare in parte almeno di Europa il potere borghese, si porrà il problema della trasformazione socialista europea e del suo appoggio all’evoluzione economica e tecnica in Russia.

Quindi il problema di far socialista la sola Russia non si pose nel momento in cui la storia ufficiale assume che sia stato da Lenin e posto per la prima volta e per la prima volta risolto in modo positivo: costruire socialismo in una Russia uscita dal feudalesimo e chiusa tra paesi capitalistici.

Un simile svolto nel pensiero di Lenin bisogna indagarlo dopo, e lo faremo: al momento della caduta dello zarismo, all’arrivo in Russia, alla lotta per il potere al solo partito bolscevico, al periodo successivo alla conquista del potere, a quello delle prime misure economiche e al fondamentale svolto della NEP, anch’essa tanto poco nuova che un simile titolo non fu mai dato da Lenin.

Il solo fatto di avere inventato questa conversione di Lenin fuori del tempo storico e del quadro teorico proprio, anticipandola artatamente, dimostra la falsa posizione che sta alla base di tutta la politica dello Stato russo, quale dopo la morte di Lenin e i noti eventi si enucleò dalla situazione.

20 – Potere ed economia

Come questa questione della trasformazione socialista in rapporto ad una conquista del potere in paese ancora non capitalistico vada posta in linea generale, va meglio chiarito se si vogliono evitare equivoci gravi, e al solito bisogna stare attenti alla distinzione tra l’aspetto economico e quello politico del trapasso tra i vari modi di produzione.

La nostra risoluta difesa della tesi che mai ci aspettammo di vedere in Russia, data la sua struttura sociale e la sua misera economia all’uscita dalla guerra, funzionare l’economia, la produzione e la distribuzione socialiste, può scuotere qualche lettore che vi veda l’eco della posizione opportunista che per anni ed anni fu scagliata a diffamare i bolscevichi.

Secondo il marxismo la trasformazione dell’economia in socialista non si può propriamente avviare se nella struttura di un paese il grande industrialismo, il capitalismo delle grandi aziende, la formazione del generale mercato di scambio, la commercializzazione di tutta la terra e dei suoi prodotti, non sono fatti e caratteri dominanti. Quando queste condizioni sono presenti, la trasformazione non è graduale e spontanea, ma, giusta Marx e Lenin e la sinistra rivoluzionaria, non si apre se non avviene la rivoluzione politica: ossia violento abbattimento dello Stato capitalista, fondazione del nuovo Stato del proletariato, con il partito marxista chiaramente alla testa.

Non basta quindi scatenare questa lotta politica e realizzare questa conquista, per garantire la trasformazione socialista.

Ma, come sarebbe errore il dire che con la semplice azione del colpo sul potere, alla Blanqui, alla putschista, possiamo introdurre il socialismo integrale nella Nuova Guinea, sarebbe errore l’escludere situazioni in cui si debba prendere il potere politico anche ben sapendo che su tale sola base la trasformazione socialista non vi sarà.

Quindi chi avesse detto: Bolscevichi, senza la rivoluzione in Europa non costruirete socialismo, non avrebbe errato. Ma non questo dissero i filistei. Dissero che non potendo assicurare la trasformazione socialista i comunisti avevano il dovere di non prendere il potere, anche avendone, come il fatto provò, le forze; dovevano delegarlo ad altre classi e partiti, o eventualmente sostenere e partecipare remissivi ad un governo provvisorio di Lvov, di Kerenski.

Ma i comunisti russi non risposero che essi avevano voluto – e dovuto – prendere il potere perché era il mezzo per fare la Russia, anche da sola, socialista. Allora non se lo sognarono neppure. Avevano, e proclamarono al mondo, una diversa serie di ragioni storiche, più vaste dei problemi dell’economia russa futura. Non era una gara per amministrare la Russia come se fosse una grande farm o un trust di produzione. Era una gara per cacciare dal potere ed abbattere forze di classe e politiche che indubbiamente avrebbero allontanato maggiormente la futura trasformazione socialista russa e mondiale, che avrebbero resa ancora più dissestata la contingente economia del paese, che avrebbero esposto la Russia al grave pericolo della controrivoluzione, non nel senso di tenervi un Kerenski o un Miljukov, ma in quello di abbandonare il potere a governi reazionari emananti dai paesi imperialisti del gruppo tedesco o di quello anglo-francese, o addirittura dalle risorte forze dello zarismo, che avrebbero rialzato la testa nel compito classico di carabiniere della rivoluzione democratica in Russia, e proletaria nel resto d’Europa.

Il solo partito che avesse di questi sviluppi chiara visione, che potesse fronteggiare quella serie di pericoli, che rendesse evidenti l’impotenza e il tradimento progressivo degli altri tutti, era quello di Lenin: i comunisti di tutti i paesi plaudirono quando prese per sé tutto il potere, lo invitarono a tenerlo saldamente e fecero il loro possibile per opporsi ai colpi dei suoi mille nemici: non gli chiesero di fabbricare socialismo, ma pretesero, meno quelli che erano dei piccoli borghesi sbandati, di far vedere come da socialisti si vivesse.

Questa domanda avrebbe dai russi dovuto venire agli europei. Venne, preceduta da altra chiara richiesta: Buttate giù il capitale, ove è pienamente maturo, prendete il potere, proclamate la dittatura, a compito integrale storico, del proletariato, di lui solo, del partito comunista.

21 – Produzione e politica

Ma se la produzione socialista non è nemmeno alle viste, e bisogna quindi ob torto collo vedere dilagare come nuova la forma capitalista, non è contraddetto il determinismo economico dal fatto che un potere politico socialista poggi su di un’economia non ancora socialista? L’argomento è soltanto capzioso. Anzitutto una vera economia socialista non ha bisogno, una volta uscita dalle forme capitaliste e mercantili, di generare poteri socialisti o meno: anzi li esclude.

Chi si perdesse a questa difficoltà, nulla avrebbe capito della storica grandiosa polemica sulla dittatura. Non diremmo agli anarchici che lo Stato e la violenza dittatoriale ci occorrono dopo il rovesciamento dello Stato borghese, se non potessimo provare che in una situazione tutt’altro che breve negli stessi paesi ultra-industriali il proletariato sarà classe politica dominante, governante, mentre sarà ancora economicamente in larga parte classe sfruttata.

La soprastruttura del modo capitalista di produzione è l’inerzia dell’ideologia e del comportamento sia dei capitalisti sia degli oppressi, che molto lentamente scomparirà, e che il governo rivoluzionario ha il compito di reprimere.

La formula esatta non è che il potere statale sia la soprastruttura che compete al dato modo di produzione (monarchia assoluta per il feudalesimo, repubblica liberale per il capitalismo e via) ma è quella stabilita fin dalle pagine del «Manifesto»: lo Stato è l’organo per il dominio di una classe su di un’altra.

Sono quindi plausibili le due situazioni: Stato capitalista che garantisce il dominio della borghesia sui lavoratori – Stato socialista che pur non avendo che cominciato ad eliminare il modo capitalista di produzione ne assicura la distruzione perché è organo del dominio di forza del proletariato sugli sfruttatori superstiti. A queste situazioni segue la terza: non più classe sfruttatrice né sfruttata, modo socialista di produzione, non più Stato.

Se un modo di produzione, come il russo, è per la parte maggiore feudale con poche punte di capitalismo, la storia ha realizzato il caso in cui il controllo e dominio di uno Stato tenuto dai soli proletari è dedito ad estirpare in pieno il modo feudale e non attacca ancora quello capitalista; e non è possibile segnare limiti a tale periodo di congiuntura, determinato dalle influenze di tutte le diverse strutture produttive nei vari paesi di un complesso campo.

Pare evidente che un tale periodo non possa essere indefinito, e del resto il limite fu posto e da Marx e da Lenin: era il tempo di estensione dalla rivoluzione impura russa ad una pura europea, che entrambi pensarono più breve.

I partiti componenti di una stessa Internazionale possono storicamente avere in mano da una parte una rivoluzione impura, da altre una rivoluzione pura (socialista sviluppata) o soltanto l’azione rivoluzionaria contro i poteri borghesi ancora non caduti. Questo rapporto di forze deve giungere ad una rottura di equilibri: vi giunse, a pro della controrivoluzione.

22 – Infamia e filistei

Ma è veramente troppo essere scossi dalle obiezioni al comunismo russo con infinita ipocrisia travestite da accuse di violazione del marxismo. Gridarono ingiusta e feroce la dittatura terrorista dei bolscevichi col pretesto teorico che la stessa non aveva la possibilità di sradicare ogni rapporto borghese. Ma quanto, se l’avesse avuta, avrebbero strillato più forte!

In realtà gli scandalizzati della dittatura comunista in Russia erano quelli che si scandalizzavano, alla testa di essi il rinnegato Kautsky, che la volessimo applicare in Europa, pronta alla rapida trasformazione socialista.

In realtà gli argomenti non vertevano sui lati negativi e sulla arretratezza dell’economia di Russia, ma sulla sporca soggezione ad ideologie borghesi, a limiti di origine borghese che il proletariato avrebbe dovuto autoimporsi. Si diceva doversi attendere una vera fioritura di capitalismo, perché allora il numero degli operai sarebbe stato tale che la via della persuasione e dell’idillio di classe avrebbe condotto alla vittoria senza violenza. Era quindi in nome non della fretta di giungere alla società socialista, ma del «valore assoluto» del principio democratico e dell’idealismo borghese, che si pretendeva che i bolscevichi si fossero fermati nello spezzare le reni ai partiti che avevano, ad esempio, più voti di loro nell’assemblea costituente «liberamente eletta».

Ora i bolscevichi sarebbero per un tempo molto più lungo – ma non certo i decenni e decenni – restati con le carte marxiste in regola a tenere il potere in Russia, pur non potendo fondarvi socialismo, a condizione che avessero seguitato a dichiararlo come sempre Lenin lo aveva senza infingimenti proclamato.

Ma cento volte le ebbero in regola quando con successive ondate di genuina azione rivoluzionaria stroncarono le forze della controrivoluzione aperta e imbavagliarono i miagolii ignobili dei disfattisti.

Perché non solo impedirono che esista oggi una situazione ancora più sfavorevole e controrivoluzionaria, ma ribadirono l’insegnamento che le prediche e gli scongiuri ingannevoli dei pregiudizi borghesi non devono avere la forza di fermare la mano del proletariato levatosi in piedi; che la forza materiale non deve subire, prima dell’inesorabile impiego, la censura di un avversario fellone, che avendoci nelle mani non si porrebbe per un momento il problema della rinunzia al potere e della pietà per una persona umana, che la propria non sia.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (IV)

23 – Ritorno al 1914

Ripetiamo che non è stata una disgressione, ma un anticipo del tema, la trattazione [che ha compreso i paragrafi da 4 a 22 di questa parte I] sulla falsificazione centrale di quella Storia del Partito Bolscevico che, apparsa anonima, come Trotsky ricorda, e poi stampata con una collettività di autori, è stata infine inserita nella raccolta dell’Opera omnia di Giuseppe Stalin.

Per dimostrare, come ci proponiamo, che in Russia non vi è che struttura capitalistica, e non socialistica, era importante far vedere da quando si è tentato lo scambio tra la tesi (non certo nuova teoria) di Lenin sulla trasformazione della guerra imperialista in guerra civile, e quella, di paternità del solo Stalin, e falsa, della costruzione del socialismo nella sola Russia.

In tale esposizione ricordammo che Lenin aveva saputo che alla Duma russa i bolscevichi e i menscevichi, e gli stessi socialisti rivoluzionari, avevano protestato contro la guerra e votato contro i crediti.

Lo credeva Lenin nel settembre 1914, o nell’agosto, quando scrisse le sette tesi; ma non era così.

I menscevichi, e tra essi Čcheidze e l’ex maestro dei bolscevichi Plechanov, sono i capi, alla Duma e nell’emigrazione, dei «difesisti», le cui file comprendono però anche dei non «liquidatori». Il gruppo dei deputati operai bolscevichi è contro la guerra: e presto viene arrestato e deportato; ma sono anche contro la guerra vari menscevichi, tra cui Martov. Nelle stesse organizzazioni dei bolscevichi e nei gruppi esteri vi furono oscillazioni gravi, e così tra i deportati in Siberia: molto si discute sul contegno di Stalin, per lo meno assai riservato, finché non giunsero molto dopo notizie del parere di Lenin. Capo vigoroso dei disfattisti fu Spandarian, prima di ogni collegamento con l’estero.

A loro volta i socialisti rivoluzionari si divisero: contro la guerra Černov alla testa di un piccolo gruppo, a favore Avksentiev, Bunakov e molti altri che formarono un gruppo «Oltre confine». Tutti costoro, come Plechanov, come Pietro Kropotkin, come Čcheidze, ecc., dichiararono che la guerra ai tedeschi era giusta, difensiva e santa, e invitarono a sospendere ogni azione contro il governo e la dinastia dello zar. Nemmeno tuttavia Čcheidze e Kerenski ebbero la sfrontatezza di votare a favore dei crediti di guerra.

24 – Sovversione delle «tendenze»?

Anche all’obiettivo Wolfe, non troppo ortodosso in linea teorica, piace insistere sul fatto per noi non molto significativo, che la divisione tra difesisti e disfattisti nel 1914 non venne a coincidere con quella tra revisionisti-riformisti e marxisti ortodossi radicali. Al noto caso di Kautsky egli contrappone Carlo Liebknecht, che era un «bernsteiniano di sinistra», mentre poi Bernstein stesso fu tra i primi a deplorare l’abbandono della «vecchia tattica marxista» (qui ben detto) del voto contro i crediti di guerra. Ma sciovinisti furono una nota serie di ortodossi tedeschi: Parvus, Lensch, Cunow, Haenisch. In Inghilterra i destrissimi leaders laburisti Snowden e MacDonald votarono contro i crediti; a favore Hyndman, leader (nel testo di Wolfe) della ortodossa «Social Democratic Federation». Il «British Socialist Party», che non aveva suoi parlamentari, fu decisamente contro la guerra imperialista.

Chiuderemo l’inesauribile argomento dei socialisti davanti alla guerra con la frecciata di Wolfe:
«Imolli[traducendo così modernamente il termine «softminded»] umanitari inclinarono al pacifismo, mentre moltiduri[toughminded]materialisti storici› [li virgoletta Wolfe, chiaro idealista storico] si gettarono nella guerra corpo ed anima»[19].

Affatto toccati! Wolfe non ci ha messo in lista Mussolini. Gli avremmo detto che era un idealista illuso, o auto-suggestionato, di seguire il materialismo rivoluzionario. Un idealista non è né un marxista radicale né un marxista riformista. È solo uno fuori della nostra via. Storicamente Gramsci ci aiutò a cacciare, con mille ragioni, Turati. Teoricamente però, ed è sempre un male quando lo si tace, ortodossia ne aveva meno Gramsci che Turati.

Gli indirizzi interessano: le persone e i loro nomi aiutano solo ad una mnemonica didattica; forse sarà anche un poco colpa nostra se se ne fa indigestione. Abbiamo voluto fare la storia della lotta tra difesismo e disfattismo. Essa era indispensabile per passare all’altra antitesi tra «unicostruzionismo» e… comunismo. Social-sciovinismo e cominformismo non sono una lettura della teoria comunista; ne sono alcune delle tante vie di abbandono. Pessimo viaggio, messeri.

Comunque, quello che non è destro né sinistro è il metodo storico del Cremlino, storicismo reclamistico. Tutto il partito bolscevico fu in blocco contro la guerra. Mentre di fatto il processo dei deputati alla Duma, arrestati con Kamenev andò male, e si fecero dichiarazioni equivoche, suscitando l’ira dei valorosi compagni Spandarian e Sverdlov (morti entrambi senza essere tocchi da diffamazione, e senza disonorarsi) la Storia bolla a fuoco il solo Kamenev. Kamenev infatti dirigeva il gruppo della Duma, e non evitò che questo il 25 luglio presentasse con i menscevichi una dichiarazione incerta, che parlava di difendere il popolo contro ogni oppressione interna ed esterna. Lenin non lo seppe: ma era ben chiara la gravità, immensamente maggiore, di ogni atto di solidarietà anche vaga con la difesa bellica nella Russia autocratica, rispetto ai paesi occidentali.

Il fatto storico, tuttavia, che tutti i partiti borghesi e piccolo-borghesi danno tregua allo zar appena egli scende in guerra, non è che altra prova della costruzione storica di Lenin: è il solo proletariato che potrà in Russia rovesciare lo zarismo e il feudalismo, fare lui quella non sua rivoluzione. Nel febbraio 1915 la Duma accoglieva l’ukase di scioglimento a lunga data con urrà alla vittoria delle armi imperiali!

25 – Prime vicende della guerra

I capi capitalisti delle nazioni democratiche si tenevano sicuri che il rullo compressore moscovita, tante volte giunto sotto le mura delle città di occidente a stroncare le rivoluzioni, si sarebbe mosso inesorabile allentando la morsa delle armate tedesche che scendevano verso Parigi. Ma quella macchina militare non si provava da molti decenni sui campi di occidente, la tecnica moderna aveva trasformato la guerra e i suoi mezzi, le grandi riserve di uomini, le masse di cavalieri non contavano più, e i prestiti dei banchieri francesi e di altre nazioni erano stati consumati allegramente ma senza grandi risultati nel senso del moderno armamento.

I germanici staccarono pochi corpi dal fronte ovest per riportarli, col loro solito vantaggio delle linee interne, verso la Prussia orientale, ma prima che giungessero sul fronte russo già l’armata di Samsonov era stata schiacciata con perdite colossali dalla manovra geniale di Hindenburg ai laghi Masuri, e dalla superiore organizzazione bellica tedesca. Borghesi di Francia e di Russia si scambiarono tuttavia complimenti per questo alleggerimento della pressione su Parigi, analogo del resto a quello ottenuto dai russi di Stalingrado coi grandi massacri della seconda guerra mondiale.

I vecchi ricordano una vignetta di Scalarini sull’«Avanti!»: le grinfie di Nicola tese su Berlino, quelle di Guglielmone su Parigi. I Masuri e la Marna capovolsero tutto.

Mentre in Russia si spegneva l’onda di entusiasmo, che nelle città aveva visto gli studenti, e alcuni popolani degli strati rivoluzionari del 1905, inneggiare alla guerra e inginocchiarsi cantando inni zaristi, i generali tentarono una riscossa nel Caucaso, ributtando i turchi, e nella Galizia, sfondando il fronte austro-ungarico in agosto fino a Leopoli, nella primavera fino alla fortezza di Przemysl, chiave dei Carpazi. Ma una travolgente controffensiva su tutto il fronte austro-tedesco raggiunse nell’estate del 1915 Riga e Varsavia.

La disorganizzazione militare, civile, amministrativa, economica guadagnava tutta la Russia in modo pauroso: caro viveri nelle campagne, crisi dell’industria, minacciosa paralisi dei trasporti, dissesto estremo delle finanze statali. La preoccupazione cominciò a guadagnare gli alleati di occidente.

Nel corso dell’anno 1916 quello che resta di potenziale russo, sulle richieste degli alleati che aiutano con denaro e rifornimenti, è impegnato ad offensive inutili o di breve successo dirette ad alleggerire la pressione degli austro-tedeschi sul fronte occidentale. Mosca non detta più la sua volontà gettando sulla bilancia la massiccia spada di un tempo, ma serve di cuscinetto quando ciò piace al moderno dispotismo del grande capitale.

26 – La guerra si addice alla democrazia

Le lezioni della prima grande guerra universale cominciano ad essere imponenti, e tuttavia tutto un ciclo dovrà passare e una nuova grande guerra sopraggiungere e travolgere i continenti, senza che gli inganni delle superstizioni opportuniste possano essere evitati. Il binomio caro alla banale retorica borghese, che associa dispotismo e potenza guerriera, autocrazia ed invincibilità, dipinge i moderni stati liberali del capitalismo come pacifici e disarmati, come inadatti alla guerra ad oltranza, trova una smentita clamorosa nell’andamento del primo conflitto. Francia, Inghilterra, la stessa Italia, e poi l’intervenuta America, paesi di vantata libertà e di governo parlamentare, traversano la guerra praticamente intatti, e con vantaggi e conquiste. Prima a cedere sarà la Russia, e la seguiranno le «feudali» Germania, Austria, Turchia, sebbene assai più della prima abbiano adottata la tecnica moderna industriale ai fini bellici. Napoleone non fu invincibile perché despota, ma perché muoveva sullo slancio della rivoluzione democratica che prima creò il cittadino soldato; perché manovrava l’esercito della Convenzione del 1793 che prima istituì la coscrizione militare per la difesa, allora coerente, della rivoluzione e della patria.

Restava quindi stritolata una menzogna, che purtroppo ha dopo riguadagnato immenso terreno, ossia che per arrestare il militarismo conviene esaltare la democrazia. Le due cose vanno insieme, come Atene e Roma avevano già dimostrato (erano società schiaviste, ma allo schiavo era negato portare le armi).

Sebbene tratto da una pubblicazione di propaganda, è interessante lo specchio degli effetti della guerra 1914–1918 sulla «ricchezza nazionale» dei paesi coinvolti. La Russia scesa al 40 % rispetto al 1913, l’Austria al 59 %, la Germania al 67 %, la Francia al 69 %, l’Inghilterra all’85 %: Giappone ed America videro la ricchezza nazionale aumentare! Le perdite nel cambio rispetto al dollaro in percentuali erano nel 1918: Giappone guadagno di 1, Inghilterra perdita di 2, Francia di 12, Italia di 20, Germania di 23, Austria di 33, Russia di 40!

Conviene dunque non già dire: la democrazia non è militarista, ma all’opposto: più democrazia, più militarismo, più potenziale bellico[20].

Doveva allora presentarsi da sé la conclusione: la Russia non è più il fattore militare decisivo in Europa. Che fare per farla divenire più guerresca? Democraticizzarla!

Abbiamo forse diminuito Lenin quando abbiamo constatato che lavorò tutto un periodo storico a far sorgere in Russia la «democrazia»? I giudicatori affrettati si pongano questo confronto: capitalisti di occidente e di Russia lottano per la democrazia per renderla più potente in guerra, e per la vittoria – Lenin e i comunisti lottano perché questo trapasso storico si compia, ma il loro traguardo è la disfatta. A chi la storia dette ragione?

27 – L’impero scricchiola

Col succedersi dei rovesci delle armate russe si sviluppa tutto un movimento di intrighi nelle sfere dirigenti interne e nella diplomazia: il malcontento per i gravi errori e il disordine amministrativo guadagnano sempre nuovi strati: soprattutto questi ambienti prevedono che l’estrema corruzione del regime zarista e la spinta depressione economica solleveranno inevitabilmente le masse che hanno cominciato a manifestare la loro intolleranza, non solo per il modo con cui la guerra viene condotta, ma contro la guerra stessa e per la sua cessazione.

La borghesia industriale cui la guerra ha dato maggiore importanza chiede un nuovo governo non dominato dalle cricche di corte e dalla nobiltà terriera. I partiti parlamentari dei liberali e dei cadetti che avevano ostentato solidarietà col governo vanno agitandosi. Il loro capo Miljukov pronunzia un roboante discorso dal tema: Stupidità o tradimento?

Mentre la corruzione della Corte Imperiale era dimostrata dai famosi episodi di fanatismo per il monaco Rasputin con le ben note influenze della zarina sull’imbelle zar, capitalisti russi e diplomatici stranieri ebbero sentore di una tendenza delle forze reazionarie a stipulare coi tedeschi una pace separata. Da ogni lato si decise di rompere gli indugi, mentre le masse dal canto loro e gli stessi soldati al fronte sempre più frequentemente si sollevavano.

Dalle sponde più opposte si concorda nel parere che, riuscita senza effetto una serie di passi e di incontri internazionali, le ambasciate di Francia e di Inghilterra brigarono segretamente per l’avvento di un nuovo governo borghese democratico e per la deposizione, se non della dinastia, dello zar Nicola.

La sostituzione di Sazonov, ministro degli esteri legato agli occidentali, con elementi di estrema destra, rese la situazione ancora più tesa.

Il 15 dicembre 1916 Rasputin venne assassinato da una congiura di palazzo di aristocratici che volevano scongiurare la rovina del regime.

Prendeva sempre più forma al principio del 1917 la preparazione di un colpo di Stato della nobiltà e dell’alta borghesia per deporre Nicola, nominare zar il figlio ammalato Alessio, ed assumere il potere cui si pensava designare il principe Lvov. Sembra che l’ambasciatore inglese Buchanan seguisse tale movimento. Ma l’azione popolare ruppe gli indugi ed i vari partiti della sinistra parlamentare furono forzati ad accelerare i tempi: lo fecero in verità con assoluto successo costituendo un potere tutto controllato dalla borghesia, mentre i partiti piccolo-borghesi e i social-difesisti tenevano a bada magnificamente le forze del proletariato.

28 – Rivoluzione guerrafondaia

Se è vero che solo i bolscevichi lavorarono in profondità nelle masse per provocare la caduta del governo, sollevarono operai, soldati, marinai, perfino le donne delle «code» per i viveri, condussero gli scioperi generali e furono alla testa della folla in non poche cruente battaglie con la polizia, altrettanto vero è che si fecero giocare e non seppero essere coerenti allo «schema» rivoluzionario di Lenin.

La consegna doveva essere, come ricordiamo dalle lunghe analisi degli scritti di Lenin dal 1905 (riunione di Bologna): azione di piazza e non accordi di partiti parlamentari – rovesciamento della dinastia e non governo costituzionale; repubblica – dittatura democratica del proletariato e dei contadini, ossia nessun accordo con partiti di sinistra che a loro volta facciano accordi con la borghesia.

Questa fase storica nel concetto di Lenin era sempre una rivoluzione borghese nelle mani del proletariato e dei contadini.

Il febbraio 1917 non fu questo; fu invece una fase precedente, estremamente labile, resa possibile solo dalla situazione di guerra e dalle forze estere. Basta riflettere che i proletari (bolscevichi) e i contadini poveri (S.r. di sinistra) restarono all’opposizione; e a un dato momento fuori legge.

L’ottobre 1917, che esaminiamo in seguito, fu la fase Leniniana, in senso immediato (e fu anche di più, come ripeteremo), ossia la rivoluzione democratica in mano al proletariato.

Il febbraio si definisce subito: rivoluzione democratica e borghese in mano ai borghesi.

Lo schema dei fatti è noto (in date del calendario nostro, coi 13 giorni in più, sicché oltre febbraio).

10 marzo. Sciopero generale di Pietrogrado; lotta nelle vie.

11. Lo zar discioglie la Duma. I deputati restano nella capitale per respingere l’ordine e formare il governo provvisorio.

12 marzo. Sorgono sia il Comitato provvisorio della Duma che il Soviet dei delegati dei lavoratori di Pietrogrado (che classicamente dovrebbe prendere, nella visione marxista, il potere totale nazionale).

13 marzo. Arresto dei ministri dello zar.

14 marzo. Soviet a Mosca. Delegati dei soldati in quello pietrogradese.

L’esercito mandato contro i lavoratori spara sulla polizia.

15 marzo. La borghesia segna un bel punto. Il Comitato provvisorio della Duma forma il governo provvisorio. Lvov, costituzionale, primo ministro – Miljukov, capo dei cadetti, Esteri – Kerenski, socialrivoluzionario-populista, Giustizia, eccetera.

Nicola II abdica in favore del fratello Michele.

16 marzo. Michele abdica e si rimette alla Costituente futura.

18 marzo. Il Soviet di Pietrogrado, come quello di Mosca, è in grande maggioranza nelle mani dei menscevichi e dei socialisti rivoluzionari. Esso praticamente consegna il potere al governo provvisorio formato dai partiti borghesi, nel quale il verboso e traditore Kerenski recita la parte di rappresentante della sinistra e degli operai socialisti. I bolscevichi reagiscono con un manifesto che, e questa volta non si può dare ragione né agli stalinisti, né allo stesso Trotsky, non sconfessa il governo provvisorio borghese, ma pone delle rivendicazioni che lo stesso debba attuare: sia pure opponendo la conclusione della pace al rinfocolamento della guerra.

Più tardi menscevichi e socialisti rivoluzionari entravano a far parte del governo: i bolscevichi prendevano una posizione non chiara, la «Pravda» pubblicava articoli di Kamenev che provocheranno poi l’indignazione di Lenin: in sostanza non solo essi non definivano controrivoluzionario il governo Lvov ma gli offrivano un appoggio, sia pure condizionato.

La borghesia, dopo aver fatto rovesciare la forza zarista dal proletariato insorto, aveva guadagnato la partita del potere, al cento per cento.

Ciò si doveva unicamente all’opera e alla funzione storica dei partiti piccolo-borghesi ed opportunisti, come lo «schema di Lenin» tracciato in un lungo corso aveva perfettamente considerato.

29 – La rotta smarrita

Era ben chiaro che tutta l’ala destra e a meglio dire la quasi totalità del governo provvisorio era formata da fautori della guerra ed amici degli alleati occidentali: erano stati indotti a rovesciare il governo dello zar, cui nel 1914 avevano offerto piena solidarietà nazionale, per il solo motivo che si era reso sospetto di disfattismo filo-tedesco sabotando tutto il potenziale del paese, ed ora era logico che orientassero ogni sforzo verso la ripresa delle ostilità al fronte.

Non meno logico era che quella parte dei partiti proletari, che si era manifestata nel 1915 bassamente «difesista», appoggiasse la stessa politica e plaudisse alla guerra, che aveva ormai acquistato una verginità democratica.

Quegli elementi di tali partiti che erano stati, se non disfattisti, almeno oppositori della guerra, passando alla politica della continuazione della guerra e della difesa della Russia liberata mostrarono come nulla avessero di comune con la condanna della guerra imperialista «da qualunque parte», e come solo ragioni borghesi e non marxiste li avessero trattenuti dal marciare con la guerra, fino a che la dirigeva lo zar.

Ma fu forse perfettamente chiara la posizione di tutti i bolscevichi in questa storica alternativa? Che cosa è mutato? Deve continuare il disfattismo, o bisogna passare ad altra fase perché si possiede ora una «patria democratica»? Purtroppo si fu molto lontani dalla scelta sicura.

Ma, prima ancora della questione della guerra, il periodo di euforia, nel quale ad esempio si incontrarono i reduci dalla deportazione in Siberia, come il taciturno Stalin, l’eloquentissimo Sverdlov, e tanti altri, e di fraternizzazione retorica tra populisti, trudovichi, socialrivoluzionari, menscevichi, bolscevichi, mostra come l’evoluzione teoretica del movimento non era all’altezza dei poderosi tracciati dell’opera Leniniana e delle battaglie dei congressi.

Al tempo delle «due tattiche» e di tante altre polemiche acute, Lenin aveva bene inchiodato non solo tutte le specie di populisti, ma i menscevichi ancora, alla fatalità del loro avvenire controrivoluzionario.

I menscevichi si erano atteggiati ad intransigenti, col dire: Il proletariato non può pretendere il potere nella rivoluzione russa; è la borghesia che deve assumerlo: noi allora non governeremo, al più «controlleremo» (a tale parola Lenin diveniva una belva) il potere democratico.

Ostentavano di considerare opportunista Lenin che crudamente diceva: Dovremo noi prendere il potere di un governo provvisorio nella rivoluzione borghese democratica a condizione che non si dia alcuna briciola ai partiti borghesi. E che non si parli più di monarchia, inoltre.

La disputa, a malgrado delle potenti menzogne diffuse stalinisticamente, non fu mai questa: Dobbiamo prenderlo noi per costruire la Russia socialista. Era chiaro che avversari della forza di un Plechanov avrebbero subito risposto: Ma se si tratta di questo obiettivo storico, siamo per il potere anche noi.

Lenin – è bene sempre ribadire – disse che si doveva prendere il potere perché non esistevano altre vie storiche per evitar che vincesse la controrivoluzione. Evidentemente in senso potenziale questo discende dalla necessità di avanzare storicamente verso il socialismo, la rivoluzione socialista mondiale e russa, ma è sempre detto in senso potenziale e non come contenuto immediato ed attuale della lotta storica.

Trotsky stesso non si era fino ad allora orientato. Quando Lenin dimostrava il destrismo dei menscevichi, lui concordava. Ma, quando i menscevichi con poderosa ipocrisia attaccavano un Lenin che faceva lottare il proletariato per troppo poco, Trotsky che come ardente militante non sognava che la lotta, restava perplesso: in ritardo capì la potenza dialettica della costruzione di Lenin. Ma la capì sul serio. Comunque lo adopereremo come ineccepibile testimonio che Lenin questo voleva: la rivoluzione democratica borghese, purché non fosse l’aborto e la parodia di una rivoluzione demo-borghese. Da determinista fuso nell’acciaio, lo faceva ridere un’accusa di aver voluto troppo poco. In realtà egli aveva dato un esempio, direbbero gli anglosassoni, terribile di come si riesce a scrivere la storia che deve venire.

Orbene, nel momento che i menscevichi si smascherano da sé, e pur dichiarando che si tratta solo di libertà, di democrazia e di guerra democratica, non mai di socialismo immediato, entrano nel governo borghese, ogni animale di sangue bolscevico avrebbe dovuto saltare loro alla strozza e dichiarare guerra senza quartiere. Non fecero questo né KamenevSverdlovStalin né altri. Indipendentemente dal quesito sulla guerra – che da due anni e più sapevano già risolto da Lenin e dal marxismo incorrotto – essi mancarono al loro dovere verso un partito che così scultoreamente aveva disegnato i suoi compiti per le ore che sul quadrante storico erano gloriosamente suonate.

Deficienza dunque di quel gruppo, che pure aveva benemerenze incredibili di lotta insurrezionale, di fronte al problema del rapporto tra le classi sociali e i partiti politici della Russia. Grave che un partito manchi all’azione, quando ha così brillantemente enucleata la dottrina storica.

30 – Trovata una patria?

Ciò fu dovuto anche alla situazione di guerra. Indiscutibile. Ma all’errore rispetto alla dinamica interna corrispose simile errore rispetto alla dinamica delle forze internazionali, del conflitto imperialista mondiale.

I più brutti momenti per la… buonanima di Carlo Marx, se segue le cose dall’altro mondo (per noi materialisti le segue, sì, ma dal luogo-tempo di quando era vivo, e c’è Vladimiro – oh, ridete pure – ad urlare quello che lui avrebbe urlato) sono quelli in cui vede che, dopo aver tanto spiegato come la dialettica sbroglia la storia, i «marxisti» mostrano che stanno a zero, mentre i loro avversari mostrano di sapere a menadito la lezione.

Il gruppo di partiti borghesi che nell’anteguerra, come attraverso Lenin si è così bene seguito, erano ben decisi a non scatenare mai l’attacco al governo feudale e ad evitare il passo scabroso del governo transitorio «illegale», sono usciti da tanto saggia determinazione per il solo motivo che la guerra perduta sarebbe stata una rovina per alti interessi capitalistici russi e internazionali, e avrebbe certamente provocato violenti movimenti a carico delle classi possidenti in una acuta guerra civile. Seguirono quindi la via che poteva evitare complicazioni di questo genere, la via della disfatta tedesca nella guerra mondiale. Oltre tutto, questo era coerente all’esigenza prettamente borghese della esaltazione dei valori nazionali interni, come in ogni altra rivoluzione ottocentesca borghese. Se quindi si procedeva nella direzione della disfatta tedesca, ossia della vittoria degli imperialisti occidentali soci in importanti affari, è chiaro che dalla rivoluzione antizarista non doveva uscire la fine della guerra, ma la ripresa di essa con virulenza massima ed «entusiasmo nazionale», il superamento del disfattismo tramato dalle zarine isteriche e dai Rasputin nodosi.

Il governo provvisorio si ingaggiò su tale via senza esitare. Chi avrebbe potuto attraversarla? Il Soviet, col suo potere dualista. Ma che dualismo di poteri! Il potere non si spartisce, come le borghesie di occidente non lo avevano spartito coi deputati dei partiti operai votanti i crediti o entrati nei ministeri: si era a questi sporcaccioni passata una livrea, non altro. E così fu praticato coi Čcheidze e i Tsereteli, coi Martov e i Černov.

Ci voleva dunque tanto, si doveva proprio aprire il testo di Lenin, o sentire riecheggiare nella testa l’eco dei suoi duri, scabrosi discorsi in dieci congressi e conferenze, per trovare la strada, anche senza aver letto le tesi, gli articoli, gli opuscoli dettati dopo il vergognoso 1914 della II Internazionale?

E se i socialisti belgi e francesi erano stati inchiodati alla gogna, qual dubbio che allo stesso titolo avrebbero dovuto esserlo i russi che avessero data solidarietà nazionale ad una repubblica postzarista, anche di valore superiore a quei tre soldi?

Esitare su questo voleva dire essere soggetti a ideologia puramente borghese e nazionalista, fare paragoni con la difesa della patria da parte della Convenzione e coll’epopea delle Termopili di Francia, non avere capito un cristo di tutto Marx, dell’imperialismo di Lenin, della distinzione marx-leniniana tra guerre di difesa rivoluzionaria e la contemporanea, esecrata e svergognata guerra dei poteri imperialisti, che per aver perduto i Románov non puteva certo di meno, né per avere acquistato la faccia cachettica di Woodrow Wilson.

Sono proprio questi infatti gli argomenti con i quali volevano scantonare i riformisti d’Italia in quel 1917, oltre la frana a Caporetto; e più volte ricordammo le mal sudate camicie per tenerli fermi.

Questi dunque i ferratissimi bolscevichi, fedelissimi al partito, insanguinati nelle vene del suo rosso sangue rivoluzionario? Evvia!

31 – Vladimiro alza lo staffile

Raccontare ancora una volta il viaggio di Lenin dalla Svizzera in Russia, il suo arrivo trionfale? Non ne sarebbe il caso, eppure bisognerebbe rifarlo, perché gli eventi sono tanto luminosi, ed è tanto grande il pericolo che il facile sentimentalismo, o il suo degno alleato, il misero scetticismo furbo, concluda: Nulla da dire; sta tutto in un uomo solo, in una sola testa, e i grandi movimenti della storia erompono soltanto quando questa ha tirato a sorte, fra tanti imbecilli che gli uteri scaricano, quel tipo «che ha sempre ragione».

Lenin parte con notizie monche, ma nel viaggio, e soprattutto dopo aver varcato la frontiera, anzi il fronte, gli vengono incontro: ha tra mani numeri della «Pravda» redatta da Stalin e Kamenev, che mostra inferocito ai compagni di viaggio, forse atterriti che li faccia a pezzi.

Racconta Trotsky che Kamenev, uno dei devotissimi di Lenin al punto di mimetizzarne anche gli atti e la grafia – uomo da non minimizzare certo – gli va incontro, ma si vede malmenato. Si era alla stazione alla frontiera finlandese. Racconta Raskolnikov, altro teste sicuro. Lenin entra e siede sul divano:
«Che cosa avete scritto sulla Pravda?! [avrà usato il termine che equivale a che e.…]. Ci siamo molto arrabbiati con voi!».
Da quel momento chi viene a tiro subisce analoga accoglienza, fino al famosissimo discorso alla folla, dal carro armato.

Metteremo nella dovuta luce l’abisso che si poneva tra la mentalità dei compagni che erano stati in Russia e la costruzione di Lenin. Mettiamo in luce, per smontare un aspetto della teoria della ipnotizzazione della massa, anzitutto che un immenso vantaggio è quello di guardare queste grandissime cose da distanza di spazio (e di tempo, anche). Lenin scende alla stazione di Pietrogrado. Non si guarda nemmeno attorno, nessun imbecille osa dirgli: rendetevi prima edotto. Si vede venire incontro ossequiosi e falsi i rappresentanti del «governo» nel salone imperiale della grande stazione, ode Čcheidze che gli rivolge un discorso di benvenuto, offrendogli l’unità coi menscevichi nella «democrazia rivoluzionaria». Nella riunione di partito, pochi giorni prima, Stalin aveva mostrato – come diremo – di essere propenso ad accogliere una simile iniziativa di Tsereteli.

Lenin non rispose neppure no, ma volse risoluto alla delegazione ufficiale il deretano (le spalle sarebbe stato onor troppo grande), varcò la soglia della stazione, entrò tra le acclamazioni nella piazza, lo issarono sull’autoblinda. Non esiste forse il testo del discorso. Ognuno lo riferisce a brani:…Saluto in voi l’avanguardia dell’esercito proletario mondiale… questa guerra di brigantaggio imperialista è l’inizio della guerra civile in tutta Europa… l’alba della rivoluzione socialista mondiale è già sorta… ogni giorno, domani forse, può l’imperialismo capitalista crollare definitivamente… La Rivoluzione fatta da voi ha segnato il principio, una nuova epoca si è aperta: Viva la Rivoluzione Socialista Mondiale!

Quel discorso, e le successive manifestazioni di Lenin alla sede del partito e nella conferenza del dì seguente, su cui siamo bene documentati dalle celebri «Tesi di aprile», non lasciarono solo di stucco i pretesi «capi della Rivoluzione» ma, giusta tutte le testimonianze, fecero «girare la testa» ai migliori operai e capi intellettuali bolscevichi. Nulla restò, dopo la travolgente critica, della tattica fino a quel momento seguita: le nuove proposte caddero con fragore di fulmine sulla attonita udienza che si senti mancare il terreno sotto i piedi. Chi ha udito parlare Lenin, senza enfasi oratoria alcuna, e tanto più chi non ha esitato a contraddirlo, può dire come quanto egli esponeva apparisse evidente e conseguenziale per tutti, e anche per chi mai lo avesse sentito. I poco provati in dialettica marxista erano sempre i più attoniti. Quello che dice è impossibile! Ma è così chiaro e provato che non vi è sillaba da ribattere…

32 – Il pazzo di aprile

Ai resoconti di stampa del discorso del 3 aprile fece seguito il generale sbalordimento: ma non fu solo degli avversari, bensì dei quadri del partito bolscevico; e questo seguitò quando alla riunione indetta per il 4 successivo Lenin fece una più ampia esposizione, disinteressandosi del tutto dei temi e delle soluzioni che erano state predisposte, e seduta stante buttò giù le notissime Tesi, sulle quali lo stalinismo ha tentato una falsificazione gigante, mentre gli stessi trotzkisti sbagliano l’impostazione sostenendo che con esse Lenin rivoluzionava la «vecchia» tattica bolscevica del 1905. E giusto invece che Lenin riporta a Mosca il tema delle «Due tattiche» senza nulla mutarvi, solo che Trotsky finalmente ne afferra la potenza rivoluzionaria (al suo di poco tardato arrivo): il falso è questo, che non si tratta affatto di passare dalla rivoluzione borghese alla «trasformazione socialista» bensì esattamente di passare dalla «tattica menscevica nella rivoluzione democratica» alla «tattica rivoluzionaria» e comunista sempre nella rivoluzione democratica.

Questa dimostrazione viene data in modo cristallino dal testo delle tesi del 4 e dai rapporti di Lenin alla conferenza del 24 e seguenti, in cui come vedremo Lenin dice ad ogni passo:
«non si tratta ancora di instaurare il socialismo»,
bensì di non comportarsi da opportunisti nella rivoluzione borghese.

Per ora tuttavia fermiamoci sulle testimonianze dello sbalordimento, che, se vi fosse stato davvero un partito marxista funzionante come dovrebbe, sarebbe stato sostituito dalla semplice constatazione: Dice quello che ha detto per vent’anni, e noi eravamo sciocchi ad avere imboccato una via diversa, con la solita ubbia che l’esigeva una situazione nuova, inattesa.

Gli avversari nemmeno avrebbero dovuto stupire: le loro frasi esprimevano solo il fiero disappunto che il laccio sottile teso nel seno dei Soviet alla frazione bolscevica fosse stato di un solo colpo tagliato.

Plechanov, che come teorico avrebbe dovuto ritrovare il Lenin di quando egli stesso era con lui, da buon rinnegato finge di sentire quelle cose la prima volta. Fa come i togliattiani italici che a qualche vecchio compagno indignato rispondono: Possibile che veniate ancora con le vecchie storie del 1921? Le sue frasi sono del genere: Questo discorso è una farsa-sogno, è il delirio di un pazzo. I menscevichi, fatto il segno della croce, scoprono che Lenin «incita alla guerra civile»! Čcheidze è poi formidabile: Lenin resterà fuori della rivoluzione, mentre noi proseguiremo nel nostro cammino. Profeti di forza! Tsereteli afferma che se avessero preso il potere avrebbero rovinato tutto e sfasciata, guarda un poco, l’Internazionale proletaria!

Questa gente aveva già sprizzata la sua bava per il passaggio dato dai tedeschi, poi era corsa per vedere se dopo tanti anni Lenin tendeva loro una mano su cui si sarebbero gettati lacrimando di commozione; schifati, ripresero a gettare veleno: tutto questo è classico, si sa bene, né occorre oltre trattarne. Ma quello che è importante è lo smarrimento dei compagni anche di prima linea, totalmente ignorato nella Storia ufficiale, che al solito lancia solo fango su Kamenev, Rykov, Bucharin ed altri, dalla piattaforma dei patiboli di venti anni dopo. Sentiamo le testimonianze raccolte da Trotsky.
«Tutti – egli dice – erano troppo storditi per fare discussioni. Nessuno osava esporsi ai colpi di questo leader disperato»
(qui un po’ di bella letteratura: un leader non disperato, ma arrabbiato, per non usare participio più forte, tuttavia in sicura marcia dottrinale tra il passato e il futuro evidenti, in quello svolto particolarmente fecondo, uno dei pochissimi in cui avviene l’azione catalitica di quel corpuscolo che è il «capo» su una intera collettività). Segue Trotsky:
«taluno sussurrava che Ilijc era rimasto troppo a lungo all’estero, che aveva perduto contatto con la Russia, che non capiva la situazione, e, peggio di tutto, che era risalito al ‹trotzkismo›»[21].
Qui pecca il gran Leone non di vanità, che non era da par suo, ma di ingenuità generosa: era Trotsky che finalmente trovava Lenin, non il contrario. Trotsky col suo sguardo d’aquila non vide quella scena, ma sapeva che gli azzurri e ultrapenetranti occhi di Lenin in quel momento, anche fiammeggiando, sembravano dire tranquillamente: Non solo è così e così, ma dovete riconoscere che lo sa ogni fedele minchione. Nessuno si sente girare la testa solo perché si raccontano cose mai udite, ma solo quando ha la sensazione:
«è impossibile che non si dicesse così fin dal primo momento: come abbiamo potuto pensarla altrimenti? Lo sapevamo persino a memoria!».

33 – Brividi della risciacquata

Alcuni altri riferimenti su questa operazione sensazionale di lavaggio di cervelli, operazione che non è dato fare a sbirri feroci o a maghi freudiani, ma che è effetto di materiali forze in certi culminanti crisi storiche che il mito, non costruttore di sogni né di farse, ma interprete faticoso di fatti palpabili, soleva esprimere con le parole sacre: Egli è il Verbo: ha parlato, e la luce è entrata in noi! (ah, materialista Plechanov, dove eri mai caduto!), son questi.

Quando Lenin disse: propongo di mutare il nome del partito in comunista, non aderì nemmeno Zinoviev, che aveva viaggiato con lui! Il bolscevico Angarski scrisse:
«Bisogna confessare che molti fra i vecchi bolscevichi rimasero attaccati alle opinioni vecchio-bolsceviche sulla questione del carattere della rivoluzione del 1917 e che la rinunzia a queste vedute non fu priva di difficoltà».
E Trotsky scrive:
«in realtà non si trattava di molti vecchi bolscevichi ma di tutti, senza eccezione».
Ebbene no, Angarski, no, Trotsky: può darsi che si trattasse di tutti (sebbene sia da credere, pur mancando di altre fonti ricostruttive, che, mettiamo, una Krupskaja, o chi so altro, non abbia battuto ciglio) ma il fatto è che si trattava di rivendicare le «vecchie tesi del 1905» tali e quali, formula a formula. Sono queste coincidenze, e non la potenza di un cervello umano, per quanta luce ne sgorghi, che si legano alle forze del sottosuolo storico capaci di sommuovere un’epoca intera.

Ma un lavoratore degli Urali, Markov, «che la rivoluzione aveva trovato davanti al proprio tornio», disse le parole teoricamente tutte giuste, spontanee:
«I nostri capi tentennarono fino all’arrivo di Vladimiro Ilijc. La posizione del partito cominciò a divenire chiara solo con l’apparire delle sue famose Tesi».

Bucharin, troppo facile ad impennate, ricordò dopo la morte di Lenin che una parte del partito considerò le tesi come un tradimento dell’ideologia marxista! Ludmilla Stahl lasciò scritto:
«I nostri compagni si accontentavano di una semplice preparazione dell’Assemblea costituente attraverso i metodi parlamentari, e non consideravano nemmeno la possibilità di andare oltre. Accettando la parola di Lenin noi faremo quello che la vita stessa ci spinge a fare».
Benissimo. Ma mostreremo che quella parola, che condannava l’assemblea costituente a suffragio universale nella borghese rivoluzione russa, era dal 1905 già stampata.

34 – Prova monosillaba: da

Poiché nel gran lavoro fatto da un organamento mondiale elefantiaco si è tanto operato ad inventare che solo Stalin si pose subito sulla linea di Aprile (mentre la «Pravda» fatta da lui e Kamenev stampò che quelle di Lenin erano, ahimè misero, solo personali opinioni) citiamo un ultimo teste non trotzkista.

Non è la prima volta che lo si riferisce, ma è utile e calzante al tema. All’esecutivo allargato del Comintern del febbraio-marzo 1926, in una riunione sulla questione russa (stava nascendo l’opposizione Trotsky-Zinoviev-Kamenev), il cui dibattito si impedì di portare all’adunanza plenaria sotto motivo che tanto aveva chiesto la stessa opposizione pur di non essere più gravemente chàtiée, un delegato della sinistra del partito italiano chiese a Stalin se fosse vero che nella riunione del 1917, a proposito della politica da tenere nella guerra, Lenin aveva compreso anche lui, Stalin, tra quelli cui indirizzò epiteti del tipo «sciovinista russo», «nazionalista cosacco» e simili. Mentre la giovane interprete imbarazzata taceva, Stalin dette l’ordine di tradurgli il quesito, alzò la testa e disse nettamente: da – sì, è vero[22].

Una volta (anzi in quello stesso esecutivo) Stalin nell’attaccare i sinistri fece una triplice distinzione: quando è la compagna X che parla, si tratta sempre di una menzogna, quando è il compagno Y, talvolta è verità, talvolta bugia – quando è il compagno Z (quel delegato italiano) si tratta sempre della verità, anche se nelle conclusioni ha torto.

Il teste che abbiamo citato è lui stesso, tramite quegli che a suo dire (vedi resoconto stampato a Mosca)[23] non disse falsa testimonianza mai. Gli sia ricambiato l’onore: monosillabicamente sia pure, egli nemmeno volle mentire.

Questo non basterebbe a condannare nessuno, se anche Cristo dovette dire a Pietro, primo luogotenente: Non avrà cantato il gallo, che già tre volte tu mi avrai rinnegato.

A noi materialisti non può venir detto: Tu sarai meco in Paradiso! La storia, e la sua teoria, sovrastano tutti noi, piccoli e grandi, famosi ed oscuri. E solo la sua via noi seguiamo.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (V)

35 – Capisaldi di aprile

Indubbiamente l’arrivo di Lenin in Russia e le «Tesi di Aprile», che seguirono nelle ventiquattro ore, costituiscono storicamente uno svolto, una tappa fondamentale. Ma questo non si deve capire nel senso che esse lanciano al mondo una nuova parola, una nuova versione della dinamica rivoluzionaria, e che da quel momento, come scrivemmo tanto tempo fa in questi testi, sia stata mutata la visione del processo rivoluzionario socialista. La versione banale è che, come da una cattedra, per tutto il proletariato mondiale sia stato cambiato il programma di insegnamento. Non più lotta, vittoria e potere del proletariato salariato, quale piattaforma della distruzione del capitalismo e della liberazione delle forze produttive tese verso il loro ordinamento comunistico; ma lotta, vittoria e stato di popolo, di proletari e semi-proletari, di operai e di contadini proprietari: questa è l’interpretazione banale e pedestre, e questa lezione dovrebbe poi essere afferrata dai proletari di occidente, dei paesi del capitalismo maturo e prossimo a putrefazione prima di essere posto a morte violenta!

Lo svolto non riguarda la via con la quale un paese capitalista soggiace al processo della rivoluzione socialista, ma quella di un paese di feudalismo putrefatto, nella rivoluzione borghese e popolare.

Quello di aprile è un potente colpo di barra alla nave bolscevica che stava cedendo alle ondate dell’opportunismo piccolo-borghese ed era uscita dalla rotta da seguire nella rivoluzione borghese, colpo di barra che esige nel timoniere forza di ercole ed occhi di aquila, ma non gli chiede di calcolare la nuova rotta incognita, bensì solo di obbedire e fare obbedire a quella segnata indelebilmente sulla carta di navigazione della storia.

Tutto quello che Lenin grida ed incide sulla carta di quelle storiche tesi è terribilmente contro quello che in Russia facevano, oltre ai partiti borghesi e piccolo-borghesi, anche quelli operai e lo stesso suo partito. Ma nello stesso tempo è ferocemente conforme a tutto quello che stava scritto, alla rotta data da Marx ed Engels nel 1848 e in cento svolti ribadita, e alla rotta tracciata da Lenin stesso dal 1900 in poi circa la Russia. I frettolosi che basiscono ogni volta che sentono parlare di una nuova, moderna direttiva, devono capire solo questo: noi difendiamo l’immutabilità della rotta, ma non la sua rettilineità. Essa è piena di difficili svolti. Ma non nascono nella testa e nel capriccio del capo, del leader, come dice Trotsky. Leader significa infatti guidatore. Il capo del partito non ha nelle mani un volante e davanti a sé l’arbitrio dell’angolazione dello sterzo, è il conducente di un treno o di un tranvai. La sua forza è che egli sa che il binario è determinato, ma non certo rettilineo ovunque, sa le stazioni dove passa e la meta dove conduce, le curve e le pendenze.

Non è certo solo a saperlo. Il tracciato storico appartiene non ad una testa pensante, ma ad una organizzazione che va oltre gli individui soprattutto nel tempo, fatta di storia vissuta e di dottrina (a voi la parola dura) codificata.

Se questo è smentito, siamo tutti fuori combattimento e nessun nuovo Lenin ci salverà mai. Andremo al macero stringendo i manifesti, i libri, le tesi in una non spartibile bancarotta.

Aprile dunque tratta una data e grandiosa situazione storica, che involge un anno cruciale e il fremere di centocinquanta milioni di uomini. Non la tratta come imprevista e nuova, e che imponga accostate di fortuna, ma la inchioda sulle linee deterministiche che la dottrina unitaria, e gittata di blocco, della storia e della rivoluzione, anzi delle rivoluzioni, ha scoperto. Le scoperte non evolvono o migliorano. Sono o non sono.

Perciò appare che Lenin giunga come quegli che dissolve e fracassa tutto. Distruggere è il mezzo solo marxista di condurre e di costruire. Per la melma borghese e piccolo borghese, come per tutte le classi che defungono, la sapienza è follia, la verità rivoluzionaria si tratta con la cicuta. Una volta almeno, agli scandalizzati benpensanti fu fatto ingozzare il contenuto del bicchiere. Sceso dalla macchina ferma, il meccanico rimosse l’ostacolo opportunista con pochi e tremendi colpi di scure. Il convoglio della storia proseguì inesorabile. Quella era la sola strada su cui poteva e doveva passare.

36 – Ributtare il difesismo!

1. (primo comma). Nel nostro atteggiamento verso la guerra, che da parte russa, sotto il nuovo governo Lvov e soci, rimane incontestabilmente una guerra imperialistica di brigantaggio, in forza del carattere capitalistico di questo governo, non è ammissibile la benché minima concessione al «difesismo rivoluzionario»[24].

Dopo quanto abbiamo ricordato reiteratamente non occorre glossa teorica. E chiaro che se la guerra era considerata imperialista dai marxisti anche per Inghilterra, Francia, Belgio, ecc., non si poteva nemmeno pensare che, imperialista sotto lo zar, cessasse di esserlo sotto un governo borghese democratico russo. Lo era anzi divenuta più squisitamente, perché quella forma di rivoluzione, che Lenin viene a disperdere, era un maggior legarsi agli interessi del grande capitale di occidente.

Interessa questo rilievo: i bolscevichi avevano fallito in dialettica rivoluzionaria. Non avevano capito che in Russia la democrazia si accettava, predicava e invocava come ponte inevitabile di passaggio, ma non come una situazione in cui l’opposizione tra Stato e proletariato dovesse allentarsi sol perché lo Stato passato alla borghesia avesse assunto forme parlamentari: essi esitavano a dare la parola disfattista nell’esercito combattente, solo perché a Mosca vi era Lvov e non Nicola. Colpo di ramazza.

1. (secondo comma). A una guerra rivoluzionaria che giusti fichi realmente il difesismo rivoluzionario, il proletariato cosciente può dare il suo consenso solo a queste condizioni:
a) passaggio del potere al proletariato e agli elementi poveri della campagna vicini al proletariato;
b) rinuncia effettiva e non verbale a qualsiasi annessione;
c) rottura completa ed effettiva con lutti gli interessi del capitale.

Qui deve notarsi anzitutto una formula non nuova affatto ma ben chiara, che sviluppa il classico concetto della dittatura di operai e contadini, circa gli «elementi poveri della campagna vicini al proletariato», da illustrarsi in seguito. Ma il rilievo importante è che, per rigore dottrinale non meno che per non bloccarsi in visibili situazioni ulteriori (che vedremo) Lenin, pur nell’urgenza enorme di reagire alla «simpatia per la guerra», che dopo febbraio minaccia di tutto rovinare, non usa la formula bruta che «siamo contro ogni guerra». E un fatto che qui l’estremismo semplicista è pronto a fare tutti e due gli errori: quello pacifista come quello militarista.

Altro evidente rilievo: la guerra russa nel 1939–45 non fu difesismo rivoluzionario, perché mancavano tutte le condizioni di Lenin: il potere non era più nelle mani dei proletari e dei contadini poveri – non vi era alcuna rinuncia all’annessione dopo la guerra, perché nella prima fase si sottomise la Polonia, nella seconda mezza Europa – non solo non vi era rottura con gli interessi del capitale, ma sfacciata alleanza, con quello tedesco per avere la Polonia, con quello anglo-americano per il resto.

37 – Il disfattismo prosegue

1. (comma terzo). Data l’innegabile buona fede di larghi strati di rappresentanti delle masse favorevoli al difesismo rivoluzionario, che accettano la guerra solo come una necessità e non in vista di conquiste, e dato che essi sono ingannati dalla borghesia, è necessario spiegare loro con particolare cura, con perseveranza e pazienza, il loro errore, spiegare loro il legame indissolubile tra il capitale e la guerra imperialista, dimostrare loro che senza rovesciare il capitale è impossibile terminare la guerra con una pace veramente democratica e non imposta con la violenza.

Lenin, che ha visto il difesismo infiltrato nello stesso suo partito, valuta questo pericolo di nazional-patriottismo «cosacco» in tutta la sua portata, e lo affianca genialmente al «pacifismo» della massa. Questa crede davvero che la guerra prosegua per Nicola, Guglielmo e Franzjoseph, e crede che i governi «democratici» faranno presto a chiuderla. Bisogna spiegare che è il contrario, che come dicemmo con parole nostre «la guerra si addice alla democrazia» più ancora che al dispotismo. L’ultimo passo è quello da saper leggere. Lenin sottolinea la parola impossibile, e se avessimo il testo vedremmo che la costruzione esatta è: non bisogna invocare una pace senza violenza, e democratica, perché in ciò è solo errore e illusione, ma invocare l’abbattimento del capitale. Una rosa di Stati capitalisti e democratici non è la garanzia della pace generale, ma la condizione dell’imperialismo. Tesi che è il contrario della tesi, in fondo comune a tutti i convenuti oggi a Ginevra, che si scongiuri la guerra con misure di «onestà politica»; che sia possibile la coesistenza pacifica, e cose simili… mentre son tutti lupi da brigantaggio.

1. (comma quarto). Organizzazione della più vasta propaganda di queste teorie in seno all’esercito. Fraternizzazione.

L’urgenza del momento fa sì che questo punto internazionale è segnato con pochi colpi di scalpello. Non si organizzava illegalmente il disfattismo militare, lo storno dell’arma per abbracciare il soldato nemico, per il motivo che il comando dell’esercito lo avevano Nicola e i suoi (il governo provvisorio voleva comunque digerire il granduca Michele!) ma lo si deve fare non meno vigorosamente sotto il comitato e il governo della Duma! I cosacchi ad honorem allibiscono, e tentano invano di nascondersi sotto i tavoli.

38 – Transizione: tra quali due tappe?

2. (primo comma). Il fenomeno che contraddistingue l’attuale storia russa è la transizione dalla prima tappa della rivoluzione, che ha dato il potere alla borghesia a causa dell’insufficiente grado di preparazione ed organizzazione del proletariato, alla seconda tappa, che dovrà consegnare il potere al proletariato e agli strati poveri del ceto contadino.

Qui il sostantivo rivoluzione è scritto senza gli aggettivi che poniamo noi senza esitare. Si tratta, nella prima e nella seconda tappa, di rivoluzione borghese e democratica, di rivoluzione antifeudale e non socialista.

Un testo si interpreta, di norma, in quel modo che rende i vari passi e articoli suscettibili di essere logicamente ordinati. Ed i passi successivi, oltre che le cento formulazioni per quasi un ventennio della stessa tesi, lo mostrano chiaramente. Vi è di più: questa prima tappa che ha dato il potere ad una borghesia che da sola non potevavoleva fare la rivoluzione antifeudale, è stata possibile, come semplice prologo della rivoluzione russa antizarista da tutti attesa, solo per il fatto internazionale della guerra imperialista, che ha prestato forze e imposto compiti alla borghesia locale, e che ha – per il fallimento dei partiti europei sul punto della guerra – indotto smarrimento nel nascente proletariato russo, poggiando i semi-proletari sulla borghesia e non sugli operai.

Si tratta ora di recuperare. Non per fare di più di quello che ci prefiggevamo dal 1905, ma per rimediare all’insuccesso di aver fatto molto meno del programma teorico: rivoluzione capitalista con dittatura democratica del proletariato e dei contadini.

2. (secondo comma). Questa transizione è caratterizzata, da un lato, dalla piena legalità (la Russia è in questo momento, di tutti i paesi belligeranti, quello più libero), dall’altro dall’assenza di violenza contro le masse, e infine dall’atteggiamento di fiducia incosciente delle masse nel governo dei capitalisti, che sono i peggiori nemici della pace e del socialismo. Questa particolare condizione esige che ci sappiamo adattare alle condizioni speciali dell’immenso lavoro del partito in seno alle masse proletarie, appena svegliate alla vita politica.

I nostri maiuscoli sono i corsivi dell’originale. In questo passo sono i due corsivi: in questo momento, e: speciali, i più eloquenti. La dialettica insegna come molte volte importi più la risposta all’ipotesi che nega quella attuale, che la risposta a questa stessa.

Lenin è stato bersagliato dalle obiezioni che siamo in minoranza, che gli operai non capiscono (o, per tutti i cristi, i professori di marxismo?), che la forza è nelle mani del governo provvisorio e il Soviet è in maggioranza per lui e non per noi, che abbiamo il vantaggio di poterci riunire, parlare, fare i giornali, ecc… Ebbene, dice Lenin, che volete di meglio? È questa una ragione per scrivere e raccontare fesserie? Dobbiamo forse, per ringraziare di tali elargizioni il governo liberale, lustrargli gli stivali o quanto meno (quel gran broccolo di Nenni aveva già fatto scuola) fargli una opposizione leale e cavalleresca?

Dobbiamo certo profittare di queste larghezze: come Marx ha sempre detto, il proletariato viene, e malgrado essa, dalla borghesia vittoriosa educato, non con la scuola, ma chiamandolo alla lotta, alla vita politica. In questo lapsus di libertà dobbiamo risalire la corrente, aprire gli occhi alla massa, pigliare noi il sopravvento.

Badate: tanto è possibile in questo momento speciale. Qui il capo politico tiene ferme le mani ai suoi seguaci, ma il più grande capo teorico vede già chiaro lo sviluppo che si apre. Libertà, non violenza sulle masse: per ora. Ma direste ad esse che questa situazione è definitiva, è una vittoria assicurata della rivoluzione? Ben presto dovremo lottare sul terreno non legale! La rivoluzione deve ancora farsi (e non perché sia da farsi quella socialista) e tra mesi, se non saremo noi ad attaccare il governo borghese-opportunista, sarà lui a cacciarci fuori della legge! Nel luglio successivo Lenin doveva già nascondersi. Ma la massa aveva capito, ormai. Forse per una edizione delle «tesi»? Mai più. Erano le tesi che avevano capito la storia. E i ciechi fino allora, o dal fulgor democratico abbagliati, aprivano esitando gli occhi annebbiati.

39 – Il governo provvisorio alla gogna!

Tesi 3. Nessun appoggio al Governo Provvisorio che ha dimostrato il carattere menzognero di tutte le sue promesse, soprattutto di quelle riguardanti la rinuncia alle annessioni. Smascherare il governo, e non esigere da lui l’impossibile, che è come illudersi che questo governo, governo di capitalisti, cessi di essere imperialista.

È una risposta diretta al manifesto del partito in marzo e agli articoli della «Pravda», che consideravano il governo succeduto allo zarismo, pur non facendone parte, una conquista rivoluzionaria, e si limitavano ad invitarlo ad una serie di misure politiche «impossibili» come l’iniziativa della pace «democratica», senza dichiarare che era un governo mandato dal capitale internazionale a tener su la guerra, e che la guerra si doveva fermare a suo dispetto, ed abbatterlo, sola via verso la pace. Il governo Lvov non meno che i successivi esprimeva le esigenze della borghesia nazionale che si formava l’illusione di assidersi al banchetto della vittoria sulla Germania e alla spartizione del bottino imperialista, dando ad una Russia borghese e militarista un impulso fino ad allora non sognato. Esso ricambiava gli aiuti della Intesa con l’impegno di porsi attraverso la rivoluzione russa e il suo svolgimento fino all’estremo, possibile solo per la forza della classe lavoratrice. Esso contava di captare i capi operai come avevano fatto i governi di Francia, Belgio, Germania, e realizzava su tale via i primi successi con la complicità di menscevichi e populisti nei Soviet: questo nessuno lo aveva saputo dire prima delle «Tesi di Aprile». Nessuno aveva ancora voltato le terga alla gioia per la caduta dello zar: oggi in Italia il proletariato è immerso nella incoscienza perché nessuno (all’infuori di noi) ha ancora voltate le terga ad una molto più imbecille vittoria: quella su Mussolini, che non è nemmeno uno svolto della lotta storica tra le classi, ma solo una vicenda militare di guerra.

40 – Partito e soviet

Tesi 4. (comma primo). Rendersi conto che il nostro partito è formato da una minoranza, e per il momento debole minoranza, nella maggior parte dei Soviet dei deputati (delegati) operai, in confronto al blocco di tutti gli elementi piccolo-borghesi opportunisti, soggetti all’influenza della borghesia, e che estendono questa influenza al proletariato: dai socialisti-populisti fino ai socialisti-rivoluzionari e al Comitato di organizzazione (Čcheidze, Tsereteli, ecc.), a Steklov, ecc.

La situazione ben nota – maggioranza dei Soviet in mano ai socialisti di destra, delega da parte di questi del potere al Governo Provvisorio eletto in seno al Comitato delle opposizioni della vecchia Duma zarista – è scolpita da Lenin nella formula generale dell’opportunismo: la borghesia influenza e controlla i socialisti di destra, questi a favore della prima influenzano e controllano le masse operaie.

I rivoluzionari disapprovano la sottomissione del Soviet al Governo provvisorio, e devono combattere questo. Come devono comportarsi verso gli attuali dirigenti del Soviet, in blocco tra loro, al servizio di una politica capitalista e militarista? Denunziare forse il Soviet come tale? O invece dire che, dato che la «maggioranza democratica» nel seno del Soviet vota per appoggiare il governo borghese, questo va ratificato in omaggio alla solita «unità di fronte del proletariato»?

A una tale alternativa Lenin alza le spalle. Nessuna delle due.

Tesi 4. (comma secondo). Spiegare alle masse che i Soviet dei deputati operai sono la sola forma possibile di governo rivoluzionano e che, per conseguenza, il nostro compito, sinché questo governo resta sottoposto alla borghesia, può essere solo quello di spiegare alle masse pazientemente, sistematicamente, con perseveranza, l’errore della tattica dei Soviet, spiegazione che si adatti soprattutto ai loro bisogni pratici.
Finché siamo in minoranza facciamo un lavoro di critica e di chiarimento degli errori, affermando nello stesso tempo la necessità del passaggio di tutto il potere di stato ai Soviet dei deputati operai, affinché le masse si liberino con l’esperienza dei loro errori.

Al solito poggiare sul sottolineato: sola forma possibile. Le tesi sono queste: Ogni governo e potere fondato fuori dei Soviet non è rivoluzionario. Solo un governo fondato sulla maggioranza del Soviet può essere rivoluzionario. Ma non si dice: I Soviet esprimono democraticamente la volontà, la libera opinione dei lavoratori: dunque qualunque governo su essi fondato è rivoluzionario, è conforme agli interessi proletari, e va appoggiato. Questo sarebbe falso in tutte lettere. Oggi i Soviet esprimono l’opinione di un proletariato ingannato, traviato: essi non decidono in senso rivoluzionario, e nemmeno in quello dei «pratici bisogni» delle masse.

In tal caso non si butta via come rifiuto il Soviet, questa forma storica espressa dalla rivoluzione borghese russa, diretto avviamento ai compiti del proletariato, né lo si attacca con la forza: si denunzia sistematicamente l’errore.

Quale la consegna di questa dura campagna? La notissima parola: tutto il potere di stato ai Soviet.

Tutto significa che il Soviet non riconosce altri organi del potere politico da lui non emanati; che non accetta spartizioni di poteri, in quanto tali spartizioni sono pure rinunzie ad ogni potere.

Quindi (dialettica!) noi riconosciamo il Soviet perché sola forma possibile di governo rivoluzionario. Lo riconosciamo in principio anche quando la sua maggioranza è contro di noi, e non lo dichiariamo nemico. Non gli diciamo: o passi nelle nostre mani, o ti attacchiamo. Gli diciamo: purché si governi solo col Soviet noi riconosceremo questo governo anche come minoranza, e anche se in maggioranza saranno i menscevichi e populisti. Ma esso deve reclamare tutto il potere, e quindi sconfessare il comitato della Duma e il gabinetto Lvov, rompere i ponti con esso e non negoziare il potere con partiti a base non esclusivamente di lavoratori. I menscevichi e gli esserre hanno una scelta: o coi borghesi nel governo provvisorio, o con noi nel Soviet che abbia tutto il potere, e stia alla testa dello Stato. Questo lo capiranno bene le masse dirette dai socialisti destri.

41 – Tattica impeccabile

Quando Lenin spiega questo ai suoi compagni di partito, egli non tace che si sa bene che cosa gli opportunisti sceglieranno: il governo provvisorio e non un governo del Soviet coi bolscevichi; un compromesso per cui non il Soviet sia il solo organo di potere, ma restino i ministeri borghesi, e non la denegazione di ogni mandato di potere a uomini politici designati fuori del Soviet. Quando questa scelta sarà chiara, la maggioranza dei Soviet abbandonerà come traditori gli opportunisti, e questi, insieme ai borghesi, saranno sbaragliati, in quanto non essi saranno di mezzo al momento dell’inevitabile scontro in forza tra organi del potere borghese e Soviet.

Lo svolgimento della rivoluzione in Russia confermò la giustezza di tale visione in maniera tanto potente e luminosa, che disgraziatamente si perse di vista che non si trattava di un nuovo modo di fare la rivoluzione socialista. Questo modo non sarebbe stato nuovo per nulla, perché corrispondeva alla politica ormai rancida di legalitari, riformisti, revisionisti, fautori della collaborazione tra piccoli borghesi e lavoratori, che avevano rinnegato su tutta la linea la concezione di Marx della rivoluzione con cui si passa dal modo di produzione capitalista a quello socialista.

Quella tattica Leniniana, in quel quadro storico, la ripetiamo impeccabile. Il quadro è quello della Russia degli zar che esce dalle forme feudali di produzione, il suo tempo è la grande lotta che va dal 1880 al 1917.

Quella tattica è la giusta, ed è ineccepibile proprio perché è quella da seguire in una rivoluzione antifeudale, in una rivoluzione borghese.

E qui noi ci uniamo ad un argomento futuro; la lotta che la sinistra italiana svolse dal 1918 al 1926 ed oltre, ed anche con Lenin, quando si volle usare quella tattica per la rivoluzione proletaria nell’Europa capitalista.

42 – Abbasso il parlamentarismo

Tesi 5. (comma primo). Non repubblica parlamentare – il ritorno a questa forma di governo, dopo il Soviet dei deputati operai, sarebbe un passo indietro – ma Repubblica dei Soviet dei deputati operai, salariati agricoli e contadini, nell’intero paese, dal basso in alto.

Crediamo che fu qui che scoppiò la bomba atomica. Eppure, nessuno meglio di Lenin lo ha provato, sono le parole classiche marxiste dal 1848, anche se queste con l’anticipo di settant’anni descrivono tassativamente solo le forme da distruggere e non ancora quelle che le verranno a surrogare. Chi dalle prime battute non ha capito che il marxismo culmina nella distruzione del parlamentarismo democratico, non è tipo di marxista, ma modello di pezza da piedi.

Veniamo tuttavia nella contingenza storica. Abbiamo mostrato come ragionavano i più dei bolscevichi. Il governo provvisorio non è il nostro governo, ma che gli possiamo imputare, se è provvisorio? Ha il mandato di indire – bella schifezza – libere elezioni, la cui sete tormenta da un secolo i russi: dopo l’assemblea costituente se ne andrà e farà le consegne a chi avrà la maggioranza parlamentare: dunque fino allora prepariamoci alle elezioni, e basta.

Qui Lenin come dissero poi i fessi dovette davvero fare il pazzo. Per ora governa la borghesia, il Soviet sta a guardare e delega il potere sostanziale al governo provvisorio. Poi se nelle elezioni della Costituente, come è cosa ben sicura, borghesi e loro servitori, tutti fautori della guerra, sono maggioranza, il potere definitivo passa al Governo parlamentare, e il Soviet che fa? Si accorge che il provvisorio era lui e si scioglie, perché sulle garanzie parlamentari si può davvero dormire! Raccomanda ai proletari di combattere eroicamente al fronte contro i tedeschi, si guarda bene dallo scandalosamente organizzare coi deputati degli operai e dei contadini quelli dei soldati…

Il Soviet per tal modo sarebbe stato un organo della lotta e del tempo rivoluzionario, e la sua vita limitata al tempo della lotta. Il suo compito storico sarebbe stato di condurre le masse lavoratrici nella insurrezione: versato il loro sangue generoso, queste sarebbero rientrate nei ranghi, e il potere legale avrebbe senza disturbi governato.

Qui si scorge la grandezza di Lenin. I Soviet sono non l’organo di lotta della rivoluzione, ma molto di più: la forma del potere statale rivoluzionario. Essi sono quello che era contenuto nelle parole: dittatura democratica. Il proletariato assume il potere nel corso della rivoluzione antifeudale, attua la trasformazione sociale che in sostanza è creazione di capitalismo, ma in questo tempo non toglie solo il potere alla borghesia e ai grandi terrieri, ma lo organizza in una forma che li esclude del tutto anche dal diritto di rappresentanza.

Sola delegazione politica sarà quella nel seno della rete dei Soviet dalla periferia al centro; su questa trama poggerà lo Stato; la borghesia non solo non avrà il potere ma non figurerà nemmeno come un partito di opposizione.

Eccola la tremenda bestemmia. La forma propria della rivoluzione antifeudale russa non sarà un’assemblea parlamentare come nella rivoluzione francese, ma un organo diverso, fondato solo sulla classe dei lavoratori della città e della campagna.

Non solo cade il pretesto di aspettare le elezioni della Costituente, ma cade la necessità di questa: il ciclo si chiuderà a suo tempo con la dissoluzione coatta. Si tratta di una tutta diversa strada: conquistare nel Soviet una maggioranza bolscevica, lavorando legalmente (1848: organizzare il proletariato in partito politico), poi conquistare tutto il potere al Soviet (organizzare il proletariato in classe dominante) evidentemente abbattendo con la forza il potere del governo provvisorio.

Nella rivoluzione socialista il proletariato abbatterà il potere del governo stabile parlamentare e comunque borghese e organizzerà la dittatura dei soli salariati condotta dal partito comunista.

Qui – non dimenticarlo mai – la storia cerca ancora le forme del potere proletario nella tardiva rivoluzione democratica.

43 – Polizia, esercito, burocrazia

Tesi 5. (comma secondo). Soppressione della polizia, dell’esercito e del corpo dei funzionari (cioè: sostituzione del popolo armato all’esercito permanente).

Praticamente il governo di febbraio aveva cambiato i ministri, ma non la rete, l’ingranaggio dell’amministrazione nazionale. I Cento Neri erano scomparsi, ma erano, più che una polizia ufficiale, un partito-setta di reazione. I generali, gli alti funzionari centrali e locali erano ben poco cambiati da quelli del tempo dello zar. La rivoluzione anche in quanto borghese era in questo incompleta. Se si doveva assumere il potere politico anche per compiti sociali corrispondenti alla liquidazione del feudalesimo e non ancora del capitalismo (che sarebbe stata possibile solo con la rivoluzione di Europa) bisognava, tuttavia, ridurre in frantumi il tradizionale apparato dello Stato.

Il potere proletario dei Soviet non poteva fondarsi che sulla classe operaia in armi. Non il cittadino avrebbe fatto parte dell’esercito, ma i borghesi e possidenti ne sarebbero stati fuori, come dagli organi rappresentativi, e ciò al fine di reprimere ogni tentativo controrivoluzionario di guerra civile.

È solo in una rivoluzione che resta socialmente solo capitalista, ma in cui il proletariato perde il controllo, che il classico esercito permanente nazionale di tipo napoleonico ridiventa il perno della forza statale.

Tesi 5. (comma terzo). Eleggibilità e revocabilità, in ogni momento, di tutti i funzionari; i loro stipendi non devono essere superiori al salario medio di un buon operaio.

Questo principio sostenuto da Lenin instancabilmente è quello ben noto della Comune di Parigi. Esso è un principio per economia di transizione in cui vige in pieno il sistema salariato. Ma in esso è un grande passo verso l’eliminazione della divisione sociale del lavoro, della suddivisione della società tra quelli che vivono nell’incertezza e quelli che hanno «una carriera». Abolire le carriere è consegna di una economia in cui il consumo base è garantito a tutti, sia pure con limiti determinati da piani. Oggi invece la borghesia tende a fare il contrario: non abolire quelli che hanno la carriera assicurata, ma rendere tutti carrieristi, specie gli operai industriali.

Infatti l’indirizzo di Lenin per cui l’amministratore (coincidente col rappresentante politico) era un semplice produttore momentaneamente spostato da una decisione del suo Soviet a quel compito sempre revocabile, è stato abbandonato quando la Repubblica, che si chiama tuttora dei Soviet, è diventata uno Stato capitalista retto dalle forze sociali del capitale e non dai lavoratori, andando fatalmente, per le vicende mondiali, in senso opposto a quello per cui si passa da una dittatura di lavoratori che amministra la trasformazione capitalista ad una che amministri la trasformazione socialista.

Anche col compito del 1917 di liquidare il feudalismo dalle sue radici profonde, anzi ancor di più, occorreva quella garanzia. Il lavoratore delegato a governare e amministrare una società in cui ancora borghesi e interessi borghesi sfruttano il lavoro dei suoi pari, non deve essere esposto a divenire un privilegiato e un possibile strumento della forza capitalistica: ciò che, per avere ineluttabilmente dilagato nella massiccia assoldatura di burocrati, è su scala generale in seguito avvenuto.

44 – La frale natura umana?

Come sarebbe stato in questo Lenin un illuso, se antevide con tanta sicurezza eventi immensi e incompresi ancora? Avrebbero ragione i soliti scettici che risolvono quesiti del genere con la formula del potere che non resiste alla fame di ricchezza, più che di vanità, e che non può diventare altro che sfruttamento economico e dispotismo nel senso volgare? Con l’inerenza di questo processo, in qualunque clima storico, a dati insuperabili della vessatissima «umana natura»?

Non è certo la prima volta che mostriamo la vile inconsistenza di queste boiate, e ci battiamo contro questa critica deteriore delle cause che hanno ucciso una grande rivoluzione. Questa non è del resto morta, ma si è incanalata in una via meno rapida storicamente di quella vista da Lenin, in quanto sono mancate proprio le condizioni da Lenin poste come necessarie.

La rivoluzione russa ha percorso un ampio arco di storia: dalla rovina di un sistema feudale ben più fradicio di quello di Luigi XVI, alla instaurazione di un capitalismo mercantile messo nelle sue forme economiche al passo con il capitalismo elefantiaco dell’occidente, incarnato nella macchina statale in quanto meglio vi succhia profitto, e col corteggio di una burocrazia più corrotta ancora dell’ambiente delle corti feudali; che ha una scala di privilegi ed appannaggi ben più scandalosa di quelle.

Eppure l’epoca della prestazione eroica per il potere rivoluzionario – ed è forse più stupefacente l’accettazione della miseria austera che quella, tanto comune, della rinunzia alla vita – non sarà propria soltanto della rivoluzione proletaria, è stata propria di tutte le rivoluzioni, anzi di tutte le forme sociali di produzione, ed è facile leggerlo nella storia, anche nel mito, cui appunto i fessi sorridono credendo che le leggende che circolano le abbia un giorno sfornate di sana pianta un incredulo del loro calibro.

Non risaliremo a Licurgo che sorbiva tra i suoi soldati e contadini il brodetto spartano, al re Agide che divise loro tutti i suoi beni, non ricorderemo i digiuni e le rinunzie di giudei, cristiani e maomettani delle epoche rivoluzionarie, né gli episodi della storia romana su Cincinnato, generale invincibile ma insensibile alle seduzioni di potere e fasto, legato alla vanga del suo campo.

La stessa rivoluzione borghese ha avuto i suoi austeri campioni che hanno lasciato titoli e appannaggi per abbracciare la causa nuova. Il più illustre, Robespierre, fu distinto più che da tutto dal nome di Incorruptible. Ogni nazione ebbe i suoi Savonarola della politica, dalle autoregole inflessibili, quando il moderno capitalismo sorgeva. Ad esempio la borghesia liberale italiana della vecchia intransigente destra storica vanta da Sella in poi una rosa di veri digiunatori al potere, inflessibili con se stessi prima che con altri.

La grande generazione bolscevica aveva questi uomini pronti a sobbarcarsi, per poco più del formaggio e pane della lunga emigrazione, ad amministrare una rivoluzione, e per di più una rivoluzione fatta dai poveri, per fondare una forma sociale che avrebbe portato in alto i ricchi. Chi ride di quel chiodo dello stipendio operaio di Lenin è un poveruomo che lo ha solo sognato nel fasto di un satrapo e non ha mai visto il suo abito frusto: che non ha mai visto lo stesso Zinoviev, Bucharin, e tanti altri compagni; che non ha conosciuto Nadežda Krupskaja, la moglie di Lenin, che non si poteva dire vestita peggio della sua cameriera perché non ha mai avuto cameriera, e che non si è mai posta in evidenza in nessuna forma, pur potendo, come teorico marxista, dare sulla voce ai più alti esponenti[25].

La formula di Lenin anche qui era la giusta. La storia ha preso altra via, confermando la sua dottrina in pieno, ma portando in primo piano i moderni satrapi della politica dei super-stipendiati e dei rammolliti da lusso e da comfort crassamente borghese. Fatto che è efflorescenza di muffe, non forza e causa di storia, episodio proprio delle epoche fetenti, e delle forme di produzione che devono morire.

45 – Le misure sociali nettamente borghesi

Fermeremo la nostra analisi, a coronamento di quanto ci siamo proposti di dimostrare, alle tre tesine sulle misure economico-sociali.

Non abbiamo bisogno di commentare la 9 sui compiti, il programma e il nome del partito, né la 10 su «Rinnovare l’Internazionale» poiché il loro costrutto è al centro di tutte le nostre non brevi trattazioni,

Tesi 6. Nel programma agrario, spostare il centro di gravità sui Soviet dei deputati dei salariati agricoli. Confisca di tutti i beni dei proprietari fondiari. Nazionalizzazione di tutte le terre del paese: le terre sono messe a disposizione dei Soviet locali dei deputati dei salariati agricoli e dei contadini poveri, da formare ovunque. Creazione in ogni grande possedimento di aziende modello poste sotto il controllo dei Soviet dei deputati dei salariati agricoli e coltivate per conto della comunità.

La cosa è chiara soprattutto per chi ha seguito le nostre esposizioni delle dibattute questioni agrarie[26]. Lenin vede in primo luogo il salariato agricolo, puro proletario e non contadino. Poi il contadino povero. Povero vuol dire che ha la sua forza familiare di lavoro, poca terra, e niente capitale di esercizio: non può vivere del prodotto del suo lembo e deve saltuariamente vendere al borghese di campagna il suo lavoro. Formula non della spartizione o della municipalizzazione ma della nazionalizzazione, ossia confisca della rendita fondiaria da parte dello Stato: misura tanto borghese che fu proposta da Ricardo. Disposizione del possesso non al singolo esercente, ma al Soviet. Lotta contro la piccola coltura con grandi aziende modello: non sono ancora dette statali ma solo controllate dal Soviet: quindi è ammesso il capitalismo agrario.

Tesi 7. Fusione immediata di tutte le banche del paese in una sola banca nazionale posta sotto il controllo dei Soviet dei deputati operai.

Anche questa misura è classica del periodo borghese e non pochi Stati l’hanno in effetti e in varie forme realizzata. Vi sono banche dove vi è capitale aziendale e mercantile. Anche qui il capitale non è confiscato ma controllato. Lo Stato è banchiere e privati sono i suoi clienti.

Tesi 8. Non la «instaurazione» del socialismo, come nostro compito immediato, ma per ora soltanto l’immediato controllo della produzione e della ripartizione dei prodotti da parte dei Soviet dei deputati operai.

Questa tesi riguarda palesemente l’economia urbana, industriale. Essa non è, in coerenza a tutto quanto precede, una rivendicazione da attendere dal governo provvisorio che debba includerla nel suo programma, ma un compito dato al potere proletario, e evidentemente susseguente a quelli:
a) di conquistare il Soviet alla formula: tutto il potere, id est al partito comunista;
b) di rovesciare il governo provvisorio e togliere di mezzo la costituente;
c) di condurre avanti il disfattismo della guerra imperialista.

Eppure questo programma di trasformazione sociale, presentato da Lenin nell’Aprile 1917 come programma della seconda tappa della rivoluzione, non presenta alcun articolo che conduca alla trasformazione socialista. Lenin dice che noi non instauriamo il socialismo, parola che prende con le molle, perché nessun governo «instaura» il socialismo; la dittatura proletaria vera e pura servirà a disperdere i rapporti e le forme borghesi di produzione: compito distruttivo, non instaurativo. Nella successiva conferenza di fine Aprile, Lenin spiegherà ancora meglio il tutto, e con parole ancora più recise.

46 – Altri falsi dispersi

Abbiamo così messo a punto le «Tesi di Aprile» nel loro quadro e nel loro tempo, e provato che lo svolto impresso da Lenin verteva unicamente sul ritorno più energico ad una strategia rivoluzionaria, in seno al processo complicato e arduo della liquidazione di una Russia feudale e zarista. La rivoluzione si era, come abbiamo premesso, divisa in due tappe rispetto alla classica attesa dei bolscevichi, non perché fosse stata ancora aggiunta una tappa ulteriore ma perché la prima tappa prevista, per le remore della situazione, e un po’ per debolezza rivoluzionaria, si era spezzata in due. La tappa di febbraio era una falsa rivoluzione, non una rivoluzione solo borghese. Essa, se la storia non avesse avuto ben altro sbocco, conduceva diritto alla controrivoluzione, ossia non solo al controllo da parte della borghesia mondiale, ma perfino, e nel succedersi delle intricate vicende della guerra, a tentativi di controrivoluzione zarista.

A questo pericolo ovviarono le «Tesi di Aprile». E quindi altro enorme falso dello stalinismo (dopo aver tentato di attribuire a Lenin la paternità della dottrina: costruzione del socialismo nella sola Russia, al tempo delle tesi del 1914 contro la guerra imperialista e il tradimento opportunista, che concernevano la distruzione della guerra col disfattismo in ogni paese e anche in uno solo e anche in Russia, ma non annunziavano costruzioni di sorta) di attribuirgliela come se avesse enunciata una tale enormità al tempo del suo ritorno in Russia nell’aprile famoso.

Ecco un saggio di come si esprime una pubblicazione di fonte stalinista, a fianco dei suoi riporti dei testi inconfondibili di Lenin: «Ciò che contraddistingueva la situazione era dunque il passaggio dalla rivoluzione democratica borghese alla rivoluzione socialista, o come diceva Lenin la trasformazione della rivoluzione borghese nella rivoluzione socialista». Ma le parole di Lenin sono lì sopra:
«Il fenomeno che contraddistingue l’attuale storia russa è la transizione dalla prima tappa della rivoluzione, che ha dato il potere alla borghesia a causa dell’insufficiente grado di preparazione ed organizzazione del proletariato, alla seconda tappa che dovrà rimettere il potere al proletariato e agli strati poveri del ceto contadino».

Questo secondo testo sarà a suo luogo anche utilizzato. Ma la causa è istruita. Il principale difetto, dice perfino Lenin nella successiva conferenza del partito (vedi il par. 49 più oltre), è che i socialisti pongono la questione odierna in una maniera troppo generale: passaggio al socialismo. Noi non possiamo pretendere di instaurare il socialismo: sarebbe la più grande assurdità. La maggioranza della popolazione è di piccoli coltivatori, di contadini che non possono nemmeno pensare al socialismo. Noi dobbiamo «preconizzare» il socialismo.

La dialettica della storia è in questo: quegli che dichiarava di non voler ancora passare al socialismo, era il più grande dei rivoluzionari. Quelli che dicono di aver avuto da lui la consegna di costruirlo, e affermano di averlo fatto, non sono che dannati borghesi.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (VI)

47 – Verso la conferenza di aprile

L’arrivo di Lenin, Zinoviev, Sokolnikov, Krupskaja ed altri compagni avvenne il 16 aprile 1917 nuovo stile (calendario europeo gregoriano) e 3 aprile vecchio stile (russo). Le note tesi furono lette da Lenin alla conferenza allargata già indetta a Pietrogrado dalle organizzazioni locali, il 4/17 aprile[27]. Questa conferenza era in preparazione a quella nazionale (settima) del partito del 24 – 29 (7 – 12 maggio). Conviene seguire la vecchia cronologia per non dover chiamare conferenza di maggio quella ormai nota come di aprile, e rivoluzione di novembre la classica Rivoluzione di ottobre. Lo scarto tra le due date è di 13 giorni.

Abbiamo già detto che la conferenza era già in corso e vi si stava varando la risoluzione di intesa con i menscevichi, ed anzi vi era la proposta di unificazione delle frazioni del vecchio partito socialdemocratico russo. A detta di Trotsky
«Il contrasto era troppo stridente. Per raddolcirlo, Lenin, contrariamente alla sua abitudine, non sottopose all’analisi la risoluzione accettata (già prima, in sua assenza), ma semplicemente le voltò le spalle»[28].

Abbiamo esposto lo smarrimento che provocò in tutti il discorso inatteso, con le tesi che lo ricapitolarono. La dimostrazione di Trotsky che Stalin era totalmente, con quasi tutti del resto, sconfessato, è tanto inconfutabile quanto la storia dei trucchi incredibili grazie ai quali la storiografia posteriore ufficiale ha in seguito, a poco a poco, falsato tutto il periodo e il contrasto: prima aprile – dopo aprile; lasciando, si capisce, nelle peste Kamenev e gli altri futuri «trotzkisti». Nel 1924 Stalin ammise di aver condiviso l’erronea posizione di compromesso con il governo provvisorio, che «portava acqua al mulino del difesismo» e confessò: «l’ho ripudiata solo alla metà di aprile, dopo aver aderito alla tesi di Lenin». Ma nel 1926 dice che «sono chiacchiere» e si trattò solo di «tentennamenti passeggeri: chi non ne ha avuti?». Nel 1930 viene perseguitato lo storiografo Jaroslavskij per aver fatto cenno a quei tentennamenti. La frase di Leone è felice: L’idolo del prestigio è un mostro vorace!

Finalmente nella Storia ufficiale si bollano per quella posizione semi-menscevica Kamenev, Rykov, Bubnov, Nogin e si attribuisce la reazione a Stalin appena tornato dall’esilio, a Molotov e ad altri. Noi non diamo a questa polemica eccessivo peso. Stalin = Kamenev, nel tempo anteaprile, è uguaglianza dimostrata. Ma davanti alla storia rivoluzionaria è riabilitato a conti fatti non Stalin, ma Kamenev. Potrebbe essere l’opposto, l’analisi delle forze storiche resterebbe.

Trotsky non può essere seguito quando vuole rivendicare qui un suo giudizio del 1909 sul dissenso tra le «due tattiche» secondo cui vi erano elementi anti-rivoluzionari nella tesi menscevica e in quella bolscevica, i primi tali che già allora affioravano, i secondi tali che sarebbero affiorati solo in caso di vittoria rivoluzionaria[29]. Questo sarebbe accaduto in Aprile, e sarebbe stato dovuto a Lenin il «riarmo» del partito, espressione usata da Leone nel 1922 che scatenò poi le ire degli stalinisti. Trotsky vi innesta la sua teoria del capo geniale che esprime le masse più rivoluzionarie del partito, e il partito più rivoluzionario della sua «macchina» organizzativa.

In queste idee è la prova del tardivo avvicinarsi di Trotsky a Lenin e di una parte di verità della controcritica staliniana, sebbene i due campi abbiano torto nel far credere che con la bomba di aprile Lenin operasse una revisione delle vecchie tesi.

Noi ribadiamo il peso rivoluzionario della funzione del partito con la prova che la teoria aveva tutto preveduto in modo ortodosso quanto sicuro. Se Lenin «riarmò» il partito, il termine cuoce a quelli che stavano «disarmando», ma prova appunto, come nella nostra presentazione, che Lenin lo rimise sulle posizioni del vecchio contrasto tra le «due tattiche» che a Trotsky non garbava. Non dette Lenin al partito nuove armi segrete o inedite: gli fece riprendere quelle che stava lasciando cadere.

48 – Dissenso alla conferenza

Vi fu la resistenza a Lenin. Non da parte di Stalin, che si mise da un canto a guardare, ma dai più ingenui Kamenev, Rykov, Nogin, Dzeržinskij, Angarski ed altri. «La rivoluzione democratica non era finita». «L’impeto per una rivoluzione sociale doveva venire dall’Occidente».

Prima di passare alle risposte di Lenin, decisive, bisogna qui dare una formulazione felice nel racconto di Trotzky, dopo quest’ultimo riferimento all’Occidente:
«Questo era vero. Tuttavia lo scopo del Governo Provvisorio non era di completare la rivoluzione democratica, ma di rovesciare il suo corso. Donde risultava che la rivoluzione democratica poteva essere completata solo con la classe proletaria al potere»[30].
Qui era in linea.

La conferenza panrussa delle organizzazioni bolsceviche del 24–29 aprile vide rappresentati ben 79 mila membri del partito da 131 delegati con voto deliberativo, più 18 con voto consultivo. Di quei 79 mila ben 15 mila erano della capitale, Pietrogrado. Ecco le vere dimensioni di un partito rivoluzionario di classe. Altro che sguaiati festivals con conti di greggi, e di versamenti in cassa sollecitati con» attractions» da Luna Park!

A conferma delle dichiarazioni di Trotsky pare che anche il Cremlino sia del parere che Aprile non è molto interessante. Nelle «Opere Scelte» di Lenin tradotte in italiano (oggi si stampano le Opere complete) del contributo di Lenin alla conferenza di Aprile si riportano solo le brevi tesi sulla questione agraria e sulla questione nazionale, tuttavia espressive ed importanti quanto mai. Manca dunque il rapporto principale di Lenin sul Momento attuale che, in modo organico, sviluppò i temi delle «Tesi di Aprile». Dobbiamo ricorrere dunque a testi riassuntivi, tratto uno da una pubblicazione italiana di tipo popolare, l’altro da un resoconto in tedesco piuttosto saltuario[31].

I temi della conferenza erano (dopo il discorso di apertura che fu tenuto da Lenin, sottolineando la storica portata di quella conferenza in quanto «fa parte non solo delle condizioni della rivoluzione russa, ma anche della rivoluzione internazionale che sta avanzando») i seguenti
1) Il momento attuale;
2) La conferenza della pace;
3) L’atteggiamento da tenere nei Soviet;
4) Revisione del programma del Partito;
5) Situazione nell’Internazionale;
6) Unificazione delle organizzazioni socialdemocratiche internazionaliste (avanzo postumo dell’organizzazione della conferenza dopo quella di marzo);
7) La questione agraria;
8) La questione nazionale;
9) L’assemblea costituente;
10) Questioni di organizzazione;
11) Rapporti per regioni;
12) Elezioni del Comitato Centrale.
La conferenza aveva il valore di un congresso di partito. Lenin dopo il suo arrivo fu incaricato di svolgere i punti 1, 7, 8 dell’ordine del giorno, ma parlò anche sul punto 4 e 6, sull’atteggiamento verso i Soviet operai e contadini, a sostegno della risoluzione sulla guerra, e sulla situazione dell’internazionale e i compiti del POSDR. Tenne anche il discorso di chiusura.

Non seguiremo tutto lo sviluppo in quanto la costruzione da Lenin sviluppata nei suoi molti interventi è quella stessa delle «Tesi di Aprile» da noi integralmente riportate precedentemente e commentate a fondo. Vi sono tuttavia qui chiarificazioni e formulazioni molto notevoli.

49 – Ancora la questione del potere

Lenin chiarisce ancora che nel febbraio il potere è caduto dalle mani del dispotismo feudale in quelle della borghesia capitalista e dei grandi proprietari fondiari, rappresentati dal Governo provvisorio e dai suoi uomini parlamentari cadetti e liberali, sostenuti dalla banda dei populisti e socialistoidi opportunisti. Ma la storia pone alla borghesia dominante tre compiti che non può risolvere: far finire la guerra, dare le terre ai contadini, trarre il paese dalla crisi economica. La borghesia è solidale con gli imperialisti stranieri nella guerra di rapina, come lo era lo zar, anzi soltanto più di esso.

Al massimo potrebbe giungere ad una pace imperialista, che prepari nuove guerre. La borghesia capitalista non ha interesse alla nazionalizzazione della terra, non perché tale misura sia incompatibile col capitalismo, ma per i legami tra fondiari e capitalisti, per i crediti ipotecari sulla terra delle banche borghesi. Infine la borghesia non può concepire ed attuare misure di ripresa economica, che non siano a tutte spese dei lavoratori delle campagne e delle fabbriche.

Quindi il potere deve essere tolto alla borghesia ed assunto dal proletariato rivoluzionario, appoggiato dai contadini.

Qui abbiamo una formulazione suggestiva. Dinanzi alla solita obiezione che mancano le condizioni per il passaggio da una rivoluzione sociale borghese ad una socialista, Lenin risponde:
«I consigli dei deputati operai contadini e soldati devono prendere il potere non per creare una repubblica borghese, e nemmeno per passare immediatamente al socialismo»[32].

Nell’esposizione di Lenin, la questione economica e quella politica sono ancora una volta messe a pieno fuoco.

«Non possiamo essere per la 'introduzione' del socialismo. Sarebbe la più grave delle assurdità. Dobbiamo propugnare [altra volta trovammo tradotto preconizzare] il socialismo. La maggioranza della popolazione in Russia è composta di contadini, di piccoli proprietari, che non possono nemmeno pensare al socialismo. Dobbiamo quindi proporre misure concrete»[33].

Abbiamo detto molto su queste misure concrete economico-sociali nei vari campi, ed è assodato con le parole di Lenin che esse non hanno carattere tale, da uscire dal quadro capitalistico. Non ci ripetiamo sul controllo della produzione e sulla banca di Stato, ma diamo ancora una definizione del postulato della nazionalizzazione della terra:

«La nazionalizzazione della terra, che è una misura borghese, assicura alla lotta delle classi la massima libertà possibile e concepibile nella società capitalistica e libera il godimento della terra di tutte le sopravvivenze non borghesi. Inoltre, la nazionalizzazione, in quanto abolizione della proprietà privata della terra, vibra in pratica un colpo così formidabile alla proprietà privata di tutti i mezzi di produzione in generale, che il partito del proletariato deve contribuire in tutti i modi a questa riforma»[34].

Qui l’impiego della scienza economica marxista giunge al massimo rigore. Statizzare la terra (in altro testo si dice Staatseigentum, ossia proprietà statale) vale sopprimere dei tre personaggi il primo, reddituario fondiario, e lasciare in gioco nella lotta di classe altri due: affittuario capitalista e agricoltore salariato. Questo val meglio che passare il godimento, per definizione borghese, al piccolo contadino coltivatore diretto. Comunque nella tesi Lenin lo tollera, a condizione che si organizzino a parte i Soviet dei braccianti salariati (oggi scomparsi, ma con qual senso sociale?), e in vista dell’altro vantaggio: abolire la proprietà della terra è un gran passo per poter preconizzare l’abolizione di ogni proprietà privata, anche sul capitale.

50 – La nuova forma del potere

Quindi tutte queste misure concrete, necessarie a far muovere la maggioranza contadina nel nostro senso, e a farle appoggiare il passaggio del potere dal Governo provvisorio (parlamento, assemblea costituente) ai Consigli, non significano affatto «mettere un piede economico nel socialismo». Ma, quanto al trapasso del potere integrale ai Soviet, questo sì significa mettere «un piede nel socialismo», quello politico. In relazione a queste considerazioni abbiamo scartata la definizione dell’Ottobre come rivoluzione borghese condotta dal proletariato.

L’Ottobre deve dirsi rivoluzione socialista, non solo perché il proletariato è la classe pilota e dominante, ma per la sua forma politica e statale originale, che trascende ogni repubblica borghese e che è quella propria della rivoluzione socialista internazionale, mentre tuttavia la trasformazione socialista della struttura economica questa nuova forma e forza non la potrà cominciare dalla Russia, bensì dall’Europa.

Vediamo come va questo sviluppo nelle parole di Lenin, o meglio nei resoconti che ne possediamo.

«Quali sono i compiti del proletariato rivoluzionario? Il difetto e la lacuna fondamentale di tutte le trattazioni dei socialisti sta nel fatto che il problema è posto in un modo troppo generale: passaggio al socialismo; mentre si deve parlare dei passi e delle misure concrete. Alcune sono mature, altre no. Stiamo attraversando un periodo di trapasso. Abbiamo chiaramente creato forme che non sono simili alle forme statali borghesi: i consigli degli operai e dei soldati, una forma di Stato che finora non è mai esistita. È questa una forma che rappresenta i primi passi verso il socialismo, e all’inizio storico della società socialista è un fatto decisivo. La rivoluzione russa ha creato i consigli operai. In nessun paese borghese del mondo esistono istituzioni statali di questo genere, né possono esservi: nessuna rivoluzione socialista potrà operare con una forma di potere diversa da questa»[35].

«La rivoluzione è borghese, quindi non si deve parlare di socialismo, dicono gli avversari. Noi invece diciamo: poiché la borghesia non può uscire dalla situazione creatasi, proprio perciò la rivoluzione continua. Non dobbiamo ridurci ad una fraseologia democratica, ma spiegare chiaramente la situazione alle masse e indicar loro una serie di misure pratiche: prendere nelle loro mani i sindacati [leggi: i sindacati di produzione; noto esempio degli zuccherieri], controllarli mediante i consigli degli operai e dei contadini, ecc. E tutte queste misure avranno per effetto, se realizzate, che la Russia si troverà con un piede nel socialismo»[36].

E in un passo della risoluzione:
«Il proletariato della Russia, che agisce in uno dei paesi più arretrati di Europa, in mezzo ad una gigantesca popolazione piccolo-contadina, non può porsi immediatamente come scopo la realizzazione della trasformazione [Umgestaltung] socialista. Ma sarebbe un gravissimo errore e, in pratica, il completo passaggio dalla parte della borghesia, se si volesse da tanto dedurre la necessità di un appoggio politico della classe operaia alla borghesia stessa, o limitare la nostra attività al quadro di ciò che la piccola borghesia può accettare, o la rinunzia al ruolo dirigente del proletariato nell’illuminare il popolo sulla indilazionabilità di una serie di misure praticamente già mature che conducano verso il socialismo [nella direzione che conduce al socialismo]»[37].

51 – La chiara alternativa

Prendere dunque il potere, rovesciare il governo provvisorio, abolire il dualismo, fare dei Consigli la esclusiva base dello Stato politico rivoluzionario, è la tesi inesorabile, non contraddetta dal fatto che le misure in se stesse non sono socialiste, ma, costituendo una decisiva avanzata dal cessante feudalismo al capitalismo, vanno verso il socialismo.

L’incitamento ricorre ad ogni passo. Abbiamo già riferito: la rivoluzione continua. Altre espressioni:
«Se i Consigli devono prendere il potere lo devono solo a questo scopo [in fine delle altre misure, statizzazione del trust degli zuccheri]. Altrimenti non ha nessun senso prenderlo. La questione si pone così: O i Consigli si sviluppano, o cadranno come la Comune di Parigi. Se si ha bisogno di una repubblica borghese, possono darcela anche i cadetti [.…]. Il successo pieno di queste misure è possibile solo in caso di rivoluzione mondiale, solo se gli operai di tutti i paesi sostengono la rivoluzione ed essa strangola la guerra. Perciò la presa del potere è l’unica misura concreta; l’unica soluzione».

«Che cosa debbono fare i Consigli, se il potere passa nelle loro mani? Devono mettersi forse dalla parte della borghesia? La risposta è: per la classe operaia la battaglia di classe continua».

«È impossibile passare direttamente al socialismo. A che scopo dunque devono i Consigli prendere il potere? Proprio per fare i primi passi concreti verso questo trapasso, che si possono e devono fare. Sotto questo aspetto il peggior nemico è la paura. Bisogna chiarire alle masse che questi passi concreti vanno fatti subito, altrimenti il potere dei Consigli degli operai e dei soldati non avrà più senso, non darà nulla al popolo»[38].

Traduciamo questo discorso ribadito venti volte in parole semplici. In un ambiente arretrato, feudale, le piene misure capitalistiche hanno il valore di passi dati verso il socialismo. Nella specifica situazione russa e per quella di guerra imperialista mondiale, la borghesia non farà mai questi passi di deciso, totale capitalismo, di eversione feudale radicale. Occorre lasciar vivere una repubblica mezzo-borghese, esporsi alla controrivoluzione feudale perfino? Mai più. Il proletariato e il partito comunista devono prendere il potere e tagliamo fuori la borghesia, per attuare quelle misure di capitalismo integrale, totale: con tali drastici passi la Russia mette un piede – quello politico, diciamo noi, e non quello economico – nel socialismo.

52 – Un piede e l’altro piede

Anche un Lenin nelle sue immagini di propaganda può talvolta essere pedestre. Noi saremo addirittura nella nostra modestia pedissequi, e di questi due piedi ci occuperemo per un tratto.

Anzitutto, ripetendo che disponiamo di resoconti a frammenti e non ordinati e abbiamo dato un nostro ordine progressivo alle questioni, rileveremo che le «dispense «di marca stalinista cui talvolta attingiamo concludono il passo che abbiamo citato togliendo di mezzo la storia del piede e sostituendola con queste sfrontate parole: E queste misure, una volta attuate, trasporteranno di colpo la Russia sul terreno del socialismo!

Naturalmente per quanti sforzi facciamo non potremo mai venire in possesso sicuro di quei verbali del 1917. Ma non ci sono necessari per dare ancora una volta alla divulgazione di fonte stalinista la taccia di menzogna.

Vediamo un altro passo di Lenin a base di piede.
«Questa misura [seconda: la prima è come noto la nazionalizzazione del suolo agrario; vengono ora il controllo dei Soviet sulla grande produzione, sui sindacati degli zuccherieri, il carbone, i metalli, ecc., sulle banche, la tassazione più giusta e progressiva dei redditi e dei patrimoni], permanendo il grande capitale, [.…] non è il socialismo, è soltanto una misura transitoria, ma la realizzazione di una serie di misure di questo genere, insieme con l’esistenza dei Consigli degli operai e dei soldati, farà sì che la Russia si trovi con un piede nel socialismo: con uno solo, perché l’altro settore della vita economica del paese è dominato dalla maggioranza contadina»[39].

Il primo dei due piedi si riferisce dunque al proletariato dell’industria, il secondo ai piccoli contadini coltivatori diretti. Il primo sta nel socialismo, il secondo fuori. Il primo vi sta in senso politico perché vi è giunto grazie a due condizioni: la presa del potere da parte dei Soviet, e il controllo dello Stato proletario sulla grande industria, l’industria pesante. Ora questa, come ampiamente vedremo nel corso ulteriore della presente trattazione, è anche una condizione politica; si tratti di controllo su quanto rimane di grande capitale privato, si tratti di statizzazione delle grandi fabbriche, di Staatseigentum di esse. È condizione politica socialista perché l’industria pesante assicura a chi l’ha in potere le armi della guerra di classe e della guerra civile davanti alla controrivoluzione interna ed esterna. Non è invece condizione economica socialista, poiché economicamente si tratta ancora di azienda privata soggetta al controllo di Stato, ovvero più oltre di azienda in proprietà dello Stato. E una condizione economica di «capitalismo di Stato», in cui il sistema aziendale, salariale, mercantile, monetario resta in piedi: sarebbe condizione, oltre che politica, anche economica socialista, dal momento che il mercantilismo e la redditibilità dell’azienda singola fossero superati, e con essi il sistema del salario.

Dunque il piede messo con la frase di Lenin, anche ammettendo che non sia tra le sue la più elevata, nel socialismo dalla Russia è dovuto ad un passo fatto dal solo settore urbano-industriale-proletario: questo passo consiste nel potere assunto dagli operai contro la borghesia e nel ruolo dirigente rispetto al «popolo» minuto e contadino, e consiste nell’avere adottato la misura di togliere ai borghesi il controllo di banche, assicurazioni, trusts industriali e così via.

Il piede rimasto nel capitalismo è quello rurale-agrario, dove non si può porre nel 1917 (né si è posta nel l955) una consegna di misure di integrale capitalismo di Stato. La nazionalizzazione o statizzazione della terra non è nemmeno capitalismo di Stato, perché si può associare al capitalismo privato grande e minuto. La terra in Marx non è capitale né in campo economico né in campo storico: rimandiamo per questo basilare assunto alla serie sulla questione agraria nel marxismo, per la quale Lenin è l’Ortodosso degli ortodossi. Capitale sono gli strumenti produttivi dell’esercizio agricolo, le scorte vive e morte, fisse e circolanti. Un capitalismo pieno nella terra sarebbe l’aver trasformato tutti i contadini in salariati di grandi aziende, c da privato diverrebbe di Stato quando questo espropriasse e confiscasse tutte le aziende agrarie, il capitale di esercizio agrario, le scorte tutte.

Perciò nazionalizzando la terra ci si assicura «l’appoggio della maggioranza contadina», ma non si crea nessuna base ad un socialismo nell’agricoltura. Si espleta semplicemente un lato della rivoluzione agraria borghese, liberando il piccolo contadino dalla servitù feudale e da una parte della rendita dovuta al proprietario fondiario; una parte, perché lo Stato, borghese o proletario che sia, dovrà necessariamente imporgli tasse almeno pari a quelle che il proprietario titolare del suolo pagava, se non a tutta la rendita di cui egli godeva.

53 – I passi ulteriori dei due piedi

 

Una costante aspirazione di Lenin è la prevalenza del proletariato rurale sul piccolo agricoltore esercente: e questi resta tale sia che abbia la proprietà, sia che abbia il godimento divenendo in fondo un affittuario dello Stato. Anticipando quanto in seguito si dirà, è chiaro che non è facile giungere, nemmeno nei paesi più sviluppati, ad una agricoltura tutta a salariati, che si ha quando le famiglie rurali non consumano direttamente il prodotto del proprio lavoro in natura. Solo da questo gradino si potrebbe pensare a salire a quello di un capitalismo agrario di Stato, e dire: non siamo certo al socialismo, ma abbiamo messo il piede sullo scalino che vi conduce. Lenin riprenderà questa idea nell’opuscolo 1921 sull’imposta in natura di cui parleremo a lungo.

Supponiamo che, spariti i boiardi ed i grandi proprietari fondiari di tipo borghese (landlords, latifondisti), gli imprenditori agrari (kulaki in Russia) avessero spogliati tutti i piccoli contadini e conducessero tutta l’agricoltura con salariati. Sarebbe stato salito lo scalino al capitalismo privato in campagna, e si potrebbe dire: Se statizziamo tutto il capitale dei kulaki, e almeno dei grandi, entriamo nel capitalismo di Stato e mettiamo l’altro piede (fermo restando che tutto il potere lo abbiano i salariati dell’industria e della terra) nel socialismo.

Che cosa è invece avvenuto in Russia? Si sono più che espropriati, liquidati i kulaki, sia pure. Il loro capitale non è passato allo Stato ma è stato diviso in due parti: l’una l’hanno grandi aziende cooperative ma non statali, l’altra in tante piccole porzioni tutti i contadini di dette aziende, che sono quindi mezzi salariati, mezzi produttori diretti, e il prodotto diretto parte consumano, parte vendono. Questa soluzione ha preso il posto della diffusione quantitativa delle vere aziende di Stato, che coltivano relativamente poca terra. Questo non è stato un passaggio dal capitalismo privato a quello statale, ma un permanere in una forma che per metà è piccola produzione parcellare, ossia sta sotto l’agricoltura capitalista, per l’altra non vi sta sopra, in quanto una «cooperativa di lavoro» rurale con le sue entrate e spese può essere divenuta una grande azienda non più parcellare, ma è sempre azienda privata e non di Stato.

In altre parole ripetiamo il concetto. Il piccolo contadino in regime borghese differisce dal servo feudale perché è libero da servitù personali di lavoro e prodotto. Egli sintetizza in sé (Marx, Lenin) tre figure: è proprietario fondiario, perché tutta la poca terra su cui lavora è sua; è capitalista perché tutto il piccolo capitale di esercizio è suo; è lavoratore perché tutto il lavoro sul campo è dato da lui e dai familiari.

Nazionalizziamo la terra senza passare da piccola a grande azienda: sparisce la figura di proprietario, e restano nel produttore parcellare le due di piccolo capitalista e di lavoratore (analogia: l’artigiano, il piccolo affittuario lavoratore, o colono).

Passiamo alla grande azienda capitalista: i piccoli contadini sono espropriati di terra e capitale: resta la terza figura di lavoratori a salario nelle imprese concentrate in grosse unità.

Passiamo al colcos russo. Il piccolo contadino è divenuto, per metà circa del suo tempo (forza) lavoro, salariato e capitalista collettivo (gli si versa una quota salario e una quota utili in un sistema complicato che vedremo) e per metà è ridivenuto produttore parcellare: ha la casa, il capitale scorte, e vi impiega l’altra sua parte di tempo (forza) lavoro.

Lasciando le due parti minoritarie di grandi aziende di Stato, e di piccole famiglie contadine non colcosiane ancora, resta il fatto che la maggioranza dei lavoratori della terra in Russia aderisce ancora alle forme della minima produzione, con tutte le conseguenze economiche sociali e politiche. Il secondo piede è rimasto in terra non socialista, ed è perfino precapitalista.

54 – Cattive mosse dei primo piede

Indubbiamente dopo le violente crisi di cui ci occuperemo – lotta per la conquista del potere, per lo strangolamento della guerra, per l’uccisione della controrivoluzione – l’industria ha preso da un lato a divenire tutta o quasi statale e dall’altro ad assumere un peso quantitativo molto più forte nell’economia sociale russa. Ove un tale fatto fosse rimasto associato al potere politico nelle mani del proletariato russo, e legato al moto generale del proletariato rivoluzionario mondiale, il piede di cui diceva Lenin starebbe ancora più fortemente nel socialismo pure essendone il corpo ancora fuori, in ambiente mercantile e di capitalismo di Stato.

Purtroppo è l’altra condizione politica base che si è allentata. Lo Stato russo ha partecipato in pieno ad una guerra tra Stati imperialisti, come alleato di uno (qualunque) dei due gruppi di essi. Il proletariato russo non ha più ruolo dirigente rispetto alla classe contadina, sia pure colcosiana, cui è reso pari nella costituzione politica del 1936 e nel diritto. Il suo movimento politico non è più legato al programma internazionale della rivoluzione armata e della dittatura, l’Internazionale Comunista è stata smontata. Quella condizione è stata demolita pezzo per pezzo, e l’espressione fisica di tale fatto sono state le persecuzioni all’opposizione di sinistra e le «purghe» che ne hanno sterminato le file.

In queste condizioni il capitalismo di Stato resta, il dominio della grande industria resta, ma il carattere socialista della realizzazione di queste «misure» si è perduto: siamo al livello di un capitalismo di Stato come quello tedesco e di altri paesi (che Lenin illustra nel citato opuscolo del 1921).

La rivoluzione che Lenin voleva, e l’Ottobre ci dette, fu dunque socialista, perché mise solidamente il piede politico-proletario nel socialismo.

Vi avrebbe messo il secondo piede economico-rurale se fosse venuta in soccorso la rivoluzione proletaria internazionale. Forse solo dopo questa perfino paesi avanzati come Germania e Stati Uniti vedranno come forma di passaggio il grande capitalismo agrario di Stato. E vi sarebbe entrata con tutto il suo corpo iniziando lo sradicamento della autonomia aziendale del salariato e della distribuzione mercantile monetaria, in città e in campagna in parallelo.

Ma ha vinto nel mondo la controrivoluzione capitalista, pure essendo stata battuta in Russia quella feudale, spalleggiata dai borghesi del tempo.

Non solo quindi non è stato portato il secondo piede sul terreno del socialismo, ma il primo ne è stato ritratto. Tutti e due, oggi, e da non pochi anni, quasi trenta, ne stanno fuori.

Non solo la Russia non è una società socialista, ma nemmeno una repubblica socialista. Socialista resta, alla luce della storia rivoluzionaria, la Rivoluzione di Ottobre, e la coerente monolitica lungimirante costruzione di Lenin del cammino della Russia.

55 – La difficile manovra dopo aprile

Lenin aveva appena guadagnata l’aspra battaglia di sciogliere il partito bolscevico da ogni legame con la tolleranza del governo borghese e del difesismo, che si trovò di fronte l’obiezione sedicente di sinistra: Avete detto che occorre prendere il potere: benissimo; torniamo nella illegalità e prepariamo a breve scadenza l’insurrezione.

Il rapporto di Lenin sugli sviluppi tattici, secondo la trama delle Tesi del 4 aprile, fu tanto delicato quanto esauriente.

Noi, egli disse, non abbiamo che una minoranza: occorre essere molto diffidenti. Molti lavoratori sono in buona fede caduti nel difesismo, per euforia rivoluzionaria, anche nelle città. I contadini, fino alla attuazione delle misure economiche concrete, non saranno con noi. Se vogliamo salvare alla rivoluzione internazionale la forma nuova dei Consigli, non possiamo attaccare il Soviet solo perché in maggioranza non segue noi ma gli amici opportunisti del borghese governo provvisorio.

Disse Lenin[40]: Alcuni si domandano: non ci siamo ritrattati? Avevamo preconizzata la trasformazione della guerra imperialista in guerra civile ed ecco che ora parliamo di azione pacifica e non armata per il passaggio del potere ai Soviet. Ma noi siamo, spiegò, in un periodo di transizione in cui Miljukov, Guckov non hanno ancora impiegata la violenza: e quindi ci occorre una profonda paziente propaganda. Se noi parlassimo ora di guerra civile non saremmo marxisti, ma blanquisti. La nostra politica deve nell’immediato futuro condurre il governo borghese a smascherarsi, e ancora più i suoi manutengoli menscevichi (evidentemente, a quella data, su questo Lenin non insiste nei testi pubblici). Ma nella costruzione di Lenin la futura fase di guerra civile è certa e precisa: ne discuteranno a lungo i bolscevichi nei mesi successivi, e freneranno ancora l’azione nel luglio, dopo il quale saranno assoggettati a persecuzioni e provocazioni: alfine in ottobre accetteranno la sfida.

Il partito, ben disse Trotsky, aveva bisogno di un periodo di riarmo, e di chiarificazione dell’orientamento dei militanti e della parte avanzata delle masse; solo dopo avrebbe al momento segnato dalla storia dato battaglia, per vincerla.

Questo poderoso insieme di decisioni venne fuori dagli apporti di Lenin sul programma di lavoro, predisposto sotto l’effetto di un indirizzo precedente e non molto felice. Venuta al punto della unificazione dei socialdemocratici internazionalisti (con cui Kamenev e Stalin intendevano in marzo il ripescamento di quasi tutti i menscevichi), la Conferenza, seguendo la linea di Lenin, condannò ogni intesa coi social-sciovinisti russi ed esteri e con ogni opportunismo e formulò la parola d’ordine dell’internazionale Comunista[41].

Abbiamo così dato ampio sviluppo a quanto Lenin sostenne in ordine al compito da svolgere nella situazione politica di quello svolto fondamentale, e anche in riguardo al tema sulla questione agraria. Meriterà ulteriore attenzione la questione delle nazionalità; gravissima nell’impero degli zar, definito mosaico di cento popoli.

Il successivo congresso (quinto) della fine luglio segnerà il passaggio dalla fase di lotta pacifica alla nuova insurrezione armata: ma la linea teorica e storica sarà il chiaro sviluppo della conferenza di aprile, e gli stessi nomi faranno parte dei 32 del comitato di ottobre, come dei 14 di aprile. Stalin fu chiamato la prima volta al comitato centrale: Trotsky era ancora assente ed estraneo alla organizzazione bolscevica. Secondo Trotsky, a parte Lenin e Stalin, di tutti gli eletti in questo Comitato Centrale solo Sverdlov morì di morte naturale, tutti gli altri furono o giustiziati o soppressi non ufficialmente, nel seguito.

È forse nella storica conferenza di Aprile che i punti cardinali della rivoluzione russa splendono di maggior luce: rottura con la borghesia antizarista a metà, rottura con i social-opportunisti, rottura con la guerra, legame con il movimento rivoluzionario e lotta per lo stato della dittatura proletaria, in tutti i paesi[42].

Punti formidabilmente avanzati, pur nell’aperta dichiarazione che nella sola Russia non siamo allo svolto storico della trasformazione socialista.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (VII)

56 – La questione nazionale russa

Circa il contributo di Lenin alla conferenza dell’Aprile (24 – 29 aprile; 7 – 12 maggio stile europeo) 1917, ci resta da esaminare la questione nazionale. Abbiamo qui il testo della risoluzione che Lenin propose, e uno scorcio dei concetti di essa in un opuscolo del 10 Aprile (subito dopo le Tesi del 4 già illustrate)[43]. Da altra pubblicazione non completa come fonte può trarsi un cenno della discussione.

Secondo tale fonte il merito principale dell’impostazione della questione nazionale è dato a Stalin, relatore ufficiale.

È possibile che Stalin abbia così inteso rifarsi della sconfessione della politica da lui seguita verso il governo provvisorio borghese e i partiti opportunisti dei Soviet: comunque, l’intervento decisivo fu di Lenin e determinò le conclusioni della conferenza.

Indubbiamente è giusto dire che le nazionalità oppresse dallo zarismo (cento razze, cento lingue, soleva dirsi, in un solo Stato e sotto un autocrate solo) rappresentavano una parte immensa nella lotta impegnata nel 1917 per la fondazione di un nuovo potere, il suo passaggio a una nuova classe. L’esito della rivoluzione dipendeva, in gran parte, dal sapere se il proletariato sarebbe riuscito a trascinarsi dietro le masse lavoratrici delle nazionalità oppresse. Questo è un fatto: si pensi alla sola Polonia, ove i più feroci pogrom zaristi avevano maciullato nazionali polacchi ed ebrei; ed ivi l’odio non era solo per lo zar ma per Pietrogrado, per la razza russa, dominante nell’impero storico. Altro decisivo rilievo storico è che il governo provvisorio borghese era propenso a continuare la vecchia politica di strangolamento e di oppressione delle nazionalità: reprimeva i moti nazionali, discioglieva le organizzazioni del tipo della Dieta di Finlandia. Per i partiti borghesi e piccolo-borghesi, in relazione alla situazione di guerra per cui vaste zone dell’ex impero erano nelle mani dello straniero tedesco, è vero che restava prima parola d’ordine quella della «Russia una e indivisibile», come sotto lo zar in cui era perfino Santa.

Non meno storico è che solo i bolscevichi prendevano posizione contro questa parola d’ordine feudale, dichiarando apertamente che i popoli delle nazioni oppresse avevano il diritto di disporre della loro sorte. Il testo popolare che abbiamo qua e là parafrasato nel suo poco rigore attribuisce questo diritto ai «lavoratori», ma la formula si riferisce senza ambagi ai popoli.

Si dice poi che era Stalin che aveva elaborato con Lenin i principi della politica nazionale bolscevica, e che nel suo rapporto svelò la politica di brigantaggio del governo e denunziò senza pietà i conciliatori piccolo-borghesi a rimorchio della borghesia. Orbene la questione della paternità delle direttive secondo i nomi degli uomini illustri non è quella che ci preme, è noto, e al suo punto diremo dei contributi di Stalin sulla questione nazionale in genere (vedi il nostro «Razza e Nazione nella teoria marxista»). Quello che è certo è che lo svolto dell’Aprile, contro il Governo provvisorio e gli opportunisti dei Soviet, investe la questione nazionale come quella della guerra e della pace, della attitudine verso il Governo provvisorio e il dualismo dei poteri, delle misure economiche e agrarie e così via. Chi avesse visto giusto nella politica reazionaria dei borghesi e piccolo-borghesi sul punto delle nazionalità, avrebbe dovuto vedere giusto su tutto, e non organizzare la conferenza di cui trattiamo nella direzione della «benevola attesa» verso il governo fino alla Costituente, e di una fusione coi menscevichi!

57 – Contrasto tra due posizioni

Possono assumersi i punti che si attribuiscono a Stalin, ma troveremo nella risoluzione da Lenin stilata:
a) riconoscimento del diritto dei popoli a separarsi (che significa riconoscerlo ai lavoratori? nulla);
b) per i popoli riuniti in un dato Stato, autonomia regionale;
c) per le minoranze nazionali, leggi speciali che garantiscono il loro libero sviluppo;
d) per i proletari di tutte le nazionalità di un dato Stato. una organizzazione proletaria unica indivisibile, un unico partito.

Ora qui, se non soccorre la dialettica, non se ne viene fuori, come non ne venne fuori la sinistra bolscevica di allora. E questa la soluzione della questione nazionale per una società comunista? No certo. È la sua soluzione in una rivoluzione borghese democratica conseguente.

Ma alla data 1917 e in fase di capitalismo imperialista, conquistatore, brigantesco, oltremare ed entro Europa la borghesia di ogni paese e russa soprattutto è del tutto incapace a tener fede ai tanti incensi letterari (più che storicamente concreti) bruciati ai tempi ottantanovisti e quarantotteschi per l’autonomia delle piccole nazionalità e la loro liberazione (che, se avvenne, fu per insurrezioni e guerre di indipendenza, e non per affrancamenti dall’alto).

Un tale programma, come tanti di quelli di natura sociale agraria ed urbana, sub-socialisti ed ancora democratico-borghesi, può essere assunto e attuato solo da un potere proletario che afferri il timone del processo rivoluzionario antifeudale: la chiave di tutto il problema sta sempre li, nelle precedenti teorizzazioni di partito, nelle lezioni della storia debitamente interpretate dal 1900 ad oggi, e con legame a quanto in teoria e politica stabilì Marx a partire dal 1848, ad esempio in ordine alla classica questione di Polonia, da noi a fondo trattata.

Ma Pjatakov, marxista da non buttar via, sostenuto da alcuni membri della conferenza, fece un altro rapporto sulla questione nazionale. Pjatakov fu fatto fuori in seguito, e ci serviamo del riferimento che abbiamo. Egli avrebbe affermato che in un’epoca in cui l’economia mondiale ha stabilito legami indissolubili tra molti paesi, lo Stato nazionale costituisce una tappa storca già superata:
«La rivendicazione dell’indipendenza appartiene ad un’epoca storica già sorpassata», egli disse, «essa è reazionaria perché vuole far camminare la storia a ritroso. Partendo dall’analisi della nuova epoca, l’epoca dell’imperialismo, noi diciamo che al momento attuale non possiamo concepire una lotta per il socialismo diversa da quella condotta sotto la parola d’ordine ‹Abbasso le frontiere›, una lotta che tenda alla soppressione di tutte le frontiere fra le nazioni e gli Stati».

58 – Confutazione di Lenin ai sinistri

Riporteremo quanto attribuito a Lenin perché contiene un concetto di alto valore, e non allo scopo di livragare Pjatakov, come quelli che scrivono con animo «pubblicitario». Compagni che ragionano come qui si fa parlare Pjatakov ne conosciamo diversi, anche ottimi ieri ed oggi. Anche noi abbiamo cantato i versi di cui il vecchio Turati arrossiva: «i confini scellerati cancelliam dagli emisferi», né ripudiamo di aver cantato e… stonato. Ma altro è cantare, altro marxisticamente dedurre. Preconizziamo pure quella cancellazione e l’Internazionale della cultura e della lingua, o la mondiale fusione delle umane razze, ma nel seguire il corso storico guardiamoci bene dal dire e dal fare poetiche e liriche pistacchiate.

Lenin polemista non usava pannicelli caldi, ed avrà probabilmente parlato come si riferisce:
«Il metodo della rivoluzione socialista sotto la parola d’ordine 'abbasso le frontiere' è una confusione completa… Che diavolo significa il metodo della rivoluzione socialista sotto la parola d’ordine: abbasso le frontiere? NOI SOSTENIAMO LA NECESSITÀ DELLO STATO. MA LO STATO PRESUPPONE LE FRONTIERE… Bisogna essere dei pazzi per continuare la politica dello zar Nicola [che era, supponiamo abbia aggiunto Vladimiro, abbasso ogni frontiera che osi tagliare il territorio della mia Santa Corona]… La parola d’ordine ‹abbasso le frontiere› diventerà giusta quando la rivoluzione socialista sarà una realtà, invece di essere un metodo…»[44].

Fermatevi sulle parole che abbiamo maiuscolato. Sono grandi. Perché le ha dette in un momento felice il gigante Lenin? Può essere il gigante Engels, quando teorizza con frase cristallina: Due elementi definiscono lo Stato: un definito territorio, un armato potere di classe. Può essere, a dirle, il gigante Marx quando sul terreno teoretico, prendendosi dell’autoritario e accettando il termine, ridicolizza i libertari anarchici del 1870, che erudiscono il cosmo e la storia con gli abbasso a Dio, Padrone, Stato. Può essere un uomo normale come tutti noi, dal momento che senza nessun suo merito ad un certo svolto della sua vita la faccenda «gli entrò nelle chiocche» per non doverne più uscire. Le chiocche sono gli emisferi cerebrali, le meningi, la corteccia o quel che vi pare della naturale zucca.

59 – La questione centrale: lo Stato

Ancora oggi la cultura borghese pone la questione tutta qui: capitalismo vuol dire economia privata, socialismo vuol dire statizzazione. Da tempo nove socialisti su dieci seguendo l’andazzo pugnavano per esaltare lo Stato, e se al solito fine didattico prendiamo un momento l’Italia, si sapeva che gli anarchici «erano contro lo Stato», i socialisti marxisti (ahi ahi!) per la conquista dello Stato, sotto l’infelice formula dei «pubblici poteri».

Avevamo noi, bambini al tempo del congresso di Genova 1892, bisogno per dipanare la questione di leggere, verso il 1919, «Stato e rivoluzione»? Bastava a tanto mezza paginetta di Marx o di Engels, note e citatissime, acquisibili anche di quarta mano, e senza imbottirsi di erudizione.

Il marxismo è contro lo Stato in generale ed è contro lo Stato borghese in particolare. La società che è nel suo programma storico, essendo senza classi, è senza Stato. Ma il marxismo prevede che lo Stato sarà uno strumento rivoluzionario transitorio per appunto distruggere la classe dominante presente, dopo che la rivoluzione ne avrà distrutto lo Stato attuale.

Il marxismo conduce la lotta contro lo Stato borghese che solo dalla violenza sarà travolto. Ma in precedenti stadi storici il marxismo prevede l’utilizzazione di questo stesso Stato allorché distrugge lo Stato feudale, e in dati settori allorché colpisce i privati detentori del capitale con le sue disintossicate nazionalizzazioni. Prevede l’entrata in dati periodi negli organi dello Stato borghese prima a fine «stimolante», poi a fine «sabotante», e ad un certo tempo deve prevedere che si abbandoni questo terreno per quello dell’insurrezione e della presa di tutto il potere.

Un fatterello: alle volte alleggerisce l’esposto. Dal 1908 in Italia si cominciò dai marxisti a strappare il monopolio dell’azione rivoluzionaria ad anarchici e sindacalisti dell’allora moda soreliana, verbalmente estremisti ma in sostanza piccolo-borghesi, allo stesso tempo bollando l’ala riformista del socialismo. Ebbe una certa notorietà la «sinistra magistrale» coi compagni Dini, Capodivacca ed altri, pionieri dell’agitazione sindacale dei maestri, e solidi militanti del partito. Per il deputato ed avvocato Turati: i Dini, i Ciarlantini ed altri simili omini. Per il deputato ed avvocato Turati (certo non fesso nemmeno in marxismo, e con lui Treves ed altri) un marxista senza laurea non si concepiva.

Proprio il maestro Ciarlantini al congresso di Reggio Emilia 1912, dominato da Mussolini come alfiere della sinistra, fece un discorso, forse non da tutti capito ma meritevole di franca felicitazione, sul tema del socialismo contro lo Stato, per motivi marxisti e non anarco-soreliani.

Tutta la questione verteva allora sull’andare alle elezioni da intransigenti e non con gli obbrobriosi blocchi popolari, metodo di collaborazione di classe tra proletari e borghesi. Ci battevamo noi allora giovani per questo, ma sapevamo ben chiaro che la classe proletaria vuole essere sola non per penetrare nello Stato parlamentare, ma per distruggerlo con la rivoluzione[45].

Comunque, tornando a Lenin, egli con Marx ed Engels, e noi della platea, ha stabilito che ci serve lo Stato, e in certi casi lo Stato post-feudale quale ch’esso sia, un secolo fa anche borghese. Tutte le volte che questa macchina storica che è lo Stato ci servirà, ci servirà forza di armi politiche, militari, anche di polizia, e ci servirà un territorio tassativamente circoscritto: ci faranno gioco le frontiere.

Quando non ci sarà più feudalismo, quando non ci sarà più borghesia e non ci saranno classi e meglio forme economiche e produttive di classe, ossia quando non ci saranno più proletari, allora, come Engels disse, butteremo via lo Stato nei ferrivecchi, butteremo via gli ultimi Stati, e solo allora cadranno le ultime frontiere nazionali.

Non certo appena avremo preso il potere in un paese di grande capitalismo moderno; tanto meno quando avremo preso il potere nella feudale Russia del 1917. E allora, dice Lenin a Pjatakov, non mi dici nulla con la frase: non più frontiere. Mi devi dire: le frontiere del territorio Románov, o altre? e quali?

Arde la questione dell’Aprile 1917 adesso ancora. In questi giorni grida la Francia borghese che l’Algeria africana e nera sta entro le sue frontiere di «République une et indivisible». Rinfaccia a quella ancora più centralista dei Soviet di assoggettare popoli entro una cortina dilatata rispetto a quella Santa di Nicola.

Il marxismo per risolvere tali punti fiammeggianti non si può fondare sul grido caldo ed ingenuo dei Pjatakov. Ben altro bisogna, quando per muovere le frontiere occorrerebbero torrenti di energia storica, e scarse si mostrano quelle dell’Internazionale operaia, che le dovrebbe cancellare dalla lavagna sferoidica del pianeta.

60 – La solita cucina storica

Il bilancio di questo scontro sulla questione nazionale si fa dai testi cominformisti al modo noto.
«Ciò che univa L. Kamenev e I. Pjatakov [disinvoltamente non si dice che il primo e Stalin, poco prima e anche poco dopo di Aprile, sostennero lo stesso indirizzo!] era l’incomprensione dei compiti della rivoluzione e attirava il partito nel pantano menscevico [e Stalin che aveva redatta e rimangiò la mozione di unificazione con quelli, che faceva?]; Pjatakov, senza dichiararsi in questa questione apertamente [tutti quelli che non sono oggi in santità sono stati, a tale stregua, sempre mefistofelicamente simulatori!] contrario alla tesi di Lenin, condannava praticamente la rivoluzione all’isolamento e alla disfatta. Il partito lottava su due fronti: contro l’opposizione opportunistica di destra e contro l’opposizione di sinistra»[46].
E si seguita a ripetere che le principali questioni della conferenza le esauriscono i rapporti di Lenin e Stalin, per cancellare, non frontiere come voleva lo sventurato Pjatakov, ma il ricordo, ogni ricordo del fatto che allora l’opposizione di destra significava Stalin, giusta i dati incontrovertibili e le testimonianze da noi addotte.

Comunque l’opposizione di sinistra avrebbe detto: Se prendiamo il potere rivoluzionario totale a Mosca e Pietrogrado, saremmo fessi a mollare Varsavia, Kiev, Charkov, Odessa, Baku, Batum e così via: sarebbe un regalo alla controrivoluzione fatto in nome di un nostro teorico rispetto di scuola al «diritto di separarsi». Quale razza e nazionalità ha mollato Stalin, ortodosso allora contro errori di sinistra, nella questione nazionale? Fu la vicenda alterna di guerre che fece sorgere la libera Finlandia borghese, anche oggi rispettata, e la libera Polonia, risolutamente, Hitler aiutando, ripappata nel 1940.

Sarà dunque il caso di tornare al testo originale di Lenin, risoluto su questo punto quanto mai.

Prima è bene rilevare che i vari cuochi di quella cucina non sempre sono all’unisono. La ben nota Storia ufficiale del Partito dice che il relatore sulla questione nazionale, Stalin, aveva insieme a Lenin elaborato, ecc. ecc., poi riporta la risoluzione lasciando credere che sia redatta dal relatore Stalin, come ovvio. Ma invece nelle «Opere scelte» di Lenin edite a Mosca figura lo stesso testo della risoluzione, pubblicata nella «Soldatskaia Pravda» del 3 maggio 1917, come in calce, e compresa nel volume: «Scritti del 1917» di V. I. Lenin, Vol. I, pp. 352–353, ed. 1937[47]. Quale delle due la verità?

61 – Lenin e la questione delle nazionalità

Una prima bella breve formulazione è nell’opuscolo scritto subito dopo le Tesi del 4 Aprile. Il capitolo sulle questioni agraria e nazionale è ottimo anche per la prima: insiste sulla divisione tra il Soviet rurale dei braccianti salariati e semi-proletari (quelli, sia detto una centesima volta, che hanno un lembo di terra, ma non ci possono campare e devono lavorare a salario giornaliero qua e là in altre maggiori aziende) e il Soviet generico dei contadini, contro la
«dolciastra fraseologia piccolo-borghese dei populisti sui contadini in generale, velante l’inganno della massa non abbiente da parte dei contadini agiati, i quali sono soltanto una varietà di capitalisti»[48].
In che dunque il qui schiaffeggiato populismo differisce dall’odierna politica agraria dei cominformisti, poniamo in Italia, ove amoreggiano perfino coi grandi fittavoli?!

Lenin chiese, allora, che in ogni azienda confiscata ai fondiari (confisca che gli opportunisti volevano sospesa in attesa della… Costituente) sorgesse una grande azienda modello tenuta sotto il controllo dei Soviet. E aggiungeva:
«Il partito del proletariato, in antitesi alla fraseologia e alla politica piccolo-borghesi che dominano tra i socialisti-rivoluzionari, soprattutto alle loro chiacchiere sulle norme di ‹consumo› o di ‹lavoro›, sulla ‹socializzazione della terra›, ecc., deve spiegare che il sistema della piccola azienda in regime di produzione mercantile, non è in grado [corsivo di Lenin] di emancipare l’umanità dalla miseria e dalla oppressione delle masse».

Detto ancora che né democristiani né «comunisti» in Italia mostrano di essere menomamente sensibili a un tale obiettivo, e covano nidiate di sterili miserabili aziende familiari, che uccidono tanto la squallida Basilicata quanto la magnifica Sicilia, torniamo a bomba sulla questione nazionale: anzi diamo tal quale il brano di Lenin (punto 14 dell’opuscolo):
«Nella questione nazionale il partito del proletariato deve rivendicare anzitutto la proclamazione e la realizzazione immediata della piena libertà di separazione dalla Russia di tutte le nazioni e nazionalità oppresse dallo zarismo, unite o mantenute con la forza nei confini dello Stato, cioè annesse.
Tutte le dichiarazioni, i proclami, i manifesti sulla rinuncia alle annessioni, che non implichino l’effettiva libertà di separazione, si riducono ad un inganno del popolo da parte della borghesia o a pii desideri piccolo-borghesi.
Il partito proletario tende a creare uno Stato [udite!] quanto più possibile vasto, poiché ciò è nell’interesse dei lavoratori; esso tende all’avvicinamento e poi alla fusione delle nazioni, ma vuole raggiungere questo obiettivo senza violenza, attraverso l’unione libera e fraterna delle masse operaie e lavoratrici di tutte le nazioni.
Quanto più la repubblica russa sarà democratica, quanto meglio si organizzerà in repubblica dei soviet dei deputati operai e contadini, tanto più sarà vigorosa la forza di attrazione che porterà liberamente verso di essa le masse lavoratrici di tutte le nazioni.
Piena libertà di separazione, la più ampia autonomia locale (e nazionale), garanzie minuziosamente definite dei diritti delle minoranze nazionali: ecco il programma del proletariato rivoluzionario«
[49].

62 – La risoluzione della conferenza

Le grandi questioni storiche che qui si presentano, e la cui prospettiva imbarazza non pochi compagni, si seguono meglio in base alla risoluzione sviluppata. Naturalmente l’impostazione del problema si sposta.

Siamo (a) in un regime a periodo feudale e peggio asiatico-dispotico? Diamo mano completa ai movimenti di libertà nazionale, che nelle famose tesi del 1920 al II Congresso dell’Internazionale Comunista (accettate dalla sinistra italiana, che dissentiva fieramente da quelle tattiche per i paesi avanzati nel capitalismo) si dibatté se definire: demo-borghesi o nazional-rivoluzionari. I due termini invitavano a mangiare, con esofago comunista e marxista, lo stesso piatto dalla ingrata presentazione: nei detti luoghi, tempi e modi sociali, e purché si tratti di dare mano ai fucili, si fa blocco non solo con le masse non proletarie, ma con le stesse borghesie. Questo è quanto[50].

Siamo invece (b) all’indomani della caduta del feudalesimo e in una repubblica diretta dalla borghesia che non si decide a farla finita con la questione della guerra e della terra? Bisogna imporle la liberazione delle nazionalità chiuse nello Stato ex-feudale, che intendano separarsi. Ciò vuol dire concretamente che il quesito non sarà posto a una consultazione «panrussa», ma si ammetteranno consultazioni nazionali periferiche.

Siamo (c) per andar oltre, non alla società socialista, ma ad una Repubblica socialista che fondi il potere sui Consigli degli Operai e Contadini? Ebbene saremo coerenti, in attesa di forme sociali superiori e soprattutto della rivoluzione internazionale, proclamando che i Soviet delle nazionalità saranno liberi di decidere la loro separazione o meno dall’unico Stato.

Premettiamo che la questione non è la stessa delle Repubbliche unite in Federazione, di cui a suo tempo, in quanto anche nella Repubblica Socialista Sovietica Russa quasi tutte le nazionalità e le razze in gioco sono in minoranza rappresentate, e le varie Repubbliche federate ed autonome non corrispondono, e non lo potrebbero, a lingue e razze uniformi.

All’indomani della conquista del potere manterremo il principio di separazione, ma sulla sua attuazione influiranno le guerre civili e militari, o meglio con Stati che abbiano inviato corpi controrivoluzionari di invasione, variamente operanti in tutte le regioni dell’immenso territorio.

Ad un certo punto la grande battaglia del 1920 alle porte di Varsavia deciderà un grande svolto, meglio che non farebbe una sollevazione operaia polacca, e la decisione di un Soviet Nazionale polacco sulle «frontiere» da proclamare.

63 – Dispotismo ed imperialismo

Il procedere della risoluzione è storico.
«La politica di oppressione nazionale, eredità dell’autocrazia e della monarchia, è sostenuta dai grandi proprietari fondiari, dai capitalisti e dalla piccola borghesia, allo scopo di difendere i loro privilegi di classe e di dividere gli operai delle diverse nazionalità. L’imperialismo moderno, rafforzando la tendenza a sottomettere i popoli più deboli, rappresenta un nuovo fattore di aggravamento dell’oppressione nazionale»[51].

Si risale alla tesi storica fondamentale dei marxismo che, per il pieno sviluppo della forma capitalista di economia e lo scioglimento di tutta la società europea dai lacci feudali, fu necessaria la sistemazione, con insurrezioni interne e guerre nazionali, in Stati fondati su una nazionalità; fu ed era necessario liquidare tutti gli storici Imperi infracontinentali, di cui duri a morire furono quelli di Vienna, di Berlino, di Costantinopoli, durissimo quello di Pietrogrado.

Se quindi il modo capitalista di produzione lega il suo sorgere nei campi europei alla libera sistemazione delle nazionalità, a cui i proletari sono direttamente interessati, nella ulteriore fase imperialista esso, nella concezione di Lenin, si viene a risaldare alla oppressione. La lotta per i mercati extra-continentali e di oltremare conduce a potenti apparati di forze statali e a contese guerresche continue, tendenti al dominio politico sui paesi degli altri continenti. Quando sul piano delle grandi guerre gli imperialismi si scontrano per derubarsi a vicenda delle colonie e dei possedimenti, anche quelli di pieno sviluppo capitalista e democratico volgono i loro appetiti alla conquista a danno altrui delle province europee, e a seconda degli esiti delle guerre i piccoli paesi e popoli passano da una ad altra mano.

All’ideologia della liberazione nazionale europea e generale si surroga l’altra dell’espansione della moderna civiltà: questa è dapprima impiegata a giustificare il soggiogamento, la schiavizzazione e la stessa distruzione di popoli e razze di colore, infine viene a prendere la forma della richiesta, nella metropoli, di province di frontiera contese in punti nevralgici: l’Alsazia Lorena, la Venezia Giulia, la regione di Danzica, i Sudeti, i Balcani. Da queste contese nasce la solidarietà dell’opportunismo socialista con il capitalismo imperiale, nasce l’epidemia del difesismo, in quanto da ogni lato si cela il desiderio di conquista sotto le frasi del salvataggio della propria sviluppata civilizzazione da minacce aggressive.

Quello stesso socialismo che si diceva contro tutte le annessioni divenne il fautore di tutte le guerre. Se si ammette il sofisma che un popolo dai modi di produzione più avanzati ha «il diritto» di governare i meno progrediti, sofisma di cui tutti i paesi d’Europa hanno conosciuto i delitti, l’idea borghese di libertà dei popoli e di uguaglianza delle nazioni, storicamente in sé stessa vuota, si svolge in quella dell’oppressione e della conquista.

Avendo rotto al tempo stesso con lo zarismo alleato in Europa di tutte le sopraffazioni di nazione e di classe, e con l’opportunismo del 1914 consacrante l’omaggio del proletariato a tutte le guerre borghesi, la rivoluzione russa non poteva che prendere la direttiva di finirla con le guerre di espansione e conquista e di offrire la libertà a quei paesi che le conquiste violente avevano inclusi nello Stato russo.

64 – Separazione di Stati

Lenin premette il concetto che una repubblica borghese, ma di democrazia sviluppata al limite estremo, può consentire una convivenza di popoli e lingue senza predominio di uno: egli si riferisce, è chiaro, alla Svizzera, ove non vi è una, ma tre lingue ufficiali dello Stato. Ed aggiunge:
«A tutte le nazionalità che compongono la Russia deve essere riconosciuto il diritto di separarsi liberamente e di costituirsi in Stato indipendente».
Egli dice che una diversa politica fomenta gli odi nazionali e il sabotaggio della solidarietà proletaria internazionalista. Cita il caso della Finlandia ed il conflitto sorto col Governo borghese di Pietrogrado, sostenendo che alla Finlandia, tolta dal giogo zarista odiatissimo, deve consentirsi la separazione.

In quanto non si giunga ad una separazione statale, il partito deve sostenere una larga autonomia regionale e l’abolizione della lingua ufficiale obbligatoria, chiedere che la nuova Costituzione vieti ogni privilegio nazionale e ogni violazione dei diritti di minoranze nazionali.

I lettori ricordano alla relazione di Trieste sui «Fattori di razza e nazione» la parte dedicata agli scritti di Stalin sulla linguistica[52]: le teorie secondo cui una rivoluzione di classe non comporta un’interruzione della funzione storica della lingua nazionale si riferivano alla lingua russa, divenuta di fatto lingua della Repubblica dei Soviet e di tutta l’Unione. La nostra critica di questo punto valse a provare che questa esigenza storica di una lingua statale uninazionale è altra prova del carattere borghese assunto dalla rivoluzione, e vane sono le storture teoriche per giustificare sul piano marxista quella esigenza. Dove è dunque finita l’opposta rivendicazione dello Stato che anzitutto propone alle minoranze nazionali di separarsi statalmente, e se non lo chiedono le accoglie in una amministrazione polilingue, tipo svizzero? Torneremo a suo luogo a considerare se il grande impalcato statale russo di oggi abbia una lingua nazionale unica, di diritto e di fatto, uno dei lati oscuri che definiscono una struttura imperiale.

65 – Contro l’autonomia «culturale»

È qui che veniamo al famoso punto su cui Stalin, nel 1913, aveva avuto a collaborare con Lenin per la questione nazionale, in contraddittorio con la socialdemocrazia austriaca dell’anteguerra; punto che nel 1917 Lenin ribadisce. Era la proposta dei socialisti dello «Stato mosaico» degli Asburgo. Essi concedevano che l’amministrazione dello Stato fosse unica politicamente e burocraticamente, nella finanza, nell’esercito e così via (a parte il rapporto di parità tra Austria e Ungheria, unite nella Corona) e propugnavano che a tutti i popoli subordinati: slavi, ottomani, latini, si concedesse
«lo stralcio degli affari concernenti l’istruzione pubblica e le materie affini dalla competenza dello Stato centrale, per rimetterle nelle mani di Diete nazionali sui generis»
non aventi altro potere. Ciò divide artificialmente, Lenin aggiunge ora, gli operai che abitano in una stessa località, magari lavorano nella stessa officina, rafforza il loro legame con la cultura borghese delle singole nazioni mentre i socialisti invece si propongono
«di rafforzare la cultura internazionale del proletariato mondiale»[53].

Nello studio del giovane Stalin che colpì Lenin e sua moglie era appunto svolto il tema che la soluzione dell’autonomia scolastica, universitaria, culturale, era tesi di destra e opportunista, mentre era rivoluzionaria la tesi della separazione dallo Stato austro-ungarico delle province italiane, slovene, croate, ottomane, serbe, romene, ceche e slovacche, della frattura di questo Stato, sebbene esso fosse compito non necessariamente di una rivoluzione socialista – che all’opposto avrebbe potuto riunire quei popoli su ben diverso piano – ma di una rivoluzione borghese e di una guerra di sistemazione, come per l’Austria fu la prima europea, come erano state per l’impero ottomano le precedenti balcaniche.

Questa tesi è coerente alla considerazione marxista delle questioni nazionali, che con ampi sviluppi mostrammo non potersi ridurre alla negazione delle nazionalità come odierno fatto storico, e fu allora ben difesa. Ma mentre nel 1917 Lenin impegna ad essa la rivoluzione russa, che non è una ribellione nazionale, ma lo sconvolgimento storico dello Stato che tante nazionalità teneva inchiodate nella sua rete, possiamo ben chiederci quale sviluppo abbia avuto quella tesi negli anni seguenti, e quale tipo di Stato, in riguardo alla libertà di movimento di nazioni e regioni, sia quello dell’U.R.S.S. costruita nel nome di Stalin e che appare come un formidabile monoblocco, mentre Stalin rivendica la tradizione e il merito di super-autonomista nazionale. Coerentemente al pensiero di Lenin il successivo passo della Russia, che potesse superare sia il servaggio che lo spezzettamento nazionale, poteva esser fatto solo in compagnia della rivoluzione proletaria europea. Dato che questa mancò, la Russia si ordinò in un super-stato concentrato ed unitario nelle forze armate interne ed esterne; squisita forma del moderno capitalismo.

66 – Nazioni ed organismi proletari

Sempre i marxisti radicali avevano combattuta la formazione di partiti nazionali nel seno di uno stesso Stato, che si dicevano socialisti (Polonia, Boemia, ecc.). In Russia la questione, quanto a movimenti dei sindacati operai e ad organizzazione del Partito, già socialdemocratico, era scottante. Lenin aveva sempre sostenuto un partito unico per tutto lo Stato russo. La questione fu particolarmente viva col Bund ebreo, partito di vivace azione rivoluzionaria e di dottrina marxista, accettato nei congressi russi ed internazionali ma restio a fondersi col partito socialista, e poi comunista, comprendente indifferentemente militanti di tutte le nazionalità. Lenin ribadisce questo punto con le parole:
«Gli interessi della classe operaia esigono che gli operai di tutte le nazionalità della Russia si fondano in organizzazioni proletarie uniche: politiche, sindacali, cooperative, educative, ecc. Soltanto una tale fusione degli operai delle diverse nazionalità in organizzazioni uniche permetterà al proletariato di condurre una lotta vittoriosa contro il capitale internazionale e il nazionalismo borghese»[54].

Queste formule finali mettono nel giusto rapporto il costante perseguimento dell’internazionalismo sia nel movimento proletario che nella futura organizzazione socialista della società, e la lotta contro il nazionalismo «immanente» dei borghesi, con le soluzioni storiche che nelle grandi tappe e le grandi aree abbiamo il dovere di trovare e dare alle questioni di razza e di nazione. Quanto abbiamo detto con ampiezza a proposito della fondamentale conferenza di Aprile 1917, che traccia tutto il quadro della Rivoluzione di Russia saldando strettamente il passato e il futuro del movimento, che anche per facilità di esposto in Lenin si personifica, integra storicamente quanto abbiamo in dottrina svolto nel più volte citato rapporto di Trieste, che come i compagni ricordano svolse la questione di razza e nazione, nell’applicazione storica, fino alla prima grande guerra mondiale e nei limiti del campo europeo centro-occidentale, e si riservò la presente applicazione alla Russia e quella di una futura stesura per l’Oriente e l’Asia, oralmente svolta a Firenze[55].

Ogni elasticità giusta, alla scala storica e della geografia mondiale, è possibile, sul piano dottrinale marxista ben chiaro, a condizione che sia rispettata la condizione Leniniana dell’organizzazione unica pluri-nazionale entro ogni Stato, e dell’unione internazionale di essa: di quella Internazionale Comunista che sulle orme della staliniana declinazione – monolingue – si liquidò chiassosamente non meno che servilmente, e dovrà un giorno risorgere come Unico Partito Comunista, con sezione in ogni Stato territoriale.

67 – Nazionalità ed occidente

Una prova di scarso internazionalismo che dettero i vari Graziadei, Serrati, Cachin, e così via[56] fu appunto di non capire la questione nazionale del mondo fino ed oltre gli Urali e il Mediterraneo, perché quei dati non erano quelli della loro politica di paese d’origine.

Al solo fine di rendere più intelligibile la costruzione di Lenin per la Russia e il mondo extraeuropeo, che si mostrò veramente profetica, e soprattutto strettamente ortodossa in marxismo, ancora una volta ci ripiegheremo sull’esempio dell’Italia, e ci domanderemo se e da quando era giusto dire: Da noi la questione razziale e nazionale non esiste; quindi il nostro partito (ma questo sarebbe giusto proprio se esso fosse nazionale!) si occupa solo di questioni di classe. Bello, ma insignificante.

Lo Stato borghese nazionale italiano si è formato tardi, nel 1861, da guerre e da insurrezioni di una giovane borghesia, cui il proletariato dette la piena sua partecipazione. Benché sorgesse uno Stato di razze miste nel senso etnografico, tutto concorse (e, oltre alla tradizione democratica alla francese, quella stessa del cattolicismo, della Internazionale chiesastica) a liquidare le questioni razziali: un russo o anche tedesco si meravigliava a sentirci dire che non sapevamo se un concittadino fosse ebreo o di religione non cattolica: l’eguaglianza delle condizioni di vita era totale non solo giuridicamente ma nel fatto e nel costume.

Rapidamente su un tale sfondo laico si disegnò, sebbene tarda l’economia capitalista apparisse tra noi nelle forme recenti (aveva ben altre tradizioni dal Nord al Sud, da Palermo a Milano), la lotta di classe del proletariato della città e della campagna.

Nel 1911 il partito proletario si spogliò delle ultime ubbie nazionali: denunziò la celebrazione del cinquantenario dell’unità clamorosamente, e nello stesso tempo si liberò dalla alleanza con la piccola borghesia contro pretesi ceti retrivi, mentre di essa più retrivo non ne esiste nessuno.

Restò sullo stomaco della borghesia una questione nazionale negativa, irredentista. Un onesto radicale borghese della fine del secolo sentiva che sarebbe venuta la quarta guerra e la chiamava in anticipo «la prova del fuoco»; e l’Italia borghese ne uscì bene per l’andamento della guerra imperialistica, ma senza l’appoggio del proletariato, che seppe rendersi indifferente.

Il proletariato socialista aveva fatto buone prove (non sono meriti, ma facilitazioni date dalla storia) nelle posizioni antimperialiste ed antiannessioniste nelle dure imprese africane della fine ottocento e del 1911–12; aveva imparato a disonorare la tesi che corruppe molti marxisti: Giusta la guerra se ad un popolo barbaro porta ordinamenti moderni e civili[57].

In un certo senso il proletariato italiano nel 1918 si trovò non impacciato nelle questioni nazionali negative (irredentismo) e positive (impero) nelle quali la borghesia si era da sola impegnata, e si sentì pronto, nel quadro interno, ad andare avanti ed ingaggiare battaglia di classe.

68 – Rivoluzione con l’Europa

Se questa battaglia, che non occorre riandare negli episodi gloriosi e ingloriosi, fu perduta, si deve anche a insufficiente impostazione delle lotte nel quadro internazionale, a sottovalutazione del ben più nutrito imperialismo che aveva in Inghilterra, Francia, Germania, scavato il terreno sotto i passi della Rivoluzione Europea.

Se una rivoluzione russa non può attingere il vertice del suo ciclo senza una rivoluzione di Europa, soprattutto per il motivo delle scarse forme economiche, una rivoluzione italiana non lo può, non per le solite balle di regioni depresse e arretrate, ma perché geograficamente i fatti di Italia sono fatti internazionali, e la stessa rivoluzione borghese è andata avanti perché nelle guerre di sistemazione l’Europa dell’Ovest o quella dell’Est hanno travolto gli ostacoli conservatori. Qualunque dei due blocchi imperiali in cui l’Europa può dividersi abbia vinto può comandare in Italia, e in passato e in futuro questo paese dalle troppe frontiere confinerà con entrambi i contendenti. Non pecchino dunque i militanti italiani di troppo orgoglio per aver prima superato il male dell’opportunismo sciovinista. Non dicano che per la loro esperienza di politica vissuta all’interno possono dichiarare sorpassata la questione nazionale, o procedere a cassare quelle troppe frontiere.

Ciò non sarà prima di avere liquidata la questione di quelle di Europa, tra cui il problema tremendo delle due Germanie: la rivoluzione sola può unirle, ma la rivoluzione di Europa ha bisogno di una unità germanica, e di una dittatura operaia tedesca, più fragile presentandosi quella inglese o francese, per diverse ragioni.

Sarebbe proprio sciocco orgoglio nazionale chiudere gli occhi su questo punto, e non capire che abbiamo da imparare dalla rivoluzione di ieri in Russia, e perfino da quella di domani in Asia, per rompere il cerchio di cento condizioni che si pongono, in aspro cammino, tra noi e il socialismo[58].

Non sarà male, avendo riaperto l’argomento, aggiungere qualche altro cenno sulla questione nazionale nella Russia del 1917.

La tesi storica che il governo provvisorio fatto di borghesi e social-opportunisti, così come tendeva a continuare la guerra, manteneva la direttiva zarista di dominio su tutta l’indivisibile «Panrussia» e – cosa tipica – combatteva con misure di repressione i moti delle periferie di tipo nazionalista-borghese (laddove all’opposto i bolscevichi arrivavano alla disannessione al fine di raggiungere l’intesa rivoluzionaria internazionalista tra le classi operaie), ha riscontro in una serie di fatti.

Ucraina (un terzo della popolazione rispetto alla Russia europea, un nono del territorio). Petljura ed altri borghesi nazionali seguiti dai social-opportunisti formavano la Rada, che venne in contrasto col governo di Pietrogrado, chiedendo autodecisione, ma non separazione. Lenin disse modeste tali richieste e affermò che non si dovesse
«negare il pieno diritto dell’Ucraina a separarsi liberamente dalla Russia; proprio il riconoscimento senza riserve di tale diritto e, solo esso, permette di condurre una campagna per la libera unione degli ucraini e dei grandi russi; per l’unione volontaria dei due popoli in un solo Stato»[59].
In luglio vi fu un accordo tra Pietrogrado e Kiev; ma il 4 agosto fu revocato drasticamente e unilateralmente dal primo governo.

Finlandia (popolazione 3 per cento, territorio 4 per cento). Consentita la Dieta in base ad una precedente costituzione zarista, dopo un conflitto con essa il governo provvisorio nel luglio 1917 la disciolse con la forza. Lenin aveva scritto:
«Gli zar hanno praticato una politica brutale di annessioni barattando un popolo con l’altro d’accordo coi monarchi (smembramento della Polonia; compromesso con Napoleone sulla Finlandia, ecc.), così come i proprietari fondiari si scambiavano i contadini servi della gleba. La borghesia, diventata repubblicana, fa la stessa politica, ma in modo più sottile, camuffato […] Operai, respingete la politica annessionistica del Governo provvisorio nei confronti della Finlandia, della Curlandia, dell’Ucraina»[60].

Turkestan, Azerbaigian, Kirghizistan, Kazahstan, Uzbekistan, Tagikistan (territori nell’Asia centrale in parte, popolazione un settimo della Russia europea). Il governo provvisorio li amministrò dal centro col vecchio apparato burocratico degli zar, amnistiò i carnefici delle insurrezioni nazionali, impose a quei mussulmani e mongoli la lingua russa e la scuola russa.

Polonia. Qui il governo provvisorio fece il grande gesto di pubblicare nel febbraio 1917 la dichiarazione di indipendenza della Polonia russa. Ma il fatto è che i tedeschi occupavano tutto, e un anno prima avevano proclamata la stessa indipendenza! Dove occupavano i territori le truppe russe, i borghesi e opportunisti impedivano ogni «disannessione». La Polonia è il «test» classico della vessata questione nazionale: la sua funzione non comincia né finisce qui.

Un cenno sulla lingua. Il 29 marzo 1917 il governo provvisorio russo
«autorizza l’impiego di tutte le lingue e di tutti i dialetti nei documenti di società private, nell’insegnamento impartito nelle scuole private e nei libri di commercio».

La costituzione del 1918 (che consacra l’indipendenza di Finlandia, province persiane, Armenia, e il diritto di separazione nazionale) comprende tra i commissariati centrali del popolo quello dell’istruzione, sancisce il diritto generale all’istruzione gratuita, ma non parla dell’uso delle varie lingue.

La costituzione del 1936 (su cui dovremo in seguito intrattenerci) dice all’art. 121 che il diritto del cittadino all’istruzione è «nella lingua materna».

Lascia il dicastero dell’istruzione alle Repubbliche federate (che non sono tuttavia monolingui).

Non si parla dunque esplicitamente né di una lingua unica dello Stato né dell’equivalenza giuridica delle lingue.

Praticamente lo stesso pamphlet staliniano sulla linguistica, che pone il fattore lingua (vedi il rapporto di Trieste su «Razza e Nazione») fuori della determinazione economico-sociale e della «politica», è l’erezione di un piedestallo monumentale alla classica lingua russa storica letteraria, che non è più considerata lingua di nazionalità, ma lingua di Stato, per quanto plurinazionale.

Concetto che nella storia si accompagna, indissolubile, con una fase di dominio nella forma borghese-capitalista di produzione, se Marx è Marx.

In ordine a tale ciclo, e in relazione a quanto di Marx citammo in quel rapporto sulla guerra di Crimea e l’assedio di Sebastopoli: Voroscilov ha in questi giorni, in quella città, glorificata la resistenza eroica e patriottica nel centenario della difesa. Santa Russia![61].

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (VIII)

69 – Dopo aprile verso la gran lotta

Il lettore che ha inteso la portata della nostra trattazione sa che non intendiamo fare storiografia generica e racconto integrale dei fatti, che esigerebbe maggiore uniformità nella «densità della stesura». I fatti, anche in cronache, sono noti, tuttavia nelle loro pieghe alquanto controversi e resi ermetici: è dove ci soffermiamo con la documentazione e l’analisi più a fondo.

Ma quello a cui tendiamo è il confronto continuo tra l’elaborazione dottrinale compiuta in anticipo dal partito – o anche dagli altri partiti – che agiscono nel processo storico, e gli effettivi accadimenti posteriori.

Per tal motivo abbiamo dato molto spazio alla fase di Aprile: fase di bilancio teorico di partito tra due battaglie di contenuto diverso di cui ci è bastato e ci basterà tratteggiare le tappe essenziali, gli scontri importanti.

Il partito bolscevico aveva su larga scala adempiuto una grande costruzione di prospettive storiche nel periodo che va fino al 1905: innestando le conclusioni e previsioni relative alla Russia sulla grande prospettiva del comunismo marxista circa le battaglie del proletariato dei paesi di razza bianca.

Un secondo bilancio dovette essere affrontato nella nuova pausa determinata dalla reazione che seguì il 1905 e utilizzando gli insegnamenti di quella grande lotta, fino a che non si giunse alla nuova grande crisi che colpì il socialismo internazionale con lo scoppio della guerra del 1914. Una nuova battaglia dottrinale fu condotta, in primo tempo non tanto in seno al socialismo russo, che apparve anche a Lenin tutto contrario ad una guerra proclamata dall’odiatissimo zar (vedemmo che qui in gran parte Lenin si era illuso, non potendo pensare che dopo tanta preparazione di teoria e di lotta si esitasse su un tale punto), quanto nei partiti di occidente, i più dei quali erano crollati vergognosamente nel tradimento sciovinista.

Quando nel febbraio 1917 la crisi inghiotte lo Stato zarista russo tutte le previsioni della dottrina vengono di nuovo al vaglio dei fatti, ma gli effetti sconvolgenti della guerra europea e mondiale si accavallano con quelli dello scontro delle classi in Russia, e della rivoluzione antifeudale in cui la classe operaia deve scegliersi un posto di combattimento difficile a definire, ma certo nelle prime schiere.

Il partito che era stato l’ambiente di una così ricca preparazione dopo il febbraio, pure avendo nell’azione fatta degnamente la sua parte, non si ritrova sull’impostazione della fase ulteriore in riguardo a tre problemi, che abbiamo adeguatamente tratteggiati. Primo: comportamento davanti alla guerra. Secondo: compito del partito proletario nel procedere della rivoluzione antifeudale. Terzo: lotta contro l’opportunismo internazionale socialdemocratico e social-patriottico.

In aprile il bilancio storico è compiuto con una completezza di primo ordine, profittando della transitoria legalità vigente in Russia; il programma di azione è costruito decisamente: si tratta di applicarlo.

70 – Preparazione legale o battaglia?

La questione può vedersi sotto due aspetti, di principio e di metodo, di tattica. Due ali estreme, sebbene la dizione non sia esatta, la vedono in modo esclusivo. La dialettica veduta di Lenin vede i due tipi di attività e si sforza di collocarli per quanto possibile nelle fasi più opportune per giungere al successo.

Una posizione nettamente menscevica ed opportunista è dire: Lo zarismo è caduto, il potere è tenuto da una coalizione a volte nascosta a volte palese di borghesi e di opportunisti piccolo-borghesi. È assodato che non si può sostenere un tale governo su nessuna parte del programma interno ed estero: occorre dare la parola che il potere passi ai Consigli operai e contadini. Ma ora che la propaganda e l’agitazione sono libere, e da quando la rivoluzione democratica ha vinto, si tratta solo di guadagnare alla luce del sole e con mezzi legali la maggioranza nelle organizzazioni operaie e nei Soviet. Peggio sarebbe dire: Tale agitazione pacifica si deve estendere oltre, anche se si avesse la maggioranza nei Soviet, fino alla convocazione dell’Assemblea costituente, per riuscire a mettervi in minoranza la soluzione del governo di coalizione coi borghesi.

Una tale soluzione intanto è da respingersi come non rivoluzionaria in quanto non è proposta come riferita ad una fase che trascorre, ma nel senso di ammettere che, dopo la liberazione democratica, il partito per programma e per principio esclude la lotta armata, la guerra civile, pure avendo dal lato opposto escluso un blocco parlamentare e governativo coi partiti borghesi. È invece pienamente dialettica la risposta di Lenin: oggi, fine aprile, non ci conviene provocare a breve scadenza una guerra civile per prendere il potere. Tuttavia la guerra civile si avrà, ed anzi in due ipotesi: di una controrivoluzione zarista che tenda a rovesciare il governo provvisorio, nel qual caso lo sosterremo con le armi (ed avvenne), ed in una seconda ipotesi: che, essendo la lotta proletaria sviluppata fino alla capacità e necessità di assumere coi Soviet tutto il potere, il governo provvisorio resista a cederlo (ed avvenne).

Quindi Lenin risponde no a questa destra che vuole rinunziare per sempre ad una lotta armata, da ora in poi, e al tempo stesso le accorda che non sia ancora il momento di dar fuoco alle polveri e occorra lavorare legalmente.

Un’altra ala opposta cui anche sfugge il legame dialettico fra teoria e metodo strategico vuole la lotta immediata, da provocare senza indugio, e da avviare in ogni occasione con combattimenti preliminari. Avvenuta la rivoluzione liberale, dicono questi compagni, ogni eventualità di appoggio a governi borghesi, anche se ratificati da un parlamento, è esclusa e la via per abbatterli non è la conquista pacifica di una maggioranza ma solo l’insurrezione. Anche questa posizione è difettosa se diviene esclusiva, limitativa per il partito, e non dice soltanto che la lotta armata è plausibile e sicura in tempo futuro, ma asserisce che in ogni fase sia da pensare a questa sola, e non a pacifica preparazione.

Contro questi compagni Lenin dovette fare i più grandi sforzi perché non si attaccasse prima di essere pronti, pur ammettendo pienamente che in ogni spontaneo muoversi delle masse lavoratrici il partito dovesse essere presente non solo con l’agitazione politica ma anche con la forza materiale[62].

Data l’estrema difficoltà di individuare il momento propizio a così difficili conversioni per l’attività del partito, in momenti tanto convulsi, tra guerra sulla frontiera e crisi economica e sociale, quasi tutti i compagni si sono nel seguito aspramente rimproverati, chi di non aver voluto la lotta, chi di averla voluta compromettere scatenandola prematuramente.

È indiscutibile che, senza la poderosa preparazione del dibattito di Aprile, il partito sarebbe andato, o per la via della fiacchezza o per quella dell’esasperazione, alla sicura sconfitta e rovina.

71 – La fase dopo aprile

Sappiamo che già prima che la conferenza si aprisse, il 17 aprile, 14 giorni da che Lenin era giunto, le masse ebbero una reazione per una provocazione del Governo. Coincidendo la data col l° maggio nuovo stile, il primo postzarista, si ebbe altra coincidenza con la nota di Miljukov, ministro cadetto degli esteri, che prometteva, a richiesta degli alleati, la continuazione della guerra. Nonostante il grado relativo di infatuazione difesista da Lenin constatato nel popolo russo e nei soldati, in contrasto con le tendenze di immediata liquidazione della guerra, si aprirono a Pietrogrado e Mosca una serie di giornate in cui i lavoratori chiesero la testa di Miljukov con dimostrazioni armate, reclamando la pace e le sue dimissioni, date alcuni giorni dopo. Ma le masse non andarono oltre le dimostrazioni, ed il partito era ancora intento a liquidare i suoi dubbi.

Fu il 17 maggio, ossia il 4 maggio vecchio stile, dopo la chiusura al 12 maggio (29 aprile) della Conferenza, che giunse a Pietrogrado Trotsky (accolto con entusiasmo anche come antico presidente del 1905) e fece al Soviet un discorso in cui si dichiarò (non apparteneva ancora al partito bolscevico) pienamente concorde con la direttiva politica di Lenin.

Nelle giornate di Aprile alcuni bolscevichi avevano proposto di lanciare la parola di rovesciare il governo, ma il partito li riprese opponendosi. Trotsky afferma qui che Stalin sottoscrisse con due conciliatori il telegramma che invitava i lavoratori e marinai di Kronstadt a sospendere l’azione anti-Miljukov. Ai primi di maggio intanto Miljukov e Guckov si dimettevano da ministri, e nella coalizione entravano i menscevichi e i socialrivoluzionari.

Dopo il 12 maggio, chiusura della conferenza, e fino alla convocazione del congresso dei Soviet del 3/16 giugno 1917, i bolscevichi svolsero il lavoro di propaganda, organizzazione e penetrazione prospettato alla conferenza.

Frattanto gli opportunisti avanzavano sulla strada prevista da Lenin. Prima di aprile il comitato esecutivo del Soviet, da essi controllato, era quasi in pari numero favorevole e contrario ad entrare nel governo. Dopo quella prima crisi di piazza, 34 delegati contro 19 si dichiararono per l’accordo coi borghesi. Nel giudizio di Lenin, era la piccola borghesia che davanti alla minaccia di una nuova fase rivoluzionaria rinculava, consegnando ai capitalisti tutte le posizioni. Il 6/19 maggio fu annunziata la lista del nuovo governo, presieduto dal borghese Lvov con Kerenski e gli altri nominati sopra: borghesi e opportunisti avevano stretto il patto di acciaio.

Come era previsto, questo governo fu impotente anche nel senso riformista e i timidi passi dei «socialisti» furono presto bloccati, sicché nelle masse della città e delle campagne aumentò il disappunto verso il governo e verso i capi del Soviet in quel tempo.

72 – La lotta nelle campagne

Ribolliva la lotta dei contadini per prendersi in un modo o nell’altro la terra dei grandi proprietari, e uno degli scopi della coalizione era di deviare questo fermento minaccioso in conquiste pacifiche. Il ministro all’agricoltura Černov fece tentativi per attuare il contorto programma teorico di spartizione dei socialisti rivoluzionari. Egli accolse la richiesta delle zone rurali che denunziavano i tentativi degli agrari di salvarsi dalla spogliazione con vendite frazionate a prestanome e a contadini ricchi e medi: e adottò la misura di sospendere, con un ordine legale ai notai, tutti i contratti di compravendita di terre.

Contro questa strana misura, in contrasto teorico con lo stesso programma di una grande rivoluzione borghese, che come in Francia nel 1789 facesse «della terra un articolo di commercio», si levarono indignati i grandi fondiari pretendendo che Černov ritirasse il suo provvedimento. Miseramente costui prima lo mise praticamente nel nulla precisando che non era vietata la trasmissione dei diritti ipotecari, ed infine ancora più vilmente autorizzò la ripresa di tutte le contrattazioni conformi «alle leggi», sotto pretesto che solo la futura Costituente avrebbe diversamente potuto legiferare. Questa la misera fine di quello che era stato detto il «ministro dei mugic».

Qui si riconfermava la veduta esatta dei bolscevichi che proponevano che senza attendere la Costituente e senz'altro indugio fosse dichiarata la terra proprietà dello Stato, dandone l’immediato materiale possesso ai consigli locali dei contadini per la gestione collettiva o con transitorie distribuzioni di lotti alle famiglie coltivatrici.

73 – Le richieste degli operai urbani

Al tempo stesso nelle città la scarsità di risorse e di derrate agitava gli operai che invocavano aumenti delle paghe. Per mesi e mesi il governo non toccò questo tasto scabroso, non ebbe un ministro del Lavoro, mentre il progressista Konovalov era a quello dell’industria. Finalmente si dedicò alla cosa il menscevico Skobelev, ma col solo mezzo di far nominare nella cosiddetta ed ufficiosa conferenza della Duma una commissione divisa in sottocommissioni e sezioni prive di qualunque autorità, che indietreggiarono al dire dei datori di lavoro che ogni maggiore spesa avrebbe fermata la macchina produttiva o indotto aumento enorme dei prezzi. Circa un milione di operai industriali entrarono in agitazione nelle fabbriche, poco soddisfatti dei vaghi comitati di azienda che il nuovo regime esitando aveva riconosciuti.

Fino al principio di giugno il governo non trattò che in commissioni e con dichiarazioni teoriche la questione di una politica economica dello Stato, del suo controllo sulle fabbriche e delle prospettive di statizzazione delle maggiori, che vedeva poco favorevolmente in quanto… data la penuria di mezzi non si poteva passare al socialismo! Peggiorarono le condizioni dell’approvvigionamento, le code delle mogli degli operai duravano intere giornate, e nei grandi e medi centri l’onda del malcontento saliva irresistibile.

Quanto all’esercito, mentre il governo tramava una ripresa della lotta militare con appoggi delle potenze dell’Intesa pur temendo le conseguenze – che poi vennero – dello scatenarsi folle di offensive al fronte, cresceva nei soldati l’avversione alla prosecuzione della guerra e nei reggimenti si sollevavano agitazioni e organizzavano Consigli, orientati sempre più verso la tendenza bolscevica.

In questo quadro sociale torbido si apriva, per un altro grande scontro politico, ancora in forme incruente, il Primo Congresso dei Soviet di tutta la Russia.

Con la rinvigorita frazione bolscevica Lenin, come aveva portato la forza delle esigenze rivoluzionarie nella sessione di partito, si accingeva a recarla alle assise di tutta la classe lavoratrice. Fu urto memorabile.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (IX)

74 – Il primo Congresso Panrusso dei soviet

Il congresso si aprì il 3/16 giugno 1917 e si prolungò fino al 24 giugno/7 luglio, con lunghe discussioni che per il momento lasciarono la situazione come l’avevano trovata. Ma con quel congresso si chiuse la fase di preparazione legale del partito bolscevico, di agitazione sulla piattaforma stabilita dalle «Tesi di Aprile», e si aprì la nuova fase, ossia non il passaggio del partito all’attacco insurrezionale, bensì l’attacco ad esso della controrivoluzione, la fine dell’utilizzazione delle pubbliche libertà, il ritorno forzato «nel sottosuolo», ossia a quell’azione illegale in cui il partito era ferratissimo.

Al potere come sappiamo era il governo della coalizione stabilita il 6/19 maggio tra i borghesi e i social-opportunisti: Lvov presidente, altri dieci ministri tra ottobristi e cadetti (i «dieci ministri capitalisti»), i menscevichi Tsereteli e Skobelev, i socialrivoluzionari e affini Kerenski, Pereverzev, Černov, Peshekhonov. Kerenski, anima dannata degli alleati di occidente, era alla Guerra: il partito socialrivoluzionario era in quel torno il più numericamente influente in Russia.

Tre mesi corrono fra l’arrivo di Lenin e la lotta di Luglio: il riarmo del partito fu valido: nel lato teorico con la precisa definizione degli obiettivi, nel lato tattico con l’indirizzo di svolgere per il momento azione di organizzazione, propaganda ed agitazione tra le masse.

Deriva da questa fase la tradizione, poi esageratamente stamburata, di una speciale «ricetta» che la «bolscevizzazione» conferirebbe per dare la sveglia alle masse se dormono, con un lavoro tenace, indefesso e così via, come in una abusata demagogica campagna. Tale ricetta venne in tutto il tempo della dominazione staliniana impiegata in modo ipocrita, filisteo e tecoppesco per chiudere la bocca a chi, invece, vedeva la vera tradizione venir tradita bassamente e impunemente. Si trattò, invece, di una particolare attitudine a valutare il trapasso storico, dalla lunga preparazione teorica previsto ed atteso, e non di un espediente da ciarlatani per capovolgere sempre ed ovunque situazioni stagnanti. Oggi noi stagniamo da trent’anni, allora la situazione evolveva ogni mezzo mese. Non in ogni tempo è dato andare alle «grandi masse», ma solo in quello in cui esse sono in moto verso la rivoluzione: tempo che si capisce, non si provoca.

Quei tre mesi non furono, in quello specifico tempo e luogo, certo buttati via. Il Comitato centrale di Aprile aveva così riassunto i compiti:
«1. Spiegazione della linea e dell’indirizzo proletario per mettere fine alla guerra.
2. Critica della politica piccolo-borghese di fiducia e di appoggio al governo dei capitalisti.
3. Propaganda ed agitazione da gruppo a gruppo in ogni reggimento, in ogni officina, particolarmente in seno alle masse arretrate dei domestici, braccianti, ecc. [testo non di Leninista penna qui, o mal tradotto, se appaia i domestici di città e campagna, versione peggiorata del servo russo della gleba, con gli operai agricoli puri], poiché soprattutto su di essi la borghesia ha cercato di far leva nei giorni della crisi.
4. Organizzazione, organizzazione e ancora una volta organizzazione del proletariato in ogni officina, in ogni rione, in ogni quartiere«
[63].

Questa è lezione storica di primo ordine nello studio dei processi rivoluzionari; non è una filosofia eterna quanto spicciola dell’organizzazione, forma storica il cui gioco sta nel suo contenuto, e che automaticamente non è rivoluzionaria, e può anche essere l’opposto. Seguiamo infatti il gioco ardente delle forze sociali.

Alla vigilia del congresso varie volte i bolscevichi misurarono il grado della loro assidua preparazione: alla Conferenza dei comitati di fabbrica e d’officina tenuta il 30 maggio – 3 giugno (12–16 giugno nuovo stile), in cui i tre quarti dei delegati accettarono la linea bolscevica di Lenin – ben illustrata dalla «Risoluzione sulle misure di lotta contro lo sfacelo economico»[64], alla conferenza delle organizzazioni militari bolsceviche tenuta durante il congresso panrusso tra i soldati, e in altre occasioni e manifestazioni. I sindacati operai erano saliti in quel periodo a 130 di nuova costituzione nella capitale e 2000 in tutta la Russia.

75 – Schieramento al Congresso

Il Congresso Panrusso, aperto il 3/16 giugno sotto la regia dei capi opportunisti del governo e del Soviet della capitale, constava di mille delegati e più, ma solo 822 avevano voto deliberativo. Di questi 285 erano socialisti rivoluzionari, 248 menscevichi, che, seguiti da varie piccole frazioni, disponevano della maggioranza schiacciante. I bolscevichi non erano che 105. Al Congresso erano rappresentati 305 Soviet locali unificati di deputati contadini e soldati, di tutta la Russia; 53 Soviet regionali e provinciali; 21 organizzazioni dell’esercito attivo; 8 della riserva; 5 della marina da guerra. Era la disposizione di una forza colossale inquadrata e armata: si mostrò totalmente impotente.

La solida frazione bolscevica non aveva in quel congresso né il proposito di raggiungere la maggioranza, né quello di attaccare il congresso dal di fuori quando questo ne avesse respinte le proposte. Il passo di quel momento era solo di proclamare in campo più vasto il programma rivoluzionario fatto proprio dal partito in aprile.

Alla presidenza sedevano per i bolscevichi Kamenev, Zinoviev, Nogin, Krylenko. Oratori principali furono Lenin, Zinoviev, Kamenev. Ma il lavoro della frazione fu silenziosamente condotto da due organizzatori di forza: Stalin e Sverdlov, che mai andarono alla tribuna. Trotsky non era ancora nel partito bolscevico. È giusto il suo rilievo che se Sverdlov non fosse morto, presto avrebbe egli assunto, vicinissimo a Lenin, le funzioni di segretario organizzativo del partito.

Comunque i bolscevichi, che come i fatti mostrarono già controllavano le masse della capitale Pietrogrado e avrebbero potuto premere dall’esterno sul congresso, per l’ultima volta condussero una grande battaglia di parole e di idee, su un terreno neutro, che fu una dichiarazione di guerra vicina tanto alla borghesia quanto agli opportunisti, ancora insediati a dividersi l’eredità dello zarismo.

La questione primaria era quella dell’attitudine verso il governo provvisorio. Socialrivoluzionari e menscevichi sostenevano, nel congresso panrusso, la posizione che avevano fino allora fatta prevalere nel Soviet di Pietrogrado: lasciare il potere governativo al ministero di coalizione, formato fuori dei Soviet, nel seno dell’equivoco comitato che pretendeva risalire alla vecchia Duma «eletta» sotto lo zar. Ed intanto rimettere tutto all’Assemblea costituente da eleggersi «come nei paesi liberali e civili».

Tsereteli, uno dei più loquaci oratori, ripete per l’ennesima volta:
«Nel momento attuale, non vi e in Russia nessun partito politico che dica: dateci il potere, andatevene, noi occuperemo il vostro posto. Un tale partito in Russia non esiste».
Il vecchio retore era sicuro del suo effetto e della sua platea, ma una voce – era quella di Lenin – gli rispose da uno dei banchi dei delegati:
«Questo partito esiste

Tra rumori e commenti stupiti Lenin salì alla tribuna:
«Egli, Tsereteli, ha detto che in Russia non c’è un partito politico che si dichiari pronto a prendere tutto il potere nelle sue mani. lo rispondo: C’è! Nessun partito può rifiutarsi di far questo, e il nostro non vi si rifiuta: esso è pronto, in ogni momento, a prendere tutto il potere nelle sue mani!»[65].

76 – Gli interventi di Lenin

Questa narrazione sarà un poco romanzata, forse, ma noi abbiamo nelle «Opere» di Lenin due testi: quello del discorso che appunto il 4 giugno tenne sulla questione dell’attitudine verso il governo, e quello della risoluzione proposta sulla scottante questione agraria.

Nel discorso (verbale ufficiale del Soviet non bolscevico?) figura la risposta alla frase citata di Tsereteli: evidentemente Lenin riprese l’interruzione lanciata in precedenza, e la dichiarazione di essere pronti a prendere il potere. Segue tra parentesi: (applausi, risa). Infatti il congresso in parte applaudiva l’aperta dichiarazione; i capoccioni, povera gente, ostentarono di sghignazzare: eran quelli che in aprile avevano sentenziato: Lenin rimarrà solo, mentre noi staremo alla testa della rivoluzione!

Compito primo del movimento marxista, dichiarata organizzazione per prevedere la storia, è l’inesausto confronto coi fatti delle previsioni di quei bravi uomini che ci trattano da visionari. E questa ce la offriamo.

Prima di citare i passi che resero acido il riso di uno Tsereteli, sottolineiamo un istante questo fatto storico: il partito non nasconde mai di essere costruito per tenere, solo, il potere.

Badate: nel momento che quel Lenin ritenuto in tattica – da chi nulla ha mai capito – un imprevedibile funambolo senza scrupoli, un acrobata del doppio gioco, assesta con assoluta calma quel fendente, la situazione è questa: non si tratta di costruire la società socialista, di attuare il programma socialista; non si tratta nemmeno di minacciare per domani l’azione in piazza, la violenza insurrezionale, di darne dalla tribuna la parola d’ordine alle masse; si dichiara ancora di intendere di usare le facoltà legali di propaganda; non si dice – e lo si dirà, e, come vedremo, in dottrina lo si teorizza fin da ora – che restando in minoranza si vedrà di far fuori la maggioranza a spintoni; non si chiede al Soviet di assumere immediatamente il potere, sotto pena di boicottarlo. Niente di tutto questo, ma, per gli infernali iddii, pur non annunziando né minacciando la rivoluzione alle porte, si proclama altamente che il partito della classe lavoratrice esiste per raggiungere questo solo scopo: pigliare il potere, e non già, sia pure nella fase più a lui sfavorevole, per quello di parteciparvi al fine di reggere i pendagli all’amministrazione altrui.

Valga questo per gli «allievi» di Lenin, che dicono di avere imparato da lui quella duttilità che le ragazze-squillo imparano dalla ruffiana, e (oggi 1955) che il loro partito altro scopo non ha che il bene della nazione, e a tal fine la governi chi vuole. Maiali!

77 – La posizione bolscevica

È in un ambiente ostile che Lenin parla, ed è esatto l’altro episodio verbalizzato.
«(Il presidente: Il vostro tempo è scaduto).
Lenin. Fra mezzo minuto finisco… (Rumori, grida, inviti a continuare, proteste, applausi).
(Il presidente: Comunico al Congresso che la presidenza propone di prolungare il tempo concesso all’oratore. Chi è contro? – La maggioranza è favorevole)»
[66].
Il discorso terminerà «fra gli applausi di una parte dell’assemblea».

Egli cominciò col chiedere: che tipo di istituzione è questa assemblea? Potete voi dire che esiste in qualche altro paese del mondo? No. E allora la questione è questa: o un governo borghese come in tutti i paesi odierni, o questa istituzione a cui oggi si fa appello perché decida del potere. Ora questa nuova istituzione è un governo, di cui si trovano esempi solo nella storia dei più grandi slanci rivoluzionari, come quello del 1905 in Russia, e del 1792 e del 1871 in Francia.

La conclusione di Lenin ci è familiare: è una conclusione contro la coesistenza. Governo borghese di tipo parlamentare e Soviet non possono coesistere: quindi o si sopprime il primo, ovvero il secondo sarà travolto dalla controrivoluzione ed al più naufragherà nel ridicolo.

Conformemente a questa dottrina (non dite, Lenin grida, che si tratti solo di una questione teorica!) abbiamo sempre, da allora ad oggi, dato del bagolone a tutti quelli che, senza nessun movimento e stando bene in piedi il governo parlamentare borghese, volevano «fondare in Italia i Soviet»[67].

Tutti ce l’hanno col costruire, edificare, fondare. L’animus borghese dell’impresa di costruzione! Siamo rivoluzionari in quanto aspiriamo solo ad abbattere demolire e sfondare!

Ma vogliamo fermarci sulla notevolissima affermazione che un’istituzione di governo sorgente dalle masse sfruttate si ebbe non solo nella Russia del 1905 e nella Comune di Parigi, ma altresì «nella Francia del 1792».

Questa è una tesi di Marx e di Lenin fondatissima. La rivoluzione francese del 1789–1793 fu una rivoluzione borghese, ossia fu determinata dalla pressione del modo capitalista di produzione che doveva sostituire quello feudale; né poteva esservi altra prospettiva sociale che il passaggio del privilegio economico e del potere politico dalla nobiltà feudale alla grande borghesia. Ma lo scontro si manifestò come urto delle masse povere della città e della campagna contro l’antico regime e le sue difese: ed è proprio di una rivoluzione storicamente a cavallo tra feudalismo e capitalismo che resta ben detto rivoluzione veramente popolare. Fu una rivoluzione di classe per la borghesia, ma non della borghesia, che fece combattere i poveri, e i medi dell’intelligenza. Vera rivoluzione di classe e non di popolo sarà la nostra, perché il proletariato farà la rivoluzione per se stesso, e più ancora per distruggere le classi tutte; la farà la stessa classe operaia, ed essa sola.

In Russia nel 1917 tra febbraio e ottobre non abbiamo il problema storico della rivoluzione tra capitalismo e socialismo, bensì quello ancora della rivoluzione tra feudalismo e capitalismo. Solo che nel lontano 1792 si trattava della seconda rivoluzione borghese, e il popolo povero poteva combattere ma non governare; nel recente 1917 si trattò della… penultima rivoluzione borghese, ed il proletariato, già ben presente, dovette combattere col popolo e governare con esso – in egemonia su esso.

78 – Le rivoluzioni «popolari»

Non ci dilungheremo ora in citazioni di Marx e di Lenin a proposito di un dualismo di potere nella rivoluzione antifeudale rivelatosi già nella rivoluzione francese del sec. XVIII (e potremmo dire anche nell’inglese del XVII al tempo di Cromwell e poi degli Orange) e finito in entrambi quei casi con la disfatta dell’embrionale «potere del popolo» e il trionfo di quello della classe possidente minoritaria di fabbricanti, banchieri e terrieri borghesi. In questo concetto si vede contrapposta al primo Parlamento, agli Stati Generali, del 1789, la Convenzione estremista del 1793 che esprimeva l’ardore rivoluzionario dei sanculotti urbani e degli incendiari servi liberati delle campagne, cadendo nel Termidoro sotto il potere grande-borghese, come doveva tanto tempo dopo cadere la Comune sotto gli sgherri di Thiers.

Tralasciando una tale analisi daremo un passo di Lenin che conferma come la Rivoluzione russa era nel suo complesso una rivoluzione borghese, e tra queste si svolse come «veramente popolare» – il che non contraddice alla tesi che vinse in Ottobre come rivoluzione politica socialista, e diretta allo sviluppo sociale anticapitalista, pure essendo, alla fine del ciclo e con la sconfitta del partito rivoluzionario e internazionalista seguita a quella dei comunisti europei, ritornata a chiudersi – non meno della francese del 1793 – nel grande trapasso feudalismo-capitalismo. Il passo è questo, di «Stato e rivoluzione»:
«Se prendiamo ad esempio le rivoluzioni del XX secolo, bisogna ben riconoscere che le rivoluzioni turca e portoghese furono rivoluzioni borghesi. Ma né l’una né l’altra furono popolari, poiché la massa del popolo, la sua immensa maggioranza, non intervenne in modo attivo e indipendente, con rivendicazioni economiche e politiche proprie, né nell’una né nell’altra di queste due rivoluzioni. La rivoluzione borghese russa del 1905–1907 [Lenin scrive tra febbraio e ottobre, proprio al tempo di quel congresso di giugno, e qui denunzia Tsereteli per avere, pochi giorni dopo il discorso che stiamo trattando, avanzata la sua candidatura al compito di fucilatore dei bolscevichi] è stata invece senza dubbio una rivoluzione veramente popolare [frase presa da Marx ed Engels, che senza posa denunziarono la mancanza di questo trapasso storico per la Germania borghese] poiché la massa del popolo, la sua maggioranza, i suoi strati sociali inferiori più profondi, oppressi dal giogo e dallo sfruttamento, si sono sollevati in modo indipendente e hanno impresso su tutto il corso della rivoluzione il suggello delle loro esigenze, dei loro tentativi [qui, immaginate un corsivo messo da noi alla profetica parola] di costruire a proprio modo una nuova società al posto dell’antica che essi distruggevano»[68].

Qui resta chiaro che tra le rivoluzioni borghesi quella russa è stata squisitamente popolare, e che Lenin ha condotta una rivoluzione popolare nel corso del 1917, rendendosene perfettamente conto. In tutto questo ha camminato sulla via della rivoluzione anticapitalista europea, in un’Europa in cui ormai non si verificava la condizione del 1871
«in cui sul continente in nessuno degli Stati il proletariato non costituiva la maggioranza del popolo»,
come dice subito in seguito a quel passo.

Ma vile e traditore è chi dice che proprio Lenin ha tracciato una nuova via della rivoluzione di classe d’Europa, degradandola a «veramente popolare»: laddove era questa una promozione autentica per una rivoluzione capitalistica-borghese nascente, come la Russia, dal feudalismo storico.

Avvenuta che fosse tale rivoluzione, che egli non vide, la rivoluzione russa non sarebbe scesa da popolare a capitalista, ma di colpo veramente salita da popolare a proletaria classista e comunista. E ciò fu.

Ma torniamo al I Congresso dei Soviet.

79 – La «democrazia rivoluzionaria»

Lenin deride la mania di questa frase pomposa negli opportunisti. Egli non lascia il suo binario di venti anni (come inventa lo stalinismo) e non nega affatto di proporre solo una dittatura del proletariato e dei contadini poveri nella rivoluzione democratica. Siete voi, dice, che non dovete parlare di democrazia rivoluzionaria, ma di «democrazia riformista con un ministero capitalista». E qui che l’oratore si rivolge a quello che non chiama certo compagno, ma «cittadino ministro delle Poste e Telegrafi» e gli dà la risposta che suscitò negli opportunisti le già dette risate.

«Potete ridere quanto volete, ma se il cittadino ministro pone anche noi, oltre che un partito di destra [oh, quanto vecchia risorsa di rinnegati!] di fronte a questa questione [del potere] riceverà la risposta che si merita. Finché esiste la libertà, finché le minacce di arresto e di deportazione in Siberia – profferite dai controrivoluzionari con i quali i nostri ministri quasi-socialisti si trovano tutti uniti in uno stesso collegio – non sono che minacce, ogni partito in simile momento dice: dateci la vostra fiducia e noi vi esporremo il nostro programma. La nostra conferenza del 29 aprile ha esposto questo programma […]. Cercherò di darne al cittadino ministro una spiegazione ‹popolare›»[69].

Lenin fa seguire l’esposizione delle idee e delle proposte di aprile. Il governo vuole che la guerra continui, perché tale è l’interesse dei capitalisti russi ed esteri, ed è un governo della stessa classe.

Ma la confutazione di Tsereteli sul diritto dei partiti in regime di libertà ebbe un gran sapore dialettico e polemico. Purtroppo Lenin non ha potuto rivedere i volumi delle sue «Opere»Lenin prevedeva che era questione di giorni per la messa fuori legge dei bolscevichi, dei soli nemici della coalizione coi borghesi, ossia della servitù sotto i borghesi.

Egli contrappone le due alternative: Se, per evitare che il proletariato, e il nostro partito, vadano al potere, prendete contro di noi e le nostre possibilità di agitazione nelle elezioni dei Soviet, nella stampa, ecc., misure repressive, ciò ben mostrerà che la nostra tesi è giusta. Ma fino a quando asserite che la libertà democratica ha con voi trionfato, allora perché, dopo la consultazione delle classi lavoratrici in seno ad una democrazia rivoluzionaria, pretendete che l’assemblea dei Soviet per principio rispetti il potere di un centro esterno ad essa, precostituito? Invitate i lavoratori a eleggere delegati menscevichi e socialisti rivoluzionari, li invitate a seguire questi partiti che si dicono socialisti; ma con quale logica, se tali partiti affermano per principio di non volere arrivare al potere?

Questa chiara quanto tagliente argomentazione tende a realizzare la serie dei risultati: solo i Soviet devono avere il potere e formare il governo. Ma perché questo sia possibile bisogna che nei Soviet non prevalgano i partiti che si dicono operai mentre propongono alla classe operaia di rinunziare in partenza ad ogni eventualità del potere.

80 – Le misure di politica economica

Dal discorso di Lenin riceve luce anche la questione delle misure pratiche anticapitaliste che il governo di coalizione è impotente a prendere. Gli opportunisti qui si difendono con la solita solfa: la situazione economica è grave, la Russia è povera ed ulteriormente immiserita dalla guerra. Chiedere misure contro la grande industria significa pretendere di «instaurare» il socialismo: essi si dicono socialisti, ma eccepiscono, ben fuori di luogo, che il socialismo segue solo sulla base di uno sviluppato capitalismo. Lenin spiega che non si tratta di questo, ma solo di andare avanti nel senso degli interessi dei lavoratori e contro quelli borghesi. Noi abbiamo chiesto in aprile solo l’accertamento, egli dice, dei profitti del 500 e 800 per cento degli industriali di guerra, col mezzo di schiaffarne alcuni in prigione per un po’ di tempo in modo che rivelino tutto, e mediante il controllo degli operai rivoluzionari nell’azienda. Questo non è socialismo.

Siamo sempre sullo stesso punto della polemica. Sono una serie di passi nella direzione della lotta della nostra classe, possibili anche fin quando non sarà possibile il socialismo, che come punto di arrivo è fuori della rivoluzione in Russia, ma deve restare il traguardo della classe e del partito. Si tratta dunque del controllo operaio, della cartellizzazione obbligatoria, ossia della costituzione di sindacati industriali controllati dallo Stato. Questo lo fanno anche i governi borghesi (in Italia le varie IRI) ma al fine di accrescere il profitto capitalista con soldi dello Stato: la rivoluzione deve farlo per incamerare parte dei profitti. E finalmente, ma solo più tardi, i bolscevichi proporranno la statizzazione delle fabbriche.

Fin dal 1918, e nel 1921, Lenin spiegherà che non si tratta, nemmeno con l’espropriazione senza indennizzo, di socialismo, ma di salire il gradino del capitalismo di Stato, che è sulla marcia verso il socialismo.

Ma ponete la questione come concreto rapporto di forze politiche. Il partito rivoluzionario dà la parola delle fabbriche di industria bellica, pesante, allo Stato, per rafforzare la forma armata dello Stato stesso e il potere politico della classe operaia. Gli opportunisti si oppongono, perché non vogliono togliere ai capitalisti né il profitto né il potere, e assumono che non essendo maturo il socialismo non è il momento di statizzare i grandi mezzi di produzione! La giusta risposta è duplice: statizzazione industriale è capitalismo di Stato, e non ancora socialismo (nemmeno nel senso di fase inferiore del comunismo). Ma nel negare questa misura e nel sostenerla si ha un atto della lotta contro il socialismo e per il socialismo, lotta quest’ultima che il proletariato conduce anche sapendo che viene ad amministrare il potere, ancora in forma democratica, di una società borghese.

81 – Il congresso rincula

Lenin concluderà dicendo che la rivoluzione non può sostare: deve fare tutti quei passi reali in avanti, o deve cedere alla controrivoluzione se indietreggia. Ma i tempi non sono ancora maturi e questo Primo Congresso rincula, vota per Tsereteli, per Černov. Prima però i bolscevichi avranno dato la dimostrazione piena che il governo vuole e conduce una guerra di vittorie imperiali, e prepara rovinose offensive militari, che esso non sostiene i diritti degli operai delle città contro l’esosità dei padroni, che inganna i contadini fermando ogni riforma fino alla decisione dell’Assemblea Costituente[70].

A questo proposito, per un’ennesima volta, poderosa è la stesura di Lenin della – respinta – risoluzione sulla questione agraria, nel progetto da lui redatto per il I congresso dei deputati contadini di tutta la Russia, 17 maggio – 10 giugno, ovvero 4 – 28 maggio vecchio stile[71].

Le formule economico-sociali sono quelle ben note e strettamente marxiste:
«Bisogna incoraggiare la trasformazione di ogni grande proprietà fondiaria in un azienda modello, coltivandone la terra in comune, con i migliori attrezzi, sotto la direzione di agronomi e secondo le decisioni dei Soviet dei deputati operai agricoli».
Più che mai la populista spartizione e la proprietà contadina parcellare sono fieramente condannate.

Ma il punto interessante politicamente è quello 2.
«I contadini devono prendere immediatamente in gestione tutta la terra, in modo organizzato […] senza che ciò pregiudichi la decisione definitiva dell’Assemblea costituente – o del Consiglio dei Soviet di tutta la Russia, se il popolo darà a tale Consiglio il potere statale centrale - sul regime agrario».

Qui la dizione sente con pari potenza delle posizioni di principio e di dottrina e di una prospettiva storica sicuramente tracciata.

I Soviet, se non devono sparire, e mancare oltre a tutti gli altri compiti a quello di ricevere collettivamente la terra dei grandi fondiari, ed evitarne la frammentazione, certamente giungeranno al punto di avocare a sé il potere centrale dello Stato, eliminando il Governo provvisorio. Questo eliminato, cade la necessità dell’Assemblea Costituente: saranno «costituenti» in materia agraria e in ogni altra i Soviet nel Consiglio centrale supremo.

Leggiamo già la condanna, che parve – ai fessi – improvviso ripiego al non avervi avuto la maggioranza, dell’Assemblea costituente futura ad una poco lusinghiera liquidazione appena nata!

Nessuna forma costituzionale ed organizzativa in sé e per virtù propria può fare miracoli.

Questo congresso opportunista e timoroso del potere capitalista ne fu la prova: presto udremo Lenin pronunziare ben altra condanna; e dire che la formula: il potere ai Soviet va fino a che i Soviet si muovono come forza di classe: altrimenti la formula viene, come fu, mutata: la classe e il suo partito possono, se necessario, prendere il potere senza i Soviet e contro la loro maggioranza.

Né l’involucro della democrazia parlamentare, né quello particolarmente instabile e fugace della «democrazia rivoluzionaria» sono in diritto di arrogarsi l’esclusiva della rivoluzione: questa potrà passare anche senza e contro tali forme, anche se è, come è, una rivoluzione socialmente antifeudale, ed è condotta come anticapitalista nel senso «potenziale», ma non ancora in quello «attuale».

Durante e dopo il Congresso gli avvenimenti incalzano.

82 – Le lotte del giugno

Durante il Congresso, che erano ben sicuri di controllare fino in fondo, i partiti menscevico ed esserre avevano preparato una manifestazione in onore dei caduti della rivoluzione, fissandola al 12 giugno. Cominciando a trepidare per gli umori del proletariato di Pietrogrado, esitarono e finirono con lo spostarla al 18 giugno (1 luglio). Ma in tale giorno doveva per fatale coincidenza essere scatenata la nuova offensiva sul fronte tedesco, che il semidemente Kerenski aveva fomentata, e i piani della quale, pronti da tempo, erano quelli stessi del febbraio dello Stato Maggiore Generale zarista, con la complicità di una serie di generali controrivoluzionari, che saranno poi famosi, come i Kornilov e i Denikin.

La dimostrazione del giugno riuscì all’opposto di quello che i maneggioni del Congresso aspettavano. Gli operai di Pietrogrado scesero nelle piazze con bandiere, cartelli e grida infrenabili che riecheggiavano in tutto le parole del partito bolscevico: «Tutto il potere ai Soviet!» – «Abbasso i dieci ministri capitalisti!» – «Pane, pace e libertà» – «Controllo operaio sulla produzione» e simili. Benché già prima del giorno 12 al congresso si fosse da Dan e Tsereteli inveito contro i bolscevichi accusandoli di complotto controrivoluzionario e sabotatore della rivoluzione, la dimostrazione del 18 giugno vedeva pacificamente mobilitato mezzo milione di cittadini di Pietrogrado e dei centri vicini. I pochissimi gruppi con motti di fiducia al Governo provvisorio furono derisi e dispersi dagli stessi dimostranti, e grave fu la paura degli opportunisti. I giornali menscevichi ebbero a scrivere cose di questo genere:
«La dimostrazione del 18 giugno si è trasformata in dimostrazione di sfiducia al Governo Provvisorio. Esteriormente produceva una impressione deplorevole. Sembrava che la Pietrogrado rivoluzionaria si fosse staccata dal congresso dei Soviet di tutta la Russia… Alcuni giorni prima questo aveva votata la sua fiducia nel Governo. Il 18 tutta la Pietrogrado rivoluzionaria sembrava esprimergli una netta sfiducia».

I bolscevichi in questa occasione non avevano affatto l’obiettivo di uno scontro armato, e contennero il movimento nei limiti di una dimostrazione imponente, ma tranquilla. Ma frattanto gli eventi precipitavano: gli opportunisti preparavano piani di repressione, di cui si erano in pubblico congresso vantati, i soldati fremevano per le notizie dei successivi invii di formazioni verso il fronte, e i lavoratori di Pietrogrado, tra cui non pochi compagni bolscevichi impazienti, cominciavano a domandarsi se non era meglio attaccare con tutte le forze il governo e tentarne l’abbattimento.

83 – La situazione muta

Siamo in effetti ad uno svolto storico, ad uno di quei capovolgimenti che solitamente sono invocati per pretendere una revisione totale ed una completa inversione non solo delle disposizioni tattiche di azione, ma anche, con grave errore e danno, per elaborare tutta una nuova visione della prospettiva storica e della valutazione dottrinale fino allora dal partito seguita, ed è in queste svolte che scoppiano le crisi dell’infezione opportunista.

La forza del partito bolscevico, come alla luce dei fatti andiamo qui dimostrando, a sbugiardamento della pessima, falsa, traditrice utilizzazione di queste celebri e grandiose esperienze, fu invece di spostare con magnifica sicurezza il fronte del suo schieramento e i mezzi pratici di combattimento, ma senza mai smarrire la linea solidamente ininterrotta della sua teorizzazione e previsione sul corso della rivoluzione in Russia. In verità in tutti questi svolti ora Tizio ora Sempronio, ora la tale tendenza ora l’altra, non evitarono la crisi, e ciò difficilmente era evitabile, ma quasi sempre il partito come unità superiore ai singoli prese e tenne la giusta via.

Non è nemmeno giusto attribuire questo eccezionale favorevole risultato della lotta storica più memorabile che abbia fin qui registrato il movimento operaio alla presenza dell’uomo di Genio che appare solo ogni cinquecento anni, come Zinoviev si lasciò una volta andare a dire. Lenin stesso ha provato e dichiarato che il risultato utile si dovette ad una costante, per lunghi anni, osservanza dei principi del partito, all’utilizzazione coerente del cammino del movimento proletario in un lungo corso ed in tutte le nazioni, al rigoroso confronto dei fatti presenti con le leggi del divenire storico in tutte le fasi passate, elaborate dalla nostra teoria rivoluzionaria. Volontà, tenacia, coraggio e dominio di sé davanti ai momenti terribili ne mostrarono centinaia e migliaia di compagni e di proletari.

Il Congresso dei Soviet si chiude dopo le interminabili e talvolta vuote discussioni il 24 giugno / 7 luglio 1917: nei venti giorni dei suoi sterili lavori tutto è mutato.

Dopo la dimostrazione del 18 giugno i movimenti dei nemici del bolscevismo stringono i tempi: ministri capitalisti e generali zaristi sotto la pressione dei collegati imperialismi di occidente devono far scattare la guerra, sia pure al solo scopo di alleggerire la pressione tedesca contro i paesi «democratici»; gli opportunisti del «socialismo», anche quelli che erano stati in una vaga attitudine internazionalista e zimmerwaldiana quando alla testa dell’esercito era la monarchia autocratica, sono irresistibilmente trascinati sulla via del tradimento social-nazionale dei partiti europei: essi hanno insultato Lenin come agente tedesco quando questi additava loro la via segnata da Liebknecht, incarcerato in quel tempo per aver detto ai soldati tedeschi di sparare sul loro Kaiser. Essi non capiscono che la loro coalizione coi borghesi facilita il legame di questi con la controrivoluzione, anche autocratica e zarista, come poco tempo dopo vedranno senza tuttavia poter guarire – Lenin prevedrà e constaterà nelle fasi seguenti che simili rinsavimenti non sono possibili.

Le famose giornate di luglio si datano tra il 4 e il 6, ossia tra il 17 e il 19 nuovo stile: il 7/20 sarà spiccato il mandato di arresto di Lenin, il quale dovrà nascondersi. Intanto il Congresso dei bolscevichi, che ammetterà Trotsky e la sua tendenza, è convocato per il 26 luglio/8 agosto e sarà completamente sotterraneo: il 22 lo stesso Trotsky verrà arrestato e con lui Kamenev e molti altri compagni. Stalin rimasto libero condurrà tutta l’organizzazione della messa in salvo di Lenin in Finlandia come del congresso illegale, le cui discussioni dovranno, ancora una volta, molto risentire di quel tornante tumultuoso.

84 – Le battaglie di luglio

Come abbiamo detto proprio il 18 giugno/1 luglio, mentre le masse manifestavano in Pietrogrado, si iniziò l’offensiva, con circa 300 mila uomini su un fronte di 70 chilometri e con l’impiego di rilevante artiglieria, 800 pezzi leggeri, più di 500 medi e pesanti. Vi fu un iniziale successo militare. Fino al 25 giugno i russi registrarono successi e avanzarono sia pure sacrificando 60 mila uomini. Ma i tedeschi contrattaccarono e già il 6 luglio sfondarono il fronte definitivamente facendo fallire la famosa offensiva di Kerenski e Brusilov e determinando la dissoluzione dell’esercito russo combattente.

Tutti questi eventi: il tradimento dei social-opportunisti, dei «fautori dei compromessi», col passaggio alla reazione poliziesca, le collusioni tra i loro capi e ministri e i generali zaristi, la catastrofe dell’offensiva imposta dagli alleati imperialisti, il ritorno all’illegalità del partito e alla situazione di guerra civile, erano integralmente previsti nella prospettiva seguita da Lenin.

Tutto ciò confermava la tattica seguita nei Soviet che doveva arrivare fino allo smascheramento della politica borghese opportunista innanzi alle masse contadine del fronte, ed il partito vi era dunque pienamente preparato.

Tuttavia la strategia predisposta da Lenin e dalla maggioranza non era ancora quella di accettare la battaglia nelle strade e di rovesciare il governo: anche questo era svolto storico previsto dalla teoria e preparato tatticamente, ma il partito non aveva e non avrebbe scelto il luglio: era troppo presto. Tuttavia dopo il riarmo dell’Aprile il Luglio non fu affatto una sorpresa, ed anzi venne a provare che si era visto giusto, e che si procedeva bene sulla via storica che il partito si era disposto a percorrere fino alla fine.

E falso dunque il titolo che nel VI congresso il partito (come nella solita Storia ufficiale) si orientò verso l’insurrezione armata. Esso era da tempo orientato verso di essa, e non aveva mai ammesso che per altra via potesse arrivare alla vittoria e al potere. Lenin non aveva nulla di nuovo da scoprire in materia, e tanto meno aveva bisogno che lo scoprisse Stalin, giusta la grossolana insinuata manipolazione!

Le dimostrazioni spontanee scoppiarono nel quartiere di Vyborg il 3/16 luglio, e si fusero in un’unica grande manifestazione di lavoratori, questa volta armati, sotto la parola del passaggio dei poteri dal Governo provvisorio ai Soviet. Il partito fu presente per evitare che si sferrasse l’assalto armato, ma il governo scatenò sui dimostranti gli junker (allievi ufficiali) e il sangue prese a scorrere. Borghesi e guardie bianche si illusero di aver vinto[72].

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (X)

85 – Sconfitta nelle strade e repressione

Non è nel nostro attuale compito fare la cronaca delle giornate del luglio 1917. Nel già tanto ampio nostro sviluppo ci interessa ricordare gli avvenimenti soprattutto per mettere in evidenza l’avvicendarsi delle fasi e le valutazioni che a volta a volta il partito dette di esse (o ne dettero sue parti e correnti) in ordine ai principi teorici generali, e alla sua organica e decennale visione della rivoluzione russa.

Come abbiamo già accennato le due giornate di attività delle masse, soprattutto di Pietrogrado, nelle piazze, furono il 3 e 4 luglio (16–17). I lavoratori spontaneamente e violentemente reagirono a vari fatti che abbiamo illustrati: la coalizione sempre più stretta dei menscevichi e socialrivoluzionari con i cadetti borghesi e altri partiti di centro, lo scatenamento della folle offensiva al fronte voluta da Kerenski.

La versione che dettero in combutta borghesi e opportunisti fu che i bolscevichi, vista battuta all’esecutivo dei Soviet, che sedeva dal 3/16 giugno, soprattutto per la tuttora grande influenza di social-populisti e menscevichi in provincia e nelle campagne, la loro tesi per l’assunzione del potere da parte dei Soviet stessi, e la rottura della coalizione coi borghesi nel governo provvisorio, rispondessero alla sconfitta nel voto col deliberato ricorso alla forza; il tutto condito da calunniosi attacchi agli agenti dei tedeschi, e perfino dello zarismo! Ma tutte le storie, su tal punto, ci confermano che questo non era vero, e che non solo il partito non aveva affatto preparato questo immediato cambiamento di fronte, ma fece di tutto per evitare, in quel momento, lo scontro generale.

In realtà masse di operai di Pietrogrado e di soldati e marinai della flotta, in armi e padrone per due giorni della città, si assembrarono intorno al Palazzo di Tauride dove sedeva il Comitato Esecutivo dei Soviet e inviarono di continuo delegazioni minacciose che esigevano la fine della coalizione di governo, la pace e la fine delle offensive al fronte, e tutte le altre misure che collimavano con la posizione dei bolscevichi. Tra gli agitatori, oltre ad operai bolscevichi più impazienti ed estremisti, non mancavano operai anarchici, e anche agenti provocatori sia dei bianchi, sia degli stessi traditori socialistoidi, che premeditavano il contrattacco ai bolscevichi.

Fatti principali furono la richiesta del reggimento dei mitraglieri di assalire ed arrestare il ministero, l’assedio alla fortezza di S. Pietro e Paolo, la materiale presa di possesso del quartiere rosso di Vyborg e della base navale di Kronstadt. Ma Trotsky e Stalin concordano nel dire che i dirigenti bolscevichi e il Comitato Centrale si adoperarono per fermare tali azioni armate e di vera guerra civile.

Fatti principali della subito scatenata repressione furono gli interventi di forze armate chiamate da Kerenski: gli junker, il reggimento di Volinia (quello che in ottobre doveva far traboccare la bilancia dalla parte della rivoluzione) al cui arrivo i vari Tsereteli deponendo paura e maschera proclamarono la nuova coalizione governativa, identica alla prima; la devastazione delle redazioni e stamperie dei giornali bolscevichi, in cui l’operaio Vojnov fu trucidato. Le guardie rosse operaie vennero disarmate, le unità militari più rosse fatte partire per il fronte. Si iniziò l’onda di arresti, cui fu sottratto Lenin. Fu annunziato il grande processo per «alto tradimento». Il partito era messo fuori legge, gli operai dovettero indietreggiare.

Come il partito giudicò tale nuova fase e quale strategia si fissò per l’avvenire? Noi qui siamo intenti a provare che il filone conduttore era lo stesso dal 1900. Ma le fasi furono molte ed alterne. Da febbraio ad aprile tolleranza larvata della coalizione borghese-operaia e della guerra, propositi di riavvicinamento ai menscevichi (cose che hanno storico nome da Kamenev-Stalin, senza che i posteriori schieramenti in campi opposti dei due nomi, uno di vittima, l’altro di giustiziere, le abbiano potute cancellare). Da aprile a giugno, dopo il ritorno di Lenin, ripresa sul filone rivoluzionario «classico» e chiarificazione di tutte le tesi e posizioni con la strategia di azione legale e pacifica per conquistare il Soviet, e da questo far conquistare, avocare a sé, il nuovo potere dello Stato. In luglio sconfitta dentro il Soviet, ira delle masse lavoratrici, offensiva dei rinnegati traditori della classe operaia, momentanea disfatta di questa, tentativo del governo borghese di annientare il partito.

86 – Congresso clandestino

Sarà nell’Ottobre che Lenin, afferrati per la collottola i dissenzienti, urlerà che non vi è un minuto da perdere, che non è l’ora di consultazioni, che vadano a farsi strafottere anche il congresso dei Soviet, anche quello del Partito, anche il voto del Comitato Centrale, e l’opinione cogliona delle maggioranze; che si deve nella notte che trascorre (dal 24 al 25 ottobre – dal 6 al 7 novembre) finire il governo nemico, o sparire dalla storia.

Ma in questa fase di indietreggiamento è di sommo interesse seguire le reazioni del già detto VI congresso del partito (che seguiva a dieci anni il V di Londra e che si tenne dal 13/26 luglio al 3/16 agosto).

Questo fu anzi preceduto da una conferenza delle organizzazioni bolsceviche di Pietrogrado, che era stata interrotta dalle dimostrazioni, e si concluse tra il 4 e il 7 (17 e 20) di luglio. Gli animi erano eccitati: la conferenza nella prima fase aveva fatto di tutto per frenare le masse impazienti, adesso si discuteva ardentemente se il rovescio era stato decisivo e si apriva la fase della vittoriosa controrivoluzione. La maggioranza seguì uno dei più valorosi bolscevichi, Volodarskij, che rifiutava accanitamente di ammettere che la controrivoluzione ci avesse vinti. La sua risoluzione in questo senso fu accettata con 28 voti contro 3, ma con ben 28 astenuti. Chi fosse Volodarskij, ben altro che uno specialista presentatore di ordini del giorno, lo dicono queste tremende parole di Trotsky, che mostrano come il partito rivoluzionario può in dati casi opporsi allo scatenamento della guerra civile, ma a battaglia perduta è il primo alla riscossa:
«L’umore disfattista delle masse durò solo poche settimane. Aperte agitazioni ripresero alla metà di luglio, quando nei piccoli comizi in diverse parti della città apparvero tre audaci rivoluzionari: Sluckij, che fu più tardi ucciso dalle guardie bianche in Crimea, Volodarskij, ucciso dai socialrivoluzionari a Pietrogrado, Evdokimov, ucciso da Stalin nel 1936»[73].

Poniamo in alto la memoria del compagno Volodarskij, più che per la fine a mani di un traditore del proletariato, per la poderosa impostazione alla conferenza di Luglio, braccata dai camelotti del capitale. E non condividiamo i giudizi che seguono in Trotsky.

I documenti che oggi abbiamo, tra cui articoli scritti in luglio e pubblicati in settembre a Kronstadt (ove non si era osato sopprimere la stampa, come pare che il birro Kerenski non osò stuzzicare Vyborg facendo sciogliere il congresso immediatamente successivo alla conferenza) stabiliscono come Lenin giudicò immediatamente e senza alcuna incertezza la situazione del momento.

La Storia ufficiale a questo punto mette Stalin al primo piano nel VI Congresso e gli attribuisce la paternità della diagnosi del passaggio dalla fase legale a quella di guerra civile, e ancora una volta l’enunciazione che la rivoluzione deve volgersi alla costruzione del socialismo. Ma Trotsky documenta come Stalin, che solo o quasi era collegato col nascosto Lenin, possedeva le «Tesi di Luglio» scritte subito da Lenin che nessuno ha più viste, né sono state mai pubblicate. Evidentemente il testo di queste si può desumere dai detti articoli, ed è pacifico che Stalin non enunciò queste scoperte, ma, fatto avvisato dal passato, si fece portavoce pedissequo di Lenin[74].

Inoltre se risulta che alla Conferenza di Pietrogrado Stalin, benché relatore sul momento politico, si oppose alla risoluzione di Volodarskij che negava la vittoria della controrivoluzione, non si vede come abbia potuto apparire lui quello che tracciava la fase futura di guerra civile rivoluzionaria.

87 – Ancora un bilancio della rivoluzione

Siamo in presenza di tre presentazioni storiche che possiamo dire di Lenin, Trotsky, Stalin. Gli ultimi due dicono che la loro è quella di Lenin, anzi sostengono in un certo senso che Lenin abbia indicata una strada su cui essi si erano già messi, quella dello sviluppo non pacifico ma insurrezionale della rivoluzione apertasi col febbraio.

In verità Trotsky e Stalin hanno una posizione comune: quella cioè che nel corso del 1917 Lenin abbia modificata e rinunziata la sua tesi del 1905 sulla dittatura democratica del proletariato e dei contadini poveri. A questo proposito Trotsky rivendica una sua tesi antica, che invero sostenne dal 1905: la rivoluzione permanente, ossia una serie ininterrotta di guerre di classe che vadano, come enunciò Marx per la Germania del 1848–50, dalla rivoluzione chiaramente borghese, sostenuta dal proletariato, ad una rivoluzione chiaramente proletaria. Stalin poi rivendica una tesi che sviluppò molto dopo, almeno sette-otto anni dopo, ossia che, avendo la prima rivoluzione esaurito i compiti borghesi, la seconda avrebbe avuto per contenuto l’instaurazione nella sola Russia della società socialista integrale.

Va subito notato che la costruzione di Trotsky sta sul piano politico e non si discosta da quella di Lenin, in quanto con lui ritiene che la chiusura della rivoluzione permanente non si avrà che in parallelo di una rivoluzione socialista europea.

Ma Trotsky ha con Stalin torto quando sostiene che Lenin abbia spezzata la linea del 1905. Le rivoluzioni in Lenin – e nella storia – non sono né due autonome storicamente e socialmente, né una a lungo sviluppo: esse sono tre. Rivoluzione antifeudale condotta dalla borghesia con l’aiuto degli opportunisti piccolo-borghesi – rivoluzione democratica ma condotta, contro i primi, dal proletariato rivoluzionario – rivoluzione anticapitalista coincidente con la rivoluzione proletaria «pura» nell’Occidente.

Il secondo punto di Lenin, politicamente e quanto al potere. contiene già un lato della rivoluzione socialista e costituisce la sola via al socialismo. Il terzo punto solo conduce alla trasformazione socialista dell’economia europea e russa.

Trotsky riporta che Volodarskij, dopo aver presa la giusta posizione sulla questione della battaglia di Luglio
«continuò in sostanza a difendere lo schema bolscevico della rivoluzione del 1905: prima la dittatura democratica, poi l’inevitabile rottura col contado; e nell’eventualità della vittoria del proletariato in occidente, la lotta per una dittatura socialista».
Poi dice che
«Stalin appoggiato da Molotov e da alcuni altri difese la nuova concezione di Lenin: soltanto la dittatura del proletariato, appoggiandosi ai più poveri tra i contadini, può assicurare una soluzione ai compiti di una rivoluzione democratica e nello stesso tempo aprire l’era delle trasformazioni socialiste».

Strano che in un libro scritto per demolire Stalin si debba dargli ragione dove ha marcio torto, cioè nel farlo banditore di una nuova concezione di cui per tanti decenni si menerà enorme scalpore! Qui non deploriamo la formula di «aprire l’era» che era in Lenin ed anche in Marx (vedi in «Russia e teoria marxista» a proposito del «segnale alla rivoluzione dei lavoratori in Occidente») ma contestiamo che il 1917 abbia apportato una diversa e nuova concezione della via storica in Russia, e tanto meno in Lenin. Di cui vedremo subito le originali formulazioni.

Né può Trotsky dire:
«Stalin aveva ragione contro Volodarskij, ma non sapeva provarlo».
Sarebbe stata piccola cosa. Né è giusto aggiungere:
«D’altra parte, rifiutando di riconoscere la decisiva vittoria della controrivoluzione borghese, Volodarskij provò di aver ragione contro Lenin e Stalin»[75].
Volodarskij aveva ragione e aveva diritto di richiamarsi a Lenin: è Stalin che non aveva diritto di farlo allora (e se ne stette zitto al momento del voto) e tanto meno lo ebbe dopo di far raccontare che dette lui per primo l’ordine di rotta: e adesso la prora sulla guerra civile!

88 – L’orientamento da Lenin

Desumiamo quanto sopra affermato dallo stesso testo di Trotsky: quando Volodarskij vide che Stalin era relatore dichiarò: il rapporto dovrebbe farlo Lenin, oppure Zinoviev. Quando poi i 28 si astennero, dichiararono che lo facevano per non aver potuto leggere le tesi di Lenin, e perplessi per l’esitazione di Stalin. Solo che avessero saputo che Lenin pensava come Volodarskij, il voto sarebbe stato unanime.

L’opera dell’imboscato Lenin fu ancora una volta mirabile. Qui Trotsky lo riferisce da pari suo:
«Benché la sua lontananza lo facesse non di rado cadere in errori di tattica, questa stessa lontananza gli permetteva di definire nel modo più sicuro la strategia del partito»[76].
Una grande verità che mostra come la direzione di una rivoluzione tutto è fuori che un palcoscenico da esibizione drammatica. Il che non ancora un secolo ha capito.

Abbiamo di Lenin questi testi[77]: «Sulle parole d’ordine» scritto in luglio e poi apparso in opuscolo, crediamo a Kronstadt; «Gli insegnamenti della rivoluzione» scritto in fine luglio e pubblicato in settembre nel giornale «Rabocij» (I Lavoratori), e in opuscolo. Lo studio di questi testi basta a chiarire, a distanza di tempo, le questioni che il partito affrontava in quel torno al VI congresso, anche se la redazione in tesi non si possiede più.

Il primo articolo enuncia quella che nella Storia ufficiale viene sbandierata come geniale innovatrice nuova consegna data da Stalin: la parola d’ordine: tutto il potere ai Soviet, su cui abbiamo lottato da Aprile a Giugno, va liquidata. Lenin si rese da allora conto di quanto sarebbe accaduto. In questi casi si ha il malvezzo di dire: si sbagliò e fece male ad Aprile a dare quella parola, che produsse effetti deleteri (disfatta a Luglio). Ed in questo stesso senso il giudizio popolare sbaglierà quando in settembre si darà di nuovo la stessa parola d’ordine del potere ai Soviet, inducendo che si fosse risbagliato in Luglio a metterla via… È un ragionare come quello di moderne opinioni fasulle sul tipo dell’americana: la politica è l’arte di inventare e lanciare appropriati slogan della forza di quelli: Meglio del brill non c’è che il brill, oppure: Non è risotto se non c’è l’otto. Chi li imbrocca guadagna la grande partita politica ed il successo, poiché le masse, incitrullite, prendono a danzare su quei ritmi il can-can della storia…

Ben altra dialettica c’è nelle posizioni di Lenin, come ad esempio nella critica del blanquismo che, come ricordammo, gli serve in Aprile contro i cosiddetti sinistri, e nella difesa del blanquismo, ossia della marxista definizione di arte dell’insurrezione, in Ottobre, contro i disfattisti-pacifisti.

Le apparenti contraddizioni nella mente del fessame si lasciano invece collocare magnificamente sul cammino di una stessa visione dottrinale, ne confermano l’unità e continuità potente, invitano gli apportatori di nuove concezioni, passate o postume, generose o tendenziose, a risparmiarsi il disturbo.

L’esposizione di Lenin chiarisce che, mentre nella prima fase era possibile prevedere il passaggio del potere ai Soviet in maniera pacifica, nella successiva l’abbandono del potere da parte del governo borghese è impossibile senza lotta. Ora la parola di questa lotta violenta non può essere quella del passaggio del potere dal vinto governo al Soviet, perché gli attuali Soviet (Luglio) sono «montoni condotti al mattatoio» in quanto stanno nelle mani dei menscevichi e socialrivoluzionari, la cui azione ha, sola, permesso il passaggio del potere alla borghesia controrivoluzionaria.

Già in questa concezione è contenuto il futuro obiettivo che, quando i Soviet dalle mani degli opportunisti verranno in quelle dei rivoluzionari (i bolscevichi), si avanzerà la rivendicazione che sia ad essi dato il potere dello Stato. È un caso di negazione della negazione. Ma non nel senso di un ripentimento, che annulla il primo pentimento, bensì nel senso dialettico del passaggio su un piano superiore: in ottobre non si tratterà più di passaggio pacifico del potere ai Soviet, bensì di passaggio violento, insurrezionale, condizionato dal rovesciamento armi alla mano del potere borghese.

Lenin insiste sul fatto che la formulazione della parola di azione immediata va fatta non secondo criteri generici ma in relazione alla situazione concreta, non in forza della natura del Soviet in astratto, ma di quella dei Soviet che di fatto sono presenti. Potrà anche avvenire, se l’evoluzione avrà un certo corso degenerativo, che dei Soviet come forma del potere della classe operaia in avvenire non si abbia più a parlare. Non è la forma ma il contenuto della Rivoluzione che interessa. Il contenuto di ogni rivendicazione si giudica dal suo carattere di classe: un Soviet nelle mani di borghesi o servi di borghesi è un cadavere di Soviet:
«allora vuol dire che essi sono degli zeri, delle marionette, che il potere reale non è nelle loro mani»[78];
allora, cioè in risposta all’obiezione che non è il Soviet, e per avventura Černov e Tsereteli come persone, che hanno fatto sparare sui lavoratori dimostranti.

Grave errore è nei partiti del «Leninismo» e della «bolscevizzazione», che interpretano questa aderenza delle parole di azione ai caratteri immediati delle situazioni di forza, come un’inclinazione corriva a mutare e rifabbricare di volta in volta nuove ideologie e teorie del partito!

89 – Storia dell’oscillante potere

Ed infatti Lenin spiega le vicende del gioco di forza tra Soviet e borghesia rifacendosi al più puro filone teoretico. Lo Stato, egli dice, secondo Engels, consiste innanzi tutto «di reparti di uomini armati, con accessori materiali come le prigioni…».

Subito dopo la rivoluzione di febbraio tale attrezzatura era nelle mani della monarchia zarista e delle classi feudali. Tale attrezzatura fu infranta ad opera delle masse operaie e contadine che rapidamente si organizzarono in spontanei gruppi armati e presero ovunque localmente il potere, aprendo una fase di libertà completa, il che in concreto significò che ogni corrente politica antifeudale poté organizzarsi senza disturbo di sbirri e prigioni.

I Soviet, già noti dal 1905, sorsero subito ovunque e si cominciarono a dare una tessitura per tutta la Russia: se avessero tenuto nelle mani il potere centrale nessuno avrebbe potuto vietarlo con mezzi di coercizione, polizia e imprigionamenti. Ma da un lato la borghesia capitalista e terriera cominciò a costituirsi il proprio potere, in forme aderenti a quelle soppresse: ministero tra i gruppi della già Duma non di destra, comitati pseudo-parlamentari – dall’altro i partiti dominanti tra la classe lavoratrice lasciarono istituire il dualismo del potere, e lo amministrarono fuori del Soviet in una coalizione coi borghesi. Nel periodo fino al 18 giugno il Soviet avrebbe potuto decidere di rompere il dualismo formando nel suo seno un governo di partiti operai, sia pure non rivoluzionari: in quei mesi non avrebbe potuto la borghesia vietarlo con atti di forza. Di più, dice Lenin, anche in modo non violento poteva procedere la lotta tra questi partiti piccolo-borghesi e il partito proletario rivoluzionario, se i Soviet, invece di essersi da sé esautorati, avessero avuto in mano il potere dello Stato, il controllo di tutti i reparti armati.

La politica degli opportunisti ha svuotato queste possibilità storiche: il governo civile e soprattutto militare ha posto i suoi comandi fuori del Soviet, ha avuto il controllo dell’esercito, della burocrazia e della polizia: in ogni sforzo di classe di opposizione ad esso, menscevichi e socialrivoluzionari hanno fatto sì che il Soviet ne ratificasse gli atti.

Si è giunti al punto che un tale governo ha potuto usare a suo modo i reparti armati e le prigioni: la fase di libertà di agitazione è finita, si è sparato sulle masse, si sono soppressi giornali, fatti arresti, ecc.

In tale situazione ci sono due sole vie: o la controrivoluzione borghese (non ancora bianca, zarista) conserva il potere armato e toglie ogni libertà di azione al proletariato, o questo rovescia con la forza il governo controrivoluzionario coi suoi alleati opportunisti.

Socialmente parlando Lenin spiega la questione col fatto che la piccola borghesia, secondo Marx vile ed oscillante sempre, si è alleata con la borghesia.

Con il potere nelle mani dei Soviet, sarebbero potuti avvenire per via pacifica il distacco della piccola borghesia dalla borghesia ed un’intesa tra essa e il proletariato. Ma i partiti di essa divenendo, coi loro capi, servi della borghesia stessa, hanno chiusa la via ad ogni soluzione non guerreggiata di questi rapporti.

Quindi oggi la parola d’ordine non sarà, Lenin dice, tutto il potere ai Soviet, bensì «lotta decisiva [ossia distruttrice ed armata] alla controrivoluzione che ha preso il potere»[79].

90 – Risposta ad obiezioni tattiche

Lenin stesso prevede che gli si dirà: Siamo di opinione che non sia ancora il momento di metter mani alle armi di guerra civile: se cambiamo ora in tal modo la parola d’ordine ci presteremo ad iniziative imprudenti e al gioco della provocazione. Lenin risponde che gli operai russi sono ormai abbastanza sicuri e consapevoli: comunque è il momento di non sottacere affatto che occorre la ripresa integrale della lotta armata, in quanto solo il proletariato rivoluzionario avrà la forza di battere la controrivoluzione.

Con ciò ribatte anche una seconda obiezione: Quando abbiamo dichiarato che non avremmo attaccato in armi un governo su base sovietica di menscevichi e socialrivoluzionari staccatisi dalla borghesia parlamentare, abbiamo mostrato alle masse di ritenere che questi movimenti piccolo-borghesi potevano essere accetti come alleati. Come ora denunziarli quali nemici, e quale nemico anche lo stesso Soviet che essi controllano? Se la reazione borghese, e peggio zarista, attaccasse anche costoro, e volesse sciogliere i Soviet, resteremmo noi indifferenti? Ma la risposta anche qui non ha incertezza alcuna.

Noi sappiamo, dice Lenin, che i capi di questi partiti faranno la fine che dovevano fare: tuttavia ciò non ci impedisce di difendere le masse contadine e del popolo minuto contro gli attacchi della reazione sia capitalista che feudale. E qui nettamente disegnata la fase che verrà con Kornilov poco oltre.

«Sarebbe un gravissimo errore credere che il proletariato rivoluzionario sia capace per vendetta, se così può dirsi, contro i socialrivoluzionari e i menscevichi – che hanno dato il loro appoggio al massacro dei bolscevichi, alle fucilazioni al fronte ed al disarmo degli operai – di rifiutarsi di appoggiarli di fronte alla controrivoluzione [bianca, feudale]. Porre così la questione vorrebbe dire, innanzi tutto, attribuire al proletariato concezioni morali piccolo-borghesi (perché il proletariato appoggerà sempre, se sarà utile alla causa, non solo la piccola borghesia esitante, ma anche la grande borghesia)»,
ma soprattutto sarebbe un errore velare il fatto che i controrivoluzionari,
«i Cavaignac […], i nuovi detentori del potere, possono essere vinti soltanto dalle masse rivoluzionarie, e queste possono muoversi a condizione non solo di essere dirette dal proletariato, ma di sottrarsi all’influenza dei socialrivoluzionari e dei menscevichi, traditori della causa della rivoluzione»[80].

Lenin ha risposto richiamandosi a direttive classiche del marxismo. Fino a che la minaccia feudale è in piedi (lo sarà con Kornilov e molto dopo) il proletariato appoggerà la piccola borghesia e la borghesia (in Marx perfino la grande contro la piccola, spesso alleata ai feudali). Ma esso ricorderà la lezione dei Cavaignac, dei generali e ministri della repubblica del 1848, che dopo aver vinto in febbraio con la forza proletaria massacrarono ferocemente in giugno gli operai di Parigi; e non vedrà la sua vittoria che nella finale distruzione di questi alleati di un momento di passaggio.

Seguendo questi documenti, non redatti a freddo come in lontana analisi storica, ma nel divampare delle battaglie, si deve saperli collocare nella dialettica serie. Il Partito sa dal principio quale sarà il decorso: dovrà fare da alleato ai borghesi e talvolta salvare essi stessi (come da Kornilov), ma sa che deve finire col disperderli; sa che dovrà trascinarsi come alleati i partiti piccolo-borghesi, ma che i loro capi tradiranno e dovranno essere battuti, e le stesse classi che stanno sotto alla fine si porranno contro il proletariato.

Ma nei proclami esterni queste tappe dell’azione sono annunziate quando i successivi dati contenuti nella dottrina sono entrati nell’esperienza delle masse spinte nella fornace rivoluzionaria: da febbraio a giugno si dichiara possibile un governo di dittatura democratica di proletari e contadini anche sulla base di un fronte di partiti di sinistra; fatto il fronte a destra, la formula sociale non viene affatto buttata via – in divergenza da Trotsky e da Stalin – ma la rottura coi partiti populisti e menscevichi è proclamata irrevocabile: ogni contesa pacifica con essi anche sul piano dei Soviet viene esclusa.

Con ciò, quando la inanità di queste forze politiche avrà loro tirato addosso i generali dello zar che mordono il freno e mirano a sbaragliare Soviet e ministeri parlamentari, saranno gli operai rivoluzionari e il partito bolscevico che, prese le armi, faranno mordere la polvere a quelle armate della reazione, e salveranno, ma per ben stritolarlo loro a suo tempo, il potere kenrenskiano.

Tutto ciò non fa una grinza come strategia rivoluzionaria. Tutto ciò non è in nessun modo da giustificare con teorie improvvisate in pretesi svolti imprevisti, anche se tutte le previsioni teoricamente raggiunte non si mettono negli stessi tempi al centro dell’agitazione.

91 – La conclusione di Lenin

Il secondo scritto sviluppa più ampiamente questi stessi concetti ed in modo speciale quello marxista dell’instabilità della piccola borghesia e dell’insuperabile carattere piccolo-borghese dei contadini.

Dal tutto a luce meridiana risulta che non fu opera di Stalin passare dalla parola del periodo pacifico a quella del periodo di guerra civile, e che tra l’altro la nuova svolta consisteva in diversa posizione (e prevista tappa) del Weg zur Macht, del cammino che conduce al potere, giammai in una nuova versione del programma sociale immediato della rivoluzione russa e del partito bolscevico, e tanto meno nella dichiarazione che, solo per avere smascherato i partiti piccolo-borghesi, si sia d’un tratto passati ad affermare – quasi, come diceva Lenin, per fare ad essi dispetto – che si attuerà in Russia e senza l’appoggio europeo un socialismo totale (unipaesista), volgare balla fabbricata ben posteriormente.

Ecco infatti come Lenin chiude:
«L’insegnamento della rivoluzione russa è questo: le masse lavoratrici non si salveranno dalla ferrea morsa della guerra, della fame e del giogo dei grandi proprietari fondiari e dei capitalisti, se non rompendo completamente con i partiti socialrivoluzionario e menscevico, prendendo chiara coscienza della funzione di tradimento di questi partiti, respingendo ogni accordo con la borghesia, schierandosi risolutamente accanto agli operai rivoluzionari. Solo gli operai rivoluzionari, se saranno sostenuti dai contadini poveri, potranno spezzare la resistenza dei capitalisti, condurre il popolo alla conquista della terra senza indennità, alla libertà completa, alla vittoria sulla carestia, alla vittoria sulla guerra, ad una pace giusta e duratura»[81].

Non v’ha dubbio alcuno che, mentre col luglio la condanna degli opportunisti è ormai clamorosa e pubblica ed apertamente irrevocabile, e il ricorso alla violenza è parimenti dichiarato inevitabile, le rivendicazioni sono ancora politicamente sul piano democratico e socialmente non ancora sul piano socialista: tutte, ad ogni passo, tuttavia conclamate in quanto si pongono sul cammino, politicamente al potere integrale del partito proletario, socialmente alla società socialista internazionale.

Falso completo quindi quello della Storia che ci fa vedere Stalin, dopo aver abilmente – ciò è innegabile – messo Lenin al sicuro, prenderne il posto e dettare lui le norme della nuova strada!

Del resto la stessa Storia dice che il Congresso pose come punti essenziali della piattaforma economica del partito: la confisca delle terre di tutti i proprietari fondiari, la nazionalizzazione delle banche e della grande industria, e il controllo operaio sulla produzione e la ripartizione, ossia misure solite pre-socialiste; altri scritti e documenti mostreranno che ancora in Ottobre la nazionalizzazione è richiesta del tutto limitata e in forme borghesi.

92 – Ancora il sesto congresso

Malgrado il difficile momento, convennero 157 delegati: il numero degli iscritti era passato a 240 mila aderenti. Il partito aveva 41 giornali; strano che il principale («Pravda») non stampasse per tutta la Russia che 320 mila copie.

Erano assenti perché in prigione o fuggiaschi Lenin, Trotsky, Lunačarskij, Kamenev, Kollontaj e moltissimi altri. Presenti erano, tra i più noti, Sverdlov, Bucharin, Stalin, Molotov (peccato che non lo si può spiombare dalle conferenziali gommepiume per chiedergli un po’ come davvero andò la cosa!), Vorošilov, Ordžonikidze, Jurenëv, Manuilskij.

Sverdlov tenne il rapporto organizzativo del Comitato Centrale. Stalin ripeté i rapporti fatti alla Conferenza di Pietrogrado: attività politica e stato del paese. Dichiarò che ormai andavano combattuti a fondo i social-compromessisti. Bucharin trattò le questioni internazionali e la guerra, e sostenne che solo dal rovesciamento del governo provvisorio poteva sorgere un’azione per la pace.

Nella discussione si vide che i due relatori non erano d’accordo. E anche qui strano che Trotsky, nel prospettare le due tesi, dia ragione a Stalin. Bucharin avrebbe difeso il «vecchio schema bolscevico»: prima rivoluzione spalla a spalla con i contadini, seconda rivoluzione spalla a spalla con il proletariato europeo, la prima volta in nome della democrazia, la seconda in nome del socialismo. Stalin disse futile lo schema di Bucharin, poiché il proletariato se si batte non può non farlo per i propri problemi. Trotsky trova la confutazione esatta avendo fin dal 1905 sostenuto che il proletariato se prende il potere non può che dare inizio ad una rivoluzione socialista[82]. Accusa però tanto Bucharin quanto Stalin di avere pochi anni dopo fatta rivivere la «dittatura democratica» anche ai fini dell’internazionale, e con effetto per Trotsky rovinoso nella rivoluzione cinese e di altri paesi.

Trotsky, autentico rivoluzionario, è sempre più di Lenin ribelle a tollerare che una classe proletaria ed un partito marxista debbano impegnare notevoli energie a fini di rivoluzioni antifeudali democratiche e borghesi, e dice che in tal caso, e dato che Lenin avesse ragione nel dire che lo si faceva «ai soli fini della nostra causa socialista», si doveva levare al più presto dalle mani una tale sale bésogne e passare alla rivoluzione socialista.

Indubbiamente prendere il potere anche nella sola Russia, ed anche avendo non pochi compiti di natura democratica e capitalistica da sbrigare, era sempre un passo nel senso del socialismo, ed anzi un atto della rivoluzione socialista. Molto più saggiamente nel 1926 Trotsky magnificamente dice che senza lasciare il potere e senza rinunciare a proclamare la propria politica e anche la propria politica economica come socialiste, si doveva saper aspettare anche decenni. Si posson prendere misure non solo simboliche e propagandistiche ma anche concrete di contenuto socialista, quando si riconosce che la società socialista non può ancora sbocciare: si coltiva uva anche quando si pota il pampino, e si mira al vino anche quando si innaffia con l’acqua.

Andiamo più oltre: non vi è nulla di male ad annunziare la società socialista più prossima di quello che è, purché non se ne tradiscano i caratteri. In quel momento vediamo che non solo Bucharin e Trotsky ma anche Stalin erano convinti che la società socialista in Russia non si sarebbe sviluppata prima di una vittoria politica del proletariato europeo.

Stalin infatti concluse con le parole: Siccome le forze della rivoluzione si sviluppano, delle esplosioni dovranno avvenire e verrà il momento in cui i lavoratori si solleveranno e raduneranno intorno a sé un certo strato di contadini poveri, alzeranno la bandiera della rivoluzione dei lavoratori e inizieranno l’era della rivoluzione socialista in occidente. Questa, nota qui Trotsky, rimase la formula del partito negli anni avvenire. Mostrammo nell’esposizione sintetica di questo studio che nel 1926 Trotsky e Zinoviev contestarono a Stalin di avere anche lui pensato e parlato così fino al 1924.

Attribuiamo la più grande importanza – speriamo con la comprensione dei lettori – al mostrare come nelle varie tappe ed intertappe il partito teorizza e sente queste grandi questioni, anche oggi scottanti.

Quando a sua volta la Storia stalinista cita la confutazione di Stalin a certi elementi destri, nelle parole: Non è escluso che sia la Russia ad aprire la strada al socialismo, cerca un alibi che non regge. Quella previsione sta fin dal 1882 nella prefazione alla traduzione russa del «Manifesto». Essa non ha a che fare con la previsione di una società socialista in Russia entro un mondo capitalista, che allora avrebbe tatto ridere lo stesso Stalin. La confutazione era diretta a pochi compagni – non certo Bucharin – che volevano rinviare alla rivoluzione socialista occidentale la presa del potere politico da parte del partito comunista in Russia, restando fino allora una semplice opposizione al governo di tipo kerenskiano.

A questo Trotsky era fieramente avverso, come mostra con lo scritto e con l’opera; tuttavia egli è tanto attaccato alla tradizione della polemica del 1905 che, pur non essendo disposto a lasciare tale compito ibrido ai kerenskiani, di cui fu lo sterminatore, pensa – ed era utile certo pensarlo negli ultimi tempi precedenti la guerra civile di Ottobre – che comunque non si debba indugiare, dopo preso con le armi il potere, a rigettare compiti non socialisti. Ed è anche fatto rivoluzionario che al 1917 non si pongono, né Lenin, né Trotsky, né il partito che deve portarsi al calor rosso, il formidabile quesito: Che sarà di noi se il proletariato di Europa non si muove?

In quella fase è lavoro socialista per un’intera generazione politica quello che sempre riassumiamo nei tre compiti: liquidare la guerra – liquidare tutto l’opportunismo dei vari partiti russi, e annientarli – riorganizzare e riportare sul programma rivoluzionario l’Internazionale Proletaria.

La conquista del potere che si prepara, da quel momento di luglio, dal partito con le sole sue forze – salvo la frazione sinistra dei socialrivoluzionari di cui sarà successivo il ciclo di crisi – è vista da quella posizione (come dalla nostra del 1955) come la più grande e la sola vittoriosa delle rivoluzioni socialiste.

Ma la più alta e decisa, ardente e fredda al tempo stesso, prospettiva di Lenin, che essa deve pure addossarsi compiti immensi di natura sociale capitalista e dissetare richieste demo-borghesi del popolo, si erge oggi più grande, oggi che la rivoluzione proletaria occidentale è mancata, che il capitalismo governa il mondo; e tuttavia con questo bilancio noi mai concederemo che Lenin e il bolscevismo sbagliarono, e non capirono la storia rivoluzionaria, o non lavorarono nel suo solco grandioso.

93 – Dove la linfa fu infranta

La tesi di Trotsky che il proletariato non poteva in una rivoluzione successiva alla prima borghese-popolare prendere tutto il potere senza andare verso il socialismo, in un dato senso delle espressioni innegabile (ed anche da porsi inevitabilmente al proletariato russo nella situazione ante-ottobre, in quanto è vero che il proletariato deve portare gravi fardelli storici non suoi, ma alla fine deve sentire di lottare per le sue esigenze), detta tesi resta solidamente in piedi fino a che le questioni di politica economica «interna» restano ancora dormienti: in sostanza, nel periodo di liquidazione della guerra, che prende quasi un anno, in quello della demolizione delle cento forze contro-rivoluzionarie, che ne prende altri tre se non più, e nel contemporaneo periodo del gigantesco lavoro per aiutare la rivoluzione europea, che possiamo estendere ad ancora altri tre anni.

Tutti questi compiti si svolgono governando da socialisti, e come solo un governo proletario e comunista può agire.

Man mano che la possibilità di un intervento nella trasformazione sociale di grandi e avanzati paesi di occidente si affievolisce, il problema per il nuovo potere bolscevico diviene sempre più tremendo.

La formula cruda che il potere proletario non può avere che un programma socialista, diverrebbe l’altra reciproca che, se questo potere non vive in una società socialista, non più capitalista, esso dovrà rovinare, o peggio ancora dimettersi dalla storia.

In effetti la soluzione che i nemici vincitori e uccisori di Trotsky trovarono fu quella di governare e non dimettersi, di dichiarare non solo che la società socialista poteva generarsi in Russia anche prima di generarsi nell’ambiente della produzione capitalista europea, ma che si era già generata; ciò che fu, con formula orrenda, chiamata la costruzione del socialismo in un paese solo, la sua coltivazione in serra, la surrogazione dell’enfantement rivoluzionario con un cataplasma amministrativo.

Non per necessità insita, nelle due direzioni opposte, alla formula di Trotsky – che in quei giorni Stalin avrebbe avuto il merito (!) di opporre ai Volodarskij e Bucharin – ma per la meno rigida conseguenza che la più ricca e alta visione di Lenin contenne… Vincerà o cadrà da rivoluzionario integro nella teoria e nel combattimento chi, come Volodarskij, dice: Strapperò il potere alla controrivoluzione borghese e lo terrò contro di essa, anche se lo dovrò chiamare per un tratto democratico e popolare, e tollerare di avere solamente in Russia declanché, travolgendo ogni diga, il prorompere del più ardente capitalismo da una società millenaria ed immobile.

Consegnerà per altra via il potere al nemico mondiale chi lo sosterrà con la dichiarazione che quella palingenesi di forme moderne capitaliste – e nella campagna capitaliste solo a mezzo – è invece il realizzato avvento di quella società socialista verso la quale tutti e da tempi ultra-secolari abbiamo dimostrato che camminiamo; peggio, che questa forma, per noi storicamente necessaria, è sorta da una volontà, una volontà di costruzione, espressione di per se stessa sconciamente borghese!

Ove Volodarskij, sulla posizione che da integro militante sempre tenne, non fosse stato ucciso da controrivoluzionari esserre, quando si smascherarono, sarebbe stato certo anche lui, come i suoi amici del Luglio, ucciso da questa specie di controrivoluzionari.

Rei dunque solo di un errore di definizione storico-economica? Un piccolo errore, ma scritto su cartellini legati alle spalliere delle seggiole, davanti ai plotoni di esecuzione.

Non piombo nei deretani, ma nelle schiene dei compagni di ieri. Tuttavia non è sulla mozione degli affetti che facciamo assegnamento, ma sulla organica dimostrazione del tradimento alla dottrina. Errore assai più mostruoso di quello fatto nel premere il grilletto. La rivoluzione è sempre passata su miriadi di errori di questo secondo tipo.

I primi la assassinano.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XI)

94 – Dogma o guida per l’azione?

È necessario inserire ancora alcuni rilievi nel corso cronologico di questa esposizione, pur rendendoci conto che siamo ancora sulla soglia del vero tema, svolto nelle parti finali delle riunioni di Napoli e Genova, ossia l’economia sociale in Russia dalla rivoluzione di Ottobre in poi.

Dobbiamo provare che la posizione di Lenin e del partito tra il luglio e il settembre 1917, in cui si abbandonò la parola «il potere ai Soviet», che poi doveva essere ripresa per la lotta armata di ottobre non fu un lapsus, non subì la lamentevole vicenda del riconoscimento di errore, in cui la rivoluzione spense piano piano le sue fiamme e la sua gloria nei successivi anni.

Questa formula del riconoscimento vale per le persone, che poco importano coi loro pentimenti, sottomissioni o cruente liquidazioni. Per il partito essa si trasforma nell’altra di rettifiche successive della strategia della classe operaia, derivate dall’apparire di situazioni «impreviste». Man mano che queste successive accostate hanno condotto il proletariato mondiale e russo nei più fetenti miasmi del pantano borghese, si è con sempre più potenti risorse iniettata nelle masse smarrite la credenza ignobile che questo dettame sia contenuto nella linea di Marx, di Engels, di Lenin, ridotti alla pietosa figura di spregiudicati allievi dell’ultima moda.

Noi siamo lunghi nell’esporre, non gli episodi gloriosi o vergognasi, ma le successive valutazioni del corso storico da parte del movimento marxista, per provare che esse sono legate ad un corso unitario indeformabile, teorizzato di getto non da una mente qualunque in un tempo qualunque, ma da un collettivo movimento di classe determinato all’epoca fissa dell’apparire del contrasto tra capitalisti e proletari, epoca più feconda a questo fine delle passate e delle posteriori. Noi siamo – è bene dirlo, fra tanto annebbiarsi di immagini trasmesse, nella forma cruda – per un corpus di dottrina che non è permesso mutare, lungo l’arco storico della classe operaia moderna, dal suo apparire alla scomparsa delle classi. Se un insegnamento storico smentisse questa costrutta dottrina «di parte» del passato e del futuro, essa, nella dannata e contestata ipotesi, crollerebbe nel nulla, e non potrebbe essere salvata da contingenti puntellature, da ibridazioni bastarde. E dobbiamo, come abbiam detto, essere lunghi, per opporci al gioco di citazioni con cui, senza collocarle nel tempo, nel filo dei tempi, nello specifico documento di cui si tratta, si cerca di avvalorare questo spregevole eclettismo, a cui tutto il disfattismo, che ci ha a tante riprese travolti, ma non dispersi, integralmente si riconduce.

Tutta la letteratura dello stalinismo mira, nella sua possente organizzazione, a questo traguardo. Ad esempio vi ricorre una frasetta di Lenin, o a lui attribuita, che condensa il concetto:
«il marxismo non è un dogma, ma una guida all’azione».

95 – La pretesa «filosofia della prassi»

Questa vecchia frase, che Gramsci usò allo scopo di evitare che la parola marxismo non facesse passare i suoi quaderni sotto la pedestre censura carceraria, è anch’essa equivoca, e non qui concluderemo la disquisizione, cui occorre ancora dare materiale anche relativo alla politica comunista, oltre che in Russia, anche nel mondo, nella sua lunga storia.

Il marxismo ha a che fare con la prassi (parola che significa azione umana, comportamento della specie uomo, e null’altro di diabolico), ma non nel senso che ne faccia il soggetto, il punto di appoggio, la chiave del mondo sociale e della sua storia. Meglio è dire che il marxismo è una dottrina o scienza delle cause e delle leggi della prassi, e che non tratta della prassi del singolo individuo ma del comportamento medio sociale. La spiegazione che ne dà non consiste nel porre tale comportamento alla base, ma alla sommità della ricerca, il che non vuol dire che questo effetto di cause ambienti, materiali e relative alla materiale vita della specie, non si riverberi in cause del procedere storico: lo fa, ed è tutto qui il misterioso «capovolgersi» della prassi, quando lo si scopre non nel pensiero e nella volontà del singolo uomo, anche di eccezione, ma nell’intervento in tempo maturo delle classi sociali in senso largo e del partito di classe in senso più stretto. A questo punto e in questo piano si vede che la dottrina marxista non sorse per soddisfare la voluttà di cervelli anelanti di scoprire il retorico mistero dell’essere, ma per servire di base al movimento di una data classe sociale e del partito che ne prepara la rivoluzionaria vittoria.

Al lume di questo rapido richiamo, la frase che il marxismo non è un dogma ma una guida per l’azione, anche se figura, per motivi che è facile a volta a volta trovare, in tesi di propaganda di agitazione e di battaglia, non dice nulla e non vale nulla.

Dogma nella comune accezione etimologica e filosofica significa un’affermazione derivante da una sopraumana rivelazione, che è valida per tutti i tempi e che non è consentito negare e nemmeno sottoporre a critica analisi. I trascendentisti lo ammettono, gli immanentisti lo negano alla loro maniera e noi marxisti… ci freghiamo degli uni e degli altri.

Noi non diciamo né che il dogma è stato rivelato dal dio, né che è stato inventato da un furbacchione o una banda di furbacchioni. Il dogma è sorto in un tempo ed una società determinati, come primo embrione di una scienza, e non di scienza astratta ma di scienza che doveva servire alla prassi: sia a tramandare le tradizioni della prassi (dell’esperienza, dell’attività sociale anche primitiva), sia come base di normativa pratica, di codice etico. La forma dogmatica sorse per interesse di classi che volevano conservare una struttura sociale e il suo controllo. La religione non è, per noi, e non appare come risposta all’esigenza di capire il mondo, ma a quella, molto precedente ed assorbente, di controllare la società (e in genere per infrenare le sue tendenze a mutarsi).

In sostanza per un marxista i dogmi, storicamente, erano guide per l’azione. La frase che il marxismo non è dogma ma guida per l’azione è dunque un nonsenso, se detta da un marxista.

Essa ci espone a confonderci con due posizioni borghesi: una che l’attuale scienza di classe sia uscita dalle pastoie del dogma rivelato e autoritario, e quindi faccia legge uguale per lor signori borghesi e per noi. L’altra che col condannare i dogmi fideisti si sia fatto tutto quel che occorreva per avere il diritto di guidare l’azione umana, e si sia chiuso il periodo delle rivoluzioni. Per noi le vecchie società avevano per guida dell’azione un sistema di dogmi, quella borghese ha per guida di azione una falsa scienza e una filosofia che si pretende a torto antimitologica e consacra vuoti ideologismi sull’umanità la personalità e la libertà al solo fine di difendere e conservare il modo sociale capitalistico – il marxismo è una nuova forma di superare e il dogma, e il borghese antidogma, e di porre, in linee prima improponibili, il vero rapporto tra conoscenza e prassi, dottrina ed azione, in dialettica inseparabilità.

Ben si dice che il marxismo non è dogma, in quanto è teoria di una classe sociale che nasce ad un dato svolto storico e tratta scientificamente i fatti sociali del presente, del passato e dell’avvenire. Ben si può dire che la teoria marxista vale di guida alle decisioni del partito, e in questo senso di guida all’azione della classe.

La frase che collega i due termini, nella troppo pasteggiata dagli opportunisti formuletta di comodo, può servire solo a ribattere chi voglia esaurire il marxismo nello studio del divenire storico, oscurandone il lato essenziale della partecipazione collettiva alla storica azione.

96 – Ancora Lenin filotempista

La posizione della sfiducia contingente nei Soviet è storicamente della più alta importanza, perché converge in una tesi marxista e Leninista essenziale che si pone contro tutti gli operaismi, laburismi, sindacalismi, consigliaziendismi destri e sinistri, e che siamo soliti a spesso richiamare. La rivoluzione non è una questione di forme di organizzazione. Ovvero: essa non è una questione costituzionale, ma una questione di forze di classe.

Questo resta dimostrato quando si fa vedere che quella sfiducia, non contraddicente alla fiducia nel risultato finale della conquista del potere, molto dopo Ottobre, viene sempre considerata come giustissima, nel detto tempo luglio-settembre. Il documento è questo.

Al II Congresso di Mosca dell’Internazionale Comunista, nel giugno 1920, sulla questione del parlamentarismo Lenin, e Bucharin relatore, respinsero la proposta di abbandonare in Europa la partecipazione alle elezioni parlamentari, sostenuta dalla frazione comunista astensionista italiana. Ambo gli oratori presero atto che la stessa non cadeva nell’errore di proporre in Italia l’immediata formazione dei Soviet, propugnata dagli altri gruppi che poi ebbero a convergere nella formazione a Livorno 1921 del partito comunista (Bombacci, Gennari ed altri: quanto ai torinesi essi nella loro particolare dottrina mal distinguevano la rete degli organismi di azienda, immersa nella società attuale, dagli organi di un nuovo potere politico rivoluzionario).

Bucharin osservò che i compagni astensionisti
«riconoscono con noi che non si può procedere all’organizzazione immediata di Soviet operai in tutti i paesi. I Soviet sono organi di combattimento del proletariato. Se le condizioni che rendono possibile questo combattimento mancano, non ha senso creare dei Soviet, perché essi si trasformerebbero in appendici filantropico-culturali di altre istituzioni puramente riformiste, e v’è il grave pericolo che si organizzino secondo il modello francese, in cui un paio di individui si riuniscono in associazioni pacifiste e umanitarie, prive di ogni valore rivoluzionario»[83].

Lenin trattò, dunque non a caso, lo stesso punto notando che il rappresentante degli antiparlamentaristi italiani
«ha detto che bisogna trasferire la lotta in un altro campo, nei Soviet. Ma ha poi riconosciuto che i Soviet non possono essere creati artificialmente. L’esempio della Russia dimostra che i Soviet possono essere costituiti durante la rivoluzione o nella imminenza di essa. Al tempo di Kerenski, i Soviet (e precisamente i Soviet menscevichi) erano costituiti in modo tale che non potevano dar vita in nessun caso al potere proletario»[84].

È chiaro che la deduzione dell’uno e dell’altro oratore era che fino a che i Soviet non sorgessero nella lotta, lo scopo – allora a tutti comune – di distruggere il parlamento borghese si dovesse raggiungere lavorando dentro i parlamenti per sabotarli. Gli astensionisti obbedirono, ma restando sulle loro posizioni formularono la previsione facile che nessun parlamento sarebbe caduto per sabotaggio dall’interno, e il partito che vi entrasse sarebbe finito nel marxistico «cretinismo parlamentare». Non è qui questo il punto, ma quello di provare come sia concatenata strettamente in corso unitario l’interpretazione della rivoluzione di Russia, lungo trent’anni in generale, e in ispecie nei trapassi sconvolgenti dei mesi del 1917, anno di fuoco.

Lasciamo l’argomento rilevando – a confusione di quanti considerano una fredda storiografia di cose morte la nostra ricostruzione – quale sapore di ironia abbia l’articolo che per la «Pravda» ha scritto, nell’ultimo anniversario della rivoluzione sovietica, quegli che sarebbe il successore in pectore del segretario generale dei comunisti italiani. Due occasioni, costui ha scritto, si sono perdute per sovietizzare l’Italia: quella del primo dopoguerra nel 1919–20, e quella del secondo dopoguerra col movimento di liberazione.

L’una e l’altra volta, in posizione difensiva o offensiva, il proletariato italiano, potente nelle città e nelle campagne, maggioranza e prima forza sociale del paese, cimentato dal disgusto per avere bevuto fino alla feccia il calice oleoso delle democrazie parlamentari borghesi, che ad ogni fase superano se stesse nella propria ignominia, è stato distornato dalle soglie della rivoluzione di classe da tutta una gamma di «compromessisti», ha fatto naufragio negli Aventini e nei Comitati di Liberazione Nazionale, forme regressive a fronte delle quali il più menscevico e kerenskiano dei Soviet di Russia è un modello di forza rivoluzionaria.

Il tartufesco rimpianto suona amara beffa, sulle labbra degli affogatori della rivoluzione nel costituzionalismo più smaccato, e se possibile perfino, in episodi di oggi, sotto-parlamentare. Un Gronchi è assai meno di un Kerenski! Anche se altrettanto ama esser teatrale.

97 – Famoso «fronte antidestro». Kornilov

La nuova situazione era dunque questa: il partito bolscevico aveva apertamente dichiarato esaurita ogni possibilità di pervenire al potere per via pacifica ed entro i Soviet: questi, diretti dai social-opportunisti, si erano ancor più aggiogati al governo di coalizione coi borghesi diretto da Kerenski, il quale aveva non meno apertamente iniziato la repressione del movimento proletario rivoluzionario e la messa dei bolscevichi fuori della legge.

Frattanto l’offensiva al fronte scatenata dal governo Kerenski era finita nel disastro, e il tedesco avanzava.

L’esercito era comandato dal generale Kornilov, che al 3/16 agosto, sviluppando un sistematico piano reazionario, imponeva l’istituzione della pena di morte per i militari, non solo al fronte ma anche nelle retrovie.

Il governo provvisorio, che mirava alla dispersione dei Soviet, benché a lui non ribelli, indisse per il 12/25 agosto in Mosca una «Conferenza di Stato», uno dei tanti tentativi di mettere in piedi, prima delle elezioni per la Costituente, una rappresentanza «popolare» confacente agli interessi borghesi.

I Soviet vi furono rappresentati al solito da menscevichi e socialisti rivoluzionari. Kerenski minacciò di reprimere con la forza ogni movimento nelle città ed ogni tentativo espropriatore nelle campagne. Kornilov andò più oltre chiedendo lo scioglimento dei Soviet. Al suo Quartiere Generale si avvicinarono con aiuti di ogni sorta grandi terrieri, industriali e banchieri, e con esso stabilirono stretti rapporti gli agenti degli alleati francesi e inglesi.

I bolscevichi, che lavoravano intensamente e guadagnavano influenza tra le masse, opposero alla Conferenza uno sciopero generale a Mosca e in altre città. D’intesa con Kerenski, Kornilov spostava da Pietrogrado le truppe di tendenza rivoluzionaria e vi avvicinava reggimenti che riteneva «fedeli». La stessa gravità di queste misure cominciò ad impressionare Kerenski e il suo governo, spargendo lo smarrimento tra i soldati menscevichi ed esserre.

Il 21 agosto / 3 settembre Kornilov aveva abbandonata la città di Riga ai tedeschi: quattro giorni dopo mosse verso Pietrogrado. Kerenski aveva invano trattato con lui per sostituirgli altro comando: Kornilov gettò la maschera e mosse contro il governo civile.

Kerenski dichiarò il generale «traditore della Patria» e invocò l’aiuto delle masse popolari. Nel comitato centrale esecutivo dei Soviet intervenne per i bolscevichi Sokolnikov, che dichiarò essere il suo partito pronto a «trattare misure militari con gli organi della maggioranza del Soviet» al fine di respingere Kornilov. Trotsky così si esprime ed aggiunge che
«menscevichi ed esserre accettarono quest’offerta ringraziando e digrignando i denti, poiché i soldati e gli operai ora seguivano i bolscevichi»[85].

È importante che questo esempio di fronte unico tra tutti i partiti operai, di cui tanto si è discusso nel seguito per giustificare altre forme di tattica del fronte unico «politico», sorse sul piano militare e non come un vero accordo tra i comitati dirigenti i partiti. È da notare che la stessa Storia ufficiale dice che
«lividi di spavento, i capi socialisti-rivoluzionari e menscevichi chiesero in quei giorni protezione ai bolscevichi, convinti come erano che nella capitale essi erano la sola forza reale capace di sconfiggere Kornilov. Ma, mobilitando le masse per la disfatta di Kornilov, i bolscevichi non cessavano la lotta neppure contro il governo kerenskiano. Essi smascheravano di fronte alle masse il governo di Kerenski, dei menscevichi e dei socialrivoluzionari, i quali con la loro condotta politica avevano favorito obiettivamente il complotto controrivoluzionario di Kornilov».

Non vi fu bisogno di passare dalla mobilitazione delle masse lavoratrici ad una vera guerra civile. Contro l’avanzante ottavo corpo di cavalleria al comando di Krymov si schierarono alla periferia di Pietrogrado operai armati dei sindacati, guardie rosse, reparti di marinai di Kronstadt. Agitatori bolscevichi raggiunsero la «divisione selvaggia» cosacca: la truppa rifiutò di proseguire la marcia sulla città rossa. Il generale Krymov si fece saltare le cervella: Kornilov stesso coi suoi seguaci Lukomskij e Denikin fu arrestato al quartier generale di Moghilev l’1/14 settembre. Kerenski, rimasto al potere, dopo non molto liberò costoro. Fu una avventura in sostanza incruenta. Ma aumentò in modo decisivo il prestigio dei bolscevichi.

98 – Fronte svanito, bolscevismo avanzante

Battuto Kornilov, Lenin dispone che si riprenda la parola del potere ai Soviet, i quali avevano per la forza del movimento bolscevico dimostrato di aver vinta facilmente una battaglia che Kerenski avrebbe perduto. Lenin attraverso la stampa, a dire di Trotsky, «propose un compromesso ai fautori di compromessi» che tanto aveva svergognati. Impegnatevi, disse, a garantire la piena libertà di propaganda ai bolscevichi, e questi si impegneranno a non attaccare «la legalità sovietica», ossia rispetteranno la volontà della maggioranza del Soviet senza ricorrere alla forza insurrezionale.

Ma come ben Lenin sapeva furono i «fautori di compromessi» a declinare il compromesso coi bolscevichi. Questo non giovò loro: il prevalere dei bolscevichi su essi era vicino. E qui Trotsky, grande anche come storico, scrive:
«Come nel 1905, il vantaggio che la prima ondata della Rivoluzione aveva dato ai menscevichi, disparve tosto nell’atmosfera inasprita della lotta di classe. Ma contrariamente alla linea di sviluppo della prima Rivoluzione, la crescita del bolscevismo ora corrispondeva al rafforzamento e non al declinare del movimento delle masse»[86].

Ben diverso è, come studieremo al suo luogo, il gioco del compromesso e della «offerta di compromesso» in un paese appena uscito dalla rivoluzione antifeudale, e in uno ove questa è lontana, scontata, passata. Tuttavia questa frase ci ricorda un rapporto a Mosca della direzione del Partito Comunista d’Italia dopo lo sciopero generale di agosto 1922 contro il fascismo, che segnò la vera data della vittoria della controrivoluzione borghese capitalista e dello Stato tradizionale, di solito confusa con la farsa della marcia su Roma e del 28 ottobre, pretesa rivoluzione in frack quirinalesco. Scrisse il partito italiano: il proletariato dopo avere valorosamente combattuto è stato battuto non dai fascisti ma dallo Stato borghese e dalle sue forze armate. Le sue forze ripiegano, ma quelle del nostro partito avanzano rispetto a quelle dei partiti opportunisti. La lotta deve continuare contro la borghesia fascista come contro i socialisti opportunisti[87].

Sembrò questa la via che preparasse una nuova fase rivoluzionaria, in cui il partito comunista avanzasse in una situazione di ripresa proletaria e rivoluzionaria.

Mosca nel 1924 dettò la parola: Blocco per la libertà con tutti gli antifascisti. Quelli che ebbero lo stomaco di raccoglierla sono ancora oggi affogati nel popolarismo parlamentare, affamati di blocchi di governo non coi soli socialdemocratici e liberali italiani, ma addirittura coi cattolici. Una situazione di movimento in avanti intrinseco ed estrinseco come quella del settembre bolscevico 1917 non si può nemmeno intravedere.

Disgraziati tra i disgraziati quei poveri operai che la sogneranno in una nuova «rivista» schedaiola, ove la degenerazione del costume sarà ancora più palese, in tutte le sfumature contendenti.

99 – Preparlamento e boicottaggio

Visto che la «Conferenza di Stato» aveva preparato il terreno a Kornilov (i bolscevichi non vi erano nemmeno invitati), il governo di coalizione tentò di risollevare le sue sorti con una «Conferenza Democratica», convocata stavolta dal Comitato Esecutivo dei Soviet per lo stesso giorno della caduta di Kornilov, 1/14 settembre. Fu gabellata come matrice di un Pre-parlamento o Consiglio della Repubblica. Frattanto i bolscevichi avanzavano di successo in successo. Il 3/16 settembre Trotsky e gli altri loro capi venivano liberati. Il giorno dopo nel Soviet di Pietrogrado una votazione dava la prima volta la maggioranza ai bolscevichi. Il 9/22 doveva dimettersi il vecchio presidio; l’11/24, sostituendo Čcheidze, Trotsky tornava al suo posto del 1905, alla presidenza.

Si pone subito per i bolscevichi la questione se debbano prendere parte al cosiddetto Pre-parlamento. È in questo tempo che cominciano le celebri lettere di Lenin al Comitato Centrale, che pongono la questione dell’insurrezione, e con un incalzante crescendo incitano a predisporla, e finalmente e contro tutte le esitazioni esigono che sia scatenata.

Su questa questione del Pre-parlamento avvenne al solito una disparità di opinioni. I bolscevichi designati come membri di tale Consiglio consultivo presero parte alle prime sedute: ben presto Lenin, dopo avere indicato il tenore delle prime dichiarazioni, denunzianti ogni possibile ulteriore compromesso coi partiti che lo avevano respinto, richiese l’uscita della «frazione» (noi diciamo gruppo) del partito.

Il Comitato Centrale, discorde, rimise il problema alla riunione della stessa «frazione». In questa Stalin e Trotsky furono per il boicottaggio, riscuotendo l’approvazione di Lenin con lettera del 22–24 settembre (5–7 ottobre). Ma furono per la partecipazione Rykov e Kamenev, ottenendo la maggioranza. L’espressione di Lenin era stata particolarmente drastica; dobbiamo dare alle masse una parola chiara e precisa: date un calcio a Kerenski e al suo Pre-parlamento![88].

Finalmente il 24 settembre / 7 ottobre la frazione bolscevica lasciò il risibile pseudo parlamento: Ci appelliamo alle masse! Tutto il potere al Soviet! Un mese dopo questa parola era realtà.

100 – L’insurrezione e un’arte!

Dobbiamo rapidamente seguire il decorso della lotta per prendere il potere. Le vicende ne sono note: ma dato il fatto notevole che una corrente del partito si oppose, dobbiamo dare la precedenza a questa questione «politica» per verificare dopo con quale programma sociale il partito bolscevico impostava la battaglia conclusiva, e stabilire ancora una volta la continuità della prospettiva.

Indubbiamente mai più sarà possibile avere la serie vera della corrispondenza tra Lenin e il centro del partito, e quella dei verbali del Comitato Centrale in cui si dibattevano gli storici punti; preparare l’attacco armato, scegliere il momento per sferrarlo con successo[89].

Uno scritto di Lenin dell’1/14 settembre si riferisce diffusamente al problema della crisi economica e della «catastrofe imminente» per la Russia, governata da borghesi e social-traditori, e minacciata da colpi di destra. Ma una lettera al comitato centrale che segue di pochi giorni (13/26) porta decisamente in primo piano il tema dell’assalto al potere: Il Marxismo e l’Insurrezione. L’urgentissima comunicazione non omette di riportarsi alle basi di dottrina. I revisionisti di destra del marxismo hanno rivolto l’accusa di blanquismo ai marxisti radicali. In Marx invece l’insurrezione è trattata come un’arte, nello stesso senso che si parla con correzione terminologica di un’arte della guerra e delle sue norme e regole[90].

Distingue i marxisti rivoluzionari dai blanquisti il fatto che essi non considerano l’insurrezione come la sola attività politica e non la considerano un’attività da intraprendere in un momento qualunque. La guerra, dicono i teorici militari, è una continuazione della politica degli Stati. Nessuno Stato è sempre in guerra, normalmente il mezzo della sua politica estera e dei suoi rapporti anche di contrasto con altri stati è la negoziazione, la diplomazia: quando da questa si passa (e come oggi vediamo nei più vari modi e trapassi) alla guerra dichiarata. esiste per condurre questa un’arte, affidata agli Stati maggiori.

L’estrema forma del contrasto tra le classi sociali è la guerra civile, Marx lo dice ad ogni momento.

Lenin chiarisce la differenza col blanquismo nello stabilire che per l’iniziativa dell’insurrezione non basta il volere di un gruppo cospirativo e nemmeno di un partito rivoluzionario (sempre indispensabile, non sufficiente di per sé ed in ogni caso e momento). Occorre un determinato grado di attività delle masse, che in genere si ravvisa ad un solo istante del decorso di una grande lotta classista. Scoprire tale momento, come prepararlo e condurre l’azione armata, è un’arte che il partito deve studiare, conoscere, applicare felicemente.

Lenin esamina i rapporti delle forze al 3–4 luglio e conclude che in quel momento il partito non doveva tentare l’assalto. Gli avversari non erano ancora sconvolti dagli eventi, lo slancio rivoluzionario proletario era limitato.

Dopo l’episodio Kornilov, tutto questo, dai due lati, è mutato. Oggi «la nostra vittoria è certa». Lenin disperde l’alternativa, cui sa che alcuni credono, di un’azione nel seno del Preparlamento.
«La decisione sta fuori della Conferenza, nei quartieri operai di Pietrogrado e di Mosca»!

I tedeschi minacciano Pietrogrado. Il governo non può più difenderla e non può né vuole fare la pace. Noi, dice Lenin ponendo a questo stadio le due facce del tremendo problema internazionale, noi soli possiamo fare le due cose. Proporremo la pace, anche un armistizio ci basterà. «Ottenerlo oggi significa già vincere il mondo intero!» Ma se non potremo fermare l’ondata noi condurremo anche la disperata guerra rivoluzionaria: per il fronte toglieremo ai capitalisti stivali e pane! Brest Litovsk doveva superare questa più che tragica alternativa.

Per la Conferenza Lenin sostiene non discorsi ma una breve dichiarazione, cui seguirà il boicottaggio del derivato Preparlamento. Rottura completa con la borghesia, destituzione di tutto il governo attuale, rottura con gli imperialisti franco-inglesi, passaggio di tutto il potere nelle mani di una democrazia rivoluzionaria guidata dal proletariato rivoluzionario.

Lenin sottolinea le ultime parole e ci riconferma che non ha interruzioni la linea del 1905 e di Aprile, se pur dispiace a Trotsky: ciò in connessione, egli aggiunge, col nostro progetto di programma: la pace ai popoli, la terra ai contadini, confisca dei profitti scandalosi dei capitalisti, repressione dello scandaloso sabotaggio della produzione perpetrato da essi. Per la centesima volta: la rivoluzione socialista, ma non la società socialista (che verrà, lo vedremo presto ancora, da Occidente).

Dopo di ciò azione a fondo nelle officine e nelle caserme (notate: in questa convulsa fase dell’attacco non si attendono alleati contadini insorti). Subito dopo ciò, scegliere il momento propizio per l’insurrezione.

Come nota Trotsky (mentre qui Lenin vuole solo dimostrare che non si resta fedeli al marxismo e alla Rivoluzione se non si capisce che l’insurrezione va trattata come un’arte) le sue comunicazioni passano all’applicazione in concreto, si diffondono su tutti i particolari della strategia insurrezionale, dei posti da prendere, delle forze da dislocare…

101 – Ancora contrasto nel partito

Nella lettera dell’8/21 ottobre Lenin incita ancora e discute perfino la cifra di armati occorrenti per superare la resistenza del governo. Egli in tal frangente torna a citare Carlo Marx:
«L’insurrezione, come la guerra, è un’arte».
Si serve delle stesse raccomandazioni fatte da Marx 65 anni prima, e conclude con la finale citazione di Danton,
«il più grande maestro di tattica rivoluzionaria finora conosciuto: dell’audacia, ancora dell’audacia, e sempre dell’audacia»!
E Lenin chiude così:
«Speriamo che nel caso in cui sarà deciso di agire, i dirigenti applichino con successo i grandi comandamenti di Danton e di Marx».
«Il successo della rivoluzione russa e della rivoluzione mondiale dipende da due o tre giorni di lotta»![91].

Nella storica riunione del Comitato Centrale cui Lenin giunge travestito, il 10/23 ottobre (a quindici giorni dalla vittoria) si vota la mozione che deduce l’urgenza di attaccare da motivi tratti dalla situazione internazionale: l’ammutinamento della flotta in Germania, come più alta manifestazione di sviluppo in tutta Europa della rivoluzione socialista mondiale… la situazione militare, ecc… mettono all’ordine del giorno l’insurrezione armata.

La decisione non fu concorde. Kamenev e Zinoviev votarono contro. Non seguiremo qui tutte le manovre della storia ufficiale per far credere che anche Trotsky in qualche modo dissentisse, e che non fosse lui a dirigere in pieno l’arte dell’insurrezione. Negli anni dal 1920 al 1926 queste cose le raccontavano a Mosca, senza che nessuno dissentisse, anche le pietre.

Il 16/29 ottobre nella riunione allargata del Comitato Centrale i due tornarono a parlare contro l’insurrezione. Battuti ancora una volta, e qui fu il fatto grave, due giorni dopo dalle colonne di un giornale menscevico affermarono che il loro partito sbagliava, lanciandosi in una pericolosa avventura.

La nuova lettera di Lenin del giorno stesso è tremenda. Egli si impegna a chiedere al Congresso che i due siano espulsi dal partito, li chiama signori e li sfida a fondare un partito dissidente «con qualche decina di disorientati o di candidati all’assemblea costituente». Lenin si ferma sulla rivelazione di una decisione interna del partito. Accenna agli «argomenti ideologici» dei due: l’attesa dell’assemblea costituente, sperando (!) di resistere fino ad allora, e un «querulo pessimismo»: i borghesi sono fortissimi, gli operai ancora troppo deboli.

La conclusione di Lenin è questa, drammatica:
«Momento difficile. Compito arduo. Tradimento grave».
Lenin non dispera un momento degli operai.
«Gli operai serreranno le file, l’insurrezione contadina e l’impazienza estrema dei soldati al fronte compiranno l’opera! Serriamo le file, il proletariato deve vincere!»[92].
Ma egli vede sabotata la lotta di due o tre giorni, nella cerchia delle grandi capitali.

102 – Gli organi della lotta

In un primo tempo, al momento dell’abbandono del Preparlamento, fu dal partito (nel racconto di Trotsky) formato un Ufficio per le informazioni sulla lotta con la controrivoluzione[93] affidato a Trotsky, Sverdlov e, proposto da Stalin in sua vece, Bubnov. Secondo Trotsky Stalin era per l’insurrezione, ma non credeva il partito pronto. Secondo Stalin, è il contrario, o addirittura Trotsky fece una proposta tale da silurarla. È incredibile questo estremo raggiunto, nella nostra età, nel modo di esporre la storia: si mente alla Danton: dell’audacia, ancora dell’audacia, e sempre dell’audacia! Ci perdoni la grande giacobina ombra, se prendiamo a prestito per così vile cosa la sua storica parola.

Il 9/22 ottobre il conflitto tra Soviet e governo stava per scoppiare per il minacciato trasferimento al fronte della guarnigione rivoluzionaria. Nel seno del Soviet, Trotsky propose e formò il Comitato Militare Rivoluzionario.

Sotto le pressioni bolsceviche il Secondo Congresso panrusso dei Soviet era convocato per il 20 ottobre / 2 novembre. Poiché era necessario che il potere fosse preso almeno a Pietrogrado prima del 20, perché il Congresso, in cui era sicura la maggioranza per la tesi bolscevica, potesse prendere il potere a governo giù battuto, alla descritta seduta del 10/23 si stabilì come giorno per l’insurrezione il 15/28. Al Comitato Militare parvero troppo pochi 5 soli giorni (su ciò specula Stalin) e del resto alla riunione allargata del 16/29 uno era già passato. In quella, mentre le date incalzavano, e Zinoviev e Kamenev tentavano di far rinviare tutto almeno fino alla riunione del Congresso, Stalin divagò senza proporre date. La grave situazione fu sciolta dai capi del Comitato Panrusso, non ancora bolscevico: costoro decisero di spostare il congresso dei Soviet al 25 ottobre / 7 novembre.

Quei cinque giorni di più bastavano al Comitato Militare Rivoluzionario. Ma intanto la questione fu complicata dall’atteggiamento del «Rabocij Put», che pur non ponendosi contro Lenin disse che era troppa l’asprezza del suo articolo contro Kamenev e Zinoviev.

Il 16/29 fu anche deciso di organizzare un «Centro rivoluzionario militare» del Partito, con Sverdlov, Stalin, Urickij, Dzeržinskij e Bubnov. Stalin ha in seguito gonfiata l’opera di questo centro, per vari anni a detta di Trotsky dimenticato, e che del resto nella decisione di pugno di Lenin doveva far parte del Comitato militare del Soviet, pacifico protagonista dell’azione. Non ci diffonderemo su questa poco edificante questione: non certo Trotsky è quello che inventa, e del resto stanno con lui i documenti che cita e la generale notorietà sulla sua azione, e il riconoscimento di essa da parte di Lenin e di migliaia di partecipanti a quelle giornate[94].

103 – La suprema ora

Lenin scrive l’ultima storica lettera la sera del 24 ottobre / 6 novembre: pare che nella stessa giornata, e prima di riceverla, il Comitato Centrale decidesse l’azione.

Nel protocollo Trotsky fa le proposte e comunicazioni fondamentali: Stalin, assente, non ha mai detto il perché. La storia ufficiale della sua partecipazione – sebbene né Trotsky né alcun altro lo abbia mai tacciato di poco coraggio – è fatta non di acciaio, ma di materia plastica.

A noi interessa più che il dettaglio delle ore e degli scontri, che è da molte fonti ben noto, la valutazione di Lenin sulla fiammeggiante urgenza della situazione.

«Compagni, ogni ritardo nell’insurrezione equivale veramente alla morte. Voglio con tutte le mie forze convincere i compagni che ora tutto è sospeso ad un filo, che sono all’ordine del giorno questioni che non sono risolte da conferenze né da congressi (nemmeno da congressi dei Soviet), ma esclusivamente dai popoli, dalle masse, dalla lotta delle masse armate».
«Bisogna a qualsiasi costo, stasera, stanotte, arrestare il governo dopo aver disarmato (e sconfitto se opporranno resistenza) gli junker ecc.».
«Non si può attendere! Tutto può essere perduto!»
«Chi deve prendere il potere? Questo ora non ha importanza. Lo prenda il Comitato Militare Rivoluzionario o ‹un’altra istituzione› che dichiari di volerlo consegnare ai veri rappresentanti degli interessi del popolo, dell’esercito, dei contadini».
«Non lasciare il potere nelle mani di Kerenski e Co. fino al 25, in nessun caso: decidere la cosa immancabilmente stasera o stanotte».
«Noi non prendiamo il potere contro i Soviet, ma per essi. La presa del potere è compito dell’insurrezione. Il suo scopo politico si preciserà dopo. Sarebbe la rovina o puro formalismo attendere l’incerto voto del 25»!
«Il governo esita. Bisogna finirlo ad ogni costo! Indugiare nell’azione equivale alla morte»![95].

La notte del 25 ottobre /6 novembre Lenin viene allo Smolny. Alla mezzanotte tra il 6 e il 7 l’azione comincia. Alle 3 del pomeriggio Lenin appare al Soviet di Pietrogrado. Alle 9 cominciano le operazioni contro il Palazzo d’Inverno. Alle 11 di sera del 7 si apre il secondo Congresso panrusso dei Soviet.

I social-traditori lo abbandonano. Il Congresso assume il potere. Nel giorno stesso il manifesto del partito bolscevico ai «Cittadini di Russia» aveva dichiarato che il governo provvisorio era finalmente stato deposto[96].

Il grande ciclo della lotta era compiuto con la fase della presa insurrezionale del potere.

Il partito era di fronte al suo programma. Ma, molto prima dei compiti sociali, questo stesso e la storia gli ponevano ancora tremendi compiti politici. Proletari e socialisti, questi secondi, al mille per mille. Ancora involti in grosse scorie democratiche e capitaliste, i primi.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XII)

104 – Il conquistato potere

Il nostro lavoro non è che un tentativo verso la stesura, non di una storia (nel senso che per i benpensanti si indica col termine di storiografia) ma di alcuni capitoli di scienza storica, termine che per tutto il moderno pensiero è una bestemmia. Il modernismo ostenta di aver cacciato da tutte le scienze, anche naturali e non umane (per il marxismo la scienza della specie umana è una scienza naturale), causalità e determinismo, solo perché molti problemi – da tempo per nulla recente – si affrontano e risolvono, quanto ad apparato matematico, col metodo probabilistico. Ossia non si assume di aver determinato, mediante leggi scoperte, il valore preciso del dato incognito, ma solo di avere stabilita la conoscenza di un certo campo di valori in cui il dato che si domanda dovrà con buona probabilità «aggirarsi». A una conoscenza del futuro (meglio dire dell’incognito, potendo essere una incognita del passato cento volte più difficile a calcolare di una del futuro: poniamo la composizione chimica del nero che Cleopatra si dava sotto gli occhi, e l’ora fino al minuto secondo del prossimo eclisse di luna) rigorosa e puntuale, obbligata e certa, se ne sostituirebbe una elastica ed approssimata. Non qui svolgiamo il punto che questa alternativa si riduce ad una masturbazione filosofica da tempi smidollati: la certezza assoluta della soluzione non è che una finzione di comodo, una convenzione, che nella prassi della specie ha fatto sempre buon gioco, figliando fiammeggiante potere di conoscenza, come il classico buscar oriente per occidente, come l’«altissimum planetam tergeminunt observavi» di Galileo, che primo adocchiò l’anellato Saturno. La sicurezza matematica non è che un espediente per evitare di pigliar cantonate troppo in pieno; la collettiva dotazione di esperienza della specie, che chiamiamo nella storia religione, filosofia, empirismo, scienza, è un edificio elevato con tante pietre, su ognuna delle quali si può scrivere: individuale fesseria.

È così che a noi parrebbe un gran risultato se si verificasse la previsione che la terza guerra mondiale avverrà intorno al 1975, a tre quarti del secolo, e non sarà preceduta da una generale guerra civile tra proletariato e capitalismo nei paesi avanzati di Occidente, offrendo soltanto la possibilità di questo grandioso evento. E saremmo quindi disposti ad ammettere che una tale cifra non si può ricavare da nessuna equazione (troppo vaga quella 1945 – 1918 + 1945 = 1972) ed è soltanto il risultato di induzioni probabilistiche. Nel «Dialogato»[97] mostrammo che in tale profezia collimavano il pensiero di Stalin, quello dell’economista liberale Corbino, e quello della assai piccola ed assai anonima sinistra marxista ortodossa.

Questa digressione serve al rilievo che naturalmente siamo anche noi influenzati dal modo tradizionale di trattare l’argomento, e come siamo vittime dell’abuso dei nomi dei personaggi illustri, così lo siamo di quello della mania delle date «matematiche».

Trattando Russia svolgemmo alla riunione di Bologna una prima parte che saggiava l’esposizione marxista della storia di quel paese fino alla grande Rivoluzione. Nelle riunioni di Napoli e Genova siamo passati al tema dell’attuale struttura russa, e il contenuto di tale esposizione si divide in due parti: la lotta per il potere nelle due rivoluzioni, e quella più specialmente diretta al tema: ossia a provare la tesi che la società russa di oggi è capitalista in giovane sviluppo, non socialista.

Giunti al 26 ottobre / 8 novembre del 1917 dovremmo chiudere di colpo il primo argomento: i bolscevichi hanno preso il potere. Eccoli alla prova: Come hanno governato? Come hanno attuato il loro programma? È indubbio che nel marxismo il possesso del potere è un mezzo, non un fine – una partenza, non un arrivo. Ma numerosi argomenti restano, che sono ancora nel raggio della lotta per il potere, e non in quello della forma sociale, cui il trapasso di esso ha aperta la strada.

105 – La luce di ottobre

I marxisti non avrebbero ragione di commemorare date a giorni fissi, è sicuro, ma non è delitto se lo fanno: quella tale avanzata alla conoscenza di specie, collettiva, si è fatta, come testé ricordato, congegnando insieme materiali eterogenei, piccole sciocchezze e grandi ingenuità, soprattutto clamorose contraddizioni, girando in labirinti ove non si incontrano Arianne. E solo alla fine di una corsa millenaria, e molto oltre questo nostro conato, che non può procedere senza intoppi e insuccessi, il «Filo del Tempo» sarà trovato.

Da molto più di un secolo lo si snoda dal fuso, ma solo in esso sta il miracolo, che più dei luminari del mondo ufficiale può segnare la giusta via il fesso qualunque; per la superiorità che ha l’ultimo timoniere con l’occhio alla bussola magnetica sul dantesco magnifico Ulisse, che non fermò il «folle volo» verso l’ignoto, «per seguir virtute e conoscenza», fino che il mare, sopra di lui coi suoi sacrilego, non fu richiuso.

Ha quindi una grande portata il martellare la data del 26 ottobre vecchio stile come uno svolto istantaneo, perché così si sottolinea una primaria lezione storica: quella contenuta nelle lettere di Lenin che invocano di non più attendere un giorno e nemmeno poche ore per rovesciare in Pietrogrado il governo Kerenski. In effetti questa grande verità, ossia che il partito deve saper scorgere il momento, determinato nella storia, tra i rarissimi in cui la prassi si capovolge e la volontà collettiva gettata nella bilancia la fa traboccare, non toglie che la lotta continui a lungo dopo quello svolto, eretto a simbolo: nel resto della Russia, nelle immense province, tra i reparti militari.

E non toglie che, anche dopo la prima conquista ripercossa dalla capitale a tutto il paese ancora libero dalla tedesca invasione, la lotta continui nella liquidazione della guerra, nella eliminazione dell’ultimo partito alleato, il socialista rivoluzionario di sinistra, e della Assemblea Costituente, e nella resistenza di vari anni a ribellioni interne e a spedizioni di guerra civile scagliate sulla nascente repubblica proletaria.

La lezione contenuta in questi dati della storia è tanto più grandiosa, in quanto il contenuto di queste imprese è totalmente di classe, e consacra il nome di socialista e comunista alla rivoluzione di Ottobre e allo Stato dei Soviet diretti dal partito bolscevico, in tutta la sua azione politica, in quanto ed in tanto questa ha un centro solo, non in un sistema di misure per governare la Russia e amministrarla, ma nella inesausta lotta per la Rivoluzione comunista di Europa.

Più dura, difficile e complessa è la lezione che deriva dallo studio delle misure, per così dire, di amministrazione interna.

Più ardua la sua utilizzazione rivoluzionaria, che si raggiunge solo compiendo lo sforzo di ammettere che un tale compito «russo», quando la rivoluzione occidentale declina, ha per massima parte contenuto non socialista.

Importano dunque molto ancora vari argomenti, che precedono una tale dimostrazione.

106 – Distruzione dello Stato

Lo stato di classe è una macchina immensa, caratterizzata dalla esistenza di un «comando» centrale unico. È venuto il momento, come dice Lenin alla fine del classico «Stato e rivoluzione», di giustapporre la prassi alla dottrina. Ogni stato è definito, in Engels, da un preciso territorio e dalla natura della classe dominante. È dunque definito da una capitale dove si aduna il governo, che è in marxismo definito
«il comitato di amministrazione degli interessi della classe dominante».

Non sfugge a tale definizione il trapasso dal potere feudale a quello borghese nemmeno in Russia: una macchina di dominio deve sostituire un’altra, e ciò può avvenire solo con una cruenta lotta, che si svolge nel febbraio del 1917. Ma è inevitabile che in questa fase venga a galla la teoria politica, del tutto e diametralmente opposta, che in tutte le rivoluzioni storiche ha dissimulato il carattere del passaggio da feudalesimo a capitalismo. Si afferma di distruggere il dispotico potere centrale di una classe, che si configura in quello di un monarca e di una dinastia, non per sostituirvi il governo di una nuova classe dominante contro un’altra, ma per costruir uno Stato, un governo ed un potere che non esprimano la soggezione di una parte della società ad un’altra classe governante bensì si fondino su «tutto il popolo».

Il fatto più grande storicamente è che, là dove fatalmente si dovevano pagare i maggiori tributi a questa interpretazione democratica della rivoluzione, che come nelle rivoluzioni europee si adagiava bene su un grande campo di reali esigenze – ed anche tenaci illusioni – di vasti strati sociali, ivi una serie di fatti storici positivi mise in luce, per il mondo proletario, la robustezza della dinamica rivoluzionaria marxista fondata sulle classi, la dittatura di una di esse, la violentazione delle libertà delle altre e dei loro partiti fino al terrore, fatto del resto inseparabile da tutte le rivoluzioni anche puramente borghesi.

Uno dei primi di questi fatti è la rottura del vecchio apparato statale che la classe assurta al potere deve operare senza esitazioni: lezione già tratta da Carlo Marx dalle lotte in Francia, e dalla Comune di Parigi, che si installò contro Versailles all’Hôtel de Ville, pose macchina contro macchina armata, soffocò anche nel terrore, prima di venire assassinata, i fisici membri della classe nemica, ed ebbe dal proletariato rivoluzionario mondiale, dopo vinta, il formidabile attestato che, se ebbe colpe, non fu di essere stata troppo feroce ma di non esserlo stata abbastanza.

Non è la teoria che qui si debba ancora una volta disegnare, ma solo si devono presentare le sue conferme, le cui notizie facevano balzare come ebbri di luce e di gioia i rivoluzionari di occidente.

Il governo borghese è arrestato al Palazzo d’Inverno, ma i suoi uffici non vengono, col loro personale, posti agli ordini di nuovi capi di governo; essi sono chiusi e la guardia rossa bivacca nelle sale. Il nuovo governo si forma fin dalle prime cellule con nuova materia-uomo all’istituto Smolny, sede dei bolscevichi. Trotsky racconta un episodio, che voleva sfottere Stalin ma che a tutti fa onore. Questi era stato nominato Commissario del Popolo alle Nazionalità (il nome di Commissario del Popolo al posto di Ministro fu, pare, proposto da Lenin: indubbiamente esso definisce – sunt nomina rerum – una dittatura democratica: in Germania sarebbero stati Commissari operai, o del proletariato). Ma quel che è grande è il piantar baracca nuova, bruciando la vecchia. Un compagno bolscevico di tacca comune, ma di pasta adatta, apostrofa per le stanze dello Smolny Giuseppe Stalin: Hai un commissariato, compagno? No, rispose il secondo. Lasciati servire: non mi serve che un mandato. Stalin lo scrisse su un pezzo di carta e lo fece firmare nella sala del Consiglio (una comune stanza ove un tramezzo di legno divideva dal locale del dattilografo e del telefono). Pestkovskij in una delle stanze dello Smolny già occupata trovò un tavolo libero e lo spinse contro il muro, attaccando a questo una scritta: Commissariato del Popolo per le Nazionalità. A tutto questo aggiunse due sedie.
«Compagno Stalin, non abbiamo un soldo sul nostro conto» – «Occorre molto?» – «Per cominciare un migliaio di rubli» – «Andate da Trotsky: ha del danaro che ha preso al Ministero degli Esteri».
Aggiunse Pestkovskij che con regolare ricevuta prese da Trotsky in prestito tremila rubli, che probabilmente mai il Commissariato delle Nazionalità ha restituito a quello degli Esteri…[98].

Sulle tombe dei comunardi fucilati aleggia l’ineguagliabile elogio funebre di Marx, che li assegna alla storia, ma li accusa di non avere, ingenuamente, fatto saltare i forzieri della Banca di Francia.

La Rivoluzione non ha il diritto di avanzare a mani pulite.

107 – L’Assemblea Costituente

La rivoluzione liberal-democratica del 19 febbraio, sulla traccia storica di ogni rivoluzione borghese, convocò un’assemblea Costituente elettiva di tutta la Russia, che doveva promulgare la nuova Costituzione e le leggi parlamentari. Nel travagliato periodo che seguì, le elezioni venivano di continuo dilazionate dal governo provvisorio, anche quando divenne di coalizione tra borghesi e socialisti della destra opportunista.

Mentre i bolscevichi conducevano la lotta nei Soviet, ed anche quando rompendo gli indugi la trasferirono sul campo della guerra civile, mai essi sconfessarono ufficialmente la Costituente né annunciarono che ne avrebbero disertate le elezioni. Pure agitando la formula del potere ai Soviet, essi non dissero pubblicamente che il governo stabile non dovesse essere designato dalla maggioranza della Costituente. Annunziarono i loro candidati ad essa ripetutamente.

Noi sappiamo tuttavia che fin dalle «Tesi di Aprile» Lenin proclama il principio che la repubblica debba essere non parlamentare ma poggiata sul sistema dei Soviet, e quindi escludendo il voto dei non lavoratori, pure essendo ammessi nei Soviet oltre agli operai anche i contadini-soldati. Vi era fedeltà assoluta alla formula della dittatura democratica (ciò, ancora una volta, vuol dire non di una sola classe, ma di più classi. Se la base fosse di una sola classe, resta il sostantivo dittatura e va via l’aggettivo democratico – se di tutte le classi, va via la dittatura e resta la democrazia). Il preteso passaggio sostenuto dagli stalinisti, in un certo limitato senso anche da Trotsky, non solo in teoria ma anche in pratica, alla dittatura del proletariato tout court, come si concilia col fatto che oggi in Russia votano tutti i cittadini? La risposta che non essendovi borghesia la sanzione è superflua, è vana: in ogni caso, se valesse a dimostrare che vi è la dittatura, questa sarebbe sempre dittatura interclassista (ammette al voto contadini, artigiani, piccoli industriali, commercianti etc. che è pacifico esistano ad oggi) e quindi il passo oltre la dittatura democratica giusta Lenin 1905 non è mai avvenuto: infatti lo poteva solo per effetto della rivoluzione fuori Russia.

A suo tempo la questione dello studio delle Costituzioni, e della definizione della Russia odierna come una repubblica capitalistica che, malgrado la prassi statale totalitaria, è tanto parlamentare quanto lo erano quelle borghesi di Hitler e Mussolini.

Lenin dunque teorizza che, anche non essendo in presenza di una rivoluzione proletaria integrale, deve subito porsi il superamento della forma parlamentare di Stato. Quindi dall’Aprile condanna l’Assemblea Costituente. La stessa formula del 1903 – 1913 l’aveva già condannata come pratico programma di governo alla caduta degli Zar.

Abbiamo poi citato passi di Lenin, come il lettore conosce, che implicitamente contengono il principio della non convocazione della Costituente, pur nel protestare contro il rinvio a questa della espropriazione terriera.

Eppure lo stesso Trotsky, il quale si dice fautore della dittatura proletaria nella rivoluzione permanente, crede di doversi giustificare in via contingente della misura di scioglimento dell’Assemblea, convocata dopo la presa del potere da parte dei bolscevichi. Scrivendo nel 1918 egli evidentemente pensa che sia dai più ritenuto potersi buttar via la dittatura restando nel campo della democrazia, e non passare per sempre oltre la democrazia, andando traverso la dittatura uniclassista e unipartitica fino al traguardo del non-Stato – nel quale solo senso marx-engelsiano la dittatura è «transitoria».

108 – Trotsky e Lenin

Riportiamo la giustificazione di Trotsky dal libretto «Dalla Rivoluzione di Ottobre alla Pace di Brest Litovsk» scritto appunto nelle lunghe more di quelle trattative.

«Noi eravamo perfettamente sinceri quando dicevamo che la via per l’Assemblea Costituente non passava attraverso il Parlamento Preliminare di Tsereteli, bensì attraverso la conquista del potere da parte dei Soviet. La continua proroga della Costituente aveva lasciate le sue tracce…».
Qui Trotsky spiega che il partito numericamente più forte in Russia era il socialista rivoluzionario, la cui ala destra prevaleva di gran lunga, nelle campagne, con una minoranza di sinistra di operai urbani. Ora sebbene le elezioni avessero luogo anche dopo la rivoluzione di Ottobre nelle prime settimane, le notizie si diffusero male nell’immenso territorio, e fu chiaro che gli esserre di destra avrebbero avuta la maggioranza: ciò significava la maggioranza al deposto governo di Kerenski: graziosa l’idea di richiamarlo indietro e dirgli: Abbiatevi le nostre scuse e risalite sullo scanno, i principi della democrazia sono per noi preliminari ed universali: rivoluzione, socialismo, proletariato, sono cose in sottordine![99].

Trotsky è sotto l’effetto dell’orgia di imprecazioni venute dall’occidente alla notizia della dispersione del branco di neo-onorevoli a suon di calcio di moschetto e senza spargere una goccia di sangue, delle ignobili pedanterie di Carlo Kautsky, cui dedicò indi un volume formidabile: «Terrorismo e comunismo».

Dopo avere escluso con la storia della questione che fosse proponibile il recitare la parte del fesso fino a tal punto, egli prosegue:
«Resta ora da esaminare la questione sul terreno dei principi. Nella nostra qualità di marxisti noi non fummo mai idolatri della democrazia formale. Nella società di classe le istituzioni democratiche non solo non tolgono di mezzo la lotta di classe, ma danno agli interessi di classe una espressione sommamente imperfetta. Le classi dominanti continuano pur sempre ad avere a loro disposizione innumerevoli mezzi per falsificare, distogliere e violentare la volontà delle masse popolari lavoratrici. Un apparato ancora più imperfetto per esprimere la lotta di classe sono, nel trambusto della rivoluzione, le istituzioni della democrazia. Marx disse che la rivoluzione è ‹la locomotiva della storia›. Grazie alla lotta aperta e diretta per conquistare il potere governativo, le masse lavoratrici accumulano nel minor tempo una quantità di esperienza politica, e nella loro evoluzione salgono rapidamente da un gradino all’altro. Il lento meccanismo delle istituzioni democratiche può tanto meno seguire questa evoluzione, quanto più grande è il paese e quanto più imperfetto è il suo apparato tecnico»[100].

Questa è buona polemica contro i socialdemocratici che tuttavia ammettono lotta di classe e conquista del potere politico. Ma sembra a noi analisi insufficiente, in quanto riteniamo che più un paese è sviluppato quanto a tecnica e quanto a lungo esercizio della democrazia rappresentativa borghese, tanto più l’apparato di questa si presta a menzogna, corruzione e rinvilimento delle masse, ed è atto, se consultato, sempre più a dire di no al socialismo proletario.

Trotsky stesso dice che Lenin tenne lui a redigere il decreto di sfratto. Da almeno sei mesi gli stava sullo stomaco.

109 – Decreto di scioglimento

Volete un piccolo assaggio di dialettica? La Dichiarazione dei diritti del popolo lavoratore e sfruttato, nocciolo della prima costituzione sovietica, e che sarà in seguito oggetto del nostro esame, scritta da Lenin in data 4 gennaio 1918, ha per soggetto grammaticale l’Assemblea Costituente. Il decreto, della stessa penna, che questa discioglie, è del 7 gennaio.

Infatti l’Assemblea, adunata il 5 gennaio, non aveva accettata la richiesta del Comitato Esecutivo Centrale Panrusso dei Soviet di adottare la Dichiarazione dei Diritti nel progetto di Lenin, che comincia con l’affermazione che tutto il potere centrale e locale appartiene ai Soviet.

Il decreto di Lenin non si fonda su svolti contingenti ma va diritto alla sua lapidaria conclusione:
«Il Comitato Esecutivo Centrale decide: l’assemblea costituente è sciolta».

La decisione parte dal fatto che la Rivoluzione Russa fin dall’inizio ha creato i Soviet, che questi si sono sviluppati contro le illusioni di collaborazione coi partiti borghesi e
«le forme ingannatrici del parlamentarismo democratico-borghese», e «sono giunti praticamente alla conclusione che la liberazione delle classi oppresse senza la rottura con queste forme e con ogni specie di conciliazione è impossibile». Questa rottura «si è avuta con la Rivoluzione di Ottobre, che ha rimesso tutto il potere nelle mani dei Soviet».

Questa ha provocato la reazione degli sfruttatori e
«nella repressione di tale disperata resistenza ha pienamente dimostrato di essere l’inizio della rivoluzione socialista».
Tale rigorosa formula va fatta propria dai marxisti integralmente, in quanto si trattava della rivoluzione socialista internazionale, e non affatto della poi favoleggiata «edificazione socialista nella sola Russia».

Il testo prosegue:
«Le classi lavoratrici hanno dovuto persuadersi, sulla base dell’esperienza, che il vecchio parlamentarismo borghese ha fatto il suo tempo [giovane in Russia, vecchio in Europa, per la quale tutta la grandiosa dimostrazione storica si eresse allora, e resta oggi integrale], che esso è incompatibile con l’obiettivo della realizzazione del socialismo; che non le istituzioni nazionali, generali, ma soltanto quelle di classe, come i Soviet, sono in grado di vincere la resistenza delle classi possidenti e di porre [aggiunta nostra sul filo della logica e della dottrina: con questo stesso fatto] le fondamenta della società socialista. Ogni rinuncia all’integrità del potere dei Soviet, ogni rinuncia alla Repubblica sovietica conquistata dal popolo, a vantaggio del parlamentarismo borghese e dell’Assemblea costituente, sarebbe ora un passo indietro, sarebbe il fallimento di tutta la Rivoluzione di Ottobre operaia e contadina».

Il testo continua dicendo che questa Assemblea ha respinto la tesi del potere ai Soviet e con ciò
«ha spezzato ogni legame con la Repubblica Sovietica rossa. L’abbandono di una simile assemblea da parte del gruppo dei bolscevichi e dei socialrivoluzionari di sinistra, i quali formano oggi la maggioranza dei Soviet e godono la fiducia degli operai e della maggioranza [udite] dei contadini, era inevitabile».
I partiti in maggioranza alla Costituente conducono in realtà fuori di essa un azione disfattista della rivoluzione, difendono i sabotatori capitalisti, gli appelli al terrore di ignoti agenti della controrivoluzione.
«È chiaro che in forza di ciò l’altra parte dell’Assemblea costituente potrebbe avere soltanto la funzione di coprire la lotta dei controrivoluzionari per l’abbattimento del potere sovietico»[101].

Giù, dunque, la scure, il grandioso documento è chiuso.

La grandezza di questo testo è che non si basa su contingenze scontate e particolari del concreto sviluppo russo. Questo ha offerto soltanto le attese occasioni: magnifica quella che, alle elezioni, i rivoluzionari non avessero avuta la maggioranza; sarebbe stato terribilmente imbarazzante, e chissà quanti bolscevichi avrebbero una volta ancora claudicato.

Lo storico testo si basa su argomenti di principio tolti non dalla storia decorsa, ma dalla storia attesa della rivoluzione proletaria e comunista mondiale, sulla incompatibilità tra la democrazia parlamentare e la realizzazione del socialismo, che seguirà al violento abbattimento degli ostacoli sociali, delle forme tradizionali di produzione, come nel «Manifesto» sta scritto.

Non lessero l’argomento, al di là di dieci frontiere, i seguaci del marxismo incorrotto, ma bastò loro la nuda notizia del fatto che la minoranza lasciò l’assemblea e ordinò che la maggioranza fosse ridotta al silenzio, per inneggiare ad uno dei più fiammanti incontri tra la previsione dottrinale e la vivente storia.

La massa dei proletari sfruttati, sollevata dalla guerra alla lotta rivoluzionaria, comprese la grandezza dell’evento, anche se in forma meno scientifica; gridò con milioni di voci che una volta ancora la Luce (chiamatela, o filistei, se vi dà veleno, messianica: nel lessico nostro non è il Verbo che si fa Carne, ma è la Teoria che si fa Realtà!) si era levata sfolgorando sull’orizzonte di Oriente.

Tramontò poi nel fetido spegnitoio dell’incarognata parlamentare.

A questo svolto la Storia ufficiale del Partito dedica poche righe.
«L’Assemblea Costituente, le cui elezioni si sono svolte in gran parte prima della Rivoluzione di Ottobre, e che si è rifiutata di ratificare i decreti del II Congresso dei Soviet sulla pace, sulla terra, sul passaggio del potere ai Soviet, è sciolta»[102].
Sono di pura scusa.

110 – Guerra e pace

Le pagine della narrazione stalinistica su questo punto sono tali, almeno per chi in quel tempo già campava, che il solo citarle per confutazione varrebbe confessare una idiozia congenita. Trotsky e Bucharin avrebbero lavorato contro la pace, per far sì che i tedeschi, che li pagavano, conquistassero la Russia e stroncassero la Rivoluzione. Il genio di Lenin lo impedì: ma come quel genio non sarebbe arrivato a capire che i suoi collaboratori in prima, ancora per anni ed anni e fino alla sua morte, erano dei puri sicari? e come non lo avrebbe capito nemmeno Stalin, per la cui grandezza si diffonde quel testo? Loro due, e tutti gli altri, e tutti noi, che fantastica mappata di fessi! Lasciamola lì. Non possiamo infatti confessare che i tedeschi pagano anche il Filo del Tempo.

Per la stessa ragione non interessano tutti i dettagli, sebbene decisivi, della confutazione che dà Trotsky dell’incredibile costruzione. Chi crede che il socialismo sia una costruzione, può anche mettersi ad «edificare la storia», come l’ufficialità cremlinesca. In ambo i casi fabbrica sulle sabbie mobili, e a noi premono cose più sode.

Il II Congresso panrusso dei Soviet che assunse il potere il 26 ottobre / 8 novembre, nella stessa seduta adottò il decreto sulla pace, preparato da Lenin, primo atto del nuovo potere. Con esso si propone a tutti i paesi in guerra l’immediato inizio di trattative «per una pace giusta e democratica». Il testo dice subito che cosa per tale formula si intende:
«Una pace immediata, alla quale aspira la schiacciante maggioranza degli operai e delle classi lavoratrici di tutti i paesi, sfinite, estenuate e martoriate dalla guerra, una pace senza annessioni (cioè senza conquista di terre straniere, senza incorporazione forzata di altri popoli) e senza indennità»

Una ulteriore delucidazione:
«Per annessione o conquista di terre straniere il governo russo intende – conformemente alla coscienza giuridica della democrazia in generale e delle classi lavoratrici in particolare – qualsiasi annessione di un popolo piccolo e debole ad uno Stato grande o potente, senza che il popolo ne abbia espresso chiaramente, nettamente e volontariamente il consenso e il desiderio, indipendentemente dal momento in cui questa incorporazione forzata è stata compiuta, indipendentemente anche dal grado di sviluppo o di arretratezza della nazione forzatamente annessa o forzatamente tenuta nei confini di quello stato, e indipendentemente, infine, dal fatto che questa nazione risieda in Europa o nei lontani paesi transoceanici».

Questa proposta concreta non costituisce una costruzione teorica. La posizione marxista è che un partito proletario non può in nessun caso appoggiare una annessione politica forzata; ma non consiste nel fare un capitolo del programma del partito della sistemazione ex novo di tutti i popoli omogenei in un nuovo ordinamento politico-geografico di Stati raggiunto e mantenuto dal consenso e senza violenza. Questa è ritenuta dai marxisti una utopia inconciliabile con la società di classe capitalistica, più ancora che con ogni altra, mentre in una società socialista il problema passa su altre basi, includenti la distensione e lo spegnimento di ogni violenza statale.

Una proposta tale che i paesi borghesi potrebbero accettarla, o almeno non possono rifiutarla per ragioni di principio, e che quindi li smaschererebbe se la rifiutassero – come è sicuro – nel loro appetito di brigantaggio imperiale. Si sarà così provato che una coscienza giuridica internazionale degli Stati non esiste di fatto, né può esistere nel mondo attuale.

Il decreto contiene altri due punti fondamentali: la rinunzia al segreto diplomatico e l’annullamento dei trattati, segreti o meno, stipulati dallo Stato russo fino allora – e la proposta di un armistizio di almeno tre mesi per lo svolgimento dei negoziati.

La conclusione della relazione illustrante il decreto è poderosa Essa spiega che non si può non offrire di discutere con i governi, e va dato carattere non ultimativo alla proposta di pace «senza annessioni e indennità», al fine di potere ingaggiare ogni discussione. Ma con ciò non si rinunzia a parlare anche ai popoli, agli operai di tutti i paesi perché rovescino i governi che si oppongono alla pace.
«Noi lottiamo contro la mistificazione dei governi che, a parole, sono tutti per la pace e per la giustizia, ma che di fatto conducono guerre di conquista e di rapina».
Il decreto apertamente inneggia alla insurrezione operaia, agli ammutinamenti nella flotta tedesca. Esso tuttavia esclude la possibilità di finire unilateralmente la guerra. Questa non può essere fatta finire che con la pace: il decreto non contiene – ancora – la previsione di una pace separata[103].

111 – Cronologia tragica

Il 7 novembre la proposta fu trasmessa a tutti i governi in guerra. La risposta degli alleati francesi, inglesi, etc. fu trasmessa non al governo bolscevico ma al Quartier Generale dell’esercito l’11 novembre: era una chiara minaccia di attaccare la Russia se questa avesse osato concludere con i tedeschi una pace separata.

Lenin nel discorso di chiusura aveva lealmente spiegato che non si era data alla proposta di armistizio generale la forma di ultimatum minacciando la pace separata, ma che si faceva assegnamento sulla stanchezza delle masse belligeranti per costringere i governi a trattare: ancora aveva ricordato l’ammutinamento ferocemente represso nella marina tedesca, e i moti italiani dopo Caporetto e nelle giornate di Torino:
«Prendete l’Italia dove questa stanchezza ha provocato un movimento rivoluzionario di lunga durata, che reclamava la cessazione del massacro»[104].

Alla minaccia alleata dell’11 novembre, rispose un proclama del Soviet agli operai soldati e contadini in cui si dichiarava che mai il potere sovietico avrebbe tollerato che il sangue «del nostro esercito fosse versato sotto la frusta della borghesia straniera». Il governo bolscevico mantenne l’invito all’armistizio, e l’impegno di pubblicare tutti i trattati segreti.

Il 30 novembre il governo sovietico decide di iniziare le negoziazioni per la pace con le potenze centrali, e inutilmente invita le potenze occidentali a parteciparvi. Il 2 dicembre a Brest Litovsk cominciano i negoziati della prima delegazione diretta da Joffe: dal 22 al 28 si svolge la conferenza della pace che si conclude con proposte severissime ed inaccettabili dei tedeschi. Le dette date sono nel nuovo stile, che seguiremo d’ora innanzi in quanto nel febbraio 1918 un decreto del nuovo governo lo adottava per tutta la Russia.

Un armistizio con i tedeschi era stato concluso il 5 dicembre. Il 9 si era cominciato a discutere e i tedeschi avevano in primo tempo ostentato di accettare le basi giuridiche della pace proposte dai russi, il che fece una grande impressione. La dichiarazione di Kühlmann in tal senso dopo molte proroghe era stata fatta il 25 dicembre e provocò il 28 una grande dimostrazione di massa a Pietrogrado per la pace democratica. Ma l’indomani la delegazione Joffe rientrava denunziando che le effettive richieste tedesche comportavano la caduta sotto il giogo germanico dei paesi baltici, della Polonia, perfino della Ucraina.

Il 10 gennaio viene inviata la seconda delegazione, diretta da Trotsky, e si iniziano nuove lunghe sedute che durano fino al 10 febbraio.

La situazione fu complicata da una delegazione della Rada ucraina di Kiev che, ostentando di essere autonoma dalla nuova Repubblica Russa, era come un fantoccio in mano tedesca, e il 9 febbraio, mentre il suo potere era divenuto sempre più fittizio, firmava da sola una pace con la Germania e l’Austria.

Il giorno dopo i russi dichiarano di non potere accettare le esose condizioni, e si ritirano dichiarando che porranno comunque fine alla guerra, smobilitando l’esercito.

Si sperava nella reazione dei proletari di Germania ed Austria, si sperava che l’esercito tedesco non avrebbe ripreso una avanzata di invasione. Ma così non fu. Il generale Hoffmann, cinque giorni dopo l’ultima seduta, violando il convenuto termine di sette giorni, dichiarò spirato l’armistizio e ricominciò le operazioni. Il fronte russo si sfaldò totalmente. I controrivoluzionari finlandesi e ucraini invocarono le baionette tedesche per resistere ai bolscevichi che li avevano sopraffatti. La minaccia gravava su Pietrogrado. Il 19 febbraio per radio il governo russo si dichiara pronto a firmare una qualunque pace dettata dai tedeschi, che non si arrestano e solo il 23 comunicano le nuove tremende condizioni. Il 28 febbraio la terza delegazione, diretta da Sokolnikov, giunge a Brest Litovsk: il 3 marzo 1918 finalmente la pace-capestro è firmata. Passavano alla Germania Estonia, Lettonia e Polonia, l’Ucraina ne diveniva Stato vassallo, una indennità doveva venire pagata dalla Russia. Ma tutto ciò sul quadrante della storia era destinato a durare solo pochi mesi, fino al crollo tedesco nel novembre e all’armistizio generale con gli occidentali vittoriosi. La crisi di Brest Litovsk aveva in sostanza fiaccato internamente la Germania e non la Russia.

112 – La grave crisi nel partito

Durante le tremende alternative di Brest si era sviluppato nel partito un profondo dissenso. Una corrente, che si disse dei comunisti di sinistra, e che trovava appoggio nell’atteggiamento della destra della coalizione di governo, ossia negli esserre, si schierò contro la pace separata e soprattutto contro l’accettazione di condizioni così gravose. Preso il potere dai lavoratori, sostenevano costoro, la guerra non è più quella degli imperialisti e degli opportunisti, ma è una guerra rivoluzionaria, una guerra santa: bisogna sollevare in armi tutto il popolo russo, non firmare apparendo ai proletari esteri come traditori dell’internazionale, e piuttosto soccombere nella lotta perdendo il potere e la conquista della rivoluzione, se le forze proletarie russe saranno schiacciate sul campo.

Contro questa posizione si levò con costanza e decisione inflessibile, e al solito in certe fasi quasi solo, Lenin. Il suo fondamentale argomento era la fiducia nella rivoluzione europea, cui occorreva fare il credito di un’attesa più lunga che quella di settimane e mesi, sacrificandosi a tutte le concessioni nazionali pur di trovarsi al potere alla fine della guerra, anche se si doveva, come poi avvenne, trasportare a Mosca la capitale.

Come già altra volta fatto, ricorderemo che, quando di questo tremendo dibattito pervennero in Europa gli echi, e quando molti che passavano per sinistri si esaltavano all’idea di una guerra di disperazione antitedesca, gli elementi di sinistra del partito italiano, pure nella quasi mancanza di documentazione, sposarono la tesi Leniniana e la sostennero sull’«Avanti!» e sull’«Avanguardia» dei giovani, con la stessa intensità con cui avevano solidarizzato con la dispersione della Costituente e la tremenda crociata contro gli opportunisti e traditori dentro e fuori di Russia; facendo carico ai lavoratori di Europa e d’Italia del compito di spegnere, di sotterrare la guerra scongiurando una fiammata di fanatismo patriottico, sulla china di quello dell’interventismo traditore e antitedesco[105].

La delegazione Trotsky ritornò con la notizia che non aveva accettato di firmare la pace il 10 febbraio. Ma già la questione era stata discussa in una conferenza di 63 bolscevichi, tenuta il 21 gennaio cui era stato chiamato Trotsky. La tesi di Lenin di firmare la pace come i tedeschi volevano fu battuta avendo avuto solo 15 voti. Ne ebbe 16 la tesi né guerra né pace di Trotsky. La maggioranza assoluta, 32 voti, seguì la tesi Bucharin per il rifiuto della firma e la proclamazione di una guerra rivoluzionaria. Il 24 gennaio la discussione tornò avanti al Comitato Centrale del Partito. Lenin propose di non rifiutare la firma, ma tirare in lungo le trattative: 12 sì, 1 no. Trotsky insistette nella proposta: rifiuto di firma, smobilitazione, con 9 sì e 7 no.

Il 25 gennaio si discute ancora in una riunione comune agli esserre di sinistra. La maggioranza decide di sottoporre al Congresso dei Soviet la formula: né guerra né pace.

Il 10 febbraio, come detto, rientra la delegazione che ha applicato questo indirizzo, contro il parere di Lenin ma non contro quello della maggioranza. Krylenko che aveva il comando supremo ordina la smobilitazione. Le condizioni militari in linea tecnica erano così palesi, che nessuno si oppose.

Quando si seppe che i tedeschi, dopo una conferenza presieduta dal kaiser Guglielmo ad Amburgo, avevano ripresa l’avanzata, fu ancora riunito il Comitato Centrale il 17 febbraio. La proposta tedesca di riprendere i negoziati e firmare fu rigettata con 6 voti contro 5. Non vi furono voti per la guerra rivoluzionaria, ma solo l’astensione di Bucharin, Joffe e Lomov.

Il 18 febbraio in una lunga seduta, prima sostennero la firma Lenin e Zinoviev, il diniego Trotsky e Bucharin, e la proposta di trattare fu respinta con sette voti contro sei: più tardi si decise l’invio di un telegramma che offriva la pace alle vecchie o anche diverse condizioni, con l’approvazione di Lenin, Smilga, Stalin, Sverdlov, Trotsky, Zinoviev, Sokolnikov, con 5 no e un’astensione[106]. La risposta venne il 23. Il Comitato Centrale votò l’accettazione con 7 voti contro i quattro di Bucharin, Bubnov, Urickij e Lomov. Si votò tuttavia la preparazione alla guerra rivoluzionaria. Il 3 marzo si ebbe la pace.

Al 6–9 marzo la polemica scoppiò violenta al settimo Congresso del Partito, e fu approvata, contro la viva opposizione della frazione Bucharin, l’accettazione della pace di Brest. La risoluzione di Lenin ebbe 30 voti, contro 13 no e 4 astenuti. A questo congresso il partito prende il nome di Comunista (bolscevico), come proposto un anno prima da Lenin.

Al Terzo Congresso dei Soviet la questione ritorna e, stavolta, sono all’opposizione anche i socialrivoluzionari di sinistra: la coalizione viene rotta e questi passano all’opposizione più decisa contro il governo bolscevico. Siamo al 15–17 marzo; viene formato diversamente il governo, con Čičerin Commissario per gli Esteri, Trotsky per la Guerra.

113 – La valutazione di Lenin

Gli scritti di Lenin colpiscono gravemente l’attitudine di quella «sinistra» che voleva il rifiuto di ogni pace e la guerra santa ai tedeschi. L’opposizione aveva guadagnato l’organizzazione di partito a Mosca, e il 24 febbraio votò la sfiducia al Comitato Centrale. Lenin chiama «strana e mostruosa» tale posizione. I sinistri dovevano ammettere che questa guerra sarebbe stata senza speranza e che i tedeschi avrebbero ulteriormente vinto ed avanzato, con la conseguenza della caduta del potere dei Soviet. Essi avevano risposto che una tale eventualità era preferibile al disonore di subire l’imposizione imperialista tedesca. Lenin mostra che questa è una posizione di disperazione e che non è disfattismo della rivoluzione internazionale firmare una pace onerosa e tremenda con l’imperialismo germanico: la sua prospettiva che la rivoluzione supererà questo passo tremendo avrà sapore, una volta ancora, di profezia[107].

Non ha tuttavia mai Lenin condannata in principio la guerra rivoluzionaria. Pochi giorni infatti prima dello scritto ora citato, il 22 febbraio, egli aveva redatto l’appello per la difesa rivoluzionaria intestato nelle «Opere» con le parole, non sappiamo se originali, e tanto abusate nel 1942:
«La patria socialista è in pericolo!».
Sono date tutte le disposizioni per la disperata resistenza all’invasore, nel caso che questo respinga la delegazione già partita per firmare la pace e continui deliberatamente ad entrare nel paese[108].

Ma negli ulteriori scritti in preparazione del VII Congresso Bucharin e i suoi sono ulteriormente, in base a minuta relazione sulla situazione reale, fieramente stigmatizzati.

La chiusura della guerra era un traguardo fondamentale, forse il più vitale, di una lunghissima lotta, che durava dal 1914 e in un certo senso dal 1900. Era indispensabile che questo caposaldo fosse a qualunque costo stabilito: la guerra imperialista e zarista è finita: il tradimento social-sciovinista è stato stritolato; ed era tanto un caposaldo della rivoluzione russa quanto, e sopra ogni altra cosa, della rivoluzione internazionale. Non sarebbero mancate lotte e guerre civili per la difesa della rivoluzione e delle vittorie di Ottobre: Lenin lo sapeva e chiaramente lo disse.

Ma Brest fu una tappa del cammino che doveva condurre dalla guerra imperialista alla guerra civile in ogni paese, come dichiarato nel 1914, e anche prima, dal marxismo rivoluzionario. E il proletariato tedesco dette con Spartaco nel 1918, alla fine di quel tremendo anno, la prova di avere inteso l’impegno che gli derivava dallo strazio consumato con la «pace obbrobriosa», cui il bolscevismo e Lenin ebbero il gigantesco coraggio di mettere deliberatamente la propria firma nello storico tre marzo di Brest. Fu la controparte stipulante e trionfante, che presto la storia pose al tappeto.

Alla tappa di Brest la Rivoluzione Europea era in marcia gloriosa. Sulla linea politica rivoluzionaria, il potere russo di Ottobre ne teneva in pugno da solo, e con tutti i crismi, la rossa bandiera.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XIII)

114 – La tremenda guerra civile

L’uscita dal governo degli esserre si ebbe al quarto Congresso dei Soviet che, subito dopo il settimo Congresso del partito comunista (bolscevico), come da allora si chiamò, approvò la linea di Lenin a Brest Litovsk; la rivolta seguì al V congresso panrusso dei Soviet, del 4–10 luglio 1918, che ratificò il trattato definitivamente, adottò la Prima Costituzione, proclamò la formazione (iniziata dal febbraio) dell’Esercito Rosso stabile, e respinse le tesi social-rivoluzionarie contro la lotta senza quartiere al contadino ricco e capitalista agrario (il kulak). Dall’opposizione gli esserre passano alla rivolta: il 5 luglio il loro seguace Bljumkin (poi, in un film alla Totò, presentato come agente di Leone Trotsky) assassina l’ambasciatore tedesco Mirbach sperando di riaccendere la guerra. In varie città e a Mosca gli esserre insorgono, giungono a scaricare i loro cannoni contro il Cremlino. Il partito comunista senza la minima esitazione dispone la liquidazione dell’avventura, che viene attuata in pochi giorni: quest’ultimo residuo alleato, quest’ultimo oggetto coibile di «blocco» e di «fronte unico», tra l’orrore di tutto l’opportunismo mondiale e la gioia dei marxisti rivoluzionari di non fiacca pelle di ogni paese, viene posto fuori della legge rossa e schiacciato come un nido di serpi. Essi dovevano ancora, fedeli al loro metodo terrorista, consacrato ormai alla controrivoluzione, assassinare il 30 agosto il valoroso bolscevico Urickij, grave perdita per il partito, e con la mano della Fanny Kaplan cacciare nella spalla di Lenin stesso una palla di pistola, che forse ne abbreviò l’esistenza.

Si aprivano in quel momento uno dopo l’altro i fronti dell’intervento esterno, della guerra civile; il 17 agosto tagliando corto ad un’altra noiosa pratica viene tolta di mezzo su ordine del governo bolscevico ad Ekaterinburg, ove i bianchi stanno per arrivare, la famiglia imperiale; e non è da credere che qualcuno sia stato lasciato scappare fuori.

Si era aperto il periodo dopo il quale restò risolto il problema che indicammo nel riassunto di questa serie di riunioni[109] come conclusione: che deve fare il partito rivoluzionario, appena giunto al potere? – con la soluzione: duramente e lungamente combattere, per non perderlo. Lotta che, per ambo le parti, non può lasciar quartiere ai battuti.

115 – I tre compiti socialisti di ottobre

L’ossatura critica di questa nostra storica ricostruzione sta nel sostenere dialetticamente che la rivoluzione russa non ha condotto ad una Russia socialista, ma capitalista; e che questo non contraddice ma conferma la teoria storica del partito. Tra rivoluzione russa e società socialista russa poneva questa il «ponte» che è mancato: rivoluzione proletaria europea. E nel sostenere nello stesso tempo che, mentre il febbraio 1917 fu una rivoluzione politica borghese, l’Ottobre 1917 fu una rivoluzione politica proletaria, e socialista (e quindi anche rivoluzione sociale da definire socialista), al che nulla toglie se, dopo, la dialettica strada alla vittoria del socialismo nel mondo capitalista non poté essere percorsa tutta. Non è perduta una causa storica, per il rinvio ad una successiva udienza.

Abbiamo quindi fondato la dimostrazione del «diritto» di Ottobre russo alla classificazione di «socialista», e «comunista», su tre suoi compiti, che sono rimasti solidamente impiantati nel corpus storico umano.

Il primo è lo schiacciamento del traditore opportunismo nazionalista della seconda Internazionale, e la liquidazione della guerra capitalista.

Il secondo compito è la successiva decisa dispersione di tutti i movimenti sociali e politici che si accampano tra la borghesia e il proletariato rivoluzionario, esaurendone in una possente serie dialettica la funzione storica man mano che non ha più forza propulsiva, a partire dalla caduta del feudalesimo, e costruendo la fisica reale prova della necessaria unità e totalità del potere rivoluzionario dittatoriale, e quando occorre terroristico, nelle mani del partito di classe, del partito marxista e comunista.

Il terzo compito sta nella soluzione, teorica e di azione, del rapporto tra la classe proletaria rivoluzionaria e lo Stato. L’emancipazione della classe lavoratrice è impossibile entro i limiti dello Stato borghese: esso deve essere sconfitto nella guerra civile e il suo meccanismo demolito: con ciò la versione socialdemocratica del corso storico è dispersa. Dopo la vittoria rivoluzionaria e insurrezionale è giocoforza che sorga un’altra storica forma statale, la dittatura del proletariato, condotta dal partito comunista, che apre la tappa storica in cui sorge la società socialista e si va spegnendo lo Stato. Con ciò è giudicata la lotta del 1870–72 tra marxisti e libertari, chiuso il ciclo della piccolo-borghese illusione anarchica, pur dando ai libertari atto della giusta tesi che lo Stato non si conquista, ma si distrugge.

116 – Le somme tornarono

Quale il bilancio, in Russia e nel mondo internazionale, di questi tre compiti storici giganteschi?

Per primo: la disfatta dei traditori del 1914 fu definitiva nel campo teorico, e definitiva, sempre in tal campo, l’opera di fondazione della nuova Internazionale. Nella storica attuazione, per quanto riguarda la Russia, il risultato fu pieno, con la distruzione del «difesismo» che risorgeva minaccioso (Lenin – Aprile), ma, per quanto riguarda l’Internazionale, alla poderosa base critica e teorica non rispose eguale successo. Non essendo intervenuta una rivoluzione proletaria europea vittoriosa, al socialista Ottobre russo non si poté innestare il passaggio della società russa al socialismo. Ma, quel che fu peggio, non vi si innestò lo sviluppo, coerente alle gloriose basi, dei partiti comunisti in Russia e altrove. Comunque, alla data di Ottobre 1917, bilancio positivo!

Non meno positivo il bilancio per il secondo compito: in teoria, la totalitaria distruzione dei partiti «affini» resta una conquista universale, nell’azione essa è raggiunta in quel torno in Russia senza eccezioni. Internazionalmente e per le stesse dette ragioni si è regredito poi dall’altezza di Ottobre.

Il terzo compito della distruzione dell’apparato statale tradizionale nella dottrina è stato adempiuto con «Stato e rivoluzione», con la totale restaurazione del marxismo, e nell’azione il compito in Russia è stato parimenti portato fino all’estremo facendo a pezzi sia l’apparato zarista che i conati di ordinamento borghese nel governo provvisorio e nell’aborto di Stato parlamentare. Al tempo di Ottobre questo bilancio splende di completezza, ed è risultato che il futuro utilizzerà in pieno, malgrado il rovescio della rivoluzione di Europa e l’involuzione del potere russo a forme sociali di capitalismo, e statali di menzogna demo-popolare.

La rivoluzione di Ottobre ed il partito comunista di Lenin sono andati alla vittoria conducendo tutta l’azione sulla vera linea rivoluzionaria, conseguendo tutti i risultati conseguibili e nel senso favorevole allo sviluppo dell’internazionale rivoluzione proletaria e della società socialista; le sole forme possibili allora, oggi e domani.

La resistenza della forma storica capitalista nel mondo moderno ed a più forte ragione in Russia si lega ancora alla tremenda disfatta del moto della classe operaia alla prova dell’agosto 1914.

Malgrado i rovesci strategici ulteriori del proletariato mondiale, e malgrado la nuova peggiore ondata di opportunismo che ha ucciso Partito ed Internazionale di Lenin, il punto di appoggio dell’Ottobre è valido potentemente e lo resta per tutto il corso della Rivoluzione futura. Delle rivoluzioni proletarie che la storia segnerà, Ottobre è stata la prima a vincere, e a segnare la sola strada, da allora gloriosamente aperta.

117 – Isolato sforzo supremo

Se sono insegnamenti e «allenamenti» storici grandiosi del proletariato mondiale gli acquisti di Ottobre quanto a totalità unipartitica della rivoluzione, a stritolamento della guerra imperiale, a riduzione in frantumi dello Stato parlamentare, non lo è meno la vera e propria epopea attraverso la quale, in tre e più anni di paurosa guerra civile, furono schiacciati senza lasciare traccia palpabile tutti i feroci ritorni della controrivoluzione, alimentati dalle classi dominanti e dalle forze di conservazione del mondo intero e dai poteri costituiti di tutti i paesi.

Una parte enorme del potenziale rivoluzionario che possedevano i proletari russi e il loro formidabile partito fu assorbita in questo sforzo incredibile. I nemici arrivavano da tutte le direzioni, si schieravano su diecine e diecine di fronti, avevano basi e mezzi di operazione da tutti i punti non solo dell’orizzonte geografico, ma di quello politico: le multiple e multiformi puntate, venendo da classi, partiti e Stati di tutte le condizioni, bianchi, gialli, verdi, rosei, reazionari feudali, grossi capitalisti liberali, radicalume piccolo-borghese, socialistume pseudo-operaio, colpivano con un solo obiettivo: abbattere il potere bolscevico. Non sarà il caso di fare la storia della lunga lotta, cui nella sintesi dedicammo qualche cenno elencativo, ma ciò sarà provato dai riferimenti ai tempi, ai luoghi di partenza e di attacco, ai nomi delle nazionalità, dei governi, e dei generali che operarono. Cento attacchi contro una difesa sola, unicolore, e che vinse perché fu «unipartitica».

Vogliamo qui fare due rilievi. Perché, intendiamo domandare, dinanzi alla incredibile eterogeneità dell’avversario e alla diversità di origine degli interessi da cui erano stati mossi e venivan sorretti, non si pensò nemmeno un momento a metterne alcuni contro alcuni altri, a seminare tra essi la solita abile discordia, a discriminarli, a graduarli; e la rivoluzione si impegnò senza discutere nel programma semplice ed unico di ributtarli ed annientarli tutti, dallo zarista fino all’anarchico? Perché qui nessun ricorso fu enunciato alla teoria della manovra aggirante, che tanto male fece nella strategia politica frammezzo al caleidoscopio dei partiti europei, e che pose le radici dell’attuale pullulare rovinoso e fetido di equivoche strizzate d’occhio, dell’ondeggiare incessante in mostruose aperture ed ammiccamenti del marciapiede politicantesco?

E in secondo luogo vogliamo notare che, se anche non mancarono alcuni episodi di internazionalismo proletario che fermarono o ritardarono non poche delle imprese dell’intervento borghese e straniero nella socialista Russia, troppa sproporzione corse tra la parte del carico che ricadde sull’esercito interno della rivoluzione, e quello che fu l’aiuto dei proletari esteri e la lotta al grido di: giù le mani dalla Russia!, che meglio sarebbe stata al grido: giù la borghesia dal potere, fuori di Russia! Non poco questo enorme consumo di forze in una lotta feroce per la vita o per la morte, ove ad ogni atto tutta la posta era in gioco, si ripercosse sulle debolezze della strategia esterna dei partiti, sulla non facilmente spiegabile fragilità con la quale il bolscevismo, forte di una tradizione di fermezza senza pari, lasciò poi, e sia pure dopo l’immolazione di una parte notevolissima della sua grande milizia, imbastardire i cardini programmatici del marxismo e della rivoluzione, bassamente barare sul valore delle forme sociali, e finalmente imperversare la degenerazione paurosa che si svolse sulla parola insensata della costruzione del socialismo nella sola Russia.

Tutto quello che il proletariato russo e il partito russo potevano fare da soli, alla data della vittoria civile nel 1920–21, era fatto. E tutto quanto dare si poteva era stato dato. L’avvento del socialismo esigeva la scesa in campo del proletariato internazionale. A questo non fu data la consegna, che si seppe dare all’Esercito Rosso, fin dalla difficilissima e tormentata fase della sua formazione: Andare allo stesso titolo contro tutti i nemici, e tutti tentare senza discriminazioni ruffiane di trafiggere al cuore.

118 – In Russia e in Europa

Come questa doppia posizione si spiega? Imbroccata sul terreno militare, e sbaglio di manovra su quello politico ed estero? Sarebbe cosa banale. Non sono capi, dirigenti, governi e partiti che hanno nelle mani simili scelte. È la forza della storia stessa che li determina a prendere le posizioni che sorgono dai rapporti fisici della sottostruttura. In Russia la fase rivoluzionaria era matura per urgere in breve ciclo di forze nuove e disgregarsi di morte forme; fuori in Europa la situazione era falsamente rivoluzionaria e lo schieramento non fu decisivo, l’incertezza e mutevolezza di atteggiamento fu effetto e non causa della deflessione della storica curva del potenziale di classe.

Se errore vi fu e se di errore di uomini e di politici è sensato discorrere, esso non consistette nell’aver perduto autobus storici che si potevano agguantare, bensì nell’aver colto, nella lotta in Russia, la presenza della situazione suprema, nell’aver creduto in Europa di poterle sostituire l’effetto di illusionisti soggettivi abilismi, nel non aver avuto, da parte del movimento, la forza di dire che l’autobus del potere proletario in occidente non era passato e quindi era menzogna segnalare in arrivo quello dell’economia socialista in Russia. La storia per noi non la fanno gli Eroi: ma i Traditori nemmeno.

Il momento e il periodo felice fu avvertito invece in Russia dai sismografi del sottosuolo sociale. I diagrammi furono decifrati dagli occhi di un Lenin che urlò l’urgenza di ore dell’assalto di Ottobre, che vigilò dal centro di una rete di fili telegrafici la dinamica unitaria dello strozzarsi e dell’allentarsi del capestro unico intorno alla gola della rivoluzione, cui cento mani traenti davano un’unica tensione. Di un Lenin che diramava comunicazioni nello stile impellente che Trotsky attesta: a Kamenev (mandato nella primavera 1919 in Ucraina con funzioni amministrative, e accerchiato dai bianchi):
«assolutamente necessario che portiate voi stesso i soccorsi al bacino del Don, altrimenti non vi è dubbio che la catastrofe sarebbe tremenda e difficilmente rimediabile: periremo tutti quasi certamente se non riusciamo in breve tempo a ripulire il bacino (carbonifero) del Don»[110].
La storia non si fa, una volta ancora, ed è già saltuaria fortuna decifrarla: lasciamo che ogni giorno aumentino di una unità i fessi che ciò non intendono, e scussi scussi si mettano a farla loro, a colpi di solitario pollice… Anzi non se ne decifra nemmeno la via sicura, il che potrebbe concludere al fatalismo, che inorridisce l’impotente nato…: se ne stabiliscono solo alcuni legami tra date condizioni e corrispondenti sviluppi.

Non si era in un periodo analogo di fremiti storici nell’Europa centro-occidentale in quegli anni e nei successivi: si andò a tentoni, si sbandò più volte e alla fine, come l’organismo di Lenin cedette dopo aver tutto dato (il confronto è solo di valore didattico), cedette quello del partito russo, e il comunismo internazionale andò alla deriva.

119 – «Ionizzazione» della storia

Per chiarire il concetto sul divario tra i due ambienti (aree dicemmo talvolta) e i due tempi, o fasi, ci consentiremo di ricorrere ad un’immagine fisica, e diremo che nella Russia del periodo di guerra civile non si sbagliò la direzione di puntamento delle artiglierie perché nei periodi vitali per la Rivoluzione l’atmosfera storica è ionizzata.

Ogni umana molecola si orienta necessariamente, automaticamente, non deve faticare a scegliere posizioni.

La scoperta degli Ioni fece da preludio alla moderna chimica fisica infratomica, sebbene non si trattasse ancora di parti di atomi; fece da preludio alle sintesi tra i dati sperimentali meccanici, chimici ed elettrici.

Ogni molecola di un dato corpo chimico si compone di due parti che si dicono joni, unite da un legame elettrico. I due joni sono carichi di elettricità di polo opposto, e quindi si attraggono, si tengono stretti tra loro. Lo jone positivo sodio e lo jone negativo cloro (metallo e metalloide) formano, combinati, il sale comune, cloruro di sodio. Badate che non è il discorso dell’elettrone e del protone, che uniti formano il neutrone, ma qui ci serve lo stesso. La molecola di sale è, dopo quell’amplesso elettrochimico, neutra, scarica, stabile, indifferente, si mette in una posizione qualunque anche se sta in un campo elettrico potente, e non si degna di voltarsi verso nessuno.

Ma jonizzate il sale! Il che avviene in tanti casi, tra cui quello molto semplice di scioglierlo nell’acqua, e fate passare in esso una lieve corrente elettrica (ben aveva detto l’alchimista di mille anni fa corpora non agunt nisi soluta, i corpi sono attivi solo in soluzione, e la scienza è sempre alla fine vecchia e nuova); ebbene, i due joni si staccano, la loro carica polare torna in evidenza, essi non si possono più porre in un’attitudine arbitraria, secondo un asse qualunque, ma si distinguono in due soli tipi: quelli positivi e quelli negativi. Corrono in due soli opposti sensi sulla stessa linea: i primi verso l’afflusso di forza elettrica negativa, gli altri inversamente.

Applichiamo, di grazia, per un momento il nostro modellino, che vale in una più profonda indagine per tutti i corpi e per tutti i campi della natura fisica, fino al caso sensazionale dell’atmosfera terrestre in cui siamo immersi, e che lontani cataclismi astrali, o terrene umane bombe atomiche, vengono in vario modo a polarizzare, a rendere radioattiva (per quanto ora monta, è quasi lo stesso), al corso storico dell’agglomerato umano. In certi momenti, come nel 1956 e in questa sorda fase della civiltà borghese occidentale, l’ambiente storico non è jonizzato, le innumeri molecole umane, gli individui, non sono orientati in due schieramenti antagonisti. In questi periodi morti e schifosi, la molecola persona può mettersi a giacere orientata in un qualunque modo, il «campo» storico è nullo e nessuno se ne frega. È in questi tempi che l’inerte e fredda molecola, non pervasa, e inchiodata su un asse indefettibile, da una corrente imperiosa, si ricopre di una specie di incrostazione che si chiama coscienza, e si mette a blaterare che andrà quando vuole, dove vuole, eleva la incommensurabile sua nullità e fessaggine a motore, a soggetto causale di storia.

Lasciate però che, come nella Russia della grande guerra civile, le grandi forze del campo storico si destino suscitate dagli urti delle nuove forze produttive che urgono contro la rete delle vecchie forme sociali che vacillano; è allora che nella nostra immagine l’atmosfera storica, il magma sociale umano, si presentano jonizzati, e se vi fosse un contatore Geiger della rivoluzione le sue lancette prenderebbero a follemente danzare. Le linee di forza del campo si inchiodano sulle loro traiettorie, tutto è polarizzato tra due orientamenti inesorabili e antagonisti, ogni elemento del complesso sceglie il suo polo e si precipita allo scontro con quello opposto, finisce il mortifero dubbio, va a ignobilmente farsi fottere ogni doppio gioco, l’individuo-molecola-uomo corre nella sua schiera e vola lungo la sua linea di forza, dimentico finalmente di quella patologica idiozia che secoli di smarrimento gli decantarono quale libero arbitrio!

Abbiamo voluto in questo modo presentare il suggestivo fatto storico che nella lunga guerra triennale l’immensa e gloriosa rivoluzione bolscevica ebbe di contro dozzine e dozzine di nemici schieramenti, ma la storia della sua battaglia portentosa e del suo atteggiamento sovrastrutturale conosce due soli campi, due direzioni, due forze che cozzano, due sole uscite della tragedia sociale: o periremo noi, o periranno le sozze orde di controrivoluzionari senza aggettivi.

La rivoluzione comunista può solo vincere quando, polarizzata da forze nuove questa morta atmosfera che oggi ci soffoca, dispersa la bestemmia scientifica dell’indifferente vile coesistere tra poli nemici, tutto il mondo capitalista sarà jonizzato nella fase rivoluzionaria futura, e due soli scioglimenti si porranno davanti alla lotta suprema.

Non jonizza la storia il prurito di molecoline neutre fino alla sterilizzazione mortifera, né la ha solo jonizzata la nostra rivoluzione: lo fu ad esempio perfino quando il Cristo, che fu detto Dio perché non si ridusse alla parte risibile di Uomo Capo ed Eroe, ma era impersonale forza del campo storico, jonizzò il mondo delle società schiaviste antiche con l’equivalente formula: Chiunque non sarà con me, sarà contro di me.

120 – Dialogo di colossi

Un episodio di enorme eloquenza varrà a spiegare la nostra parabola odierna. Esso risale al tempo quando l’unitaria difesa rivoluzionaria doveva senza trarre il fiato gettarsi contro avanzate sorrette da tedeschi, bulgari e turchi, contro sbarchi di inglesi, americani, francesi e giapponesi, contro rivolte contadine di partiti opportunisti ed anarchici, contro nidi di forze feudali e nobiliari di stampo zarista, contro ex generali della monarchia e sanfedisti chiesastici, contro pseudo governi borghesi, socialdemocratici e socialrivoluzionari, e quando questa unitaria difesa aveva un’arma sola: l’Esercito rosso, di recente e febbrile formazione, nel cui seno tentava ad ogni passo, e spesso con successo, di farsi strada il sabotaggio e il tradimento, consumato da spie di tutti i colori politici, nel fine comune di pugnalare al cuore il governo rosso.

Ogni esercito è uno strumento tecnico, e i suoi ingranaggi ne vanno da gran distanza predisposti ed allenati. Il numerosissimo esercito rosso sorgeva dalle prime formazioni di operai armati e di guardie rosse, che avevano tratto dal solo entusiasmo rivoluzionario e di classe la loro preparazione all’arte del combattere in massa. Si stava tra la continua alternativa di disporre di elementi politicamente sicuri, ma militarmente inesperti, o di elementi politicamente almeno dubbi, ma tecnicamente adatti alla guerra e debitamente preparati educativamente e come allenamento.

L’esercito, diretto da Trotsky supremo Commissario alla Guerra, fu organizzato assumendo a farne parte, oltre ai volontari comunisti e operai, soldati e soprattutto ufficiali dei vari gradi nella professionale armata zarista.

Una posizione, indubbiamente tacciabile di infantilismo, fu presa da taluni elementi del partito: che non si dovesse combattere che con militanti dalla provata fede rivoluzionaria, e per scongiurare tradimenti non affidare reparti al comando di ufficiali dell’ex Zar.

Trotsky aveva da tempo superato tali esitazioni per diretta esperienza della complessa attività e malgrado l’indubbia conoscenza di molti casi di disfattismo. La cosa fu reiteratamente portata alla decisione di Lenin. È Trotsky che narra, al solito nel suo Stalin:
«Nel marzo 1919, alla sessione serale del Consiglio dei Commissari del Popolo, a proposito di un telegramma che annunziava il tradimento di un certo comandante dell’Armata Rossa, Lenin mi scrisse un biglietto: ‹Non sarebbe forse meglio dare un calcio a tutti gli specialisti e nominare Lascevic comandante in capo?›. Io capii che gli oppositori della mia condotta militare e in particolare Stalin avevano fatta pressione su Lenin nei giorni precedenti con particolare insistenza, e avevano fatto sorgere dei dubbi anche in lui. Scrissi sul verso della sua domanda: ‹Puerile!›. Si vede che la rabbiosa risposta aveva prodotto un’impressione: a Lenin piacevano i pensieri formulati in modo chiaro e tagliente. Il giorno dopo, con un rapporto dello Stato Maggiore in tasca, io entrai nell’ufficio di Lenin al Cremlino e gli chiesi:
‹Sapete voi quanti ufficiali zaristi abbiamo nell’Esercito?›.
‹No, io non lo so›, egli rispose, interessato.
‹Approssimativamente?›
‹Non lo so›, disse, categoricamente rifiutandosi di indovinare [non era il tipo da lascia e raddoppia, lasciateci inserire…].
‹Non meno di trentamila!›. Questa cifra lo sbalordì addirittura. ‹Ora calcolate – insistetti – la percentuale dei traditori e dei disertori fra tanti, e vedrete che non è affatto alta. Nel frattempo abbiamo potuto costituire un Esercito dal nulla. Questo Esercito aumenta e diverrà sempre più forte›.
Alcuni giorni dopo, durante un comizio di Pietrogrado, Lenin fece il bilancio dei suoi dubbi sulla questione della direzione militare: ‹Quando recentemente il compagno Trotsky mi disse che il numero degli ufficiali ammontava a diverse decine di migliaia io mi resi conto di come potevamo usare gli stessi nemici per il nostro bene; come potevamo costringere quelli che sono contrari al comunismo a costruirlo; come potevamo costruire il comunismo con i mattoni che i capitalisti avevano accumulato per usarli contro di noi… Noi non abbiamo altri mattoni›»
[111].

121 – Chiosa al «dialogato»

Questo episodio, autentico perché solo un minorato lo può prendere per uno di quelli che si inventano, non ci serve qui per rilevare che quando Lenin parla di costruzione non parla da appaltatore edile ma da dirigente di partito rivoluzionario. Qui i mattoni non sono di argilla ma di carne e ossa, e l’immagine del mattone vale quella della molecola umana. Che poi quando solo il capitalismo avrà cotto mattoni e fuso acciaio ve ne saranno abbastanza per la forma economica socialista, questo è chiaro anche in senso fisico. E in Russia troppe case sono ancora di legno. Dunque non svicoliamo.

Abbiamo riportato il vivo e vibrante dialogo per applicare al caldo dato, ancora dopo quasi quarant’anni palpitante di forza storica, e parallelo a dati analoghi che potremmo trarre dalla storia di ben più lontane guerre civili e rivoluzionarie, per applicare ad essi la nostra, non certo nuova dottrina, ma attuale maniera di presentazione. Gli ufficiali zaristi poterono efficacemente combattere e vincere per la rivoluzione, anzi determinare essi col loro apporto indispensabile la vittoria della rivoluzione, perché l’ambiente sociale era, usando il termine adottato, altamente «jonizzato», e la molecola «ufficiale dell’esercito» non poteva che polarizzarsi in uno dei due sensi, e necessariamente in quello della sconfitta dei controrivoluzionari.

Essi combatterono con pari impegno, sia avendo contro forze dalle bandiere dinastiche e feudali, sia forze di origine borghese nazionale od estera, e non si fermarono a discriminazioni politiche tra i vari reparti e fronti nemici. Nella situazione suprema in cui tutta la società si muove tra due poli fiammeggianti, poco tempo vi è per i secondari fatti delle crisi di coscienza e delle decisioni soggettive, o del «voto» che si dà consultando nel foro interiore la propria signora opinione.

Gli stessi fatti e campi potenti orientarono, jonizzarono gli atteggiamenti di Trotsky e di Lenin, la cui grandezza emerge appunto da episodi come questi. L’indirizzo nelle grandi questioni non sorge dalla mente del Capo come non lo fa da una costituzione collettiva: esso è segnato secondo le determinanti leggi della storia da cervelli che costituiscono dei «contatori» di joni, di elettroni in corsa, particolarmente validi e sensibili.

Se lontanamente fosse cosa plausibile pigliare conto di quelle versioni peggio che romanzate in cui i personaggi sono, dopo messi fuori campo e dopo morti, colati in stampi ridicoli, vedremmo i due interlocutori del nostro dialogo prendere opposte spoglie e figura di Genio l’uno di tutto il Vero ed il Bene, l’altro di tutto il Falso ed il Male. Dovremmo trangugiare una versione di questo calibro: che mentre era Lenin quello di cui ogni parola era per virtù arcana infallibile (e Trotsky stesso disse alla discussione del 1926 che ogni volta che uno di loro aveva dissentito da Lenin, la Storia gli aveva dato torto, e provò che in questi casi erasi gravemente trovato Stalin, come ben sappiamo – ma non certo nel senso scemo che in un solo cervello sia insito il mandato di emettere ad ogni svolto il Verbo), all’opposto il suo contraddittore d’allora non si consultava con lui e gli altri per il miglior successo dell’armata della Rivoluzione, ma già da molti anni mirava al suo sabotaggio; e che il potere divinatorio di Lenin lo impedì! Non potendosi tuttavia assumere in fatto che abbia avuto corso la proposta di radiare tutti gli ufficiali di origine professionale dall’esercito, e non avendo in questo trionfato sabotaggio e tradimento, una tale versione non troverebbe possibile credito in sede alcuna.

Ma possa anche, favorendo lo stato di una società amorfa e disorientata se mai ne vissero, agli antipodi della vitale e generosa ionizzazione, accreditarsi una siffatta manipolazione; che resterebbe, in una teoria della storia in cui le forze della base economica e delle classi perdessero ogni determinante effetto, e al loro posto tutto fosse lasciato al gioco di due personalità, di due Uomini e di due Nomi di cui uno abbia la virtù di tutto salvare, l’altro quella di tutto disperdere?

Ammesso dunque che di questa versione dei fatti si possa convincere il mondo, è palese che altro non resterebbe a fare, anche a chi abbia per un’intera vita studiato ed applicato il «Capitale» di Carlo Marx, che recare questo al posto dove si tiene quel rotolo di carta che assomma uno degli alti portati della società capitalistica, da quando questo funzionale oggetto ha sostituito il drappo di velluto riservato ai prenci e la pratica che il medioevale rozzo Jaeger canta nella rustica ballata risolvendo il caso mit seiner Faust, di proprio pugno.

Perché a questi livelli si scende quando si spaccia una «storia» di cui ben più rispettabili sono le favole, pensate da mimi e da istrioni al fine di far scompisciare dalle risa il pubblico di buona bocca, quello che con pari animo e midolla passa dalla sala di proiezione all’elettoralesco comizio.

122 – Il pensiero di Lenin

Fate di Lenin un automa infallibile e la vostra sciocca idea di elevare in alto sulle «forze di campo» della dinamica storica il valore motore dell’uomo-genio condurrà, per effetto di questo scempio tentativo, a rimpicciolire la storia vera del suo compito e del suo insegnamento che è la stessa cosa del suo apprendere, dell’apprendere del partito, dalla lezione degli eventi alla scala dei decenni e dei secoli.

Duramente il partito con Lenin e tutte le forze sue giunse al successo, e vi giunse in tanto, in quanto seppe tenersi sulla linea del filone dottrinario sicuro e continuo sopra i tempi e le generazioni. Tutto Lenin è nell’episodio citato in cui non detta, ma afferra con la potenza dei veri marxisti e con la diffidenza che essi hanno per il fattore opinione e volontà degli individui. È nel marzo 1919 che egli conferma nell’esercito, fino alla vittoria, gli ufficiali zaristi. Eppure nel novembre 1918 egli parla per la «giornata dell’ufficiale rosso», e fa un parallelo tra il vecchio e il nuovo esercito, quello odiato, questo amato dalle masse. E dice (in verità si tratta di un resoconto di giornale):
«I vecchi quadri dell’esercito erano composti in prevalenza dei figli della borghesia, viziati e corrotti, che non avevano nulla in comune col soldato semplice. Perciò oggi, creando il nuovo esercito, dobbiamo reclutare i comandanti solo nelle file del popolo. Soltanto gli ufficiali rossi avranno prestigio tra i soldati e sapranno consolidare il socialismo nel nostro esercito. Un esercito di questo tipo sarà invincibile»[112].

Queste sono idee diverse da quelle messe a fuoco dopo il discorso con Trotsky, ma solo un filisteo troverebbe che constatare questo sia sminuire Lenin ed il suo eccezionale apporto. Ben vero quello ora citato non è suo testuale linguaggio, e basta confrontarlo coi rudi testi circa l’uso in genere di specialisti non compagni, e con l’indubbiamente originale dizione citata da Trotsky.

Al disopra degli uomini grandi e piccoli, e contro l’insulsa teoria che il partito e i suoi capi possono e devono in ogni situazione escogitare risorse per mutarla e smuoverla, noi deduciamo tutto dai gradi del potenziale storico, di cui tuttavia possono indagarsi le leggi di mutamento, e poniamo sotto il naso di ogni presuntuoso attore storico senza scrittura il contatore Geiger: Vedi le lancette ferme? Risparmiati la pena di muovere… la coda.

123 – Fronte nemico senza fratture

Più del dettaglio di cronaca della guerra civile russa ci è dunque sembrato importante questo rilievo: che non si pensò un attimo di fare leva negli interstizi tra l’uno e l’altro esercito della controrivoluzione, ma si lottò contro tutti contendendo palmo a palmo il terreno, con una guerra che non aveva su nessun settore prospettive di armistizi, ma solo la fine di una delle due armate schiere nel nulla. Non si sognò neppure di «sbloccare» la massa paurosa ed incombente di tanti aggressori. E torniamo a vedere in questo elemento storico un’altra grandiosa conquista della rivoluzione russa, conquista che resta come arma e monito per il futuro, nonostante il fatto che la totalitaria vittoria di allora sui campi della guerra di classe non abbia potuto condurre al trionfo finale del comunismo, che appunto non può giungere se sono in armi, in parti del mondo borghese, eserciti indenni.

Questa lezione dei fatti scrive nella nostra dottrina l’altro teorema che «la guerra delle classi non ha pacifismi», non ha coesistenze di eserciti in armi e nemmeno e tanto meno di Stati politici nazionali. E questa lezione sorge dalla fase più grandiosa della rivoluzione dei bolscevichi, turpemente fatta svicolare da chi ne rubò le insegne in giochetti di truffaldina destrezza.

E qui dovremo ancora una volta far parlare Lenin, nella sua lettera del maggio 1918 agli operai di Pietrogrado, «Sulla carestia»:
«O gli operai coscienti, gli operai di avanguardia vinceranno, raggruppando intorno a sé la massa dei contadini poveri, istituendo un ordine rigorosissimo, un potere severo ed inesorabile, una vera dittatura del proletariato, e costringeranno i kulak a sottomettersi, stabilendo una giusta distribuzione del pane e del combustibile su scala nazionale – [mettiamo qui tra parentesi un brano eloquente che segue più oltre, ma calza: «L’operaio, divenuto guida avanzata dei contadini poveri, non è diventato un santo. Egli ha condotto avanti il popolo, ma anch’egli si è contagiato delle malattie proprie della piccola borghesia in disgregazione… La classe operaia non può di colpo disfarsi delle debolezze e dei vizi ereditati dalla società degli sfruttatori e dei vampiri…»] – oppure la borghesia, con l’aiuto dei kulak, con l’appoggio indiretto di uomini senza carattere e confusionari (anarchici e socialisti-rivoluzionari di sinistra) spazzerà via il potere dei Soviet e porterà avanti un Kornilov russo-tedesco o russo-giapponese… Una delle due. Non c’è via di mezzo. Il paese è ridotto agli estremi. Chiunque rifletta alla vita politica non può non accorgersi che i cadetti, i socialisti-rivoluzionari di destra e i menscevichi cercano di trovare un accordo per stabilire se un Kornilov russo-tedesco sia «preferibile» a un russo-giapponese, se un Kornilov coronato sia migliore e più sicuro per schiacciare la rivoluzione di un Kornilov repubblicano»[113].

È qui proprio Lenin che allinea davanti ai lavoratori, per incitarli alla lotta mortale, l’unità del multicolore fronte nemico, senza fare distinzione alcuna, senza mostrare altra uscita che la distruzione di tutti o la morte della Rivoluzione.

124 – L’appello contro i nemici

Una sintesi della situazione di guerra deve anche trarsi da Lenin, alla data agosto 1918, in altro appello agli operai per la lotta decisiva. Una volta ancora nessun posto è fatto alla speranza che le ostilità tuttora in atto tra i vari gruppi nemici nel piano mondiale possano rendere meno duro e totale lo sforzo della Russia sovietica. Nessuna inclinazione dalla parte del blocco austro-tedesco o di quello anglo-francese, nessuna maggiore dichiarata guerra di sterminio ai partiti interni di destra o di sinistra.

«La Repubblica Sovietica è circondata di nemici. Ma essa vincerà i suoi nemici esterni ed interni. Tra le masse operaie già si nota una ripresa, che è per noi garanzia di vittoria. Già si vede come in Europa Occidentale si siano infittite le scintille e le esplosioni dell’incendio rivoluzionario [mai si distoglie da questo nodo di tutto lo sviluppo lo sguardo del vivente Lenin, grande proprio per questo magnifico errore] che ci danno la certezza di una non lontana vittoria della rivoluzione mondiale.»
«Oggi, per la Repubblica Socialista Sovietica di Russia, il nemico esterno è l’imperialismo anglo-francese e nippo-americano. Questo nemico sta avanzando oggi in Russia, saccheggia le nostre terre, si è impadronito di Arcangelo, e da Vladivostok (se si presta fede ai giornali francesi) è giunto a Nikolsk-Ussurisk. Questo nemico ha assoldato i generali e gli ufficiali del corpo cecoslovacco [prigionieri di guerra liberati e avviati via Siberia ed Estremo Oriente]. E marcia contro la pacifica Russia con la stessa ferocia e compiendo gli stessi atti di rapina compiuti dai tedeschi in febbraio, con l’unica differenza che gli anglo-giapponesi hanno bisogno non soltanto di conquistare e saccheggiare il suolo russo, ma anche di abbattere il potere sovietico per 'ristabilire il fronte', per attrarre cioè nuovamente la Russia nella guerra imperialistica (o, più semplicemente, di rapina) dell’Inghilterra contro la Germania.»
«I capitalisti anglo-giapponesi vogliono restaurare in Russia il potere dei grandi proprietari fondiari e dei capitalisti per poter spartire con loro il bottino arraffato durante la guerra, per asservire gli operai e i contadini russi al capitale anglo-francese, per estorcere loro gli interessi dei molti miliardi dati in prestito, per spegnere l’incendio della rivoluzione socialista che è iniziata in Russia e che minaccia sempre più [udite] di dilagare in tutto il mondo».
«Le belve dell’imperialismo anglo-giapponese non hanno forze sufficienti per occupare e asservire la Russia. Queste forze fanno difetto anche alla nostra vicina, la Germania, come ha provato l’‹esperienza› dell’Ucraina. Gli anglo-giapponesi contavano di coglierci alla sprovvista. Non vi sono riusciti. Gli operai di Pietrogrado, poi quelli di Mosca e dopo di tutta la regione centrale industriale, si sollevano con sempre maggiore unanimità, con sempre maggiore tenacia, sempre più in massa, con abnegazione crescente. In ciò è il pegno della nostra vittoria.»
«I predoni… contano sul loro alleato interno: grandi proprietari fondiari, capitalisti, kulak… Così hanno agito e continuano ad agire i cadetti, i socialisti-rivoluzionari di destra e i menscevichi: basterà ricordare le loro imprese ‹cecoslovacche›… Così agiscono i socialisti-rivoluzionari di sinistra, che nella loro estrema stoltezza e mancanza di carattere hanno aiutato con la rivolta di Mosca le guardie bianche a Jaroslavl, i cecoslovacchi e i bianchi a Kazan»[114].

Questo scorcio, in cui non ancora si configurano le avanzate di Kolčak, di Wrangel, di Denikin, di Judenič, dà l’idea dell’enorme posta storica in gioco. Quella del compatto fronte che va da zaristi ad anarchici, da kaiseristi tedeschi a democratici francesi e inglesi, è una sola: fermare la rivoluzione in Europa. I due gruppi di stati nemici nella tremenda guerra ancora non decisa si rendono solidali nello sforzo contro il comunismo avanzante. Non si lotta per Mosca o per la Russia, ma per il mondo intiero, e la solidarietà di classe va oltre la guerra nazionale.

Con la stessa potenza dialettica con cui la costruzione poderosa di Lenin snocciolò i grani della serie storica delle classi e dei partiti, dai feudalisti agli esserre di sinistra, in un lungo corso dal 1900 al 1918, così li rimise allora e per sempre insieme nella guerra guerreggiata con la Rivoluzione mondiale. Disonorarono questa tradizione immensa quelli che, nei tristi anni che seguirono, tornarono a raccattare discriminazioni tra gli opportunismi e tra gli imperialismi, che tutti gridarono pari odio e morte al bolscevismo e a Lui.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XIV)

125 – Una guerra, venti nemici

Come non si poteva impostare la discussione sull’economia russa senza l’esame del processo rivoluzionario, e in esso delle prospettive e dei programmi che in quella lunga lotta su fronti mutevoli per il potere furono avanzati appunto circa la formazione di quella struttura avvenire, ragione ed obiettivo della lotta medesima, così non si può chiudere questa parte storico-politica per passare a quella storico-economica (in quanto separabili) senza considerare nella prima la serie tremenda delle guerre civili che la coronarono, e fino a che non si chiusero ovunque con la vittoria non consentirono che tutto lo sforzo si portasse sulla struttura sociale.

Non è possibile qui scrivere di questa, che si dovrebbe chiamare epopea come quella che in tempo meno moderno segnò l’urto tra la civiltà europea e quella araba, una storica narrazione in ordine cronologico, ma è necessario ricordarne la sintesi allo scopo di valutare il peso di questo periodo ardente nel bilancio dello sforzo della rivoluzione, che forse chi giudica da oggi, e non fa parte di quelli della vecchia generazione che visse da lungi e da presso l’ansia di quelle alternative paurose, non mette nella giusta proporzione con l’evento divenuto più famoso e riferito alla fase acuta, all’acme della lotta nella capitale, alle giornate di Ottobre, la cui importanza sarebbe stata cancellata dalla storia di oggi se uno solo dei tentativi innumerevoli di capovolgere Ottobre armi alla mano avesse raggiunto il successo,

Divideremo la serie in fronti seguendo ciascuno dall’inizio alla fine, e appena accennando per ognuno di essi l’origine delle forze controrivoluzionarie, in gruppi politici e quindi sociali interni, e in invii di forze di intervento da Stati esteri; l’inizio, le fasi e alternanze principali e la fine, che ovunque fu segnata con la stessa parola, annientamento, liquidazione, rastrellamento, e una o due volte soltanto con le parole pace, evacuazione, fuga. Dieci, venti guerre: la rivoluzione doveva vincerle tutte; alla controrivoluzione bastava vincerne una: non vinse. Questa colossale lezione della storia resta al proletariato mondiale, quale che sia stata la vicenda che fece finire, ma non per trauma, la Rivoluzione Socialista in Russia.

In questo tragico ciclo le prime date si debbono scrivere subito dopo l’Ottobre 1917, l’ultima alla fine del 1922! Il momento massimo in cui gli attacchi specialmente da nord-ovest e da sud sembravano aver ragione di Pietrogrado e di Mosca, può considerarsi l’autunno del 1919. Due anni di disperata difesa, due e più anni di riconquista dei territori alla rivoluzione.

126 – Fronte tedesco-ucraino

Sappiamo che tra le forze con cui si dichiara in stato di guerra il III Congresso panrusso dei Soviet, il 31 gennaio 1918, vi è il governo della Rada ucraina, che si allea coi tedeschi durante le già note fasi dell’armistizio e della pace di Brest Litovsk, continuazione diretta della guerra coi tedeschi. Sappiamo le successive avanzate di questi, fino all’accettazione delle durissime condizioni ultimative il 3 marzo 1918. Se si segue il confine tra Germania e Russia quale era avanti la prima guerra mondiale, andando dal Baltico al Mar Nero, vi erano prima tre province russe: Estonia, Lettonia, Lituania, quindi la parte russa della Polonia con Varsavia, e dietro questa la Russia Bianca o Bielorussia, quindi l’Ucraina, regione sud-ovest della Russia che toccava allora la Polonia austriaca e il resto dell’impero asburgico, e quindi la Romania. Dopo Brest la Germania incorpora Estonia, Lettonia, Lituania, tutta la Polonia, e viene a confinare con la Russia Bianca, che ha per capitale Minsk, 700 km. a sud di Pietrogrado, e poi con l’Ucraina, che ha per capitale Kiev, altri 300 km. circa più a sud. La Bielorussia non ha grande importanza, con una diecina di milioni di abitanti oggi, contro 40 della ricca Ucraina, che ha oltre Kiev le grandi città di Charkov, Odessa, Dniepropetrovsk ecc. Il fronte fino all’Ucraina fu dalla Germania rispettato, in quanto attaccare sarebbe stato rompere il trattato di pace con prevedibile grave impressione sul proletariato tedesco già in fermento. Ma il governo ucraino della Rada divenne praticamente un vassallo di Berlino; e una vera guerra cominciò in tutta l’Ucraina tra le grandi forze bolsceviche e quelle governative dei bianchi e social-opportunisti. Ben presto il potere dei Soviet si sarebbe esteso a tutta l’Ucraina, se questa non fosse stata occupata dagli «alleati» germanici che sostenevano il governo di Kiev. Sotto questa forma truppe tedesche scacciarono i bolscevichi tra l’aprile e il maggio del 1918 da Charkov, Odessa, Rostov sul Don e Taganrog, porto alla foce del Don sul Mare di Azov, e dalla Crimea. Il 29 aprile i tedeschi deposero la Rada e nominarono hetman o dittatore il generale bianco Skoropadskyj. Era una forma di invasione della Russia rossa bolscevica da parte dei tedeschi, malgrado la pace formale. Tuttavia, questo fronte si dissolse dopo l’armistizio generale in Europa nel dicembre 1918, e l’armata tedesca si ritirò entro le sue frontiere antiche, lasciando automaticamente il terreno alle forze bolsceviche, e chiudendo questa prima fase di lotta nel sud-ovest.

127 – Fronte cosacco e caucasico

Durante il 1918 gli aiuti tedeschi raggiungono le armate bianche che tra il Don e il Volga erano state riunite da vari generali zaristi cui già il III Congresso della riferita data dichiarò guerra: Alekseev nel sud-est e fino a nord del Caucaso, Kaledin sul Don, Kornilov nel vicino Kuban. Con essi era anche il bianco Mamontov, e vari reparti di cavalleria cosacca, già nerbo dell’esercito imperiale. Nell’agosto 1918 Krasnov era a soli 15 km dal centro importante di Zarizin sul Volga, chiave di tutto il sud-est russo (poi Stalingrado), ma le forze rosse di Vorošilov il 20 agosto contrattaccarono liberando la tante volte disputata città. Di nuovo accerchiata, questa viene liberata il 16 e il 17 ottobre dalla «Divisione di acciaio» chiamata dal Caucaso.

Le forze degli imperi centrali agivano anche a sud del Caucaso con reparti turchi e tedeschi. L’Europa confina alla catena del Caucaso che va dal Mar Nero al Mar Caspio, geograficamente, ma politicamente la Russia aveva a sud tre regioni, Georgia con l’alta Tiflis e Batum sul Mar Nero, Azerbaigian con Bakù sul Caspio, e Armenia tra le due con Erivan. Il 15 aprile 1918 i turchi presero Batum e si diffusero in tutta la Transcaucasia, importantissima ai fini di guerra per i giacimenti petroliferi. Caduti gli imperi centrali, la lotta su questo fronte seguirà contro gli inglesi in fase ulteriore.

128 – Interventi dell’intesa

Mentre la rivoluzione duramente lotta da sud e da ovest con i tedeschi, i loro accaniti nemici nell’apertissima guerra concentricamente a loro volta intervengono sperando mirare al cuore della rivoluzione. La prima mossa spetta al Giappone, che sbarca reparti a Vladivostok il 5 aprile del 1918, unendosi ai bianchi della regione del litorale e fondando un governo dell’Estremo Oriente che, se era il più lontano da Mosca, fu anche l’ultimo ad essere cacciato dal territorio sovietico; e solo il 14 novembre del 1922, quattro anni e mezzo dopo, avendo i giapponesi evacuata Vladivostok, la Repubblica dell’Estremo Oriente, creata dal Giappone come Stato-tampone, diviene parte della Russia sovietica.

Si formava intanto ad opera della flotta britannica il fronte nord: gli inglesi sbarcano a Murmansk l’1 luglio del 1918 e ad Arcangelo, più a nord-est, nell’Artico, l’1 agosto, fondando coi bianchi locali un Governo del Nord.

Il 15 agosto anche truppe americane vengono a sbarcare nell’estrema Siberia dando man forte agli allora alleati giapponesi. Gli Stati dell’Intesa: Inghilterra, Giappone, Stati Uniti hanno le stessissime intenzioni dei loro nemici in conflitto guerreggiato, tedeschi, austriaci, turchi e bulgari: far crollare il potere dei bolscevichi e dei lavoratori rivoluzionari.

Poteva la Francia giacobina mancare a simile nobile convegno? Essa vi si unirà non troppo gloriosamente appena la fifa degli ancora validi eserciti di Guglielmone, che solo la frana di Brest Litovsk ha potuto scompaginare, le sarà passata. Il 17 dicembre navi francesi sbarcano truppe ad Odessa e si inoltrano nell’interno. Si tratta di prendere la consegna dalle divisioni boches che in quello stesso mese precipitosamente si ritiravano, come abbiamo visto. Chi ha vissuto i tempi di queste solenne lezioni della storia non potrebbe mai averli dimenticati: e come mai si poteva da esseri ragionevoli piagnucolare ancora sulla borghesia francese quando Hitler nel 1940 le rovinò addosso come Guglielmo nel 1914, piagnucolare come aveva fatto il Mussolini dell’autunno di quel 1914, cui tutti i fessi gridavano: lascerete sgozzare la Francia? – quello stesso Mussolini che poi la sgozzò nel 1940 con poca spesa, quando alle prime mosse delle divisioni corazzate naziste Marianna si affrettò a riporre nel fodero la spada di Vercingetorige, di Carnot e di Joffre? Di qui e di là, gente non cuciva col Filo del Tempo.

Il 21 marzo le truppe francesi sono a Cherson, ma nelle loro vene è il sangue proletario degli Eguali e dei Comunardi; esse rifiutano l’ignobile arte del boia; a bordo degli incrociatori i marinai, con Marty, si sono ammutinati; il 2 di aprile 1919 Odessa viene evacuata dai francesi e le navi riprendono il mare. Episodio che bene si lega alla serie possente di rivoluzioni di lavoratori che segnano di tappe rosse la storia di Francia in date non dimenticate; uno dei pochi generosi apporti che noi dall’Ovest abbiamo saputo dare alla disperata difesa dei compagni, dei fratelli di Russia.

Particolarmente impegnati nel tentato jugulamento della rivoluzione sono gli inglesi col truculento liberatore dell’umanità Winston Churchill. Non gli basta il fronte dell’Artico, bloccato dalle distanze e dal clima. Il Soviet di Bakù sul Caspio dominato dai felloni menscevichi ed esserre - gli stessi partiti che il 25 maggio avevano chiamato in Georgia i tedeschi e consegnato loro la città di Poti – a lieve maggioranza il 25 luglio del 1918 chiama in aiuto gli inglesi contro i bolscevichi. La storia si ripete: Verdun vile città di confettieri… all’inimico aprì le porte. Il 3 agosto gli inglesi, muovendo dalla Persia, arrivano al comando del generale Dunsterville ed occupano il territorio dell’Azerbaigian. Questo impeccabile gentleman non si contenta di fare da predone di oleodotti, ma da autentico boia fa fucilare 26 compagni commissari bolscevichi, tra cui Šaumjan, Presidente del Soviet, con l’aiuto dei socialrivoluzionari. Il 13 settembre si chiude questa gloriosa azione col rientro in Persia delle truppe di Dunsterville.

Altra azione inglese fu la rivolta di Jaroslavl, città a 200 km a nord di Mosca, capitanata dal bianco Savinkov e istigata dall’agente inglese Lockhart. Scoppiata il 6 luglio 1918, già il 21 era stata soffocata dai bolscevichi. Le minacce dal nord su Mosca non destarono mai un vero allarme e il fronte di Arcangelo fu nel seguito ritirato e reimbarcato dagli inglesi.

129 – Est. Cecoslovacchi e Kolčak

Come nell’anno 1918 la sconfitta militare pose fine ai tentativi delle forze tedesche all’ovest e al sud, così ebbero fine i tentativi di intervento diretto con forze regolari straniere: le potenze vincitrici non cessarono di fare piani contro la Russia sovietica, ed anzi svilupparono azioni assai più minacciose in tutto il corso del 1919, ma si portarono anch’esse in pieno sul terreno della guerra civile, organizzando ed armando, sempre col mezzo di generali zaristi, forze «indigene» della popolazione russa avversa al regime bolscevico, illudendosi di far leva su resistenze sociali alla rivoluzione, che certo non mancavano soprattutto tra le classi medie delle campagne. Ne sorsero una serie di aspri conflitti, cui si aggiunsero tuttavia talune vere guerre di Stati, come con la Finlandia e poi la Polonia. Il 12 maggio 1918 una vittoria sui rossi del generale Mannerheim troncava le speranze per una repubblica sovietica in Finlandia: con diretti aiuti dell’Intesa la guerra sul fronte di Carelia durò senza decisivi successi da una delle parti fino al principio del 1920. Anche qui la storia dettò lezioni eloquenti: la guerra di «liberazione nazionale» della Finlandia da Mosca fu messa in piedi dai tedeschi, che la appoggiarono ugualmente quando al posto dei Románov venne Lenin: senza soluzione di continuità al 1918 tale funzione venne pari pari ereditata dagli inglesi ed alleati e dalla travolgente e grossolana simpatia banale degli americani, cicisbei a sangue freddo nel mondo di Madonna Libertà. Quante lezioni, ma come perdute; e soprattutto quando le stesse dozzinali simpatie avallarono lo sconcio amplesso 1941 tra Russia ed America supermilitariste!

Un episodio a sé stante fu la rivolta dei cecoslovacchi prigionieri di guerra dello zar in una zona del medio Volga. Questi ex soldati erano di origine sociale e politica piccolo-borghese e in parte operaia: riformisti e radicali, irredentisti dall’Austria. Essi ebbero dalla rivoluzione la libertà e si pensò avviarli per la Siberia, quando serpeggiò nelle loro file la ribellione ai bolscevichi. Il movimento cominciò nel maggio del 1918, e fu in tutti i modi sostenuto da agenti francesi. Muniti di armi abbondanti gli ex prigionieri prendono Novo-Nikolaievsk (oggi Pugacevsk) sul Volga, il 26 maggio, Celiabinsk, tra il Volga e gli Urali, il 27, Penza, di qua dal fiume, circa 400 chilometri ad est di Mosca, il 29, Omsk in Siberia oltre gli Urali il 7 giugno; Samara (oggi Kuibiscev), sul fiume, l’8, Ufa, ad est sulla Kama, il 5 luglio, Simbirsk (oggi Ulianovsk) sul Volga, il 22 luglio, Ekaterinburg negli Urali (oggi Sverdlovsk) il 25, e il nodo fluviale di Kazan da cui minacciano Nizni Novgorod (oggi Gorkj) il 27.

Ovunque e specie all’est si uniscono forze dei bianchi, degli esserre e perfino operai delle industrie di Votkinsk e Igievsk (città lungo la Kama) che li seguono. Si formano due governi: quello di Samara che si fa dire «della Assemblea Costituente», e quello di Omsk tenuto dai bianchi e per essi dal generale Kolčak, rimasto famoso. Si è così formato un poderoso fronte orientale, e l’Armata rossa si organizza per attaccarlo: una prima offensiva conduce alla riconquista di Kazan e si cominciano a rastrellare i resti dei cecoslovacchi lungo il Volga. Ma Kolčak ritiratosi oltre gli Urali forma un nuovo esercito, dopo che nel dicembre 1918 con un colpo di Stato ha preso da solo il potere rovesciando gli esserre e i menscevichi. Egli muove contro Perm (oggi Molotov) deciso a riprendere la via di Mosca. La città cade il 2 gennaio 1919, il 6 marzo Kolčak è oltre gli Urali e il 15 prende Ufa. Il 28 aprile 1919 l’Armata rossa, che è stata riorganizzata, riprende la controffensiva con successo. Il 26 maggio il Consiglio militare degli Alleati di Parigi offre al capo controrivoluzionario riconoscimento ed appoggi, ma il giorno seguente i rossi lo scacciano da Sterlitamsk, presso Perm. Il 4 giugno Kolčak aderisce alle proposte di Parigi. Ma nel corso di questi mesi egli è stato ributtato oltre gli Urali e non riguadagnerà più terreno. Mosca, che è stata nel frattempo minacciata dal sud, mentre Pietrogrado lo era dal nord-ovest e sud-ovest, non teme più la minaccia da oriente. Il 14 novembre cadono Jamburg ed Omsk, capitale di Kolčak in Siberia, e il 4 dicembre il compagno Ivan Smirnov, uno dei tanti dirigenti di partito mostratisi ottimi generali, può telegrafare: Kolčak ha perduto la sua armata. In gennaio 1920 anche questo energico rastrellamento è compiuto; il capo stesso preso e passato per le armi.

130 – Fronte meridionale: Denikin

Non appena finita la guerra europea, come dicemmo, gli Alleati si prefiggono di prendere il posto dei tedeschi che evacuano l’Ucraina, e rimettere in piedi il fronte sud e sud-ovest. Il 24 novembre del 1918 adunano una conferenza a Jassy, in Romania, dei russi bianchi, ossia zaristi, pienamente sostenuti da Churchill: il generale Denikin viene proclamato dittatore della Russia. Come sappiamo questi aveva forze nel Caucaso settentrionale fin dal principio del 1918: il 26 si proclama comandante in capo di tutte le forze russe della Russia meridionale; dunque tedeschi, francesi ed inglesi non ve ne sono più: bensì i loro rifornimenti di denaro, armi e mezzi di ogni genere, e meglio quelli degli anglo-francesi. La grande offensiva, pericolosissima per i bolscevichi, dal sud, si sferra nel maggio del 1919 e la base principale è nel Kuban, tra il Mar di Azov e il Caucaso.

Le tappe dell’avanzata e della riconquista della tormentatissima Ucraina sono travolgenti. Il 15 giugno Denikin prende Kupiansk, 100 km. ad est di Charkov, poi Charkov stessa. Con ulteriore spinta il 4 settembre prende Kiev, la capitale, e il 22 è a Kursk, sulla direttrice Charkov-Mosca, da cui dista solo 500 km. Si intende che alle spalle tutto è suo: Crimea, Don, bacino del Donetz. La grave minaccia preme su Orel, a soli 250 km. da Mosca, che è presa il 13 ottobre. Il Comitato centrale bolscevico prende misure di emergenza, e finalmente il 21 ottobre l’Armata Rossa schierata tra Orel e Voronetz dette battaglia e l’esercito di Denikin riportò una grave sconfitta. Il 27 novembre Kursk, punto vitale, era ripreso dai rossi.

Disorganizzata la potente armata di Denikin nella fine del 1919 le forze rivoluzionarie si danno alla difficile opera di risistemare il terreno liberato e irto di macerie e di insidie. Prima di parlare di ricostruzione di tutto ciò che è stato devastato ed è indispensabile alla vita della popolazione, già è un compito tremendo la bonifica dell’ambiente umano denso di spie, di sabotatori e di nemici politici. La guerra civile differisce da quella statale per il fatto che non può nel territorio occupato mettere tutto a ferro e fuoco, far bottino e distruggere ulteriormente gli impianti, ma anche per il fatto che deve con drastiche misure neutralizzare la parte dei civili che sono dissimulati partigiani delle forze controrivoluzionarie.

Durante questa dura bisogna, in cui la sicurezza alle spalle delle truppe avanzanti non può essere assicurata da misure di intimidazione indiscriminata, ma bisogna discriminare socialmente tra i compagni e i nemici di classe, Denikin poté ridursi molto più a sud e riorganizzare grazie ai solidi aiuti stranieri la sua base del Caucaso settentrionale. Nel marzo egli tentò di muovere ancora verso il nord, ma questa volta l’Armata Rossa lo fermò assai più a sud. Arrestatolo rientrò a Rostov sul basso Don e il 27 marzo 1920 prese Novorossijsk, al di là dello stretto di Kersc (per cui il Mar d’Azov comunica col Mar Nero) sulla costa. Questa posizione comanda tutta la Ciscaucausia, vecchio baluardo dei Bianchi, e permise la definitiva liquidazione delle forze di essi, chiudendo questa grave fase del conflitto armato.

131 – Fronte occidentale: Judenič

Questo altro gravissimo tentativo che mirava a Pietrogrado prima che a Mosca e che nel tempo fu del tutto concomitante con la guerra di Denikin, fu altra diretta ispirazione degli inglesi e di Churchill. La direzione wilsoniana della Lega delle Nazioni aveva consacrata la «libertà» dei popoli di Finlandia ed Estonia che dovevano servire da basi di attacco ai bolscevichi. Intanto si organizzava in terreno russo l’armata di Judenič. Tutti i tentativi furono fatti per saldare le operazioni di queste forze prezzolate dallo straniero capitalista con quelle nazionali di Mannerheim, ma la Finlandia non voleva fare operazioni di invasione e si fermò sulla sua storica frontiera della Carelia, vicinissima alla base navale di Kronstadt alla foce della Neva e a Pietrogrado. Dal posto di frontiera di Terioki, dove qualche delegato al Comintern nel giugno 1920 non fu dai finlandesi lasciato passare, non correvano che 25 km. per Pietrogrado, ove si inaugurava il II Congresso.

Quanto all’Estonia, avendo la Russia di allora rinunziato ad incorporarla, sebbene durante tutta la lotta di Judenič gli fosse servita di base logistica, il 2 febbraio 1920, dopo un armistizio, firmava la pace con Mosca.

L’impresa di Judenič si inizia colla prima estate del 1919 ed egli muove da nord-ovest minacciando direttamente Pietrogrado; a cui nel maggio, ossia quando Denikin muove dalle basi del Mar Nero, è già molto vicino. Stalin fu allora mandato a Pietrogrado, dove Zinoviev dirigeva partito e Soviet, e con decisive misure formazioni militari e guardie rosse liberarono la città, mentre i marinai rossi liberavano la fortezza di Krasnaja Gorka caduta nelle mani dei nemici. Judenič indietreggiò, ma il 25 entrava a Pskov, 250 chilometri a sud-est, organizzandovi la sua base di operazione. Il 13 giugno avvenne il passo di Churchill per smuovere i finlandesi.

In ottobre Judenič sferra il suo maggiore e più pericoloso attacco, e il 16 prende Gatcina. Il 20–21 ha luogo con l’intervento diretto di Trotsky la battaglia decisiva sull’altura di Pulkovo, poco ad est di Pietrogrado: per Judenič è il crollo finale, e la rossa seconda capitale è libera dal pericolo, nello stesso giorno in cui tra Orel e Voronetz, come abbiamo detto nel precedente paragrafo, le forze di Denikin venivano schiacciate. Il momento di più alto rischio era superato, sui tre fronti più importanti della lunga guerra civile la controrivoluzione era sgominata.

132 – Fronte del sud: Wrangel

Tuttavia ancora un’ondata doveva venire ad abbattersi sulla cinta ormai allentata da eroici colpi di ariete che aveva tentato di stringersi attorno alle due metropoli, cervello e cuore della grande Rivoluzione.

Una nuova armata bianca si è formata in aprile 1920 ed è affidata al barone Wrangel, altra creatura anglo-francese, che avanza dalla Crimea. Le forze nemiche sono ancora imponenti, e dopo aver appena respirato per la lotta con Denikin e Judenič l’esercito rosso deve ancora spiegarsi su due fronti: Wrangel a sud, e all’occidente, come vedremo, la Polonia.

Il bacino carbonifero del Donetz, la regione del Don e del Kuban erano stati di nuovo perduti dai rivoluzionari troppo impegnati all’ovest, ma nel novembre del 1920 è possibile affrontare in forze Wrangel: in una battaglia sull’istmo di Perekop che unisce al continente la penisola di Crimea egli subisce un tremendo rovescio e fugge per salvare la vita: per la metà di novembre tutta la Crimea, tante volte perduta e ripresa, è di nuovo ripulita dalle bande dei bianchi.

133 – La guerra russo-polacca

Questo episodio storico ebbe una portata incalcolabile e sembrò rimettere in movimento tutte le forze proletarie di Europa: credemmo davvero che al levarsi delle bandiere rosse sulla progredita, industriale, occidentale Varsavia tutto il sottosuolo nell’ovest avrebbe tremato e la faccia della vecchia Europa sarebbe tutta cambiata, come al principio del XIX secolo quando la incendiarono le baionette della grande rivoluzione borghese.

Nella sistemazione data dagli americani alla nuova Europa dell’utopia wilsoniana la città bilingue di Vilno era rimasta in disputa tra Lituania e Polonia, con un lungo conflitto finito con la sopraffazione polacca a dispetto degli stessi ordini ginevrini. I polacchi fin dall’autunno del 1919 sconfinarono nella Russia Bianca e ne occuparono la capitale Minsk, con alcune parti della Volinia e della Polonia: Sostarono, al tempo della minacciosa avanzata di Denikin in tutta l’Ucraina, perché la vittoria dei bianchi zaristi avrebbe potuto avversare le pretese polacche di espansione e perfino di indipendenza. Battuto in fine del 1919 Denikin definitivamente, le forze polacche, sostenute con ogni mezzo dalla Francia e dal suo emissario generale Weygand, si mossero occupando tra gennaio e marzo 1920 le città di Dvinsk, Latgalia e Mosyr, che sono tra Russia Bianca e Ucraina, tra Minsk e Kiev. Le forze lituane appoggiano l’invasione, che il 26 aprile è in pieno sviluppo, condotta dalle truppe del governo di Petljura, sotto il comando del «liberatore della Polonia» Piłsudski. Qui scrive Trotsky:
«Per quanto una tale guerra fosse imposta all’armata rossa, lo scopo del governo sovietico non era solo di parare l’attacco, ma di portare la Rivoluzione in Polonia e in tal modo aprire con la forza la porta per il Comunismo in Europa»[115].
Ecco il linguaggio di uno Stato ed un esercito rivoluzionari: quando essi diverranno imperialisti, allora il miserabile loro linguaggio si impasterà di difesa dall’aggressione alla Patria, di pacifismo, di coesistenza – la loro azione, di vile tradimento.

Il 30 aprile Trotsky così scrisse al Comitato Centrale:
«Precisamente perché è una lotta di vita o di morte essa avrà un carattere estremamente intenso ed aspro».
Ed ammonì contro la speranza ultraottimistica di una rivoluzione in Polonia (i soliti falsi sinistri sostenevano ancora una volta che non si dovesse combattere in campo aperto esercito contro esercito, ma contare sulla forza notevole dei proletari e comunisti di Polonia).
«Che la guerra termini con una rivoluzione dei lavoratori in Polonia, non vi può essere dubbio, ma non vi è nessuna base per credere che la guerra cominci con una simile rivoluzione»[116].

Trotsky ha dimostrato di non essere stato favorevole, per la debolezza delle forze militari sovietiche, alla diretta «marcia su Varsavia». Ma Lenin era fautore di questa idea, egli sentiva che la rivoluzione di Europa non poteva essere ulteriormente aspettata, e, come sempre, che senza di essa tutto sarebbe stato perduto; quell’idea allora inebriò noi tutti che seguivamo ansiosi la distanza dalla proletaria Varsavia, che tante prove prima e dopo ha dato di eroismo di classe, autentica Parigi dell’Est, delle avanguardie della Rivoluzione mondiale.

L’8 maggio i polacchi conquistano di forza Kiev, la capitale ucraina, e i bolscevichi rispondono col loro sforzo più potente. Il nemico indietreggia sotto il contrattacco di tutto il fronte: tra l’entusiasmo del mondo proletario si seguono le notizie incalzanti: il 13 giugno la rossa Kiev è ancora una volta nostra; l’11 luglio si è a Minsk; il 14 a Vilno: i polacchi sono fuggiti fino al fiume Bug. Il 1° agosto Tuchačevskij è a Brest: Varsavia è meno di 100 chilometri ad ovest; l’11 l’Armata Rossa è schierata davanti alla città.

Purtroppo questa marcia trionfale fu duramente fermata, con un colpo terribile all’entusiasmo rivoluzionario. Le discussioni sul disastro durano ancora adesso. L’ala sinistra russa si era proiettata verso sud-ovest in direzione di Leopoli (Lemberg, Lvov) al comando di Vorošilov e Budënnyj. S. S. Kamenev (da non confondere col più noto Lev), comandante in capo, dispose che l’armata di cavalleria si lanciasse verso nord per prendere di fianco i difensori di Varsavia, puntando su Lublino, che è tra Lvov e Varsavia. Questo ordine era dovuto a Trotsky, presidente del Comitato rivoluzionario di guerra, mentre Stalin che era presso Vorošilov sembra sostenesse l’avanzata su Lvov, da cui si giunse a dieci chilometri; e, dopo, la conversione. La manovra non riuscì, e il 16 agosto i polacchi, davanti a Varsavia, su consiglio di Weygand, attaccarono Tuchačevskij e lo batterono. Il 17 agosto, spezzato il fronte, non restò al comando russo che ordinare la generale ritirata abbandonando il territorio polacco. La grande speranza era perduta, il 21 settembre si iniziarono le trattative per la pace avendo i franco-polacchi malgrado il clamoroso successo considerata vana l’idea di invadere il territorio sovietico. La pace di Riga fu firmata il 20 ottobre 1920. Da allora quel fronte, quel confine tormentato, non doveva più muoversi fino al settembre 1939, quando 19 anni dopo Hitler e Stalin si divisero la Polonia schiacciata dai tedeschi. Oggi la Polonia è Stato satellite dell’imperialismo militare di Mosca: Leopoli è restata nelle frontiere russe vere e proprie, con molte altre città polacche come Brest e Grodno; sono russe le finno-tedesche Estonia, Lettonia e Lituania; Königsberg si chiama Kaliningrad. Questa frontiera camminerà molto ancora fino a che le grandi capitali non si leveranno vittoriose in piedi, come Varsavia alla fine della guerra tentò di fare soccombendo con i suoi combattenti operai sotto le rovine delle case spianate dai tedeschi una per una, mentre dalle antiche posizioni di Tuchačevskij il vittorioso generalissimo Stalin era fermo a guardare. Come Berlino tentò a sua volta, e un giorno ancora lontano ritenterà.

Nei duri amari dibattiti del decimo congresso del partito comunista russo nel marzo del 1921 si farà il bilancio di quel cruciale rovescio: Lenin ascolterà pallido le reciproche accuse. Forse non pensava egli alla questione del successore, che abbacina la corrente opinione, ma guardava il miraggio immenso della rivoluzione mondiale che, allontanandosi da noi di un gran tratto, ci imponeva una lunga e dura attesa, ma una non diversa certezza.

134 – La pace rossa

La situazione della lotta armata andò per tal modo stabilizzandosi, dopo la serie di fasi convulse di cui crediamo aver presentato le principali. Molti e molti altri furono gli episodi prima che sparissero tutte le minacce al conquistato potere: si dovrebbe dire degli anarchici di Machno che ancora nel difficile agosto 1920 insidiavano strade e ferrovie ucraine, delle ribellioni di Semënov e Ungern in Oriente, di guardie bianche finlandesi in Carelia, di quella tremenda dei marinai di Kronstadt ove indubbiamente comunisti estremisti ed anarchici erano coinvolti, e che fu vinta nel cinquantenario della Comune di Parigi il 18 marzo 1921: la storia non ha tutti i materiali per giudicare un tale episodio.

Crediamo estraneo al nostro tema tutto il succedersi dei dibattiti sulle responsabilità delle crisi che segnarono le tappe della lunga guerra interna. Le confutazioni di Leone Trotsky alle incredibili narrazioni della «Storia» staliniana ufficiale sono di valore decisivo: esse sono perfino superflue agli occhi di chi ha qualche volta constatato l’entusiasmo dei soldati rossi, non tanto per la persona impareggiabile quanto per l’opera luminosa del grande capo guerriero della Rivoluzione. La sua risposta finale a Stalin schiaccia il vincitore sotto la dignità e l’altezza del vinto.

Quasi mai, dice il grande organizzatore della vittoria, che più volte vedemmo davanti i grandi quadri geografici luminosi segnare i punti delle vittorie e delle disfatte, con costante razionale e ordinata visione delle misure da adottare, con freddezza di tecnico e non con pose di condottiero, quasi mai (egli dice serenamente) io fui sui fronti delle sicure vittorie studiate e attuate riparando le frane e i vuoti e gli sbagli, se non i tradimenti (di cui si volle incredibilmente caricare la sua partita), perché il mio impegno era sui punti di minore resistenza, di probabile prossima frattura, nella semplice, come egli dice, nostra strategia per linee interne, che imponeva di correre ai tratti deboli del cerchio, che arrivò ad avere un raggio di soli duecento chilometri. Solo a Pulkovo egli narra di avere direttamente comandato la vittoria su Judenič[117].

La grandezza della vittoria bolscevica nella guerra civile è tanto alta e il significato di questo processo vulcanico della guerra di classe tanto vasto, che solo un folle ed una banda di disfattisti può compiacersi, per luride ragioni di bottega, di descrivere l’eroica falange della difesa rossa come un verminaio di agenti del nemico.

A noi interessa non l’eroe cui tributare la corona, ma l’illustrazione della vastità del compito, che consistette nel difendere colle armi il potere raggiunto dopo una lunga campagna rivoluzionaria, colle tappe dal 1905 al 1917.

Fino al 1921 e 1922, stabilizzato il territorio della dittatura comunista fino ai limiti di quello che era sotto l’impero dello zar, si susseguono le fondazioni delle repubbliche comuniste unite e federate alla Russia; l’elenco sarebbe interminabile: Georgia e Daghestan nella fine del 1921, Crimea in quell’ottobre, Buchara nel settembre del 1920; ecc. Lungamente tormentata dalle lotte che abbiamo esposte fu la Transcaucasia, particolarmente esposta alle insidie del capitalismo mondiale. Nel febbraio del 1921 Stalin fece occupare la Georgia dalle forze armate, mentre il partito desiderava averla per spontanea adesione, ma fu tra le ultime operazioni territoriali di tipo militare. Il 12 marzo 1922 era proclamata la repubblica Transcaucasica (oggi Armenia, Azerbaigian e Georgia).

La guerra civile era finita e cominciava l’epoca della politica economica, amministrativa, di cui diremo nella nostra seconda parte. Non con questo sarà però chiuso l’argomento politico. La lotta tra diverse correnti, che non potevano non rispondere a forze sociali effettive, continuerà a lungo nel partito. Essa non darà quasi mai luogo ad atti di forza armata dei dissidenti, bensì a repressioni dal centro così vaste che ebbero il carattere di vero sterminio di movimenti nemici del centro statale. L’esposizione dei fatti e dei programmi economici, riportandoci nel pieno del problema storico di cui abbiamo ammannito i dati formidabili, non ci permetterà di tacere di questa lotta accanita e di non dedicare nell’esposizione della struttura economico-sociale alcuni capitoli allo scontro con le opposizioni, al terrore nel partito e nello Stato, e alle ferocissime purghe che travolsero tanti dei protagonisti delle lunghe vicende che avevan condotto il partito rivoluzionario al potere, con la sua luminosa conquista e la gloriosa sua difesa. Lunga lotta in cui dietro questi nomi, di perseguitati non tanto coi plotoni di esecuzione quanto con una impalcatura di infamia, indiscutibilmente si trovò un moto di masse del proletariato russo, non in grado di sollevare il peso soffocante sotto cui, rimasta sola in un mondo nemico, la rivoluzione comunista di Russia, in un processo originale, ma leggibile appieno dalla dottrina marxista, sanguinosamente se pure senza una nuova vera guerra civile, ha per la gloria dell’eterno nemico dovuto piegare.

135 – Sempre il dettato di Lenin

Abbiamo sempre illustrato il nostro sviluppo con la dimostrazione che esso si adagia sulla prospettiva russa di Lenin. Ciò è un fatto che non si deduce dal «Lenin ha sempre ragione» dei filistei, perché i lettori sanno che sulla prospettiva europea, alla scala tattica degli anni che cominciano dal 1919, dissentiamo su punti essenziali dalla previsione di Lenin. Quando egli vedeva vicina la rivoluzione occidentale che non venne, non sbagliava. Non sono questi errori, ma meriti rivoluzionari. Ma quando non vide la minaccia dell’opportunismo che avrebbe rialzato la testa, egli sbagliò: perché non lo considerò inseparabile dagli sviluppi di certe manovre tattiche acconsentite.

Nell’economia dello sviluppo russo e nella politica del partito egli non sbagliò, questo è importante, perché nulla ha a che fare con personali infallibilità buone per i gonzi, al fine vitale di fissare la dialettica integrità di tutta una costruzione dottrinale storica.

Ecco come impostò la questione del trattamento agli avversari opportunisti entro la Russia e durante la lotta suprema (luglio 1919):
«Affare nostro è porre apertamente la questione: Che cosa è meglio? Acciuffare e mettere in prigione e talvolta anche fucilare centinaia di traditori tra i cadetti, i senza partito, i menscevichi, i socialisti rivoluzionari, che ‹agiscono› (chi con le armi in pugno, chi con un complotto, chi facendo propaganda contro la mobilitazione, come i tipografi e i ferrovieri menscevichi, ecc.) contro il potere dei Soviet, cioè per Denikin, o lasciare arrivare le cose a un punto tale da permettere a Kolčak e a Denikin di sterminare, fucilare, fustigare a morte decine di migliaia di operai e contadini? La scelta non è difficile»[118].

La Rivoluzione non discriminò in Russia, e fu vittoriosa.

Discriminò tra i nemici fuori di Russia, consentendo un metodo che oggi è giunto fino alla peggiore ignominia, e non è stata solo vinta, ma disonorata ed insozzata.

Dopo la vittoria su Kolčak nell’agosto del 1919 – e con ciò sospendiamo le citazioni – Lenin scrive:
«O dittatura (cioè potere di ferro) dei proprietari fondiari e dei capitalisti – o dittatura della classe operaia.
Non ce via dimezzo. Sognano invano una via dimezzo i figli di papà, gli intellettuali, quei signorini che hanno studiato male su cattivi libri. In nessuna parte del mondo c’è, né può esserci, via di mezzo. O dittatura della borghesia (dissimulata sotto le frasi pompose dei socialisti rivoluzionari e dei menscevichi sul potere del popolo, sulla costituente, sulle libertà, ecc.) o dittatura del proletariato. Chi non l’ha imparato da tutta la storia del secolo decimonono è un perfetto idiota; ma in Russia abbiamo visto tutti come i menscevichi e i socialisti rivoluzionari, sotto Kerenski e sotto Kolčak, sognavano questa via di mezzo«
[119].

Una generazione fa noi con Lenin abbiamo sognato la rivoluzione fuori di Russia. Cosa oggi sognate voi, giovani proletari del 1956? Quale via di mezzo? Quali cattivi libri studiate male; e da perfetti idioti?

Parte seconda

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XV)

Sviluppo dei rapporti di produzione dopo la rivoluzione bolscevica

1 – Politica ed economia

Dal consolidamento del potere statale del partito bolscevico in Russia sono trascorsi poco meno di quarant’anni, ed essi stanno davanti a noi. Dobbiamo chiarire che le due parti di questo nostro lavoro non stanno in contrapposizione, ma sono stabilite a solo scopo di facilità espositiva. Con la nostra prima ricostruzione siamo andati dalla prima guerra mondiale e dalla caduta del feudale impero degli zar fino alla seconda rivoluzione del 1917 e al suo consolidamento di fronte ai tentativi di rovesciamento, che si pone al 1922. Sono otto tremendi anni durante i quali le armi non cessano, da molte e molte bande, di venire scaricate. In questo primo periodo portiamo in primo piano lo studio dei rapporti di forza tra le classi della società russa ed il problema della conquista e della difesa del potere politico: non perciò separiamo la questione politica da quella economica, inseparabili in linea generale nella nostra concezione; abbiamo anzi cercato di dare ad ogni tratto ragione dei rapporti produttivi e delle forme di proprietà russe in quel periodo di incandescente palingenesi. Nel periodo in cui ora facciamo ingresso, e che in sostanza considereremo iniziato con l’Ottobre 1917, solo in apparenza la detenzione del potere centrale dello Stato non subisce mutamenti, in quanto gli stessi non prendono mai la forma di aperta guerra civile, e la continuità del centro dirigente ed esecutivo inteso come ingranaggio amministrativo e militare non viene fatta vacillare e cadere da episodi di conflitti interni e dalle immani vicende della seconda guerra mondiale: meccanicamente parlando, lo stesso apparato statale e di partito traversa senza capovolgersi queste tremende prove della storia, il che non cessa di essere argomento di primo piano per i fautori politici di questo apparato, per i suoi nemici militari dell’Occidente capitalista, e per quei suoi nemici rivoluzionari tra i quali siamo noi, anche se pochi e poco conosciuti.

Ma, come abbiamo detto, al fondo delle cose l’evoluzione è ben altra da quella che è data da un potere stabile e dalla sua evolvente attività amministrativa e legislativa, con le connesse variazioni dell’economia sociale. Come nella prima parte il tema economico non passò in secondo piano, così non passerà in questa nell’ombra quello politico, quanto a gioco delle classi nella complessa società russa, quanto a gioco degli Stati nel mondo internazionale.

La questione del rapporto tra lotta politica per il potere e svolgimento dei rapporti di produzione è la questione centrale del marxismo. Da tutte le parti, e forse più gravemente da quella di non pochi gruppetti che pure affermano di condannare, come degenerato nell’opportunismo, il movimento che oggi fa capo alla centrale statale di Russia, questa questione viene ogni giorno più confusa: e ad ogni passo viene a noi fatto di rimetterla in chiaro. Le forme economiche si mutano in un processo ininterrotto nella storia delle società umane, ma questo processo si attua solo come effetto di periodi convulsi di lotta, in cui lo scontro politico ed armato di classi avverse spezza le barriere al partorirsi e all’ingrandire accelerato della forma nuova. È il periodo della lotta per il potere e del suo scioglimento a mezzo di una dittatura della forza di domani su quella di ieri, o della dittatura opposta, fino ad una successiva crisi, che ancora una volta nella fine della parte precedente dichiarammo con parole di Lenin. O questa alternativa, o la conservazione di forme antiche, nella loro essenza magnificata da un lato, maledetta dall’altro.

2 – Lezioni senza posa obliate

La tesi, che è quella su «Stato e rivoluzione», si impose come fulgore abbagliante nel tempo di quella grande lotta e le fu dato nella dottrina e nella battaglia il nome di Lenin. Per un tratto tutti stettero o per essa o contro essa: non dubitarono che fosse vera e lottarono perché la storia la vedesse attuata; ovvero lottarono come dannati perché ciò non fosse, ma della potenza della tesi stettero sicuri, e tremarono che giunto fosse il momento in cui la dittatura «di Lenin» fosse imposta su tutto il mondo moderno. Passò quel periodo vitale e ardente, e dopo un breve intervallo ritornerà.

Ma in questo vile e stagnante interludio, da ogni lato, virulenti o appestati, Errore e Menzogna risalgono.

Un economista nostrano, Luigi D’Amato, ha pubblicato un volume di studi «Per la critica dell’economia marxista»: di essi fa parte un saggio finale sulla «Teoria marxista dello Stato» e sulla pretesa evoluzione di essa. La teoria è riferita correttamente:
«Sia Marx che Engels avevano fissato in alcuni punti precisi la concezione comunista dello Stato, secondo la quale lo Stato borghese è un organo del dominio di classe; e il proletariato deve conquistare il potere per servirsene come forza repressiva per schiacciare la borghesia. Segue a questa lotta una fase di transizione dalla società capitalista a quella comunista, che non può essere altro che la dittatura del proletariato. Nella fase ultima, quando le classi saranno sparite, sparirà anche lo Stato».

Fin qui, sebbene noi non citiamo che da un articolo di recensione, dobbiamo dire che l’ideologo avversario ha ben riferita la nostra dottrina.

Perché dunque in una trattazione ben condotta deve seguire un enorme strafalcione storico, a parte le teoriche preferenze e parteggiamenti?

«La grande revisione di questa teoria è ormai compiuta. La teoria di Marx e di Engels è stata cancellata, prima da Lenin, poi da Stalin. Lo Stato sarà conservato anche nel sistema comunista, fino a quando non verrà liquidato l’accerchiamento capitalistico. In conclusione il paradiso comunista, dello Stato senza classi, dello Stato non-Stato, della libertà insomma, è ancora molto lontano, oggi come trentotto anni fa, quando la grande e cruenta esperienza ebbe il suo tragico inizio».

Non ci preme il frasario sbagliato sul paradiso, la libertà, l’esperienza, e altri termini fuori elenco, che non sappiamo se addebitare all’autore. Il falso sta nella parte data a Lenin, e anche a Stalin. Il revisionismo socialista dell’anteguerra aveva preteso di aver cancellata la teoria di Marx ed Engels sulla dittatura, e Lenin la rimise poderosamente in piedi; e mai né con gli scritti né con la pratica rinunziò minimamente alla tesi della sparizione dello Stato, con la stessa decisione con cui, a conoscenza dello stesso avversario di oggi, sostenne ed applicò quella della dittatura.

Quanto a Stalin e ai suoi, mai hanno ammesso di avere mutata la teoria generale dello Stato. Essi hanno dichiarato ed operato che lo Stato di Mosca deve nel periodo attuale, sia pure di 38 anni, rimanere in effetto e potenza massimi: se la ragione fosse lo scopo di sfondare l’accerchiamento capitalistico non sarebbero certo dei revisori di Lenin e Marx. Lo sono, ma in quanto: a) dichiarano che in Russia non occorre più la dittatura, pretendendo che non vi siano da contrastare influenze sociali della forza capitalistica; b) dichiarano che lo scontro con l’accerchiamento darà luogo alla pacifica coesistenza; c) ammettono con questo, se pur nolenti, che il loro Stato è permanente, proprio per la ragione che ne dà la teoria Marx-Engels-Lenin, in quanto non si va verso la società senza classi ma verso la società capitalista.

3 – Altra confusione a «sinistra»

Ma non basta che al disordine e allo smarrimento contribuiscano d’accordo economisti capitalisti e rinnegati stalinisti: vi sono indirizzi che si dicono avversari degli uni e degli altri e che pure si atteggiano a rivedere quella che, per il loro spirito piccolo-borghese, è l’esperienza di Russia e di Lenin. Per costoro l’impiego dello Stato ha fatto cilecca, non perché il ciclo che perfino il D’Amato ha saputo riscrivere sia stato spezzato, ma perché il ciclo fino alla sparizione dello Stato sarebbe illusorio, improponibile. Per costoro non è vero che divisione di classi vuol dire formazione di potere di Stato, ma il contrario; ossia che potere di Stato vuol dire formazione di divisione della società in classi; perché Stato vuol dire burocrazia, burocrazia vorrebbe dire privilegio, concussione, arricchimento, sfruttamento del povero. L’esatto rovescio. Marx scoprì che lo Stato è mortale, questi suoi pretesi fautori scoprono che lo Stato è immortale. E allora trovano ricetta non nuova: la lotta per liberarsi dallo Stato non è lotta politica per il potere centrale: è lotta per iniettare tra le cellule della presente economia quella di una economia futura, guardandosi dal fondare Stati e dittature, guardandosi dal fondare partiti, perché partito e politica vogliono dire fame di potere, fame di ricchezza, dirigenza del lavoro altrui e quindi sfruttamento degli sforzi altrui, e nulla conta quanto si deduce dalla storia dei modi di produzione, delle forze e risorse incessantemente nuove della produzione: tutto conta quanto si deduce dalla cattiveria della umana natura…[120]. Roba come si vede più che fradicia, e roba presentata con aria di trionfo da questi che sul serio si credono innovatori, sostitutori di teorie sorpassate, scopritori e duci di verità nuove. Questi fanno del binomio economia-politica non un dialettico rapporto ma un indefinibile pasticcio, e per la chiara impostazione del dato centrale sui capisaldi Classe-Stato-Rivoluzione fanno forse più male che i tradizionali nemici di Marx, Engels, Lenin, difensori dell’eternità dello Stato giuridico e politico, cui tanto spago sta dando lo stalinismo, e tanto flato.

Basta di costoro, ché altra è per ora la nostra via. Ci occuperemo di essi ancora, e localizzeremo le loro fonti, tra le quali distingueremo le nominabili dalle innominabili: e possono le prime essere quelle che solo in questo breve dopoguerra hanno col filone marxista avuto, sia pure senza successo e senza ulteriore speranza di averne, il primo contatto.

4 – Le due pretese anime di Lenin

Abbiamo dunque in tutto quel che precede detto sempre di quelle che furono le previsioni dei bolscevichi e di Lenin, oltre che sulla lotta per il potere nello Stato, anche sulle trasformazioni nelle forme economiche antiche che sarebbero seguite. Abbiamo lungo tutto questo cammino sempre sostenuto l’idea centrale che mentre nel metodo politico rivoluzionario le vedute erano assolutamente radicali, verso una inesorabile dittatura di classe ed un potere monopolizzato dal partito proletario comunista; invece le rivendicazioni economiche erano straordinariamente modeste, e per il più largo campo contenute nella trasformazione di istituti e forme feudalistiche in forme moderne analoghe a quelle dei paesi occidentali usciti da tempo dalle rivoluzioni liberali borghesi.

Con formula un poco esteriore ma al solito di buona utilità espositiva si può dire che passando dall’agone politico a quello economico passiamo da un Lenin estremista, che senza posa spinge il partito più avanti e a mete più complete, audaci e risolute, che spesso ad altri paion follie, ad un altro Lenin pieno di misura e moderazione, che raccomanda di andare adagio e non sostituire alla realtà sociale generose e verbali illusioni. La chiave di questo preteso enigma e sdoppiamento di «anime» in Lenin è quanto mai semplice e facile a cogliere: il socialismo in economia ha la sua base nello sviluppo dell’integrale moderno mondo capitalista ed imperialista, e non può svolgersi rapidamente che dopo il risultato «politico» di una possente dittatura internazionale della classe lavoratrice, del partito comunista mondiale.

In partenza nella mente di Lenin, come in quella di tutti i marxisti rivoluzionari di ogni paese, era ben fermo che in caso di mancata vittoria della classe operaia in occidente la via della rivoluzione di Russia era segnata: politicamente poteva andare oltre tutti i traguardi e travolgere senza esitare tutte le successive forme statali borghesi, scavalcando di un balzo poderoso i limiti di ogni costituzionalismo e di ogni democrazia parlamentare, applicando in tutta la sua estensione la dittatura di classe e di partito, gettando fuori dalle garanzie legali, sulle rovine di ogni menzogna di eguaglianza di diritto popolare, fino gli ultimi partiti borghesi e piccolo-borghesi, nessuno escluso.

Ove a questo appello grandioso non avesse il proletariato di Occidente risposto, di ben altra misura sarebbe stato il risultato della rivoluzione politica, quanto a forme sociali: i suoi passi, pure risultando grandiosi, si dovevano limitare allo sradicamento di forme antiche: feudali, patriarcali, semibarbare nell’immenso territorio, e ad una parallela azione nel contiguo Oriente, alla liquidazione di economie chiuse, locali, naturali, alla formazione di una circolazione economica interna nazionale, e di una partecipazione a quella internazionale più profonda di quella del tempo zarista col suo peculiare ma moderno imperialismo, all’ulteriore sviluppo delle forme produttive moderne nell’industria, nei trasporti. Come partiti politici e come gruppi sociali doveva la dittatura comunista fieramente punire i capitalisti e borghesi locali, e lavorare per prima scagliare contro quelli esteri i lavoratori rivoluzionari di Occidente, forgiando per essi armi teoriche e fisiche: ma i conti con la forma capitalista della grande produzione in Russia non si sarebbero potuti fare da pari a pari che dopo la Rivoluzione Europea; mentre difficilissima per il suo dialettico contenuto sarebbe stata la lotta contro l’interna piccola produzione e la meschina primitiva insidiosa macchina distributiva, lotta che era rovinoso non vincere, ma che sarebbe stata vinta alla maggior gloria della forma capitalista. Un uomo può essere grande fino al punto di capire questo, e Lenin lo fu: un uomo tanto grande da forzare questo passaggio non esiste: tanto meno potevano scoprirlo gli omuncoli che, liquidati i suoi migliori discepoli e compagni di lotta, presero il posto suo. E forse il senso dell’opera dell’uomo nella storia è di così ridotta portata che, se Lenin fosse vissuto, avrebbe parlato ed agito come costoro: morto, è rimasto nostro, e della Rivoluzione Mondiale.

5 – Programmi e decreti

Fino a questo punto abbiamo potuto discutere la prospettiva economica e sociale del partito di Lenin sulla base dei suoi programmi, delle tesi, delle decisioni dei congressi, di quelle proposte nelle adunate operaie, nei congressi dei Soviet. Da questo punto in poi abbiamo a disposizione doppio ordine di materiali: i programmi che il partito seguita ad elaborare, e i provvedimenti che esso fa attuare dagli organi dello Stato, le leggi, i decreti che vengono emessi. Si intende bene che tale materiale integra quello più importante dei dati effettivi dell’economia russa, dei mutamenti che nel suo quadro si verificano dopo la rivoluzione ed in rapporto alla politica del nuovo potere così come, anche prima, di somma importanza, a partire dagli studi degli stessi marxisti russi, sono stati i caratteri della società russa degli ultimi decenni e dei suoi dati di produzione, lavoro e consumo.

Ogni manifestazione del partito contiene inseparabili, ma in diversa misura, due elementi: quello descrittivo e scientifico su cui strettamente le possibilità immediate e concrete vanno innestate, e quello di agitazione che necessariamente deve andare più oltre, e porre maggiori rivendicazioni anche se di più lontano conseguimento. Quando dal programma di partito passiamo al decreto di Stato, nemmeno questo carattere di agitazione, che ha nelle fasi storiche attive e fertili primaria importanza, può totalmente sparire: in certi casi il rapporto può perfino invertirsi, ed essere meno radicale una tesi di economia teorica che internamente il partito, a sua guida, elabora, di un decreto che fa proclamare e che, oltre ad assicurare provvedimenti pratici, deve anche parlare alle masse, svegliarle e addestrarle a compiti di fasi ulteriori.

Senza di questo, mentre conserverebbe validità quanto dedurremo dagli effettivi accadimenti economici nei loro dati – quando se ne disponga – anche quantitativi, non sarebbe bene utilizzato tutto il materiale legislativo della nuova repubblica rivoluzionaria, non solo quando si tratta di dichiarazioni di principi e di diritti, ma anche quando si tratta di effettivi provvedimenti tecnici. E nulla sarebbe bene inteso se non si sapesse dare il giusto peso a questo elemento di agitazione rivoluzionaria, non diciamo solo legittimo ma necessario e inevitabile, inomissibile, tanto più che si parla al mondo intiero e al proletariato mondiale. Non si tratta di dare a questo dei modelli da imitare, ché anzi non devesi sottacere che le misure pratiche sono assolutamente spurie e ibride a petto di quelle che prenderebbe una repubblica proletaria tedesca o inglese. Ma si tratta che passo per passo, mentre si deve dire che la forma che si realizza è per avventura una forma del tutto borghese, si deve ricordare che se la si ammette e favorisce è solo per l’esigenza del cammino generale del mondo tutto, e quindi della Russia stessa in esso, verso l’integrale programma socialista, post-capitalista. Questo deve soprattutto applicarsi con vigorosa dialettica ai materiali della politica rivoluzionaria degli anni primi, degli anni con Lenin, nei quali la guerra guerreggiata col mondo capitalista era in piedi, sia perché i suoi emissari e agenti in Russia impugnavano tuttora le armi, sia perché i comunisti fuori di Russia miravano ancora al cuore del nemico, e potevano essere alla vigilia di avere nelle mani il potere totale, su macchine economiche della potenza ad esempio di quella germanica, ove i decreti del potere socialista, allo stesso modo, avrebbero preceduto di tempi di mezzo secolo quelli di Russia, e avrebbero dato al seriarsi di questi stessi un anticipo di un quarto di secolo almeno rispetto a quelli di una Russia isolata, preteso modello, berteggiato «paradiso».

Al tempo infame di oggi, della diplomazia, delle Nazioni Unite in cui un Lenin vivo mai sarebbe entrato, della coesistenza pacifica, della non aggressione, e perfino della emulazione internazionale, il linguaggio degli Stati è dai due punti cardinali lo stesso, scialbo, sordo e vile nella stessa misura, e anche la retorica che mai non manca a fianco di questi testi d’ufficio fa risuonare le stesse note, gli stessi ipocriti motivi; la forza di classe in atto o in potenza non è mai invocata, sì i valori popolari, progressivi, democratici, e del più scemo umanitarismo, lacrimato come dai coccodrilli da ambo i saggiatori sinistri di bombe acca.

6 – Piani della vigilia

Possiamo ora riferirci a due scritti di Lenin anteriori ad Ottobre e che fanno larga parte ad un programma economico. Essi precedono la fase della lotta armata per il potere ma sono interessanti perché descrivono la difficile situazione economica della Russia per effetto della guerra e delle rovine lasciate dal regime zarista, nonché dalla insipienza di quello borghese, e mostrano la possibilità di misure positive, che sono in fondo le stesse che i bolscevichi propugneranno dopo l’insurrezione vittoriosa e la salita al potere. Fino a questo punto Lenin tratteggia ancora la possibilità di una pacifica andata al potere dei Soviet, che erano ancora in maggioranza non bolscevichi: mentre solo dal principio di Ottobre 1917 egli porta tutta la sua opera sull’incitamento al partito a prendere senza indugio le armi per rovesciare, come ben sappiamo, il governo di Kerenski.

Il secondo scritto, datato 26–27 settembre / 9–10 ottobre 1917 ha per titolo: «I compiti della Rivoluzione», è più breve, ed ha pochi cenni economici, che sono assai più ampi nel precedente, intitolato: «La catastrofe imminente e come lottare contro di essa», datato 10–14 settembre / 23–27 settembre[121].

Da notare che, benché anche il secondo nel tempo, per ovvi motivi di agitazione e di polemica, parli dell’eventualità di una rivoluzione incruenta, è della stessa data il testo da noi largamente chiosato che dimostra come per i marxisti l’insurrezione è un’arte.

In «La catastrofe imminente», redatta da Lenin nel suo nascondiglio finlandese, si esamina dapprima la carestia dei generi di consumo e l’alta disoccupazione. Si dimostra che sono possibili misure utili per ridurle, ma la sola ragione per cui il governo «socialista» non le applica è il non recar danno ad interessi di proprietari terrieri e di capitalisti. Le misure che indica Lenin sono puramente: Controllo, vigilanza, censimento economico «da parte dello Stato». Egli condanna «l’inerzia totale» dello Stato rispetto alla vita economica: chiede in questa fase solo un indirizzo di «intervento» dello Stato centrale nell’economia. I provvedimenti pratici che non si vogliono applicare sono quelli senz'altro che tutti i governi borghesi belligeranti hanno applicato per fronteggiare pericoli analoghi nella crisi di guerra. Per le banche si propone la nazionalizzazione, o anche meno, la loro fusione in una Banca unica sotto il controllo dello Stato. Lenin spiega nettamente che tale misura non ha alcun contenuto socialista, perché consente solo allo Stato di sapere come va il flusso economico dei capitali e dei valori «senza togliere un kopeko a nessun proprietario» o depositante. Con questo controllo lo Stato può regolamentare la vita economica per evitare la crisi finale: America e Germania lo fanno egregiamente nell’interesse dei borghesi: i partiti russi della sedicente democrazia rivoluzionaria non osano né vorrebbero farlo nell’interesse delle classi povere.

Secondo punto: nazionalizzazione dei sindacati capitalisti. Si tratta dei trust, dei cartelli industriali, prodotti del moderno imperialismo ben noti in Russia anche sotto lo zar. Come altrove essi controllano produzione e consumo in date branche: zucchero, carbone, petrolio. Si tratta di sostituire a questi monopoli di gruppi privati il monopolio di Stato su detti rami. Tale misura non è ancora la statizzazione dell’azienda industriale (che nemmeno è socialismo) ma solo il trapasso dal gruppo privato allo Stato del meccanismo che è già in grado di regolare dal centro la produzione e il mercato di quelle merci: ciò farà lo Stato, imponendolo agli industriali, senza espropriarli con ciò dei capitali, né dei profitti.

Altro e terzo punto: abolizione del segreto commerciale. Senza di questo non è possibile alcun controllo di Stato e nessuna indagine sulle fughe di profitti e soprapprofitti. Altra misura odierna di tutti gli Stati borghesi con le varie polizie tributarie e indagini fiscali.

Quarto: la cartellizzazione forzata. Questo vuol dire che lo Stato, nelle branche dove non vi è monopolio e cartello che formi i prezzi di mercato, obbliga i padroni privati, tali restando, a sindacarsi tra loro. È citato l’esempio della Germania.

Tutte queste misure, minime e immediate, in un paese borghese con arretrati feudali, tendono ad affrettare il passaggio dal capitalismo di aziende autonome e concorrenziali a quello di monopoli di produzione e prezzi di imperio. Nei paesi borghesi odierni, e che si pretendono come l’Italia arretrati, di che si occupa l’imbecillità dei formali «leninisti»? Strillare perché siano aboliti i monopoli e titillati i «liberi» piccoli industriali e commercianti, e perfino i medi! Sunt lacrimae rerum!

Regolamentazione del consumo, ultimo punto. La Russia ha fin qui dal tempo zarista avuto come gli altri paesi in guerra la tessera del pane. Ma in tutto il campo del consumo i ricchi non ricevono dal governo alcun disturbo. Questo aveva in quel tempo elevato il prezzo di calmiere del grano e quindi del pane, il che vanamente gli stessi socialisti riformisti avevano deprecato: l’influenza di borghesi agrari e commercianti urbani sullo Stato lo aveva consentito al traditore Kerenski; qui l’economia di Lenin è spiccia: mettere il premier in prigione.

7 – Misure economiche immediate

Delineato il pericolo della bancarotta dello Stato e dell’inflazione monetaria, in questo schema di programma si propone null’altro che un’imposta sul reddito dei capitali fortemente progressiva, che esiste fin dallo zar ma diverrebbe non fittizia solo grazie ad un controllo proletario, al posto del controllo burocratico-reazionario proprio degli Stati esteri.

La parte polemica e politica di questo scritto già è stata da noi invocata. Non si tratta di proporre il socialismo, che non è possibile, ma di provare che i menscevichi e gli esserre non osano queste semplici misure pratiche perché temono di «marciare verso il socialismo».

Qui Lenin tratteggia quella dottrina, cui ricorrerà in tutta coerenza nell’opuscolo del 1921 «Sull’imposta in Natura» che dette luogo alla cosiddetta NEP e che dovrà formare nostro ampio argomento.

In guerra tutti gli Stati si sono evoluti verso un capitalismo monopolistico di Stato che i Kautsky chiamarono in Germania «socialismo di guerra». Non sarà altro, decenni dopo, il «socialismo» nazionale di Hitler. Questo apparato serve alla guerra e agli interessi del capitale. Ma questo stesso apparato, se lo Stato cadesse nelle mani della classe proletaria, servirebbe a lei.

Questi passi di Lenin mostrano come egli tracci il cammino delle forme successive, che la guerra imperialista aveva scatenato. Capitalismo privato. Capitalismo monopolista. Capitalismo monopolista di Stato. Qui siamo nell’«anticamera del socialismo», su quel «gradino della scala storica che nessun gradino intermedio separa dal gradino chiamato socialismo»[122].

Perciò Lenin afferma che
«la guerra imperialista è la vigilia della rivoluzione socialista».
E aggiunge:
«non solo perché la guerra con i suoi orrori genera l’insurrezione proletaria – nessuna insurrezione creerà il socialismo se esso non è maturo economicamente»[123],
ma appunto per la detta ragione dell’avvento sistematico del monopolismo. Questo (orrore degli odierni cominformisti) costituisce un «passo» sulla «strada» del socialismo.

Lenin guarda ancora qui alla rivoluzione europea. Rimprovera ai Kerenski e soci di evitare quei passi perché non vogliono il socialismo, ma quanto alla Russia precisa:
«è impossibile avanzare senza marciare verso il socialismo, senza muovere dei passi verso il socialismo (passi determinati e condizionati dal livello della tecnica e della cultura: non si può «introdurre» la grande azienda meccanizzata nell’agricoltura a piccola economia contadina, come non la si potrebbe sopprimere nella produzione dello zucchero)».

Messa così chiaramente la tesi delle indispensabili condizioni teoriche per il socialismo, Lenin rinfaccia la paura di esso che hanno i «destri». Essi ne affrontano il problema in modo scolastico, dalla dottrina che hanno imparata a memoria e mal compresa, come un avvenire ignoto, lontano, oscuro.

«Ma il socialismo ci guarda da tutte le finestre del capitalismo moderno; e il socialismo si delinea direttamente e praticamente in ogni provvedimento importante che costituisca un passo avanti sulla base di questo stesso capitalismo moderno»[124].

La previsione di Lenin è sicura. Coi dati dell’economia russa, se tali fossero magari non solo in Russia ma nel mondo intiero, si possono solo aprire finestre nel capitalismo, da cui guarda il socialismo: costruire il socialismo no. Stalin e soci hanno costruito, invero, moltissime di queste finestre, nelle officine delle grandi città industriali, nelle moli delle centrali idroelettriche. Ma il socialismo non ci guarda affatto in Russia dalle finestre delle case colcosiane dei contadini: esso in Italia ed oggi ci volge addirittura il tergo dalle finestre delle case, fabbricate in carrozzoni capitalistici e già rotte dalle intemperie, erette dal caro ai cominformisti (anche se diffamato per ragioni di elettorale bottega) Ente della riforma fondiaria.

8 – Compiti della rivoluzione

Riferimmo del testo così intitolato la descrizione della Russia come un paese nella maggioranza immensa di piccola borghesia. Non adesso ci chiediamo se dopo quarant’anni questa maggioranza sia mutata. Lenin ne deduce che la causa della rivoluzione dipende dalle alternanze di questa classe: se essa va coi borghesi anziché con gli operai comunisti, la rivoluzione cadrà.

Per deciderla a rompere con la borghesia senza che una dittatura strettamente operaia ve la costringa con la forza (come di fatto in larga misura avvenne, perché gli alleati dei bolscevichi furono contadini del tutto proletari, e non piccoli borghesi), Lenin ancora una volta elenca il programma sociale della seconda rivoluzione, che ha il diritto al nome di socialista perché pacifica non fu, e perché quel programma è tutto tessuto di «passi» in quel tempo e paese audacissimi verso il socialismo, ma di misure di contenuto non ancora socialista, se considerate come punti di arrivo, in quanto già attuate in paesi governati dai capitalisti.

Primo punto: Il potere ai Soviet. Punto politico, totalmente socialista, dato che i Soviet erano oramai sul punto di volgere le spalle agli opportunisti e coalizionisti con la borghesia.

Secondo punto: La pace ai popoli. Altro punto politico socialista: proposta immediata di armistizio e pace generale senza annessioni. In caso di rifiuto, denunzia dell’alleanza con l’Intesa. Lenin risponde alla minaccia che questa privi la Russia di aiuto finanziario (che sostiene i proletari russi come la corda sostiene l’impiccato) e alla minaccia di invaderla.

Terzo punto: La terra ai lavoratori. Questo punto, cui abbiamo dedicato ripetute trattazioni, sarà ovviamente ancora svolto, e il suo contenuto non è socialista nel senso economico (Lenin dirà più oltre: ci rinfacciate di avere adottato il programma socialrivoluzionario), in quanto in effetti vi è una marcia indietro tra programma e decreti. Qui non si dice né spartizione né nazionalizzazione, ma abolizione della proprietà privata fondiaria e gestione dei comitati contadini. Accenno alla distribuzione del capitale-scorte ai contadini poveri. Non è socialismo distribuire, come anche oggi, terre e capitali.

Quarto punto: Lotta contro lo sfacelo economico coi postulati di cui ai precedenti paragrafi in materia industriale finanziaria e commerciale.

Per l’ultima volta nella storia Lenin considera l’ipotesi di una rivoluzione pacifica, con
«elezione pacifica dei deputati [non dice dell’assemblea costituente ma vuol dire dei Soviet] da parte del popolo, lotta pacifica dei partiti in seno al Soviet, verifica pratica del programma dei vari partiti, passaggio pacifico del potere da un partito all’altro [nel Soviet]»[125].

È, per le necessità in ultima istanza della dialettica delle forze in un momento di instabile equilibrio, della polemica e dell’agitazione, la presentazione coraggiosa della «faccia complementare» della realtà storica.

Ma (nello stesso giorno partiva la lettera al Comitato Centrale sul marxismo e l’insurrezione) viene subito dopo la faccia diretta della previsione, che leggiamo oggi nella sua indicibile forza.

«Se non si coglie questa occasione [leggete da dialettici: se non accettate questo ultimatum, che canaglie vostre pari non possono accettare] la più aspra guerra civile tra la borghesia ed il proletariato è inevitabile, come dimostra tutto il corso della rivoluzione, cominciando dal movimento del 20 aprile fino all’avventura di Kornilov. La catastrofe [economica] inevitabile affretterà la guerra civile. Come lo attestano tutti i dati e tutte le considerazioni accessibili alla mente umana, le guerra civile finirà con la completa vittoria della classe operaia, sostenuta dai contadini poveri, per quanto possa essere sanguinosa e crudele, PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA SUESPOSTO».

Programma economico basso basso, perché anche la volontà rivoluzionaria non può violare le condizioni determinate dallo sviluppo delle forze produttive.

Dinamica rivoluzionaria altissima, al più alto potenziale che abbia fino ad oggi visto la storia della società moderna.

Nessun timore nel movimento glorioso del bolscevismo ad andare incontro a questa fiammante contrapposizione: farsi portatore di un programma inferiore socialmente a quello che si potrebbe prendere a prestito da una repubblica borghese progredita ed avanzata; svolgere una politica di classe tale da far tremare sulle basi tutto il mondo capitalista.

Allora, ed oggi e domani non meno di allora, una è la soluzione di questa durissima antitesi: lo scatenamento della guerra di classe nel seno dei più potenti paesi del capitalismo, la dittatura proletaria in Europa e nel mondo bianco, ed enormemente a questa più vicina la doppia rivoluzione dei popoli colorati, la cui teoria non può essere costruita con altro materiale che con quello che ci dà la chiave marxista dell’enigma russo: doppia rivoluzione politica borghese e socialista – società economica post-rivoluzionaria soltanto capitalista, e non socialista. Passo gigante che ha fatto la storia sulla via del socialismo mondiale.

Intermezzo[126]

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XVI)

Ricerca critica di parte e dialoghi col nemico

Saldatura autogena

Non trovi il lettore scocciante e faticoso il fare quasi ad ogni ripresa il punto di tutto il cammino. Pedanteria è termine che abbiamo ormai passato a titolo di onore, con altri vari e noti. Ordine, continuità e concatenazione derivano dal nostro attaccamento dichiarato e sempre crescente al metodo teorico di lavoro, e alla nostra esecrazione per l’opera improvvisata, contingente, occasionale, situazionista, ispirata da velleità, pruriti o disfunzioni biologiche nel cervello degli interventori; dalla caccia facile e beota al consenso, al successo, e basta.

La nostra trattazione sulla Russia era stata svolta per la prima parte (la lotta di classe per conquistare il potere e per difenderlo), ed appena iniziata per la seconda (svolgimento delle forme di produzione dopo la rivoluzione), quando è stata interrotta dalle tre giornate e sei puntate dello scritto dedicato all’indagine critica sulle manifestazioni, ovunque accolte come fatto clamoroso, del XX congresso del partito comunista russo. Collegandoci con il «Dialogato con Stalin» che si riferiva al materiale, in sostanza, del precedente congresso, abbiamo intitolato il nuovo studio «Dialogato coi Morti». Non solo perché Stalin intanto era morto, non solo perché era inscenato un macabro duello di lui con gli altri grandi Morti, con Lenin e Marx, ma perché anche tutti gli altri morti, definiti come vittime di Stalin, hanno avuto la parola. Ultimi noi, minuscoli e pochissimi, col grave difetto di ostinarci a crepare di salute.

Non resta ora che riprendere nello stesso ordine progettato il testo esteso, procedendo nella descrizione e spiegazione dell’economia russa ed esponendo le tesi già ben note, sia per l’esposizione verbale che per il riassunto dato nei numeri 15 e 16 dell’annata 1955.

Prima tuttavia di riattaccare come se nulla fosse stato, dobbiamo aprire un rapido interludio, gettare un ponte provvisorio, per la chiarezza del procedere e per rilevare che l’interruzione, se anche non pianificata, non è stata né arbitraria né inutile, ed è invece servita a ribadire la continuità ed organicità del metodo seguito nella ricerca e nella esposizione.

L’essenziale sono i congressi?

Gli eventi che hanno provocato i due «Dialogati» – ossia hanno fatto sì che, sospendendo la nostra interna ed unilaterale indagine di parte, di partito, di scuola oggi sia pure numericamente ridotta, ed archiviando in tutta umiltà quello che può sembrare freddo monologo di un gruppetto che non ha attorno a sé rumore ed attenzione, ci dessimo alla discussione, alla polemica, al contraddittorio con un interlocutore d’altro canto da noi stessi evocato, e che non aveva e non ha mostrato desiderio di accorgersi del nostro dire – si sono in sostanza ridotti a due congressi. Sono dunque per noi cose tanto fondamentali i congressi, in cui torrenti di voce e rivoli di inchiostro avrebbero finalmente virtù di solidificarsi come ossature della costruzione storica vivente? Sarebbero i congressi a fondare e a plasmare gli accadimenti? È chiaro a chi ci abbia per poco seguiti che mai abbiamo pensato o detto nulla di simile. Come per noi tale virtù non hanno gli individui umani, e nemmeno quelli considerati per la loro notorietà eccezionalmente possenti, così non l’hanno né i congressi, né i gruppi di uomini che li sovrastano, e talvolta si pensa che li inscenino come valenti registi. Nemmeno il congresso fa accadere quel che vuole, realizza quel che pensa. Né esso né i suoi capi sanno quel che verrà, né soprattutto dicono quel che vogliono.

Ma in dati svolti, come questi due sono stati, molto si può leggere in quanto un congresso o altro vertice politico di organizzazione ha detto, molto e ben diverso da quello che i suoi attori pensano, dicono, o desiderano che si capisca.

Ed infatti i due svolti e le relative enunciazioni, ieri di Stalin, oggi di una mano di suoi spirituali figli, su cui tutta la banalità dell’opinione mondiale si getta per intendere che vi è di nuovo, che si prepara di nuovo, sono a noi serviti ad opposto scopo: dedurne le conferme di una teoria dello sviluppo russo da noi stabilita da gran tempo, perfettamente opposta a quella «ufficiale» del sistema politico e statale russo sotto Stalin e ancora peggio dopo Stalin.

Silenzi spezzati

Non certo per sciocca vanagloria ci preme mostrare, prima di riprendere il cammino del nostro studio alla pagina interrotta, che le risultanze del congresso ultimo sono venute, anche più presto di quanto fosse atteso, a dar conferma a quelle nostre posizioni che, immaginando di discutere con il «Grande Stalin», gli avevamo nel 1952 duramente contestato.

Converrà pregare i lettori di riguardare la prefazione e le prime pagine del volumetto allora edito, e da ciò resterà anche chiarito il problema testé posto, del peso che deve darsi ai congressi.

A nostro avviso, fin dal 1926 si pone il distacco del grande movimento russo cui si dà il nome di Stalin dalla linea marxista rivoluzionaria, e quindi anche da quella di Lenin. Fin da allora noi vivi-morti (Trotsky, Zinoviev, Kamenev, ecc.) negammo che il partito in Russia dovesse o potesse «edificare socialismo» come ripiego alternante al declino dell’onda rivoluzionaria occidentale; e affermammo che la società russa era addirittura preborghese e che, in quanto la sua economia poteva essere diretta, ed in mancanza della rivoluzione operaia europea, solo programma poteva essere quel «passo verso il socialismo» che consisteva nello sviluppare le piene forme mercantili capitaliste col traguardo estremo di un capitalismo statale nell’industria.

Stalin e i suoi sostenevano una tesi più radicale: ossia quella che (si fregassero i poco rivoluzionari proletari esteri) in Russia si sarebbe fatto il socialismo nell’economia senza aspettarli. Questa tesi, luridamente opportunista, era sventuratamente fatta per accecare molti militanti non «opportunisti», ma solo impazienti e formalisticamente, sentimentalmente estremisti. Noi, metterci a fare del capitalismo?! Orrore! Il tipo di questa categoria è il grande Bucharin, che ha dato filo da torcere a Lenin per tutta la vita: Noi, firmare la pace con gli imperialisti tedeschi?! La situazione divenne poi ben chiara quando non solo anche Bucharin fu trucidato, ma bollato sotto la vergogna non pure di traditore opportunista, ma di agente provocatore del capitale straniero.

Compagni alla Bucharin ne esistono ancora; in effetti possono fare tanto male, quanto gli opportunisti autentici. Per definirli, si è adottata da tempo la parola coniata da Lenin: infantili, cui si è dato significato oltraggioso laddove Lenin definì l’estremismo come mallatìa di infanzia, ossia di fisiologica crescenza del vigoreggiante comunismo. Per opporli all’opportunistico puttaneggiare di destra, chiameremo tali compagni con l’epiteto di casti. Attenti a non contaminarsi: condannerebbero col loro metodo il partito ad eterna sterilità, anche per quel momento supremo in cui la «ionizzazione della storia» chiama finalmente in campo senza veli il loro «dualismo semplicista», da essi ridotto, da punto di arrivo e di conquista, a chiave magica di tutta la storia.

Comunque, ora questo ci preme: messi i suoi contraddittori a tacere, lo stalinismo per un quarto di secolo abbandona quel dialogo storico; chiama socialismo la sua pratica di direzione economica statale. Siccome tutta la canea capitalista gli tiene pieno bordone, e per odio al socialismo contro di lui si arma di odio e di ferro, il regime e il partito sovietico non discutono affatto la posizione, schifata come «teorica»: Non è forse l’economia socialista, la società socialista, una cosa con cui la situazione russa nulla ha di comune?

Le cose e gli uomini

In questo assorbente conflitto traverso paci e guerre spaventose i pochi e ignoti che affermano: Il socialismo lì non v’è, non vi può essere, sono ridotti a monologare, non hanno con chi dialogare, e se un’eco sollevassero sarebbero facilmente raggiunti al Messico e altrove.

Perché, dunque, nel 1952, Stalin si mise a rispondere su questo? Pretese sul terreno della teoria confrontare le leggi dell’economia capitalista con quelle di un’economia socialista che a suo dire esisteva nel sistema russo? Messa la questione così, la risposta si cerca nella solita direzione: Distrazione? Errore? Finalità occulta? Piano segreto e diabolico? Noi cominciammo, da marxisti, a porre la domanda altrimenti: perché ha Stalin dovuto così risponderci, senza avere nemmeno l’idea che esistessimo?

Scrivemmo nel «Dialogato» con lui:
«Stalin risponde sui punti posti in due anni dal nostro movimento […]. Non intendiamo con questo dire […] che si sia rivolto a noi […]. Non si tratta, per marxisti, di credere che le grandi discussioni storiche abbiano bisogno di protagonisti personificati […]. Egli è che i fatti, e le forze fisiche, dal sottofondo delle situazioni, prendono deterministicamente a discutere tra loro…»[127].

Noi tendiamo a questo risultato (che era alla portata di chiunque abdicasse alla stupida fregola di prenotare un posto nei palchi reali della storia), di avere impostata una anonima discussione tra i fatti e le cose, svolta da vivi e da morti che si contava dormissero l’eterno sonno dell’infamia (infame: chi non può più parlare e di cui non si può più parlare), che ha inchiodato – non certo per forza di soggettivo merito, ma per avere intesa la via delle forze oggettive – e condannato l’avversario a venire nolente su quei temi che riteneva avere per sempre portato sotto il peso soffocante dell’ombra.

Fin da quattro anni addietro il sistematico sviluppo della originale posizione marxista ci permise di anticipare su quali vergognosi termini si sarebbe edificata la preveduta confessione, che dicemmo apparentemente fronteggiata e frenata, ma in realtà preparata da Stalin, sulla natura non socialista di quella economia. Avvertimmo quindi con quali sozzure si sarebbe presentata una tappa ulteriore, che nel XX congresso ha preso la viscida formula delle nuove vie di passaggio al socialismo, lubrificata con l’ipocrita condanna di quelli che si definiscono oggi non tanto gli errori, quanto gli orrori di Stalin.

«I metodi di repressione, di stritolamento che lo stalinismo applica a chi da ogni parte gli resiste non devono dare appiglio alcuno ad ogni tipo di condanna che menomamente arieggi pentimento rispetto alle nostre classiche tesi sulla violenza, la dittatura e il terrore, come armi storiche di proclamato impiego; che lontanamente sia il primo passo verso l’ipocrita propaganda delle correnti del ‹mondo libero› e la loro mentita rivendicazione di tolleranza e di sacro rispetto alla persona umana. I marxisti, non potendo oggi essere protagonisti della storia, nulla di meglio possono augurare che la catastrofe, sociale politica e bellica, della signoria americana sul mondo capitalistico. Nulla quindi abbiamo a che fare con la richiesta di metodi più liberali e democratici ostentati da gruppi politici ultra-equivoci, e proclamati da Stati che nella realtà ebbero le più feroci origini, come quello di Tito»[128].

Nel pieno sviluppo di una linea diritta e coerente, non ci hanno quindi affatto commossi o scossi gli insulti dal XX congresso al nostro gran nemico Giuseppe Stalin, perché diretti soltanto a fornicare con la democrazia mondiale, ad avviare i complimenti servili alla libera America mediante quelli al diffamatissimo capo dello Stato jugoslavo. La surrogazione e sostituzione delle persone, cui solo guarda la morbosa attenzione del mondo, sempre meno influisce a nascondere la contrapposizione inconciliabile tra i metodi dell’opportunismo e quelli, cui ad ogni tappa più si volgono le terga, della lotta rivoluzionaria.

La via della Russia

La storiella della via «nazionale» per il socialismo puzza di fradicio da un secolo. Fino al «Dialogato con Stalin» questa questione della via violenta o pacifica non si era ancora osato scoprirla: la pietra angolare della dittatura proletaria non era stata ancora insidiata con le mine pacifiste. Stalin nel suo ultimo scritto adombrava ancora questa posizione:

Tra forma capitalista e forma socialista, è la forza che deciderà. Dal 1926 noi abbiamo dichiarato di soprassedere al suscitamento della guerra interna di classe all’estero. Tuttavia alla vigilia del 1939 dicevamo ancora che avrebbe deciso la forza bellica; sotto forma di vittoria in campo dell’esercito rosso e russo. Dopo la disfatta dei tedeschi facemmo credere agli operai del mondo che per una tal via avremmo abbattuto l’America. Oggi (1952) siamo per la pace, ma difendiamo ancora la tesi di Lenin: la fine delle guerre sarà data dalla caduta del capitalismo e dell’imperialismo. E la terza guerra imperialista scoppierà tra le potenze estere, anche se noi ci dichiariamo pacifisti e non la faremo se non «aggrediti». Così Josif.

La teoria della forza come «via di passaggio al socialismo» veniva così ritirata dal campo internazionale; ma, dicendo che solo la caduta del capitalismo avrebbe posto fine alle guerre, si mostrava ancora di credere alla via della forza all’interno degli stati.

Oggi il passo indietro è più vergognoso: si dichiara nel campo internazionale attuabile la pace perpetua con i paesi capitalistici, o tra essi. Si dichiara inoltre di ritirare la teoria della forza dal campo sociale: tale viltà Stalin non l’aveva consumata ancora.

La via della forza, la teoria della forza, espulsa ovunque, resta in piedi per due soli casi storici eccezionali. Nel passato, per la rivoluzione russa, che era di un suo tipo speciale, nazionale! Nel futuro, se la pace non si impone per emulativa convinzione, nel solo caso che vada difesa la patria russa da un «aggressore»! Così il XX congresso.

Crediamo importi far notare come tutto questo sviluppo sia esaurientemente giudicato e spiegato dalle connessioni tra il primo «Dialogato», lo studio generale sulla Russia, e il «Dialogato» di oggi.

Russia e marxismo classico

Perché avrebbe la Russia dovuto percorrere, essa sola, la via della forza per andare al socialismo?

Nella riunione di Bologna esponemmo e rivendicammo la visione del primo marxismo europeo sulla «strada russa». Nessuno allora si chiedeva: la forza o la pace?

Questo vecchio sogno dell’evitamento della forza – partimmo di lì – ha tre tappe.

Per il cristiano la meta è raggiunta da duemila anni; occorre solo un’emulazione persuasiva tra uomini e tra genti per proseguire la vita dell’umanità. È il religioso il precursore della teoria della pacifica coesistenza tra il potente e il debole, il ricco e il forte, la gente A e la gente B…

Per il borghese liberale occorre per togliere di mezzo l’uso della forza ancora una tappa, ma una sola, sanguinosa: la rivoluzione che abbatta i regimi feudali e assolutisti. Dopo ciò, tra cittadini eguali, la generale coesistenza sarà possibile; e tra popoli liberi idem con patate.

Il marxismo richiama per una terza volta il compito della forza nella rivoluzione di classe entro ogni paese: non esorcizza la forza nelle guerre tra stati, ma stabilisce che solo la vittoria proletaria internazionale porrà loro fine; non forme di accordo, intesa, rispetto o organizzazione mondiale.

Caso della Russia: consenso unanime di borghesi liberali e proletari marxisti dell’ottocento: occorre la forza per buttare giù lo zar.

Problema storico: si può con questa stessa rivoluzione passare al socialismo saltando il capitalismo? Risposta (qui richiamiamo per cenni quanto svolto a fondo nei riflessi sociali e storici): no, non si potrà saltare il capitalismo.

Se tuttavia la rivoluzione liberale russa scatena la rivoluzione sociale in occidente, e se non è dubbio che qui e ovunque la via sia la forza (come solo i revisionisti e i socialdemocratici verranno in fine ottocento, tradendo Marx, a negare) allora le due rivoluzioni in Russia potranno sovrapporsi. Ma se l’Europa, dopo caduto lo zar, resta borghese, la conclusione è che la forza deve agire in Russia anche una seconda volta, così come nel «caso generale».

Via russa e marxismo russo

Venimmo quindi a spiegare a lungo come i marxisti russi, Plechanov e poi, anche contro questo suo maestro, Lenin ribadiscono la teoria della doppia forza, della doppia rivoluzione russa.

Questa teoria non si smuove di un passo dal punto che la seconda rivoluzione russa abbisogna come condizione della rivoluzione socialista occidentale. La sua originalità, se tale è, è solo quella di non dar credito alla classe borghese e ai suoi partiti, ai ceti medi e ai loro partiti, nemmeno per fare la prima delle due indispensabili rivoluzioni.

Il proletariato e il suo partito marxista le condurranno entrambe. Prima aiuteranno chiunque a rovesciare lo zar. Poi avranno dalla storia due alternative: o prendere il potere mentre lo prende all’estero il socialismo internazionale, e allora «amministreranno» la trasformazione socialista dell’economia. Ovvero prenderanno il potere soli in Russia: allora (fu sempre detto crudamente, e ne abbiamo dato mille prove storiche) attenderanno la rivoluzione internazionale «amministrando» la trasformazione della società russa in capitalismo. Come stabilito dallo scontro dottrinale del 1926, non «edificheranno il socialismo», ma «le basi del socialismo».

Questa presa del potere contro i partiti borghesi e piccolo-borghesi, con il solo appoggio sociale dei contadini poveri (non proprietari) e con una politica economica di tipo transitorio e impuro, fu prevista nettamente, ed attuata come una vittoria del socialismo, ma non come la nascita di una società socialista.

Tutto ciò stabilito nella dottrina e riscontrato negli avvenimenti, in che la via russa differirebbe da quella di altri paesi, più avanzati come struttura produttiva?

In questo solo, che la dittatura proletaria di Marx è necessaria due volte, in doppio modo: in un primo periodo in cui serve solo a ributtare le forze feudali e ad abbattere la forza politica della borghesia, in un secondo in cui servirà al passaggio, come in Europa, e con l’Europa o i suoi paesi più importanti, alla forma economica socialista.

Via europea, italiana o di vattelapesca

Non dubitiamo che in un primo tempo a compagni anche ferrati non sarà sembrato sicuro che la posizione fondamentale giusta fosse quella di dire: Si deve ottenere un’economia capitalista, non socialista, nella Russia sola; e dichiarano. Non è questa una tesi troppo debole? avranno molti pensato. Molti avranno ammesso la nostra prova dottrinale contro Stalin che la forma russa, anche nell’industria, ha carattere capitalista e non socialista, ma in un primo tempo saranno stati condotti a dire: Stalin è un porco, perché ha edificato capitalismo. Ha sapore più dialettico la posizione completa: Stalin è un porco (lasciamo la forma sommaria) perché ha abbandonata la rivoluzione europea, e perché chiama socialismo una forma borghese, mentre Marx e Lenin e tutti avevano stabilito che solo con la rivoluzione europea si poteva da quella forma uscire.

Adesso si vede bene, dopo la clamorosa gettata fuori bordo della dittatura per i paesi capitalistici, dopo il ripiegamento quanto a «filosofia della violenza» su posizioni puramente liberali, peggio ancora che socialdemocratiche, quale sbandata fu quella dei casti, che con Bucharin, dando causa irreparabilmente vinta allo stalinismo, dunque alla controrivoluzione, affermavano che, avendo la dittatura politica ferma in mano, non si sarebbero fermati e avrebbero a dispetto di tutto «creato il socialismo».

Stalin nel XIX congresso dichiarò che ormai questo era fatto, e che ci si accingeva a passare allo stadio superiore, al comunismo integrale: il mondo borghese rifischiò ovunque l’enorme panzana.

Il XX congresso, pure facendo strame dell’opera storica, politica. organizzativa, economica di Stalin, nei limiti in cui questa ancora era tale da far passare brividi marxisti nelle schiene borghesi, mantiene ancora la definizione di costruito socialismo, e di iniziato stadio comunista, mentre tende ai capitalismi esteri passerelle mercantili di affaristico fornicamento.

In questo stesso piano ed intento, porge le scuse di avere in Russia dovuto servirsi di dittatura, forza, violenza, terrore, e dichiara che sono arnesi di uso esclusivo, come lo knut. Era un affare interno, nazionale; quel solo superstite esempio storico di dittatura che si salva (mentre impudentemente si dice di lasciare Stalin per ritornare nel grembo di Marx-Lenin) bisogna riferirlo non ad una generale dottrina della fine del capitalismo, fondata da Marx e restaurata contro ogni attentato da Lenin, ma alle dottrine della fine del feudalismo, a Robespierre e a Danton. Marx è ridotto a zero, mentre si ostenta di togliere via i ritratti di Stalin e sbandierare la sua turbolenta barbaccia. Si promette al mondo borghese che la dittatura non la vedrà mai, perché le vie sono tante e tante, e solo quella russa era così amara e cattiva. È poco ancora la scusa: c’est la faute à Staline – quei signori del XX dicono di più: c’est la faute à… Raspoutine![129].

La chiave di volta

Consentiamoci dunque di guardate alla nostra umile, lenta, ma saldissima costruzione. È palese nell’ultima tappa la rovina di ogni parte storica, organizzativa, politica classista. Nelle giornate dell’ultimo «Dialogato» abbiamo mostrato l’estensione della rovina.

Storia: ci siamo nel nostro resoconto serviti passo per passo dell’ufficiale «Corso di storia del partito bolscevico», dimostrandone le enormi falsità: oggi l’ostacolo crolla davanti a noi spontaneamente. Il seguito del nostro testo prenderà un altro tono: piccola prova che non nasce da teste brillanti, ma dalla fedeltà al determinismo materiale.

Organizzazione: ad ogni tratto abbiamo messo in evidenza il compito del partito di classe, la necessità che sia continuo nel tempo, legato ad una stessa teoria: oggi abbiamo potuto mostrare come, non appena allentati i freni, sia pure tra ipocrite ortodosse dichiarazioni di rispetto, le affittate bande di social-traditori corrono a disonorare questa non meno fondamentale «pietra angolare» di cento anni di marxismo.

Lotta di classe: non si vede solo sconfessata la guerra civile, ma resa regola generale l’alleanza con classi medie e anche borghesi, nei limiti legalitari e costituzionali più proclamati e sacri.

Politica e teoria dello Stato: si vede distrutta la dottrina dello Stato di classe e della conquista del potere: come dicevamo, forza, violenza, dittatura e terrore sono cacciati via con indignazione da tutto il mondo: giustificati nella sola Russia. Ma qui non è eccezione tra le vie al socialismo; è conferma della regola per le vie al capitalismo, in Inghilterra, Francia, ovunque, e Russia infine! La teoria dell’autonoma rivoluzione proletaria è ritirata al mille per mille.

Filosofia: ogni dottrina sul generarsi della storia dalle forze collettive adagiate sulle situazioni economiche è barattata: abbiamo a fondo mostrato come nulla di ciò è salvato dal capolavoro dell’ipocrisia in questo congresso: il preteso svolto dal culto di Stalin alla direzione collegiale. Per Stalin vi è stato un solo svolto: il passaggio tra il suo tracotante atteggiamento verso le potenze borghesi, ad una piaggeria lubrica, ad un’offerta di buona coabitazione in un mondo comune, lupanare di affari del commercio borghese d’ogni riva.

Se ci è stato dato con tanta facilità di tratteggiare nel 1956 questo bilancio totalitario della calata dei guastatori in tutto il campo della nostra sovrastruttura ideologica, proletaria e marxista, ponendo in chiara luce il sostituirvisi in tutto e per tutto di sovrastrutture borghesi, è stato in quanto nel 1952 abbiamo constatato nella base economica del sistema di Stalin lo stesso totale abbandono delle posizioni socialiste e l’adesione alle leggi e forme di produzione e di scambio che definiscono il capitalismo e che allo stesso tempo abbiamo identificate nella realtà della forma russa, nella descrizione che Stalin ne confermava, e nella teorizzazione eterodossa e destituita di ogni forza scientifica che egli ne tentava.

È quindi di pieno valore determinista e marxista il legame indissolubile che stringe la fase storica che si vuol impersonare in Stalin e nella sua vita politica, con la corrente di quelli che, sulla scena del XX congresso, si sono voluti accreditare atteggiandosi a rinnegatori di lui.

In tal senso, la scuola del marxismo integrale dà peso a questo svolto, che ha attirato l’attenzione del mondo, e ne ribadisce la portata in nuovi passi verso l’altro svolto col quale, in non lontano avvenire, il regime statale russo si allineerà storicamente con quelli degli altri paesi, dichiarerà che la sua ideologia e la sua pratica coincidono con quelle dei paesi industriali esteri, e con quanto essi anche denunziano di socialità assistenziale, di sporca lode e gratitudine sociale alla classe soggetta a servitù di salario, di devozione al comune moderno stupido idolo della tecnica superproduttiva, del benessere e dell’alto reddito «nazionale».

Salpando l’ancora

Nell’esposizione storica, alla quale torniamo dopo avere non solo narrato tutte le vicende delle fasi rivoluzionarie successive e di quella finale di difesa del potere nella guerra civile dal 1917 al 1922, ma soprattutto dato passo passo l’interpretazione bolscevica e leniniana del processo che si svolgeva, siamo dunque appena passati allo studio delle misure sociali del nuovo potere, in quanto tendenti a controllare il processo economico.

Abbiamo stabilito e dobbiamo seguitare a stabilire una sicura coerenza tra queste «realizzazioni» e la teoria sempre svolta dal partito di Lenin, lui vivente, e poi rivendicata nelle varie tappe fino al 1926.

Siamo risaliti a testi di programma economico dovuti a Lenin e scritti alla vigilia dell’Ottobre, per mostrare quanto fosse chiara la prospettiva di dovere operare in una forma sociale mista di tipi preborghesi, in cui restavano da superare avanti tutto forme asiatiche, patriarcali, feudali, e per la quale la formazione sistematica di un mercato interno di scambio di prodotti industriali e agrari era ancora un passo avanti non solo, ma difficile e laborioso, fino a quando il capitalismo avesse imperato un metro oltre le frontiere della repubblica rossa.

In quell’opuscolo del 1917 è contenuta tutta la teoria posta a base dello scritto del 1921 sulla «imposta in natura», che ora si tratterà di utilizzare a fondo, costituendo uno dei fondamentali contributi di Lenin al marxismo.

Lenin né la Russia (né la storia) hanno nel 1921 deciso di fare un passo indietro, rinunziando a seguitare a prendere misure statali di contenuto comunista e socialista per dare il passo al «ritorno» su forme borghesi. Quella fase era in dottrina integralmente scontata, e le misure prese ebbero lo stesso carattere politico di «passi verso il socialismo», ed economico di materiale e necessario passaggio per tappe ancora capitaliste, e meno che capitaliste.

È quindi il momento di sfatare la leggenda del «comunismo di guerra» che abbiamo più volte mostrato vana. Senza di ciò non resterebbe che partecipare alle lodi di Stalin, che sarebbe dalla Nep andato oltre contro la borghesia rurale (il che nel giusto senso è un fatto) e che con questo avrebbe «edificato socialismo» (il che è corbelleria). E senza di ciò bisognerebbe sorbirsi nientemeno che la feccia dell’ultimo calice, quello di un Nenni che sogna con prostituta gioia addirittura ad oggi 1956 l’uscita dal «comunismo di guerra»; e ne deduce la vittoria del «comunismo costituzionale», del «comunismo di pace»; ossia (da uomo che non ha scrupoli nel calpestare la dottrina, e che quando lo fa non lo sa neppure) cammina, e sia lode a lui, da buon antesignano della gettata nella fogna dell’ultimo lembo della bandiera del socialismo, e del partito del proletariato, in cui entrò col grimaldello!

Evitiamo simili mefitiche compagnie, ed auguriamo una non lontana riconquista, non di bandiere, ma delle nostre parole, di quel cibo che (come in una frase di Galileo vecchio e perseguitato) solum è mio.

Noi che non abbiamo culti seguitiamo a mostrare la via di Lenin, il cui sguardo fissa con uguale potenza la realtà presente e la futura: ritmo basso e umile di trasformazione economica, dinamica scatenata della guerra sociale contro ogni immane forza nemica.

Parte seconda (continua)[130]

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XVII)

Sviluppo dei rapporti di produzione dopo la rivoluzione bolscevica

9 – Ripresa a distanza

I primi otto paragrafetti di questa seconda parte del nostro studio sono quelli apparsi nel n. 4 di «Programma comunista» del 18 febbraio – 2 marzo 1956. Essi sono stati scritti prima che pervenissero le notizie delle discussioni nel XX congresso del Partito Comunista dell’Unione Sovietica.

La lunga interruzione ha coperto ben dieci numeri del periodico, e gli stessi sono stati così occupati: sei numeri dal «Dialogato coi morti»[131], studio del tutto inerente al tema e dedicato al commento al Congresso russo; uno, il n. 11, ad un «Intermezzo», destinato a saldare meglio l’interrotto resoconto dei rapporti alle riunioni di Napoli e Genova (aprile ed agosto 1955) con la continuazione, che solo oggi riprende; altri tre dedicati al resoconto della riunione di Torino, tenuta il 27 e 28 maggio 1956, nella quale si è voluto riandare con opportuni complementi a tutto l’argomento russo, oggetto della complessa elaborazione[132].

Vogliamo anche ricordare che la prima parte del rapporto Napoli-Genova, sulla struttura sociale della Russia, aveva per titolo: «La lotta per il potere nelle due rivoluzioni», e non si è arrestata alla conquista bolscevica nell’Ottobre del 1917, proseguendo per tutti gli anni della guerra civile, in cui si continuò in forma asperrima la contesa per il potere, su fronti multipli e spesso minacciosi per la Rivoluzione vittoriosa. In tal modo l’esposizione si estese agli anni memorabili 1918, 1919, 1920, e anche 1921.

In tale periodo il compito primeggiante del partito vittorioso non fu quello della trasformazione dei rapporti sociali, ma quello delle guerre civili, che si innestarono all’altro non meno tremendo di uscire dalla guerra delle nazioni col memorabile episodio storico di Brest Litovsk. Volta per volta abbiamo indicato e trattato a fondo le ripercussioni di tali stadi all’interno del partito, e illustrati gli altri grandi passi politici: la dispersione dell’Assemblea Costituente e la definitiva rottura con l’unico ultimo alleato: il partito dei socialisti rivoluzionari di sinistra.

Messi questi dati storici al proprio posto, siamo passati a studiare l’evoluzione delle forme economiche nella società russa, per effetto della distruzione del vecchio potere borghese-socialopportunista.

Con l’immutato metodo del costante collegamento ai nostri principi generali nel valutare il legame tra i fatti economici e quelli politici, ponemmo in rilievo, nell’esordire in questo secondo argomento, che un nuovo materiale storico stava ormai a disposizione: la serie dei provvedimenti e dei decreti del potere rivoluzionario in materia sociale. Nel periodo precedente, quando il partito proletario lotta all’opposizione, e quando come nel nostro caso e nel metodo tattico da noi propugnato esso rifiuta ogni blocco nell’esercizio del potere, anche programmaticamente, il solo materiale di cui disponiamo è materiale di propaganda, che va tuttavia dagli studi dottrinali ai programmi politici del partito. La fase della gestione del conquistato potere ci offre tuttora materiale del genere, ma in più quello dei provvedimenti di Stato e di governo. Notammo bene che anche in questo secondo campo, per un partito rivoluzionario, permane un compito e un dovere di agitazione e di propaganda in ogni atto del governare, che deve sapersi collegare anche ai più lontani obiettivi storici del partito, non ancora tuttavia attuali ed attuabili.

10 – Heri dicebamus

Dicevamo ieri, comincia il professore di mestiere anche quando riprende le sue lezioni dopo mesi. Ebbene, l’ultimo testo di cui ci servimmo nell’avvio della Seconda Parte fu un programma di Lenin circa i compiti sociali immediati, risalente a un mese prima della rivoluzione. E chiudemmo rilevando la potenza di un tale scritto in cui la cruda limitatezza delle misure proposte sul piano economico, tali che in ogni Stato borghese contemporaneo avrebbero potuto essere più avanzate, si accompagna alla profezia possente della vittoria dei lavoratori russi nella tremenda guerra di classe che si prepara.

Il lettore ricorda che quanto allora scrivemmo precedeva le dichiarazioni sensazionali del XX congresso, in cui, nello speculare su tutto lo speculabile, si è anche a quel classico testo fatto riferimento. E lo si è fatto con l’intento, più truffaldino di tutti quelli perseguiti da Stalin, sotto Stalin, e meglio in piena combutta con Stalin per tanti anni, di avallare con l’autorità di Lenin medesimo la «nuova» dottrina del passaggio «pacifico» al socialismo. Dove il falso è doppio: che Lenin volesse in quel momento non avanzare verso il socialismo, ma passare in Russia al socialismo – e che egli davvero avesse ammessa la scelta tra la lotta armata ed un procedimento incruento, per il debellamento dei nemici della rivoluzione: blocco tra monarchici, borghesi, e falsi socialisti della piccola borghesia.

Invero in quello scritto è il paragrafo «Lo sviluppo pacifico della rivoluzione». Esso è il finale, e chiude con le parole che noi riportammo; e che torniamo a riportare, con lo stesso inciso che allora intercalammo, prima, ripetiamolo, che il XX congresso lanciasse per il mondo le consegne del nuovo e più spregevole attentato alla grandezza incrollabile della dottrina «marxista-leninista».

«Se non si coglie questa occasione [leggete da dialettici: se non accettate questo ultimatum che canaglie vostre pari non possono accettare] la più aspra guerra civile tra la borghesia ed il proletariato è inevitabile, come dimostra tutto il corso della rivoluzione, cominciando dal movimento del 20 aprile fino all’avventura di Kornilov. La catastrofe [economica] inevitabile affretterà la guerra civile. Come lo attestano tutti i dati, e tutte le considerazioni accessibili alla mente umana, la guerra civile finirà con la completa vittoria della classe operaia, sostenuta dai contadini poveri, per quanto possa essere sanguinosa e crudele, per la realizzazione del programma suesposto».

Ribadivamo quindi la limitatezza sociale del programma «suesposto», per contrapporgli dialetticamente l’altezza gigante della previsione storica.

Né mancammo di notare, pur non avendo ancora tra i piedi un Chruščëv da sbugiardare con tutto il corteggio, come negli stessi giorni in cui questo scritto per il pubblico appariva, o meglio vari giorni prima (13 e 14 settembre v.s.) era partita la lettera al Comitato Centrale, testo interno di partito (reso pubblico solo nel 1921), dal titolo «Il marxismo e l’insurrezione».

In tale scritto Lenin rivendica la questione di principio che per il marxismo, e per il partito marxista, l’insurrezione è un’arte. Ciò al dichiarato fine di scongiurare la bestemmia che il mezzo dell’insurrezione possa da un marxista venire deprecato. Mentre aveva tale profonda preoccupazione, che gli dettò in quei giorni memorandi pagine di fuoco, poteva egli mai aver parlato di «occasione» per lo scioglimento «pacifico» della lotta altro che come mezzo di propaganda e di agitazione per finire di aprire gli occhi dei proletari e dei contadini sul compito storico delle forze borghesi ed opportuniste, ineluttabilmente dirette a spargere sangue e terrore perché la rivoluzione si fermasse, e rinculasse?

11 – Una tregua di classe?

Su due testi fondamentali è d’uopo che si faccia a quelli del XX congresso battere di bel nuovo il camuso naso.

I lettori scuseranno se l’economia sta ancora per qualche decina di minuti in anticamera. È la stessa questione. La macchina staliniana per fabbricare falsi storici è in miglior funzione oggi, che nelle stesse mani dell’inventore. E spezzando il falso politico spezziamo insieme quello economico: che Lenin avesse, lui, posto a compito immediato del potere bolscevico l’edificazione del socialismo. Infatti nel «Breve Corso» questa potente bugia di Stalin, ancora oggi in piedi, la troviamo subito:
«Nella primavera del 1918 comincia il passaggio 'dall’espropriazione degli espropriatori' alla nuova tappa dell’edificazione socialista […]. Lenin giudicava necessario approfittare al massimo della tregua [ma quale?] per cominciare a gettare le fondamenta dell’economia socialista…»[133].
Siamo lì, era più prudente il mentitore in capo che i suoi scagnozzi 1956. «Le fondamenta» sono un concetto giusto, la «costruzione del socialismo» una fesseria, che invano cercano in Lenin.

Comunque l’altra bugia, dell’aver Lenin messo una sospensiva all’insurrezione, alla dittatura, che oggi si lancia sfrontatamente, non la si trova nemmeno in quel florilegio della frode, che è il gettato alle ortiche, oggi, «Breve Corso». Figuriamoci! Fin dal clandestino VI congresso bolscevico del 26 luglio – 3 agosto fu dichiarato:
«Il periodo pacifico della rivoluzione è finito, è cominciato il periodo non pacifico, il periodo dei conflitti e delle esplosioni».
Dichiarato da Lenin, state per soggiungere, sicuri. Macché «dal compagno… Stalin»[134].

Un altro, signori del XX, errore di Stalin?

Vediamo ora quale razza di occasione Lenin indicò alle canaglie dei partiti social-traditori di agosto nello scritto «economico» su «I compiti della rivoluzione». Il paragrafo precedente a quello sullo «sviluppo pacifico» si intitola: «Lotta alla controrivoluzione dei proprietari fondiari e dei capitalisti».

Ci scusiamo di ricordare la situazione. Il potere era nelle mani del governo provvisorio di Kerenski, appoggiato, oltre che dai liberali borghesi, dai partiti socialdemocratico e socialista rivoluzionario. Questi avevano nel Soviet la maggioranza contro i bolscevichi, e avevano consegnato il potere al governo provvisorio. Il primo tentativo armato dei bolscevichi di prendere il potere era stato in luglio schiacciato, e Lenin era nascosto.

Lenin parte dalla rivolta successiva di Kornilov e Kaledin che, appoggiati dai fondiari, dai capitalisti e dal partito borghese dei cadetti, avevano tentato di abbattere il governo provvisorio, ma nel settembre erano stati battuti dal «fronte unico» cui i bolscevichi avevano dato appoggio.

Lenin stabilisce che vi saranno altri assalti controrivoluzionari, e che non vi potrà mai resistere il governo provvisorio, ma solo il potere dei Soviet. E allora prospetta a questi, in cui i bolscevichi erano minoranza, l’ultima possibilità di evitare lo scontro tra i partiti dei compromessisti con la borghesia, ed i bolscevichi, assumendo (senza partiti borghesi) il potere.

Una tale decisione è dunque indirettamente rimessa ai due partiti di maggioranza: menscevichi e socialrivoluzionari. Ma che significava, secondo la «proposta» di Lenin, prendere il potere da parte dei Soviet, tutto il potere?

Anzitutto, toglierlo al governo di Kerenski, il quale era un socialrivoluzionario! Già citammo «ficcare il premier in prigione»! Poi avrebbero dovuto (tra l’altro), questi «democratici» per la pelle, chiudere le tipografie dei giornali controrivoluzionari borghesi, confiscarle, riservare la stampa e la pubblicità allo Stato.

Per quindi dimostrare che al potere dei Soviet, in Russia, nessuna forza avrebbe potuto resistere, Lenin ne spiega il compito con queste altre parole:
«Per vincere la resistenza dei capitalisti al programma dei Soviet basterà far sorvegliare gli sfruttatori dagli operai e dai contadini, e punire i recalcitranti con la confisca totale dei loro beni e con un po’ di prigione»[135].
Un po’, s’intende, in caso di capitolazione! Insomma quello che Lenin propone ai Soviet, e solo in senso polemico agli opportunisti che ancora (ma per poco) li controllano, è di applicare in sostanza le forme della dittatura, cui erano pronti i soli bolscevichi, anzi, come i fatti mostrarono, non tutti questi, e neppure i più del Comitato Centrale!

Questa estrema diffida di Lenin non conteneva menomamente l’ipotesi storica di un governo comune ai partiti presenti nel Soviet, ed aveva dialettico sapore di derisione l’offa mostrata ai socialdemocratici di assicurare l’elezione della Costituente (era fin dalle «Tesi di Aprile» che Lenin l’aveva, contro le incredibili deflessioni di Stalin e compagni, condannata per sempre!) pagando il prezzo di sposare la tesi comunista: tutto il potere ai Soviet! Ed infatti Lenin parla più oltre dell’eventuale «passaggio pacifico del potere da un partito all’altro» e di «lotta pacifica», ma in seno ai Soviet!

Subito dopo egli leva la dichiarazione, prima riportata, della ineluttabilità della guerra civile. Ha dovuto parlare come ha parlato solo per dare l’ultima spinta ai partiti dei traditori, e sconfiggerli nei Soviet; solo per stabilire che ai marxisti rivoluzionari la guerra sociale serve non per sete di sterminio, ma per la dimostrata fatalità che i partiti borghesi e piccolo-borghesi alleati, prima di cedere il potere, sia pure alla «volontà del popolo», ricorrano sempre al bagno di sangue.

12 – Teoria della guerra civile

Per liquidare questo osceno tentativo di spezzare con documenti falsi la gloriosa linea di Lenin, serrata nelle linee indefettibili della dottrina e della manovra politica, condotta senza pause e interruzioni tra le pagine dei libri e dei giornali e le raffiche delle mitragliatrici degli insorti, va, prima di procedere oltre, richiamato il senso dell’altro contemporaneo testo sull’insurrezione; pure avendo noi già commentato a fondo questa serie di documenti, che urgono e pungolano il Comitato Centrale per lo scatenamento dell’assalto, nella precedente trattazione.

Allora non avevamo davanti questa nefandezza ulteriore, che oggi si perpetra al Cremlino, di prospettare la via dell’insurrezione come propria, al più, della rivoluzione in Russia, ma disertabile negli altri paesi.

Quando Lenin comincia giustamente a preoccuparsi che la Centrale del partito bolscevico, scottata dalla sconfitta del luglio, e anche deviata dall’euforia della vittoria strappata su Kornilov con la tattica (rapidamente transitoria) del fronte unico con tutti i partiti operai-contadini, esitasse a dare l’ordine di far ricorso alle armi per abbattere il governo, egli teme che le obiezioni si riferiscano non a ragioni contingenti della situazione russa, ma ad un’esitazione di principio a proposito del metodo dell’insurrezione, alla tema dell’accusa di «blanquismo» e di «non marxismo»[136].

Nella possente sua indignazione egli vede già levarsi davanti a sé la bestia oscena dell’opportunismo, vede levarsi gli argomenti dei Kautsky, dei social-sciovinisti del 1914 che, con indescrivibile rabbia di ogni rivoluzionario marxista, al fine di avviare milioni di proletari ad essere sgozzati al servizio delle borghesie patrie, avevano osato sostenere che i dettami di Marx vietassero al proletariato di abbattere con la forza e col sangue un potere che per avventura fosse suffragato tuttora dalle menzogne dei mandati parlamentari.

In poche pagine irruenti Lenin sventra la questione come questione di principio, come questione europea e non russa, con dati che Marx ed Engels hanno stabilito fin dal 1848 per tutti i paesi del mondo capitalista, respingendo con ciò la versione di tanti insensati, di allora e degli anni successivi, che solo nel 1917 e nel quadro russo fosse stata costruita la dottrina formidabile della presa violenta del potere, dell’insurrezione guerreggiata, della dittatura e del terrore.

Con quella lettera indimenticata e indimenticabile Lenin discute del «passaggio al socialismo» non per l’Ottobre 1917 e per la Rivoluzione di Russia, di cui sono evidenti tutte le «particolarità» a chi come noi la studi, ma ai fini della vittoria di tutti i proletari, in tutti i paesi capitalistici.

Egli uccide l’ipotesi velenosa che pur in un solo paese possa levarsi un partito marxista, che cancelli dalle sue tavole programmatiche l’arte della forza.

Ed oggi sarebbe ritorno a lui – e a Marx, che qui e in mille altri luoghi difende dalle secolari offese – stabilire, dopo aver chiesto lurida scusa della immortale gloria di Ottobre, che vi sono altre vie, e vie di pacifica strisciata ai piedi della classe sfruttatrice, per passare al socialismo; vie buone nell’altra Europa, negli altri continenti; prescrivendo a questa umanità presa dal delirium tremens e dalla follia del suicidio di specie, rispetto a cui quella del 1914 aveva volti da Campi Elisi, l’anestesia storica, la Rivoluzione indolore!

Né ci occorrerà molto citare, sul volto impunito dei rivendicatori di marxismo-leninismo, dei ringentilitori della ferocia di Stalin, degli «anestetizzatori» dei lavoratori in rivolta a Poznan, delle rivolte scoperte ed annunziate come «già liquidate» in nome delle vie pacifiche (e perché poi non lasciare campare in un gabbiotto, per mostrarcelo a tutti e stabilire da quale pianeta è calato, almeno uno degli «agenti dell’imperialismo»… emulativo?).

13 – Marxismo internazionale

«La menzogna opportunista secondo la quale la preparazione dell’insurrezione, e in generale il considerare l’insurrezione come un’arte, è ‹blanquismo› è una delle peggiori deformazioni del marxismo e forse la più diffusa nei partiti ‹socialisti› dominanti».

Periodo che non parla dunque di Russia, ma di Francia, Germania, Austria, Italia, ecc.

«Il capo dell’opportunismo, Bernstein, si è già guadagnato una trista celebrità accusando il marxismo di blanquismo, e gli opportunisti attuali che gridano al blanquismo in fondo non rinnovano e non ‹arricchiscono [ah come sta bene al suo posto questo verbo, che Stalin insegnò a coniugare ai suoi scolarini: io arricchisco, tu Chruščëv arricchisci, egli Mikojan arricchisce, noi moscoviti arricchiamo, voi italo-francesi arricchite – e questi signori presi assieme appestano tutti quanti] di una jota le già povere ‹idee› di Bernstein.
Accusare i marxisti di blanquismo perché considerano l’insurrezione come un’arte! Si può forse deformare la verità in modo più disgustoso [si può dunque, Roma, Parigi, Mosca?] quando nessun marxista può negare che Marx stesso si è pronunciato nel modo più netto, preciso, categorico sulla questione, definendo appunto l’insurrezione un’arte, dicendo che bisogna trattarla come un’arte, che bisogna conquistare un primo successo, e proseguire di successo in successo, senza interrompere l’offensiva contro il nemico, approfittando del suo smarrimento, ecc.?«
[137].

Nella scottante vigilia Lenin non aveva tempo per erudire le citazioni. Le parole che qui cita, e le altre che si riferiscono a Danton citate nella lettera ancora più accesa dell’8/21 ottobre: de l’audace, encore de l’audace, toujours de l’audace!, come quella: «la difensiva è la morte di ogni insurrezione armata», e quella che citiamo ora noi: «creare un potere esecutivo forte, attivo, senza timori [corsivo nel testo]!» stanno nella serie di lettere che Engels scrisse, in collaborazione con Marx, per la «New York Tribune», e precisamente in quella pubblicata il 18 settembre 1852. Le lettere[138], tutti lo sanno, riguardano la Germania e l’Austria. Se servivano a schiaffeggiare i traditori (nel testo Marx-Engels: In una rivoluzione, chi occupa una posizione decisiva e la abbandona, invece di costringere il nemico a prenderla d’assalto, immancabilmente merita di essere trattato come un traditore – 17 aprile 1852) dopo ben 65 anni di storia, lo servano anche oggi, per i rinculatori spregevoli del XX congresso, dopo 104 anni. Le regole della Rivoluzione sono secolari: questa gente di sterco ogni sei mesi blatera di stare aprendo un nuovo corso. Ma è sempre lo stesso corso, è la cloaca massima della controrivoluzione.

Indubbiamente Stalin, pur macchiato di sangue di compagni, sta uno scalino meno in fondo di questo abisso. Crepò mentre diceva ancora all’imperialismo di Occidente: Ci volete? prendeteci d’assalto!

Lenin nel seguito chiarisce la distinzione tra blanquismo e marxismo, e compie un ciclopico sforzo per fare entrare nella testa dei membri del Comitato Centrale il senso della manovra di fronte unico: dov’è quello che, dopo di lui, l’ha capita? Noi soli, forse, che la rifiutammo sempre in Europa, anche sulla fede di lui.

L’offerta di compromesso, egli grida, non ci lega affatto!
«Sarebbe il più grave degli errori credere che la nostra proposta di compromesso non sia stata ancora respinta, che la ‹Conferenza democratica› possa ancora accettarla. [Dopo poco, da questa conferenza-commedia, per fortuna, e per merito di Trotsky, i bolscevichi uscivano sbattendo violentemente la porta, sebbene alcuni reprimessero i brontolii: vedi nostra Prima Parte]. Il compromesso è stato proposto da partito a partito, non poteva essere proposto altrimenti […] Considerare la Conferenza democratica come un parlamento sarebbe, da parte nostra, errore gravissimo, cretinismo parlamentare della peggior specie, perché anche se la Conferenza si proclamasse parlamento, e parlamento sovrano della rivoluzione, non potrebbe egualmente decidere nulla: la decisione sta fuori della Conferenza, nei quartieri operai di Pietrogrado e di Mosca. Abbiamo davanti a noi tutte le premesse obiettive per un’insurrezione coronata dal successo […] La crisi è matura. Tutto l’avvenire della rivoluzione è in gioco. Tutto l’onore del partito bolscevico è in gioco. Tutto l’avvenire della rivoluzione operaia internazionale per il socialismo è in gioco […] Attendere è un crimine verso la rivoluzione»[139].

In possesso della storia di Ottobre 1917 e della lotta terribile che allo stesso Lenin toccò condurre contro i migliori capi marxisti, in presenza di tutta la successiva rovina per quarant’anni, in tema di marxismo europeo e mondiale, noi siamo decisi a sostenere che nel marxismo-leninismo deve rimanere integrale e universale la dottrina dell’arte dell’insurrezione, che nacque con esso. Vogliamo inoltre, dopo avere fieramente rivendicato il valore della vigorosissima linea di Lenin in Russia, impoverirlo per il mondo occidentale della manovra dell’«offerta di compromesso».

Nell’odierna offerta di emulazione non vi è la certezza della ripulsa, e la ferma decisione di organizzare la lotta che ha per programma e per punto di arrivo la guerra di classe. Vi è, già consumato verso tutti i punti cardinali, il naufragio nel cretinismo parlamentare bollato da Marx, e da Lenin con lui, nel liquame che corre nel fondo della cloaca capitalista.

Morto Stalin, disonorato Stalin, si ha l’ultima prova che tutto è colato a fondo. Quanto meno, per quelli che l’attendevano ancora.

14 – La bussola al socialismo

La catastrofe economica, la disintegrazione della struttura produttiva, che Lenin denunziava nell’agosto del 1917, malgrado la vittoria della finalmente scatenata insurrezione rivoluzionaria, si presentarono con intensità ancor più grave man mano che i mesi e gli anni trascorrevano, davanti al nuovo potere costituito in Ottobre.

Mentre i quartieri operai di Pietrogrado e di Mosca prendono la cosa nelle loro mani, e dietro di loro quelli di tante altre città della Russia (e con ondate non immediatamente ripercosse le stesse campagne) il Congresso Panrusso dei Soviet, come abbiamo descritto, attribuisce la maggioranza dei mandati al partito bolscevico, e sotto la presidenza di Trotsky, che dirige il Comitato Rivoluzionario, riceve ed acclama Lenin, e adotta i primi decreti in cui si compendiano gli atti della Seconda Rivoluzione.

Abbiamo detto abbastanza in quanto precede di quelli «politici». Il Governo provvisorio è deposto, i membri che sono fuggiti, arrestati. Tutto il potere centrale e locale passa ai Soviet. Il nuovo governo russo propone l’immediata pace a tutti i belligeranti, con armistizio di tre mesi. Il partito bolscevico delinea la sua politica al riguardo: se gli Stati dell’Intesa rifiutano, offrirà la pace separata agli imperi tedeschi. Abbiamo già detto quali crisi seguirono a questo orientamento storico, che Lenin sentì per il primo, nel seno del partito e nei rapporti coi socialisti rivoluzionari, che anelavano ad una «guerra santa rivoluzionaria» contro la prepotenza e l’invasione tedesca. Ancora una volta Lenin vide più lontano di tutti, e solo i più decisi marxisti in Europa seguirono chiaramente tale tremendo svolto.

E va ora detto come il Secondo Congresso Panrusso, Primo della Rivoluzione proletaria, considerò le storiche misure sociali.

Siamo in presenza di due gruppi di decisioni. Gli uni riguardano la questione dell’economia manifatturiera, urbana, commerciale – gli altri la questione della terra.

I secondi sono molto più espressivi dei primi per la descrizione dei rapporti propri della società russa, e della loro palingenesi. E perciò si potrà parlarne dopo.

Due avversari sono stati prostrati con le spalle a terra, e si tratterà solo di domare con la forza ogni loro riscossa: la classe dei proprietari feudali e borghesi della terra – e la borghesia industriale e commerciale. Quindi nell’economia dei manufatti non si ripresenta il problema di una lotta tra forze opposte. Ma nell’economia delle campagne tutto è ancora incandescente, perché sotto il governo provvisorio, e con la complicità degli opportunisti, si è tenuta in sospeso per quanto possibile la lotta per la terra, con la pretesa che dovesse in materia legiferare l’assemblea costituente. Una pleiade di forze sociali in contrasto, e tutt’altro che in equilibrio, si muove qui ora.

Diremo dunque delle misure industriali e commerciali. Sebbene qui si tratti delle città, in cui la vigorosa gente «dei quartieri operai» è lì pronta a «sventare» qualunque cattivo giochetto, pure le misure sono, in coerenza a quanto da gran pezza abbiamo tentato di prospettare, limitatissime e si può ben dire timide. Vinta ogni timidità sul diritto ad insorgere, e sulla sicurezza di vincere, e guadagnato un sicuro controllo del campo, poco si può fare nelle operazioni di «politica economica».

Poco il partito e Lenin avevano promesso, e soprattutto mai avevano promesso, nell’economia russa, limitata e spossata dalla guerra, miracoli collettivisti.

Vanno seguite le misure di intervento dello Stato dei Soviet nel campo manifatturiero e commerciale, al solo fine di chiarire l’equivoco base della staliniana «edificazione del socialismo», per dimostrare quanto la realtà, il partito bolscevico, la visione sicura di Lenin ne fossero lontani.

Ben vero dal momento che il partito comunista ha vinto politicamente ed è al potere un governo socialista, nel giusto senso, finalmente, della parola, ogni misura che si adotta è tale da essere volta nella direzione del socialismo, da costituire uno dei quei «passi» nel senso indicato dalla bussola del socialismo, che non solo i borghesi, ma i social-opportunisti soprattutto, non volevano assolutamente fossero compiuti, ritenendo, in forza dei legami che li avvincevano, che fosse dovere «democratico» rispettare gli interessi «legali» anche dei borghesi dell’industria, del commercio, della banca.

15 – Controllo e socializzazione

Abbiamo un progetto di regolamento sul controllo operaio del i 6 novembre 1917[140] (seguiamo il nuovo stile d’ora in poi) e un progetto di decreto sulla socializzazione dell’economia nazionale, del dicembre, opera di Lenin.

Il primo provvedimento di Stato ha la data del 14 novembre, il secondo del 28 dicembre: ma esso riguarda solo le banche.

Il Consiglio Superiore dell’Economia nazionale è istituito con decreto del 18 dicembre. Esso ha in teoria il diritto di «costringere i diversi rami di industria e commercio a sindacarsi» e anche di «requisire e confiscare», ma soprattutto di controllare tutta l’economia del paese[141].

Un primo decreto di confisca a favore della Repubblica viene emesso il 18 dicembre contro la Società Elettrica 1886, col motivo che «si era rifiutata di sottomettersi al decreto sul controllo operaio». Ne seguono molti altri per ragioni isolate: disorganizzazione, debito verso lo Stato, ecc.. È del 20 giugno 1918 il primo decreto di nazionalizzazione di portata generale che riguarda molti settori di base dell’industria, e molti grandi stabilimenti. Il 3 marzo 1918 viene emesso un primo decreto sulla gestione delle officine nazionalizzate. Sarebbe lungo citare per ora la serie di misure sulla disciplina del lavoro: salari; orari; assistenza; vertenze; lavoro delle donne e dei minori, ecc.

Esaminiamo il contenuto delle prime misure che Lenin e il governo studiarono.

Il controllo operaio venne stabilito pochi giorni dopo la rivoluzione, per tutte le aziende con più di 5 operai e 10 mila rubli di giro di affari. I rappresentanti degli operai devono essere immediatamente eletti. I loro poteri sono di vietare ogni sospensione del lavoro nelle industrie di importanza nazionale, di ispezionare tutti i carteggi e i magazzini. Proprietari e delegati operai sono responsabili verso lo Stato dell’ordine e della disciplina nella produzione. I Soviet e le conferenze generali di comitati di operai e di impiegati possono emanare più dettagliate norme sul controllo.

Il 13 dicembre 1917 il governo adotta più precise istruzioni sul controllo e i suoi limiti. In sostanza il controllo consiste nel diritto di sapere tutto sull’andamento dell’impresa, con la facoltà di richiamare l’attenzione del pubblico potere su ciò che si ritenga pregiudizievole alla classe operaia o all’economia generale. Ma dice l’art. 7: il diritto di dare ordini nella gestione dell’impresa, il suo andamento e funzionamento, resta di spettanza del proprietario. La commissione di controllo non partecipa alla gestione dell’azienda e non ha alcuna responsabilità nel suo andamento e funzionamento. Tale responsabilità continua ad incombere al proprietario. E l’art. 8: La commissione di controllo non si occupa delle questioni finanziarie dell’impresa. Ove tali questioni siano sollevate, esse sono trasmesse alle istituzioni direttive del governo.

Queste disposizioni, coerenti alle ben note vedute dei marxisti non deviati in aziendisti-sindacalisti, e a quelle di Lenin, trovarono note resistenze in dati strati della classe operaia e del partito, che inclinavano alla soluzione dell’autonomia delle aziende, in un primo tempo controllate soltanto dal loro personale, e in un secondo, eliminato il proprietario, addirittura condotte non solo tecnicamente ma anche finanziariamente dal personale stesso.

Non svolgiamo ancora a fondo una tale questione, ma è bene dire che essa non corrisponde affatto ad un «modello» di società socialista, e nemmeno alla prima fase economica in cui ci troviamo, nella quale si tratta di un controllo di stato sull’industria tuttora privata, termine di passaggio alla misura, più avanzata ma non certamente ancora «socialista» nel senso economico (in quello politico può ben esserlo anche il semplice controllo operaio o statale), della gestione di un’azienda industriale o altra da parte dello Stato.

16 – Il progetto di Lenin

Il decreto sulla socializzazione dell’economia nazionale è più importante nella redazione che gli dette Lenin, ma non lo si trova tradotto negli stessi termini nelle raccolte di legislazione sovietica. Le proposte di Lenin furono attuate con altre misure. La nazionalizzazione delle Banche fu sancita col breve decreto del 28 dicembre che istituiva la «Banca del Popolo», e dichiarava tutte le operazioni bancarie monopolio di stato. Del 29 dicembre è il decreto che sospende il pagamento dei dividendi sulle azioni di società anonime, e del 21 gennaio 1918 quello che annulla tutti i prestiti dello Stato, interni ed esteri. Varie misure successive salvano i diritti dei piccoli sottoscrittori.

Il decreto sul lavoro obbligatorio, per il territorio di Pietrogrado, è dell’8 ottobre 1918.

Lo schema di Lenin, pure apparendo molto più radicale, non assurge ad una statizzazione generale dell’economia, e si basa sulla motivazione della critica situazione economica, dell’imminente carestia, del sabotaggio borghese, del generale sfacelo,
«che rendono necessari provvedimenti rivoluzionari straordinari per lottare contro queste calamità»[142].

Le misure contenute sono queste. Tutte le società per azioni sono proprietà dello Stato. I membri delle amministrazioni e delle direzioni hanno obbligo di restare al loro posto con determinati stipendi, e sotto il controllo.

Segue l’annullamento dei debiti dello Stato, interni ed esteri.

Altra misura garantisce gli interessi dei piccoli possessori di obbligazioni e azioni. Viene istituito l’obbligo generale del lavoro (sancito come vedremo dalla Dichiarazione dei diritti del popolo lavoratore e sfruttato, ossia dalla Costituzione del 1918). Sono limitati i prelievi periodici di persone che hanno fondi in banca; è vietato detenere denaro liquido, è prevista una sostituzione della moneta per punire i trasgressori.

Per quanto riguarda la distribuzione, questo schema di Lenin abbozza un sistema di società di consumo, cui ogni cittadino dovrebbe appartenere, per
«un giusto inventano e una giusta distribuzione sia delle derrate alimentari che degli altri prodotti necessari»[143].

Ma in effetti il meccanismo distributivo nei primi tempi rimase nelle mani del commercio privato, frazionatosi in mille speculatori, che, anche volendoli reprimere spietatamente, risultavano, in tempi di guerra nazionale e civile, inafferrabili. Sul commercio con l’estero lo Stato rivoluzionario poté subito influire: tuttavia solo del 24 aprile 1918 è il decreto che ne stabilisce il monopolio di Stato. Col decreto dell’8 febbraio lo Stato requisisce tutta la flotta mercantile, salvo i piccoli battelli fluviali e pescherecci.

Tutto questo insieme di misure, in un periodo di assoluta emergenza economica, in sostanza limitava il proposito del potere rivoluzionario a rendersi padrone di un completo censimento delle attività economiche, in modo da potere con misure di eccezione fronteggiare la crisi, la carestia e la miseria, e soprattutto assicurare il vettovagliamento dell’esercito ed il funzionamento dei fondamentali servizi generali e pubblici. Ma anche tale compito, fino a che per gli eventi militari i fronti sono instabili e l’estensione dei territori non è definita, costituisce un problema pressoché insolubile.

Non si trattò dunque di attuare con decreti di Stato il «socialismo»; e se si parlò di periodo di comunismo di guerra fu nel senso di un sistema di provvedimenti di imperio, a cui anche gli Stati capitalistici e tradizionali avevano in molti casi e tempi storici ricorso, con confische, requisizioni, sistemi di controllo, obblighi di denunzie e di consegne di merci, titoli e valute, e così via.

In nessuno di questi decreti, o nella loro presentazione politica al partito e al paese, troviamo in questa fase la dichiarata decisione di «edificare il socialismo» nella produzione dei manufatti o nella loro distribuzione. E del resto gli stessi termini della Costituzione della Repubblica, pur avente il carattere di una formidabile dichiarazione di agitazione rivoluzionaria, non hanno un simile carattere[144].

17 – Le misure rurali

Passiamo ad un campo dove il materiale è molto più espressivo nel senso storico e in quello sociale.

Al secondo Congresso Panrusso dei Soviet lo stesso Lenin presenta la relazione sulla terra, che contiene l’ossatura del relativo decreto, e si riporta ad un testo, già concordato con gli alleati socialisti rivoluzionari di sinistra, partecipi coi bolscevichi al governo, per il «Mandato contadino sulla terra» già pubblicato fin dall’agosto 1917 sulla base di 242 «mandati» dei contadini delle più varie località della Russia. Lenin lesse questo testo l’8 novembre, e il congresso lo approvò insieme alla dichiarazione costituzionale della repubblica.

La relazione di Lenin è integrata da una lettera di lui alla redazione della «Pravda» in data 2 dicembre 1917[145].

Qui noi abbiamo l’incontro di due programmi storicamente diversi ed opposti: quello dei marxisti bolscevichi e quello dei socialisti rivoluzionari. Gran parte dei contadini seguono i secondi, e sono suggestionati dalla loro formula: il godimento egualitario della terra.

Questa formula rispecchia l’ideale della piccola coltura familiare, e confonde col socialismo nel senso completo della parola un semplice egualitarismo, che vuole evitare che una famiglia abbia più terra di un’altra, un contadino più di un altro. La partizione presume che la terra sia ovunque della stessa fertilità; altrimenti gli appezzamenti dovrebbero essere non di pari estensione, ma di pari potenza produttiva. In effetti la campagna russa era quasi tutta di ridottissima fertilità, e malamente popolata e coltivata. Sotto il servaggio o il semi-servaggio colonico al signore o al padrone fondiario, praticamente già ogni famiglia si distendeva su un pezzetto di terra adeguato alla sua forza di lavoro, solo che del poco prodotto ne doveva tale parte al signore e padrone, che col resto riusciva a scarsamente, vilmente, alimentarsi.

La rivoluzione agraria concepita dai «populisti» consisteva nel liberare il contadino, restato fermo sulla piccola terra, dal tributo al nobile, al terriero borghese, all’ordine religioso, o anche allo Stato, lasciandogli tutto il prodotto del suo campo e delle sue braccia, il che avrebbe costituito un enorme vantaggio. A questo postulato si legava, come è chiaro, un’enorme pressione delle masse agrarie, che abbracciavano nello stesso inestinguibile odio la nobiltà feudale, la borghesia di campagna, lo Stato e il clero monastico.

La rivoluzione di febbraio non aveva sgombrato il campo da tutte queste classi e forme sociali; la lotta fremeva nelle campagne, e i contadini ogni tanto insorgevano, mentre il governo provvisorio si andava mostrando sempre più proclive ad adottare i mezzi di repressione poliziesca del regime autocratico.

Questo programma della partizione in pezzi uguali non poteva venire accettato dai marxisti rivoluzionari. Esso avrebbe in sostanza legato la Russia alla secolare eterna miseria, che la stessa emancipazione dei servi nel 1861 aveva aggravato, tanto che le cifre di resa produttiva e di tenore di vita del contadino erano orribilmente basse rispetto a qualunque altro paese.

I marxisti non potevano non propugnare la formazione di più ampie unità di produzione, ove avesse potuto aver gioco il vantaggio del lavoro associato, e a base di una simile formazione della grande coltura ponevano la formula dell’espulsione dalla terra di signori, proprietari e altri enti parassiti, con il passaggio alla proprietà dello Stato: alla partizione (ed anche alla municipalizzazione sostenuta da altre correnti) opponevano la socializzazione della terra, la nazionalizzazione – senza indennizzo – di tutta la proprietà fondiaria.

Mentre per gli esserre il contadino ridotto a bracciante, ossia privo di terra e di anche minima scorta di attrezzi, è un aspirante al «godimento» del suo frammento «ugualitario», per i bolscevichi marxisti egli è proletario puro affratellato nel lavoro ai compagni in una progredita unità, che non deve aspirare a spezzarla ma a strapparla al padronato fondiario e al capitalista rurale per darne la gestione al proletariato vincitore delle città e delle campagne.

18 – Lenin sapeva bene

Esisteva già allora per tutto il mondo una banda di idioti che attribuivano a Lenin il programma della spartizione ai contadini del latifondo, e il trasporto, su questo storico urto tra forze produttive e forme di proprietà, del baricentro della dinamica rivoluzionaria mondiale, subordinandogli quello tra il salariato senza riserva ed il capitalismo della grande impresa. Questa specie di disgraziati non è ancora estinta dopo quarant’anni, ed è dedita a tutt'uomo a spezzettar latifondi con la formula, che prima di ogni altro frega il contadino lavoratore, del godimento egualitario.

Lenin seguiva anche in quel momento la sua magnifica traiettoria storica a cavallo di decenni e decenni, che lo collegava alla teoria agraria di Marx ed alla futura rivoluzione comunista mondiale, senza rotture e storture.

Lenin sapeva che senza muovere i contadini russi la rivoluzione non sarebbe passata, e che mancavano le premesse tecnico-economiche per dare ad essi, a determinarne il moto, alcunché che andasse oltre il «godimento» e lo «sfasamento».

Egli sapeva che diverso era il caso per l’altra base della dittatura rivoluzionaria, il proletariato urbano. I lavoratori dei «quartieri operai di Pietrogrado e di Mosca» non si sollevavano per ottenere godimenti immediati e palpabili. Erano ben più oltre della capacità cui si limita l’energia rivoluzionaria per classi di piccola borghesia povera. Il grado di capitalismo e di imperialismo che in Russia da alcuni decenni aveva fortemente allignato aveva dato loro, come ai loro fratelli di oltre frontiera, quel tanto di pane e di copechi e di istruzione elementare che aveva loro consentito di comprare la stampa del partito, il giornale di classe. Avevano la tradizione e l’esperienza di anni di lotte tremende, dagli anni lontani del 1905 e dai mesi del Luglio e del Settembre, in cui li aveva imbevuti la tradizione bolscevica di partito.

Essi sapevano bene che le «misure» (prima da noi trattate) anche più risolute, nel campo dell’economia manifatturiera urbana, non avrebbero dato loro un etto di pane in più, ma solo provveduto a far reggere l’esercito sui fronti di classe, e le loro squadre armate, a far camminare i treni e funzionare lo Stato della dittatura rivoluzionaria. Il loro partito, e Lenin che per esso parlava, poteva contare su essi e rispondere di essi: non chiedevano godimenti eguali né ineguali, ma sapevano di dover ulteriormente soffrire per la liberazione della loro classe dalla schiavitù capitalistica internazionale.

La base dualista dell’originale potere rivoluzionario che in quel giorno trionfava stava davanti agli occhi dei marxisti e di Lenin: tutto bisognava dare per la stretta alleanza delle due classi, ma non dimenticare mai che la dottrina la mostra passeggera nella storia; passeggera come le meteore che lasciano tutto immutato sul loro passaggio.

Il socialismo era ben più lontano: all’alleato contadino russo doveva presto succedere quello proletario europeo: al massimo (vedi resoconto della riunione di Torino) «venti anni di buoni rapporti coi contadini…» preveduti da Lenin, come la più sfavorevole delle ipotesi.

19 – Linguaggio aperto e sicuro

Lenin ha appena finito di leggere al congresso il «Decreto sulla Terra» ed il «Mandato Contadino». Leva gli occhi sulla fremente assemblea.

«Si sentono qui voci le quali affermano che il Decreto stesso ed il Mandato sono stati elaborati dai socialisti-rivoluzionari. Sia pure. Che importa chi li ha elaborati? Come governo democratico, non potremmo trascurare una decisione delle masse del popolo, anche se non fossimo d’accordo con essa. All’atto pratico, con l’applicazione del decreto, con la sua attuazione nelle varie località, i contadini stessi comprenderanno dov’è la verità. Ed anche se i contadini continueranno a seguire i socialisti-rivoluzionari, e anche se daranno nell’Assemblea Costituente la maggioranza a questo partito, diremo anche qui: sia. La vita è la migliore maestra e mostrerà chi ha ragione. I contadini partano pure da un estremo e noi dall’altro [udite, udite, diciamo noi, non il congresso] per risolvere la questione […]. I contadini hanno imparato qualche cosa durante gli otto mesi della nostra rivoluzione. Essi stessi vogliono risolvere tutte le questioni della terra […]. Le risolvano essi secondo il nostro programma o secondo quello dei socialisti rivoluzionari – non è questo l’essenziale. L’essenziale è che i contadini abbiano la ferma convinzione che i grandi proprietari fondiari non esistono più nelle campagne, che i contadini risolvano essi stessi tutti i loro problemi: che essi stessi organizzino la loro vita». (Fragorosi applausi)[146].

Quali erano i termini dell’incontro, partendo dai due estremi opposti? Il decreto comincia: «La grande proprietà fondiaria è immediatamente abolita senza alcun indennizzo». Qui hanno capitolato gli esserre. Un loro decreto avrebbe detto: la proprietà, anche del demanio statale, passa ai contadini che lavorano la terra – oppure anche: alle municipalità rurali che la attribuiranno egualitariamente alle famiglie contadine. Vittoria solo teorica: d’accordo.

Il secondo articolo dice che le tenute tutte e le loro scorte passano
«a disposizione dei comitati agricoli mandamentali e dei Soviet distrettuali dei delegati contadini fino alla convocazione dell’Assemblea Costituente».

Di qui il richiamo nel discorso di Lenin alla fine. Ma poco dopo Lenin avrebbe vergato il decreto di scioglimento di quell’assemblea, in cui bolscevichi e socialrivoluzionari di sinistra sarebbero stati battuti nel voto. Poco ancora più oltre, con la questione di Brest Litovsk, i socialrivoluzionari avrebbero rotto l’accordo di governo e preso le armi, restando battuti.

Lenin sapeva tutto, e quindi giocò ascoltatori ed alleati? Oh quale miseria! Il partito era condotto in modo da superare tutte quelle alternanti eventualità, e fare a meno a breve scadenza dell’appoggio del partito politico degli esserre, a scadenza storica dell’alleanza contadina. Ben preparato a non consumare la scempiaggine di lasciare il potere per il voto di una Costituente, e magari di un Congresso dei Soviet, senza il saggio della fisica forza.

Il terzo articolo contiene misure radicali contro i possibili danneggiamenti di colture e attrezzi utili in una precipitosa invasione delle terre confiscate, sotto la responsabilità dei locali Soviet. Il quarto richiama il Mandato. Il quinto (successo degli esserre) esclude da confisca le terre «dei semplici contadini e dei semplici cosacchi».

Nel «Mandato» è ripetuto il rinvio alla Costituente. È contenuto il principio della nazionalizzazione di tutta la terra che diventa «patrimonio di tutto il popolo e passa in godimento [o usufrutto] di coloro che la lavorano». È il principio esserre del godimento, che sopprime decime e affitti in natura o denaro. È sancito che il grande capitale scorte passa allo Stato, il medio alle comunità, il minimo ai contadini «che hanno poca terra». Formula di compromesso: dalla spartizione della terra si passa a quella del capitale. Ma la prima è eterna, il secondo no.…

È vietato il lavoro salariato, prevista la gestione di famiglia, e anche quella cooperativa. La terra confiscata è divisa dalle comuni locali col principio del godimento uguale «in base alla norma del lavoro e del consumo», ma la tecnica di gestione è dichiarata libera: sono previste le ripartizioni periodiche. Qui vediamo tornare un’istituzione che è pre-borghese, propria del mir agricolo, e superstite fino al secolo XX tra comunità asiatiche e germaniche: la ricomposizione dei possessi – l’ideale che i populisti scambiano grossolanamente col socialismo, seguiti da cento partiti, dai cattolici ai repubblicani e ai fascisti.…

20 – Coerenza totale al marxismo

La lettera alla «Pravda» del 2 dicembre rispose evidentemente alle perplessità di non pochi bolscevichi: non abbiamo fatto concessioni di principio?

Lenin spiega di avere rassicurato i presenti al Congresso Contadino sulla possibilità di un’alleanza «onesta» tra bolscevichi ed esserre, tra operai salariati e contadini – mentre tale possibilità manca in ogni alleanza tra classi sfruttate e borghesia.

Lenin cita Kautsky «quando era ancora marxista». I provvedimenti di transizione verso il socialismo non possono essere gli stessi nei paesi di grande e di piccola agricoltura.

E Lenin ricorda quali provvedimenti del genere interessano gli operai salariati:
«controllo operaio sulle fabbriche, seguito dalla loro espropriazione; nazionalizzazione delle banche; creazione di un Consiglio superiore che regoli tutta la vita economica del paese».
Assicurate queste condizioni
«perché vinca il socialismo» gli operai «debbono consentire alle misure transitorie proposte dai piccoli contadini lavoratori e sfruttati»[147].

Un esserre di sinistra chiese a Lenin: che farete, se dipenderà da voi la maggioranza dell’Assemblea, quando la borghesia si opporrà alla spartizione del godimento della terra? Lenin ebbe la pazienza enorme di non dirgli: Aspetta un poco, e non vedrai né frazione borghese, né Assemblea; e rispose, dal poderoso dialettico che era: Ebbene, voteremo per la vostra proposta, dopo aver fatto una dichiarazione secondo la nostra dottrina agraria marxista. «Esprimeremo il nostro disaccordo teorico dal godimento egualitario della terra», la cui esistenza non nuocerà alla causa del socialismo, se il potere è nelle mani di un governo operaio e contadino.

21 – Il compromesso quanto duró?

Evidentemente nel «piano» di Lenin la tolleranza dei piccoli godimenti avrebbe trovato un rapido superamento se una vittoria dei comunisti europei avesse posto nelle mani del proletariato vincitore forti capitali pronti all’esercizione agricolo, da rovesciare anche nelle campagne russe. In mancanza di questo egli pose in venti anni il limite per disporre in Russia di un simile capitale industriale statizzato, e far prevalere la grande coltura, che nello stesso mandato contadino era stata fatta salva per le terre ad alta coltura che passavano – oltre che in proprietà – anche in godimento dello Stato.

Come la forma attuale ha risolto il compromesso del 1917? Ecco il risultato che deve uscire dall’esame della struttura russa. La gestione statale (sovcos) è oggi gravemente minoritaria. Ha forse una gestione cooperativa prevalso su quella familiare? Esse si sono «ibridate» nell’istituzione dei colcos, in cui terra e capitale, in quanto non di godimento dello Stato (e, quanto al capitale e alle case, nemmeno di proprietà di esso), si suddividono tra i grandi lotti collettivi del colcos, in cui praticamente i colcosiani lavorano da salariati, e la somma dei piccoli lotti delle unità familiari nelle quali vive e trionfa la formula del «godimento egualitario». Fu questa subita da Lenin, ma non con la visione di ben quarant’anni, e non col proposito di «consolidarla» anziché assoggettarla ad una progressiva eliminazione; non alla moda di una repubblica fascista, o clericale, o laico-popolare.

Ai congressi di Mosca raccontano molte storie dell’economia russa, ma non forniscono i dati per misurare, relativamente tra gestione statale, cooperativo, e familiare le grandezze: della terra goduta, in superficie e valore fertile, del capitale che vi è dedicato, della forza lavoro che vi si applica.

Noi possiamo tentare questa misura, e quel che più importa indagare la curva della sua presumibile variazione. Ma fin da ora una cosa per noi è certa, morto Lenin, morti i nemici di Stalin, e Stalin: nessuna delle tre è forma socialista!

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XVIII)

22 – Mentitori silenzi nel «Breve Corso»

Ricordano certo i presenti alle riunioni, ed anche tutti i lettori del resoconto sintetico pubblicato dopo Genova in due puntate[148], che abbiamo tratto validi argomenti per la nostra tesi dal paragone tra la Costituzione russa del 1918 e quella del 1936, oggi vigente.

La tesi è che tale costituzione fu un passo indietro clamoroso, e noi la leghiamo dialetticamente al fatto che la seconda pretende di reggere una società socialista, mentre la prima, che dichiara la lotta della dittatura proletaria in un mondo economico pre-socialista (termine con cui indichiamo l’incontro di elementi capitalisti e precapitalisti), è la sola rivoluzionaria e dottrinalmente marxista.

Di quella prima Costituzione il «Breve Corso di Storia del Partito comunista (b)», che ormai citiamo non più per demolirlo, ma per dedurne la verità partendo dalla confessata sua natura di «giardino delle bugie», tace totalmente. Tutto ciò che vagamente vi si riferisce sono due sole frasi, messe lì tanto per imbonire sui «contributi» di Stalin, inconcusso autore del nuovo testo 1936.

E valga il vero. A pag. 183 dell’edizione italiana si dice:
«In una speciale decisione del governo sovietico, nota sotto il nome di ‹Dichiarazione dei Diritti dei Popoli della Russia›, si stabilisce che il libero sviluppo dei popoli della Russia e la loro piena eguaglianza sono consacrati dalla legge».
Si tratta in effetti di un decreto del 17 novembre 1917 firmato da Stalin come Commissario alle Nazionalità e da Lenin, e non si aggiunge che il suo contenuto fu poi compreso nella Dichiarazione, che divenne la prima Costituzione della Repubblica. Quindi non vi è qui nemmeno un vero cenno di questa. Tutto si riduce a queste altre parole (pag. 190):
«Al V Congresso dei Soviet fu approvata la Costituzione della R.S.F.S.R., la prima Costituzione sovietica».
Il «Breve Corso» quindi tace addirittura dell’origine della Costituzione del 1918, tace del III congresso, tutto occupato in quel capitolo ad «edificare» la menzogna del complotto di Trotsky e Bucharin coi tedeschi, citando col solito metodo Lenin che avrebbe detto che quei due
«avevano di fatto aiutato gli imperialisti tedeschi e ostacolato il progresso e lo sviluppo della rivoluzione in Germania».

Questa frase anzitutto riguarda Bucharin e non Trotsky, e poi ha il senso che Bucharin – che accusava di essere stati deboli coi tedeschi i compagni del Comitato Centrale che avevano condannata la sua tesi della guerra rivoluzionaria, e firmata la pace – aveva involontariamente agito lui nel senso che attribuiva agli altri, ossia favorendo il gioco tedesco.

Si tratta dell’articolo «Una lezione seria e una seria responsabilità» pubblicato il 6 marzo 1918 nella «Pravda», che si legge nelle «Opere Scelte», edizione italiana, vol. II, pagg. 260–273[149].

La polemica è contro il «Kommunist», che fecero uscire a Pietrogrado tra il 5 e il 19 marzo 1918 i «comunisti di sinistra» costituiti in frazione, tra cui non era Trotsky. Il passo di Lenin è questo:
«N. Bucharin cerca oggi perfino di negare che egli e i suoi amici sostenevano l’impossibilità che i tedeschi attaccassero. Molti, moltissimi sanno che Bucharin e i suoi amici sostenevano ciò e, diffondendo una tale illusione, hanno aiutato l’imperialismo e ostacolato i progressi [corsivi del testo] della rivoluzione tedesca, che ora è indebolita perché alla Repubblica sovietica grande-russa sono stati strappati, allorché l’esercito contadino fuggì in preda al panico, migliaia e migliaia di cannoni, e ricchezze per centinaia e centinaia di milioni»[150].

La ritorsione polemica è quanto si vuole amara ed aspra, e meritata, ma non è nemmeno per sogno accusa di tradimento!

Dobbiamo chiedere scusa. Abbiamo dimenticato che è inutile dimostrare che una affermazione di testi stalinisti sia bugia. Ma non già perché Stalin sia stato sbugiardato dagli altri collaboratori del «Breve Corso»! Questi hanno conservato il metodo Stalin dell’edificazione della bugia, perfino quando a Stalin stesso oggi lo applicano. La «Stella Rossa» dice di lui per la guerra 1942 quello che nel 1918 si dovette dire di Bucharin: Stalin per i suoi gravi errori (di preparazione strategica) facilitò l’avanzata tedesca. Ma quando storiograferanno che Stalin era pagato da Hitler, non lo crederemo.

23 – Dichiarazione dei diritti

La storia del documento messo da Stalin e soci in ombra è questa. Il progetto è di Lenin, e il titolo che gli dette è «Dichiarazione dei diritti del popolo lavoratore e sfruttato». Fu redatto in fine dicembre 1917 ed apparve sulla «Pravda» del 17 gennaio 1918, essendo stato adottato dal Comitato Esecutivo Centrale dei Soviet, eletto dal II congresso panrusso dei primi di novembre, nei giorni della Rivoluzione, e formato da bolscevichi e socialrivoluzionari di sinistra.

Fu reso pubblico alla vigilia della convocazione della Costituente fissata per il 18 gennaio. Infatti il testo è compilato come se lo dovesse adottare la Costituente, che tra il 18 e il 19 gennaio fu liquidata come sappiamo.

Come mai Lenin lo redasse in tale forma? È facile intenderlo se si tiene presente la tesi di Lenin sull’argomento appunto dell’Assemblea Costituente, che già era stata pubblicata sulla «Pravda» fin dal 25 dicembre 1917. Essa, coerente alla dottrina ed alla visione storica che risalgono (ripetiamolo) alle «Tesi di Aprile» 1917, finisce con due ipotesi sole: o l’Assemblea riconosce il potere sovietico, e si scioglie trasmettendo i poteri al C.E.C. uscito dal Congresso dei Soviet; ovvero
«la crisi può essere risolta soltanto per via rivoluzionaria, soltanto con l’applicazione delle misure rivoluzionarie più energiche, rapide, ferme e risolute […] indipendentemente dalle parole d’ordine e dalle istituzioni dietro le quali la controrivoluzione può nascondersi, inclusa l’appartenenza all’Assemblea Costituente»[151].

Questo è parlar chiaro. L’ultima frase dice:
«Ogni tentativo di legare le mani al potere sovietico in questa lotta sarebbe un aiuto alla controrivoluzione».

Se fossimo dediti all’alcool, e in un momento di ebbrezza scrivessimo che Lenin fu un artista della storia, diremmo che questo, della dispersione della Costituente, resta per noi il Capolavoro.

Il progetto dunque era scritto in modo che la maggioranza dell’Assemblea dovesse votarlo. Ma tale maggioranza, lungi dal votarlo, rifiutò di prenderlo in considerazione. Qui ci sia consentito, sebbene abbiamo bevuto acqua pura, di citare ancora il grande materialista storico Caio Duilio. Quando muoveva incontro alla poderosa flotta di Cartagine, gli àuguri compunti gli portarono i sacri polli: Non dare battaglia, ammiraglio, i polli non hanno voluto mangiare; cattivo presagio! Vadano dunque a bere, disse Duilio, lanciandole nelle cerulee acque tirrene e ordinando di porre le prore rostrate sul nemico.

Era evidente che quella presuntuosa assemblea, in cui figuravano, in bel mazzo, tutti i social-traditori, non avrebbe mai approvato il progetto di Lenin. Costituite in fretta, e sgombrate, voleva dire Vladimiro.

Diceva infatti il testo alla fine, e prima del capoverso sulle nazionalità proposto come si dice da Stalin, così:
«Il potere deve appartenere interamente ed esclusivamente alle masse lavoratrici e alla loro rappresentanza plenipotenziaria – ai Soviet dei delegati operai, soldati e contadini. L’Assemblea Costituente, appoggiando il potere sovietico ed i decreti del Consiglio dei Commissari del Popolo, ritiene di esaurire i propri compiti stabilendo le basi fondamentali della trasformazione socialista della società»[152].

La sera del 19 la commedia era finita. Gli onorevoli costituenti furono mandati a bere. Non ci fu il bagno di sangue, si trattò di poche pedate del reparto dei marinai rossi inviato a proteggere l’Assemblea.

Dal 23 al 31 si aduna il III Congresso Panrusso dei Soviet. Come primo suo atto ratifica con entusiasmo la livragazione della Costituente. Poi ratifica, il 24 gennaio 1918, la «Dichiarazione dei Diritti del popolo» proposta da Lenin: dobbiamo ritenere che non ci fu nemmeno il tempo di correggere la forma iniziale di ogni accapo. Vi era altro all’orizzonte; il nembo di Brest Litovsk.

Il «Breve Corso» ignora questo III Congresso dei Soviet, ed anche il IV. Solo il V Congresso nella seduta del 10 luglio adotta la Costituzione completa, elaborata da una speciale commissione presieduta da Sverdlov, di cui la prima parte è formata dalla «Dichiarazione» adottata dal Terzo.

Data quindi della Prima Costituzione: 10 luglio 1918. Data della «Dichiarazione», come adottata al III Congresso ed inserita nella Costituzione dal V: 24 gennaio 1918.

Messa così a posto la storia del documento, su cui si fa qualche confusione, va considerato il testo definitivo della Costituzione di Luglio, liberandosi dal parlamentare puzzo del termine Assemblea Costituente.

24 – Rivoluzioni e costituzioni borghesi

Tutta l’impostazione della storica questione sta a mostrare come il partito comunista, che aveva fatto una rivoluzione proletaria nella forma dittatoriale più decisa, e con l’aperta proclamazione del programma socialista, costruisca una macchina legale atta a funzionare nell’interesse e nelle mani della classe lavoratrice, ma sa che funzionerà su di una materia sociale, un terreno sociale, che deve ancora finire di diventare borghese e deve impiegarvi un lungo periodo. Ossia eredita un compito storico parallelo, se pure diverso, a quello delle rivoluzioni borghesi di altri paesi del mondo.

Dopo la caduta dello zar e del feudalesimo, dal febbraio 1917, la Russia non si era tracciata una costituzione simile a quella degli altri paesi che avevano rotto le pastoie e i vincoli del sistema feudale e dispotico.

Da questo punto di vista la costituzione che i bolscevichi preparano per la Russia è simile a quelle delle rivoluzioni americana e francese, che le poggiarono su «Dichiarazioni di diritti» dell’Uomo, e poi dell’Uomo e del Cittadino. Ma è tra le prime parole del marxismo la critica storica di questa posizione ideologica, per cui la borghesia mostrò di credere che il suo sistema fosse quello stesso della natura, e che bastasse tagliare certi legami per riconoscere quei principi di diritto su cui l’umanità futura si sarebbe senza sforzo adagiata in una generale pacifica uguaglianza. Marx giovane afferma e prova come quell’Uomo e quel Cittadino, di cui si sanciscono i diritti, sia l’uomo della Società borghese, il Cittadino dello Stato borghese, ossia il membro della classe borghese sotto il riflesso prima economico e poi politico, detentore di ricchezza e di potere.

Ove questo trapasso storico è un fatto compiuto, la rivoluzione socialista non avrà da copiare Costituenti e Costituzioni, e tanto meno di carattere stabile, statico; pretese copie di un raggiunto e finora falsato modello «naturale». Non stabilirà la scrittura di nuovi e diversi diritti personali, ma svolgerà la forza di una nuova classe, che avrà bisogno di un’ultima macchina-stato, e con essa di un attrezzo-costituzione, e di un ingranaggio positivo di diritto, al solo fine di assicurare la capovolta dominazione di classe, sapendo che tutto ciò si esaurirà nella misura e nel tempo in cui le differenze di classe verranno in un corso non breve eliminate.

Programmaticamente anche in Russia la Rivoluzione ha questo compito, ma non è un suo compito «territoriale», bensì un settore del compito mondiale della classe proletaria, altrove ancora giacente sotto la Dittatura del Capitale.

Territorialmente, per non dire nazionalmente, deve avere un diritto e una Carta fondamentale di esso, come Inghilterra, America, Francia e tutti gli altri paesi moderni. Questo è un suo compito borghese.

Si poteva e si seppe pagare questo debito storico senza rinnegare la perfetta posizione dottrinale. La «Dichiarazione» non ignora, come quelle di oltre un secolo prima, la dinamica sociale delle classi, e d’altro lato non ammette che il contenuto della Rivoluzione sia soltanto politico e giuridico. Essa traduce la formula, che non è quella delle rivoluzioni liberali antiche, e nemmeno quella delle rivoluzioni socialiste future, della dittatura democratica degli operai e dei contadini, in una proclamazione che ha un sapore giuridico, ma non si ferma al diritto individuale di ogni individuo abitante nel territorio e suddito dello stato, bensì afferma le rivendicazioni storiche di due classi sociali con la formula, ibrida storicamente quanto socialmente impeccabile, dei diritti del popolo lavoratore e sfruttato.

Per le Carte borghesi, Società Popolo e Stato hanno gli stessi confini, e le stesse classi debellate, come la nobiltà, distrutti gli Ordini cadono nel popolo, e nel suo diritto personale.

Perciò Marx fin dal 1844 indica come tra questi diritti di tutti, oltre alla libertà e all’eguaglianza, siano nella Costituzione del 1793 indicate la sicurezza e la proprietà, che interessano solo la minoranza abbiente, e la interessano contro la restante maggioranza[153].

La rivoluzione russa storicamente ibrida deve portare per ancora una generazione almeno il fardello del popolo, almeno come fardello terminologico, ma prima di caricarselo lo ha frantumato in due: caccia proprietari e borghesi fuori della Costituzione, e ne fa salvaguardia dei diritti solo dei «lavoratori» e degli «sfruttati»: deve con questo secondo termine piuttosto ambiguo abbracciare tanto i salariati, quanto i piccoli contadini, i contadini «poveri» ma non nullatenenti e senza-riserva come gli operai.

25 – La «Dichiarazione» del 1918

Ammesso che, senza nessun carattere di «eternità» anche nel senso giuridico, il proletariato giunto al potere di un paese capitalista a pieno sviluppo debba promulgare una Carta, essa non potrà parlare di Popolo, ma parlerà di Classe.

Forse parlerà anche di Diritti nel senso, sempre passeggero, in cui Marx li prevede per il periodo inferiore del socialismo, in cui saranno copia del diritto borghese, come puro espediente di gestione sociale. Ma saranno diritti di classe, legati alla presenza nello Stato di una sola classe, ossia di quella dei proletari senza riserva di lembi di proprietà e di capitale, e quindi escludendo i piccoli possessori e produttori, anche se possono cadere sotto le espressioni generiche di lavoratori e di sfruttati, in quanto nella società capitalistica ogni piccolo gestore economico è sfruttato dagli strati sovrastanti, ed anche il piccolo dal grande capitalista; e permangono nell’agricoltura quanto nella manifattura forme miste di lavoro, capitale e proprietà, in cui in non pochi casi lo sfruttamento è più intenso che per il salariato puro, e per grandi strati di salariati puri.

Se in questo caso occorrerà una «Dichiarazione» dei diritti del salariato, sarà nella misura in cui, dopo la rivoluzione politica, dovrà persistere la forma salario legata con lo scambio mercantile.

Nella Costituzione del 1918 non solo è dato atto del sopravvivere in un lungo futuro di tale forma non socialista, ma altresì di forme ancora più basse storicamente ed economicamente. La prova sta nel suo testo.

Ma la Costituzione non cessò per questo di essere in Russia e fuori di Russia un potente strumento di agitazione, in quanto confrontata con quelle dei più progrediti Stati borghesi, nessuna delle quali aveva Osato arrivare a vietare lo sfruttamento, per insufficiente che sia una tale espressione sulla linea della dottrina marxista. Fecero il giro del mondo le formule, che riempivano i giovani proletari e rivoluzionari del tempo di irrefrenabili entusiasmi: soppressione dello sfruttamento dell’uomo sull’uomo – chi non lavora non mangia – chi non lavora non vota. Nessuno rinnega quegli entusiasmi generosi, ma i militanti di un partito marxista devono sapere che mai si potrà chiudere in una dichiarazione di diritti e di principi giuridici (concetto diverso da quello dei principi teorici di partito, che sono principi scientifici) il contenuto della Rivoluzione Comunista distruttrice della forma capitalista moderna.

Qualche Costituzione borghese ha posteriormente fatto qualche pallido passo in avanti, come quella dell’italica Repubblica fondata sul lavoro. Che vuol dire ciò? Diritto per diritto, si può leggere che è fondata sul lavoro sfruttato, sul lavoro degli altri.

Prima di andare avanti, indichiamo che già il II congresso dei Soviet con la data 30 novembre 1917 aveva votato una breve «Costituzione» limitata a pochi accapi che potrebbero dirsi di «organizzazione dello Stato».

Il Consiglio dei Commissari del Popolo (che prendono il posto dei ministri borghesi) risponde al Comitato Esecutivo Centrale dei Soviet. Tutti gli atti importanti sono sottomessi all’approvazione del C.E.C.

Le misure di lotta alla controrivoluzione sono prese dal Consiglio dei Commissari, sotto riserva della sua responsabilità verso il C.E.C. Quindici membri di questo possono avere diritto di interpellanza al governo dei Commissari, che deve dare immediata risposta.

Il testo completo del 1918, 10 luglio, infine stabilisce che unica legge fondamentale della R.S.F.S.R. è costituita dalla Dichiarazione ratificata dal II congresso e dalla Costituzione che la segue.

26 – Conquiste, scopi e mezzi

Il I Capitolo del I Titolo della Dichiarazione, nella sua forma definitiva[154], riguarda due risultati di fatto, e di natura politica, che segnano traguardi raggiunti e non comportano commento.

Art. 1 – La Russia è proclamata Repubblica dei Soviet dei deputati degli operai, soldati e contadini. Tutto il potere, centrale e locale, appartiene ai Soviet.

Art. 2 – La Repubblica sovietica russa viene costituita, sulla base di una libera unione di libere nazioni, come Federazione di repubbliche nazionali dei Soviet.

Il II Capitolo stabilisce gli scopi sociali della Repubblica rivoluzionaria, che nel corso futuro dovranno essere raggiunti. L’art. 3 ne dà il primo elenco, con la formula:
«Allo scopo fondamentale… il II congresso panrusso dei Soviet decreta, ecc.».

Esaminiamo partitamente la natura storica degli scopi elencati.

Soppressione di ogni sfruttamento dell’uomo sull’uomo. Senza tornare sul valore scientifico di una tale espressione, essa è una presa di atto che nella società russa lo sfruttamento esiste, e si deve lottare per eliminarlo.

Completa eliminazione della divisione della società in classi. Questo scopo contiene il totale programma socialista. Allorché esso sarà raggiunto, giusta la nostra dottrina, non vi saranno né Stato, né Costituzione. Va ricordato che l’estensore del testo è Lenin, e che in primo tempo il testo dovette avere anche l’adesione degli esserre. Questi erano alleati dei bolscevichi al II congresso; al III uscirono dal governo; al IV tentarono la via della forza restando schiacciati.

Repressione senza pietà della resistenza degli sfruttatori. Prendiamo la formula del progetto di Lenin al posto di quella della raccolta francese di legislazione comunista del Labry, che qui ci pare tradotta male: spietato sterminio degli sfruttatori. Il senso è quello della dittatura di classe. Gli sfruttatori vi sono, come lo sfruttamento. Se si opporranno, non tanto alle misure sociali, quanto alla loro estromissione da ogni diritto politico e dal potere, la repressione di ogni tentativo di violare le decisioni del potere proletario o di rovesciarlo sarà inesorabile. Quindi la Costituzione non ci racconta, come quella del 1936, che non vi sono più sfruttamento e sfruttatori, ma prevede come trattare questi, fino a che ci saranno ancora.

Instaurazione dell’organizzazione socialista della società e vittoria del socialismo in tutti i paesi. L’edizione di Lenin in italiano a Mosca dice creazione; il testo francese, che stavolta preferiamo: établissement. Nessuna virgola separa i due concetti, che leggiamo insieme, ossia ponendo come scopo la società socialista non nella sola Russia, ma in tutti i paesi.

In ogni modo a parte sottigliezze grammaticali il senso è che lo scopo è il formarsi dell’economia socialista in Russia, come in ogni altro paese, e che questo avverrà con la vittoria in tutti i paesi. Per vittoria del socialismo intendiamo la presa del potere politico da parte del proletariato rivoluzionario. Il concetto ricorre così in tutti i testi di Lenin, che all’epoca vedeva imminente la vittoria in Europa.

Quindi non socialismo constatato, né socialismo promesso nel territorio russo isolato.

27 – Le misure decretate

Alla premessa, che descrive gli scopi storici della rivoluzione, seguono, da a) a g), sette provvedimenti nel testo francese, che si atteggia ad ufficiale o tratto da fonti ufficiali, e 5 in quello di Lenin. Trascureremo le differenze minori, in quanto alcuni degli accapi contenuti nella Dichiarazione sono gli stessi del già illustrato «Mandato contadino» del II congresso.

a) Al fine di attuare la socializzazione del suolo, la proprietà privata di esso è abolita, e tutti i terreni vengono dichiarati proprietà nazionale, e trasferiti ai lavoratori, senza indennità e in base al principio dell’eguaglianza di godimento.

b) Le foreste, le ricchezze del sottosuolo e le acque d’interesse nazionale, così come i beni immobili e mobili delle fattorie modello e delle grandi aziende agricole moderne, sono dichiarati proprietà pubblica.

Come già sappiamo questa misura di nazionalizzazione della terra è concreta ed immediata ma non è di contenuto socialista, e nemmeno di capitalismo statale, finché vige la formula del godimento per aziende frazionate.

c) Come primo passo verso il definitivo possesso, da parte della Repubblica operaia e contadina dei Soviet, di tutte le fabbriche, officine, miniere, ferrovie ed altri mezzi di produzione e di trasporto, è ratificata la legge promulgata dai Soviet sul controllo operaio e sul Consiglio Superiore dell’Economia nazionale, al fine di garantire il potere dei lavoratori sui datori di lavoro.

Non occorre notare l’estrema modestia economico-sociale di questa misura pratica. In sostanza non sarà incostituzionale in avvenire l’esistenza di gestioni industriali capitaliste private.

d) La legge sull’annullamento dei prestiti contratti dal governo degli zar, dei proprietari fondiari e della borghesia, è il primo colpo portato al capitale finanziario internazionale. La vittoria completa della rivolta del proletariato internazionale contro il giogo del capitale non potrà essere ottenuta che se i Soviet continuano a seguire la via tracciata dalla detta legge.

e) Il trasferimento delle banche nelle mani dello Stato operaio e contadino è una delle condizioni per l’emancipazione delle masse lavoratrici dal giogo del capitale.

f) Per annientare le classi parassitarie della società è decretato il lavoro generale obbligatorio.

g) Per assicurare la pienezza del potere alle masse lavoratrici ed eliminare definitivamente la possibilità che sia ristabilito il potere degli sfruttatori, sono decretati l’armamento degli operai e dei contadini, la formazione dell’armata rossa socialista, e il completo disarmo delle classi possidenti.

Questa parte finale è la più importante. Dichiarare che le classi privilegiate non esistono più è uno scherzo facile, che sarà fatto dal 1936. Ma la posizione rivoluzionaria è lo scontarne la sopravvivenza, e predisporne il rigoroso disarmo da parte del proletariato armato.

28 – Politica internazionale

Il III Capitolo della Dichiarazione riguarda le questioni mondiali. La guerra che è ancora in corso è definita «la più criminale che ci sia mai stata». Sono ribadite la rivendicazione di abolire i trattati segreti, l’organizzazione della fraternizzazione ai fronti, e la realizzazione «con misure rivoluzionarie» del diritto dei popoli a disporre di se stessi. Ciò nell’art. 4. Il 5 contiene la condanna dell’imperialismo e della barbarie coloniale con l’asservimento al capitalismo di interi popoli di colore. L’art. 6 ratifica le decisioni di lasciar libere la Finlandia e l’Armenia, ed evacuare militarmente la Persia.

Il Capitolo IV riguarda la questione interna delle nazionalità, dopo aver ribadito il principio della dittatura, ossia l’assoluta esclusione degli sfruttatori di lavoro altrui da ogni minimo diritto politico.

L’art. 8 definisce la questione nazionale (le cui violazioni da parte di Stalin tanto dovevano nel seguito indignare Lenin[155] mentre Stalin non fa che vantarsi autore di queste parti del testo). Mirando a realizzare una unione libera, volontaria e completa, e perciò tanto più solida e duratura, dei lavoratori di tutta la Russia, il Congresso si limita a formulare i principi su cui si basa la Federazione delle Repubbliche Socialiste dei Soviet, riconoscendo agli operai e contadini di ogni nazione il diritto di decidere liberamente, nei loro congressi dei Soviet [qui il progetto Lenin dice «investiti di pieni poteri»; il testo francese citato dice invece «autorizzati», che sarebbe altra cosa: da chi, si direbbe?] se desiderano partecipare, e su quali basi, al governo e alle altre istituzioni federative di Russia.

Qui siamo al termine della «Dichiarazione». Ne risulta che non vi era allora nessuna impazienza di dichiarare che in breve tempo si sarebbe avuto il socialismo come struttura produttiva, ma erano invece in primo piano problemi politici affrontati e risolti con spirito di classe e rivoluzionario, e soprattutto con rigida coerenza alla dottrina marxista.

Il primo punto è la severa applicazione della dittatura, e se del caso del terrore, alle classi spossessate dal potere, anche quando per lungo tempo conserveranno funzioni e quindi privilegi economici.

Altro punto è la previsione della controrivoluzione e le misure per fronteggiarla. Combattere e non «costruire» è la consegna della storia. Combattere vuol dire soprattutto distruggere: lo sarà tanto più in quanto si subirà una guerra di assedio; stretti in cerchio sempre più piccolo attorno alle due grandi città, che possono produrre armi, ma non vettovaglie per la popolazione e i combattenti. Istituire la guardia armata interna e l’esercito per i fronti esterni, armarli, nutrirli, ecco il primo problema.

Terzo punto. Al luglio con la pace di Brest la Russia è libera dalla guerra internazionale: ma continua lo stesso l’esigenza di stroncarla, di lanciare nel mondo l’invito al proletariato di ogni lingua a gettare le armi, a sabotare l’imperialismo, ad attaccare alla base il mostro della forma capitalista. Questa la via per alleggerire la Russia dallo sforzo militare contro gli assalti bianchi alimentati dalle potenze estere, e per risolvere il problema del passaggio al socialismo che è problema ultra-nazionale, per la Russia soprattutto.

29 – Aspri itinerari della rivoluzione

La «Dichiarazione» è un altro documento che mostra menzognera la tesi degli stalinisti che Lenin vedesse addossato al solo proletariato russo, oltre la guerra di classe, il compito assurdo di «costruire il socialismo».

Questo termine equivoco, con altri che dialetticamente si introdussero nell’agitazione per storica necessità, ma da uomini che avevano la forza di farlo senza menomamente intaccare il «sancta sanctorum» della teoria, che è la vita del partito rivoluzionario – come ad esempio il famoso abolire lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo –, si lega in fondo al transitorio «blocco» con gli esserre, stretto per la conta dei voti e sulla carta, rapidamente sciolto con le fucilate – essi presero i fucili: una prima volta nella storia i proletari non fecero la fine di Francia 1831, 1848, 1871, Germania 1918, Ungheria 1919, ecc., ma caddero i traditori della rivoluzione.

Chiudere la storia millenaria degli sfruttamenti sociali ed elevare il regno egualitario è nella prospettiva populista e socialista rivoluzionaria, che non solo in Russia ed allora, ma ovunque e sempre alligna, un gioco da bambini. Si prende tutta la terra, o si prende tutto il capitale, e se ne fanno tanti uguali pezzetti, ove ognuno lavora il suo. Costruita questa società contadina nella campagna, e nelle città, se non proprio artigiana come mille anni fa, sia pure di «azionariato sociale», ecco di un solo colpo abolito lo sfruttamento, e costruito il socialismo.

Non si potrà mai dimostrare che questa formula utopistica della società possa storicamente attuarsi e tanto meno che dopo attuata possa mantenersi, ma quello che per i marxisti è evidente è che una tale forma storicamente assurda, atta a nascere nelle teste dei piccoli borghesi e a sposare le teorie di tipo libertario, non solo non contiene nessun elemento della forma socialista, ma sarebbe inferiore a quella capitalista, per rendimento, impulso alla produttività del lavoro, e alla stessa oggi idolatrata volumetrica della produzione.

Essa non va al di là, con minore forza ed eloquenza, delle vecchie posizioni mistiche ed etiche, che parlarono di far scendere sulla terra il regno divino della giustizia e della fraternità. Nel seno del mondo moderno non ne uscirono che aborti innumeri: il fabianismo, l’esercito della salvezza: un ultimo risibile esempio nel giustizialismo di Perón e di Evita, che cadde nel ridicolo dopo avere illuso masse di sfruttati, si sentì chiamare fascismo del tipo di quello della repubblica di Salò; il che non toglie che poche settimane fa una repressione feroce e sanguinaria lo abbia stroncato, degnamente bagnando in un lago di sangue i loschi «ideali del mondo libero», tra i quali alligna l’analoga formula idiota: la libertà dal bisogno, la libertà dalla paura.

Quanto, marxisti russi ed europei, eravamo in quegli anni splendenti elevati su questa paccottiglia sociale, sicuri incrollabilmente che nella lotta dottrinaria avevamo spazzato via tutto questo lattemiele irrancidito per scrivere al suo posto la reale dinamica della storia e del socialismo che in essa sorge, senza che vi siano su esso borghesi «diritti di autore»!

Oggi affoghiamo in quelle muffe ammorbanti e schifose, da tutte le parti.

Abbiamo perciò voluto dire che Lenin stesso ha dovuto, in piena, e oggi riconosciuta dai veri marxisti, decisione, usare di quelle formule di agitazione e di composizione politica. Sicché anche quando avesse scritto di volere in Russia edificare o costruire il socialismo, l’uso di tali verbi nulla toglierebbe alla sua integrale linea. Tuttavia in recenti polemiche gli stessi borghesi, che spesso leggono la storia meglio del cretinismo populista o popolare (è lo stesso) che dilaga, hanno potuto agli stalinisti e krusciovisti dimostrare documentalmente che Lenin stabilì, proclamò e scrisse innumeri volte il contrario; che, analogamente, mai gli sfuggì l’altra frase, della stessa risma, della pacifica coesistenza tra Stati socialisti e Stati capitalisti.

30 – Principi della Costituzione

La «Dichiarazione» di Lenin forma il Titolo primo della Costituzione del luglio e del V congresso panrusso. Il secondo, intitolato: Normativa generale della costituzione della R.S.F.S.R. (sostituiamo, non possedendo testi russi, la parola Normativa alla francese Règlement, troppo pedestre) contiene però ancora enunciazioni di principio, che si devono rilevare.

Si potrebbe dire che la Dichiarazione ben poteva avere per oggetto una fase di rapido passaggio, ma le costituzioni hanno per oggetto il lungo avvenire; quelle americana e francese sono vive (e scioccamente incensate) dopo più di un secolo e mezzo.

L’art. 9 del Capitolo V dice che appunto per il periodo transitorio attuale il dovere della Repubblica (frase che in teoria Lenin non avrebbe scritta per non scivolare nell’antimarxista «Stato etico») consiste nello stabilire la dittatura del proletariato delle città e delle campagne sotto la forma di un forte governo sovietico panrusso. Il centralismo qui passa però, a bandiere piegate, dalla dottrina nella legislazione positiva.

Sono quindi spiegate le finalità di questo Governo. La formula è più netta: un Governo per noi non ha doveri, ma ha finalità storiche, e di classe. Questo Governo (centrale) ha
«per scopo di schiacciare la borghesia, di abolire lo sfruttamento dell’uomo da parte dell’uomo e di instaurare il socialismo, nel quale non esisteranno né divisioni di classe, né potere statale.»

Gli scopi sono storicamente gradati. Schiacciare la borghesia significa toglierle ogni potere politico: la sua fisica distruzione verrà alla fine col terzo termine: abolizione delle classi. Segue l’abolizione dello sfruttamento dell’uomo: ripetiamo che questo termine non dovrebbe essere più vicino del socialismo totale, che è al terzo punto (quando con la borghesia sparisce il proletariato stesso), e, se qui sussiste, è il residuo del rospo storico dovuto ingoiare, che è quello contadino, più duro a morire di quello esserre. Il godimento eguale non è socialismo, né è nel programma agrario dei comunisti (Lenin, mille volte citato) ma tuttavia è una non nostra ricetta in cui il nobile, il landlord, il kulak non possono più papparsi il prodotto del sudore di chi vanga. Cosa bella e pulita, ma marxisticamente insufficiente, quanto pericolosa – come la storia ha mostrato – per il lavoratore della fabbrica e per quello della terra.

Lo scopo di arrivare al «vero» socialismo, al socialismo superiore, al comunismo senz'altro aggettivo, è quello finale, come dicono le parole che lo definiscono: non solo inesistenza di divisioni di classe (aspetto sociale) ma sparizione di ogni potere statale (aspetto politico, estinzione storica dello Stato). Questo scopo figura nella costituzione, ma va oltre la repubblica storica dittatoriale dei proletari e dei contadini. Prima di giungere alla sparizione delle classi, il binomio dovrà divenire un monomio: tutti operai salariati; e nello scalino seguente nemmeno salariati. Solo quando sarà morta la forma salario, e da molto tempo morta la forma «godimento eguale della terra» (che seguita a vivere nel colcos) si presenterà all’orizzonte storico la sparizione dello Stato. Esso dovrà prima liquidare la transizione dalla forma binomia, operai-contadini, a quella monomia: soli operai, e con una lotta di classe.

Se quindi tra gli «scopi» del potente governo operaio-contadino di Russia sta questo, estremo, è in riferimento non alle tappe della società russa ma a quelle di tutte le moderne società capitaliste. Questo passo della prima Costituzione, «socialista» politicamente perché uscita dalla vittoria di un partito comunista internazionalista, si volge a tutta l’Europa, e agli altri paesi sviluppati, e afferma per il mondo intero i cardini marxisti: dittatura, potere statale centrale, abolizione delle divisioni di classe e delle classi (proletariato ultimo, ma incluso), società comunista senza potere di Stato. Si tratta della dottrina del partito vincitore, il solo che, oltre a mirare al programma socialista totale, potesse condurre la lotta del binomio russo sotto la forma di potere operaio-contadino nei Soviet.

31 – Indirizzi politici della dittatura sovietica

Le tre norme che seguono questo articolo, che diremmo teorico, ribadiscono che il potere della Repubblica è uno e centrale, che la gerarchia dei Soviet periferici culmina nel supremo Congresso Nazionale dei Soviet, e (quando questo non siede) nel Comitato Esecutivo Centrale, dallo stesso eletto.

La Repubblica è federativa quanto alle nazionalità di varia razza e lingua che vanno storicamente sciolte dal giogo del dispotismo imperiale (tappa borghese-democratica, quanto inderogabile, della Rivoluzione), ma non accorda autonomie regionali provinciali o comunali nell’azione dello Stato e nella sua amministrazione, in cui i momenti decisivi risalgono dichiaratamente al potere del Centro.

Segue la disciplina di alcuni problemi, a cavallo tra quelli che si posero le classiche rivoluzioni borghesi e quelli propri di una repubblica la cui ideologia e la cui politica tendono dichiaratamente alla società socialista.

Art. 13. Libertà di coscienza: che deve essere garantita «ai lavoratori» in modo effettivo. A tale scopo la Chiesa è separata dallo Stato, e la scuola dalla Chiesa: tutti i cittadini possono fare propaganda religiosa o antireligiosa. Formula di passaggio che nella parte positiva una repubblica borghese può accettare, rompendo le tradizioni feudalistiche. In una repubblica operaia comunista si rimetterebbe al partito la trattazione della questione religiosa e si vieterebbe la propaganda dei culti, e il loro esercizio.

Art. 14. Libertà di pensiero, effettiva (classiche formule teoriche di Lenin nella polemica coi demo-socialisti, che gloriosamente entrano nella pratica). La Repubblica sopprime la dipendenza della stampa dal capitale e trasmette nelle mani degli operai e contadini poveri tutto l’apparato tecnico necessario per pubblicare giornali, opuscoli, libri, ecc., e ne garantisce la libera circolazione nel paese. Ciò non deve leggersi nel senso che gruppi autonomi possano stampare e diffondere quanto a loro piace, ma è criterio di classe: la discriminazione delle due classi governanti si fa al vertice dello Stato. Ma é piena la fedeltà alla critica marxista della balorda esigenza della «libertà di stampa» che è libertà per milionari.

Art. 15. Libertà di riunione, al solito, effettiva. I locali e gli stabili atti alle riunioni pubbliche sono dalla Repubblica messi a disposizione delle suddette due classi sociali, col loro arredamento, ecc. Ogni cittadino ha diritto a organizzare riunioni, comizi, ecc. Si ricade per un momento nel diritto del cittadino individuale, che in pratica non è norma rivoluzionaria, ma si resta sulla linea della superba dottrina che deride la concessione di diritti platonici, senza quella dei mezzi per goderli.

Art. 16. Libertà di associazione. La Repubblica, distruggendo il potere economico e politico delle classi possidenti, ha di fatto eliminato gli ostacoli all’organizzazione delle masse proletarie e contadine, e le aiuta in tutti i modi a riunirsi e organizzarsi liberamente. Ciò non significa certo che «qualunque» organizzazione sia tollerata, anche quando abbia programmi in contrasto con la Costituzione della Repubblica. Da notare che non troviamo scritto che non si possano fondare partiti politici diversi da quello al potere.

Questa carta gloriosa lo è in tanto maggior misura, in quanto, dettata da un partito in possesso di un «allenamento» teoretico senza precedenti storici, si erge al vertice di una rivoluzione duplice, di una rivoluzione fra tre regimi, in cui le forme del regime borghese intermedio bisogna aiutarle a nascere, e nel termine più vicino possibile avviarle a morire.

32 – Altri compiti dello svolto rivoluzionario

L’istruzione è dichiarata completa e gratuita, ma qui (egregiamente) non per ogni abitante del territorio, bensì per gli operai e i contadini più poveri (art. 17).

L’art. 18 ripete che il lavoro è obbligatorio, e, qui esattamente, per tutti i cittadini. Resteranno i ricchi, ma si faranno lavorare anche prima di poterli depauperare.

L’art. 19 rende obbligatorio il dovere di difendere non la patria ma «la società socialista». Ma solo i proletari stanno nell’esercito combattente, gli altri saranno sottomessi ad altri obblighi di milizia. Vera formula, non di società senza classi ma di società «a classe rivoluzionaria dominante».

L’art. 20 rende cittadino dello Stato ogni straniero della classe lavoratrice, che si trovi nel territorio, senza formalità o domanda. Formula che sottolinea la superiorità della comunanza di classe su quella di nazione.

L’art. 22 abolisce ogni privilegio razziale o nazionale. Una repubblica borghese può ammettere, teoricamente, la norma.

L’art. 23 (non meno che ciascuno dei prima detti) può servire a provare che la Repubblica bolscevica sa di non porsi sulla soglia di una società socialista, quanto a struttura economica. «Sono annullati tutti i diritti di persone private e gruppi sociali…». E qui l’articolo finirebbe se fossimo «nell’anticamera del socialismo». Ma non finisce; continua così: «il cui esercizio danneggi gli interessi della rivoluzione socialista».

Voglia il lettore riflettere sulla poderosa costruzione dialettica di questo documento, in cui nulla di mistico né di demagogico è rimasto, e che da un lato guarda la realtà arretrata e sconquassata di Russia nei suoi caratteri positivi senza nessuno celarne, dall’altro, con le sue proclamazioni, alimenta la fiamma mondiale dello sforzo della classe rivoluzionaria, del suo presentimento possente della futura verità socialista, dell’immancabile realizzarsi del programma che i comunisti, da un secolo quasi, hanno nel mondo levato, annunciando alla forma capitalista la sua fine di morte violenta.

La Costituzione di Lenin, dei bolscevichi marxisti, dei Soviet del 1918, che nulla di comune hanno con gli scalzacani russi di ieri e di oggi, dà atto che si accinge ad amministrare per decenni rapporti di produzione non socialisti, ma borghesi e preborghesi; ma pretende con orgoglio gigante di andarlo a fare con mezzi e per strade che, senza abolizioni da palcoscenico e colpi di bacchetta magica, ignoti al marxismo scientifico, uno per uno faranno partire colpi diretti al cuore del nemico internazionale, della società capitalistica, dei poteri imperialistici.

La consegna fu capita e raccolta nel mondo intero, e sferrata la dura battaglia, in cui lo stesso contenuto socialista e rivoluzionario della Carta del Luglio 1918 era, senza speranza di alternative, in gioco totale.

La nuova Carta borghese del 1936 suggellò la sconfitta dei rivoluzionari nella tremenda prova. Sconfitta totale, ma che può essere riscattata se non si aggiunge ad essa il baratto dello splendido realismo dottrinale, che nel 1918 sostenne e vinse una prova suprema; ma mai cancellabile.

Va a tale scopo riscattata l’infamia che la resa del 1936 osò presentarsi come bilancio di vittoria, e mascherare da socialista una struttura sociale che si era elevata a caratteri più borghesi, ma ad essi si era bassamente legata.

La Costituzione 1918 deve però dirci altro: il II Titolo, che descrive l’ingranaggio sovietico della nuova Russia, mostra che il binomio tra le due classi dittanti non è binomio di termini uguali; ma contiene la superiorità e l’egemonia di una delle due classi: il proletariato industriale, sul minore seppur necessario alleato: la classe contadina. Gloriosa cadetta, ma cadetta, di quella grande Rivoluzione. E che nella storia doveva trarsi da parte; anzi lo ha fatto già.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XIX)

33 – Lo scandalo del voto plurimo

Le caratteristiche storiche del nuovo sistema elettorale sovietico apparso in Russia, che suscitarono le più violente polemiche contemporanee, ed a tante riprese nel futuro, sono essenzialmente due.

L’esclusione di una parte dei «cittadini» russi dal diritto di voto, che è l’espressione della «dittatura», su cui Stalin nel 1936 sfoggerà grandi speculazioni su date citazioni atte a travisare il pensiero di Lenin – ed il diversissimo peso attribuito al voto del componenti delle due classi vittoriose: gli operai e i contadini poveri.

Iniziamo a trattare questi punti di base passando in rassegna le misure del testo della nuova Costituzione, alla quale, come Lenin dovrà in appresso ricordare a derisione dei «democratici puri» russi ed esteri, forse più che i bolscevichi avevano lavorato i socialisti rivoluzionari e perfino i menscevichi, tracciando gli Statuti dell’ingranaggio dei Soviet così come essi si erano spontaneamente costituiti nelle lotte rivoluzionarie del 1917, e fino a certi casi dal 1905. Il prevalere del compito operaio su quello contadino fu un dato di origine storica, più che di origine dottrinale.

Il III Titolo della Costituzione del 1918 si intitola «Struttura del Potere sovietico». La sezione A tratta dell’Organizzazione del potere centrale, e comincia col capitolo VI: Congresso panrusso dei Soviet dei delegati operai, contadini, cosacchi e soldati dell’esercito rosso.

L’art. 24 stabilisce che tale Congresso è il potere supremo della Repubblica Socialista Federale Sovietica Russa.

Il testo del fondamentale articolo 25 è questo:
«Il Congresso pan-russo dei Soviet è composto dei rappresentanti dei Soviet di città in ragione di un delegato ogni 25 mila elettori, e dei rappresentanti dei congressi dei Soviet provinciali (rurali) in ragione di un delegato ogni 125 mila abitanti».

Salvo a discutere più oltre della differenza tra le espressioni: elettori, usata per le città, e abitanti, usata per i governatorati, resta fin da questo punto ben chiaro che nello Stato russo, ed in quanto il potere derivi, nella costruzione ufficiale e costituzionale, dalla base della popolazione (nel che per i marxisti non è affatto un principio fondamentale) il voto di un operaio ha un’efficacia quintupla di quello di un contadino.

Fermo restando il numero dei delegati di ogni Governatorato, ci sono due vie per designarli: o dai Congressi di Governatorato, o, se questi non sono riuniti prima del Congresso Nazionale, direttamente a questo dai Congressi di Distretto (il Governatorato si divide in Distretti).

Gli articoli successivi stabiliscono quanto è già noto: tra un Congresso Panrusso dei Soviet e il successivo, il potere centrale è nelle mani del Comitato esecutivo centrale panrusso, eletto dal Congresso nel numero massimo di 200 membri. Il C.E.C. ha l’obbligo di convocare il Congresso panrusso dei Soviet non meno di due volte all’anno. Il capitolo VII fissa i compiti del C.E.C. tra cui è l’approvazione delle leggi e decreti e la formazione del Consiglio dei Commissari del Popolo, che costituisce il Governo. Per pura analogia si è sempre detto che il C.E.C. sarebbe il Parlamento degli Stati tradizionali. Ma allora questi non hanno un organo comparabile al Congresso dei Soviet, cui il C.E.C. risponde di ogni suo operato.

Il capitolo VIII regola le funzioni del Consiglio dei Commissari del Popolo, il cui primo elenco era di 18. Ad ognuno di essi era aggiunto un Collegio confermato dal Consiglio dei Commissari, con poteri di controllo e di appello al Consiglio stesso o al C.E.C. (È stato oggi ripristinato questo tipo di Collegio, sparito nella Costituzione di Stalin?).

34 – Ingranaggio dei soviet

I capitoli XI e XII riguardano tutto il sistema dei Consigli dalla sommità alla base, ma è forse meglio descriverlo in ordine inverso.

Nelle città il Soviet ha un delegato ogni 1000 abitanti, ma il numero totale dei delegati è compreso tra un minimo di 50 e un massimo di 100.

Negli «agglomerati rurali» (villaggi e molte altre denominazioni tipiche russe del Caucaso, delle terre cosacche, delle steppe, ecc.): 1 delegato ogni 100 abitanti.

Prima di risalire la scala gerarchica sarà bene dire che giusta il successivo capitolo XIV le elezioni si fanno «secondo gli usi e costumi stabiliti» e «nei giorni fissati dai Soviet locali». In generale si trattava di grandi adunate popolari senza la beffa borghese del voto segreto.

Per le piccole località delibera anche l’assemblea generale degli elettori.

Ogni Soviet elegge nel suo seno un Esecutivo di 5 membri al massimo nelle località rurali, di 3 a 15 membri nelle città, di non oltre 40 membri per Pietrogrado e Mosca.

I congressi di cantone [o mandamento] sono esclusivamente rurali, ed ogni soviet di località vi invia un delegato per ogni 10 dei suoi membri, o frazione. Circa un delegato al Soviet di cantone per ogni 1000 abitanti.

I congressi di distretto sono rurali e urbani. I delegati rurali devono essere 1 per 1000 abitanti, e quindi le località di popolazione minore di 1000 eleggono insieme il loro inviato al distretto. Le città inferiori a 10 mila abitanti inviano anche delegati al congresso di distretto.

I congressi di governatorato devono avere rappresentanti dei Soviet municipali e rappresentanti dei congressi di cantone in ragione di 1 delegato ogni 2000 elettori: numero massimo 300 delegati.

I congressi di regione sono formati da rappresentanti dei Soviet municipali in ragione di un delegato ogni 5000 elettori, e da rappresentanti dei congressi di distretto in ragione di 1 delegato per 25 mila abitanti. Ovvero da delegati indicati dai congressi di governatorato, se riuniti prima, nelle stesse proporzioni. Non oltre 500 delegati per l’intera regione.

Nel congresso di regione, che è lo stadio immediatamente precedente il Congresso panrusso, ritorna il rapporto di 5 rurali per ogni urbano. Abbiamo ogni volta trascritta con cura la parola abitanti o elettori. Prima di trarne deduzioni, si esamini il IV capitolo, o Parte, sul Diritto Elettorale.

35 – Il «diritto al voto»

Art. 64. Sono elettori ed eleggibili ai Soviet, indipendentemente dalla nazionalità, dalla religione, dalla residenza, dal sesso, tutti i cittadini dai 18 anni in poi, appartenenti alle seguenti categorie:

a) Quelli che si guadagnano la vita con un lavoro produttivo o socialmente utile, o che si occupano delle necessità domestiche dei primi, e quindi: Operai ed impiegati di ogni specie e categoria nell’industria, commercio, agricoltura, ecc.; contadini e cosacchi; agricoltori che non impiegano manodopera al fine di ottenere un profitto; b) soldati dell’esercito e della marina; c) cittadini delle dette categorie che abbiano perduta la capacità lavorativa.

I soviet locali possono abbassare l’età minima. Come dall’articolo 20, sono elettori ed eleggibili gli stranieri di origine proletaria.

L’art. 65 stabilisce chi sono gli esclusi dal diritto di voto:

a) Chi impiega salariati per ottenere un profitto; b) chi vive di redditi non provenienti da lavoro: rendite immobiliari, profitti di intraprese, e simili; c) i commercianti privati e i rappresentanti di commercio; d) i frati, gli addetti ai culti e alle chiese; e) gli impiegati e agenti degli antichi corpi polizieschi, pubblici e segreti, e i membri della deposta casa regnante; f) gli alienati e interdetti; g) i condannati per furti e delitti infamanti nel termine di legge o di sentenza.

Possiamo ora riesaminare, sia pure qui sotto il profilo quantitativo, il rapporto tra la «dose di sovranità» che la Costituzione attribuisce al contadino e all’operaio delle città. Siccome nel primo caso si parla di un posto nel supremo organo statale (il Congresso panrusso) ogni 25 mila elettori e nel secondo di uno ogni 125 mila abitanti, si tratta di sapere il rapporto medio tra gli elettori e gli abitanti.

La distinzione tra città e campagne rimane fedelmente la stessa nella composizione dei congressi di regione. Nei gradi inferiori spesso il riferimento si fa nei due casi agli elettori con parità di proporzione al numero dei delegati (governatorato) o con parità, ma agli abitanti (distretto). Negli ultimi gradi (cantone, città, aggregato rurale) non si parla più di elettori, bensì di abitanti sempre. Alla base, per ragioni evidenti, la proporzione è sempre agli abitanti, molto piccola rispetto a quella del livello «politico» e anche invertita: un delegato su mille abitanti in città, mentre nelle località minime perfino uno su uno (assemblea generale diretta).

Ora il rapporto degli elettori agli abitanti con l’indicata estensione del diritto di voto è molto alto: gli esclusi sono pochi nelle città e quasi nessuno nelle località rurali, ove d’altra parte i soviet possono far votare anche i ragazzi che lavorano da età molto inferiore ai 18 anni. Di qui la scarsa importanza data al riferirsi agli elettori in campagna: tutta la famiglia contadina lavora, ed è contata nel voto al Soviet: quindi restano fuori solo i bambini più piccoli. Più semplice dunque prendere la cifra degli abitanti.

36 – Rapporto tra i due alleati

Dato che, specie nella società russa, tutti gli esclusi dal diritto di voto, o quasi, stanno nelle città, fu un motivo di principio quello che fece stabilire che i delegati, poniamo di Mosca, derivavano il potere dai lavoratori e non dagli sfruttatori di Mosca; e non perché si volesse mitigare l’inferiorità contadina rispetto alla città proletaria. Conserva quindi tutto il suo peso il rapporto di 1 a 5 e l’ulteriore ricerca ha valore di pura curiosità. Coloro che vivono di rendita e di profitto industriale non possono superare che una bassa percentuale, non più del dieci per cento e, in quella storica contingenza, in cui i ricchi erano già fuggiti dalle città e dalla parte del paese controllata dai Soviet, non più del 5 per cento. Resta quindi da detrarre la sola popolazione sotto i 18 anni. Secondo tabelle italiane, che possono essere comparabili alle russe, i minori di 18 anni sono circa il terzo degli abitanti. Se ne può dedurre che gli elettori rispetto agli abitanti sono 60 per cento, considerati anche gli esclusi.

Allora un delegato ogni 25 mila elettori vuol dire uno ogni 40 mila abitanti in città, che contro i 125 mila della campagna dà sempre un rapporto di circa tre. Dunque la forza politica data al proletariato, in teoria quintupla, diviene in pratica tripla, cosa sempre notevole; e distrutta nel 1936.

Tali rapporti riguardano però gli aventi diritto al voto, non i partecipanti ad esso. Considerata la difficoltà di raccogliere i voti nelle campagne in quella ardente situazione, è chiaro che basta questo fatto a rialzare il rapporto di forza a favore degli operai, ben più di quanto lo abbiamo ora disceso!

La ragione, di politica classista, era soprattutto che i contadini sono in Russia ben più numerosi dei proletari. Secondo cifre che Lenin riporta nel 1919, relative a 26 soli governatorati della Russia già «controllata», contro 42,4 milioni di popolazione delle campagne stanno 10,3 milioni delle città: un quarto circa. Il comunismo rivoluzionario ha la sua radice nelle città industriali e trae da esse la sua potenza dirigente: il transitorio alleato russo, che qualitativamente ne sta di un’intera epoca storica al di sotto, fu dalla dottrina e dalla forza del partito guida riportato anche quantitativamente al di sotto della classe proletaria, egemone della Rivoluzione Sociale.

Questo dato fondamentale, questa pietra angolare della Rivoluzione, fu sotto Stalin abbattuto, e allora vantata, e oggi più ancora, come merito agli occhi dei nuovi alleati, i capitalisti di occidente, la «ortodossia» democratica pura!

37 – La «dittatura democratica»

Urgendoci il tema dei rapporti di produzione, non possiamo abbandonare l’ordine cronologico dei fatti economici, e non ora svolgiamo la critica della costituzione del 1936, che verrà più oltre.

Tuttavia la forma storica uscita dalle lotte, più che dal volere dei partiti e degli uomini politici, costituì luminosa conferma della previsione teorica di Lenin e della sua interpretazione del divenire russo, anticipata due decenni prima, e soprattutto costituisce una riprova della efficacia dell’applicazione del metodo marxista alla storia che si svolge dopo averlo fondato su quella che già si è volta.

Prima che il fatto storico la confermasse, la formula poteva sembrare incomprensibile, e perfino, come avvenne allo stesso Trotsky, poco rivoluzionaria; pure essendo ben chiaro che non era una formula della rivoluzione europea, per cui valeva fin dal 1871, e fu agitata nel 1917 e anni seguenti, quella della «dittatura del proletariato» su tutte le altre classi superstiti. La formula di Lenin valeva dichiaratamente solo per la Russia e la sua uscita dal feudalesimo, nella previsione che doveva servire di punto d’appoggio non alla società socialista in Russia, ma ad una politica socialista del potere russo nella direzione della rivoluzione e della dittatura proletaria europea.

Tra il 1917 e il 1921 tutti i documenti della Rivoluzione stanno a provare quanto fosse ardua la dirigenza di questa politica dell’alleanza e del trattamento dell’alleato-pericolo. Il comportamento verso i vari strati contadini dovette fondarsi sul fatto che solo la loro forza combattente permise di non soccombere a quelle della controrivoluzione zarista e capitalista nelle dure lotte di anni ed anni, e in una serie di difficili tappe nello scambio tra i prodotti industriali e quelli agrari, che consentirono alle forze rivoluzionarie, prima ancora di vincere, di materialmente vivere, con sacrifici tremendi per l’avanguardia operaia delle città.

I difficili movimenti di questa perigliosa traversata storica sono ad ogni passo stati invocati dal dilagante opportunismo, quando ogni pericolo di controrivoluzione era stato eliminato, per obliterare la tesi dottrinale marxista e leninista circa la futura funzione reazionaria dei contadini proprietari di terra, o goditori di terra, che è lo stesso, e circa la necessità di una lotta ulteriore contro di essi dei salariati delle città e delle campagne.

38 – Quale termine doveva cadere?

Per il filisteo la formula di Lenin era contraddizione in termini, in quanto si ha la dittatura se si nega la democrazia, e la democrazia se si nega la dittatura; il che non toglie che il filisteo borghese opti sempre per la propria dittatura, e contro la democrazia «generale», quando non ha storicamente altra via per non essere fregato. Se questa situazione russa è transitoria, dissero i filistei, che cosa verrà dopo di essa? Dovrà buttarsi via il sostantivo dittatura, o l’aggettivo democratica?

Lo stalinismo del 1936 pretese che Lenin, fin dal 1919, avesse previsto che si sarebbe dovuti passare, ferma restando l’alleanza con i contadini, ad un’eliminazione della dittatura e ad una «democratica convivenza» di proletari e contadini.

Obliterò fin d’allora, e fin dalla promulgazione della controrivoluzionaria (in quanto appunto, come torneremo a spiegare in dettaglio a suo tempo, instaurava la menzogna del dichiarato avvento socialista) Costituzione del 1936, la teoria di Marx e di Lenin sul rapporto tra proletari e contadini, teoria chiaramente stabilita in tutti i testi dottrinali (per Lenin, tra gli altri, «Stato e rivoluzione» e «Il rinnegato Kautsky»). Estorse, Stalin, con le solite citazioni, la tesi che i caratteri salienti della rivoluzione del 1917, e perfino tra essi l’esclusione dal diritto di voto delle classi non operaie né contadine povere (senza di cui si sarebbe avuta una democrazia operaio-contadina, storicamente pensabile come una democrazia totale e borghese soltanto, e non una «dittatura» fruente dell’ora analizzato ingranaggio democratico), fossero una norma soltanto russa, e non uno storico saggio della molto più severa norma che nelle rivoluzioni dei paesi capitalisti avanzati avrebbe buttato fuori dallo Stato Rivoluzionario tutti i godenti di proventi estranei al lavoro.

Secondo la retta accezione non è il termine dittatura, ma quello democratica, che dovrà cadere (e che sarebbe caduto se la rivoluzione avesse vinto in Europa) per dar luogo alla dittatura proletaria, dopo la quale muore lo Stato, e con esso e per sempre la democrazia.

Per stabilire questo ci serviremo del testo di Lenin, su cui la speculazione staliniana venne fondata per compiere il voltafaccia, e lo riferiremo al quadro della situazione in cui fu dettato: e a tutta la sua costruzione.

39 – Dittatura e democrazia proletaria

L’ordine cronologico, anche interponendo altra pausa alle questioni di stretta economia, ci riporta ad uno scritto che Lenin stese nell’aprile 1918, dal titolo: «I compiti immediati del potere sovietico».

Caratterizza l’impostazione storica di questo scritto la sua successione immediata alla Pace di Brest Litovsk. In aprile 1918 appare che il più grande sforzo militare della rivoluzione per difendere il conquistato potere sia già passato. Sebbene in queste stesse pagine Lenin ribatta la necessità di un potere di ferro e non perda di vista l’eventualità della guerra civile, egli considera che si sia passati ad una terza tappa; dopo la prima tappa della conquista del potere di ottobre 1917, e la successiva della sua salvezza dall’agguato dell’imperialismo tedesco, e dello schiacciamento di una prima serie di assalti reazionari, di cui Lenin elenca quelli di Kerenski, Krasnov, Savinkov, Goz, Dutov e Bogaevskij, che allora si era arreso nel Don. Cita infatti il solo Gegechkori come una forza ancora resistente in armi. Non sembra prevedere che ulteriori lotte saranno aizzate dagli imperialisti del campo opposto ai tedeschi, che la «seconda tappa» dovrà ancora fare i conti con Kolčak, Denikin, Judenič, Wrangel e tutti gli altri che ben conosciamo; sicché dal 1919 al principio del 1921 si ricadrà in questa seconda tappa. La terza, che Lenin studia in quell’aprile 1918, è quella di «amministrare la Russia», e tutto il contesto mostra come sarebbe una fortuna riuscire a farlo pur conservando molte e molte forme borghesi e capitaliste.

Tuttavia il criterio della struttura del potere è qui pienamente rivendicato e contrasta alquanto con le citazioni sfruttate da Stalin, che risalgono al tempo dell’VIII congresso del partito bolscevico, marzo 1919, in un momento in cui la difesa armata era tuttora il compito primario della rivoluzione bolscevica. La differenza delle due situazioni può spiegare il diverso tono delle enunciazioni, dato che quelle che fece comodo a Stalin usare nel 1936 non fossero state deformate, come è lecito credere.

Le parole dello scritto del 1918 sono queste:
«Il carattere socialista della democrazia sovietica, cioè proletaria [corsivo del testo], nella sua applicazione concreta, attuale, consiste in primo luogo [corsivo nostro] nel fatto che gli elettori sono le masse lavoratrici sfruttate, e che la borghesia è esclusa; in secondo luogo tutte le formalità burocratiche e le restrizioni elettorali sono cessate: le masse fissano esse stesse il sistema e la data delle elezioni, ed hanno piena libertà di revocare gli eletti».

Lenin in terzo luogo sottolinea quella che chiama coincidenza tra il potere legislativo e quello esecutivo, e si riporta al
«compito di far sì che tutta la popolazione impari a governare e cominci a governare».

Aggiunge questa formulazione:
«Tali sono i principali contrassegni del democratismo messo in atto in Russia, democratismo di tipo superiore, che rompe con la contraffazione borghese del democratismo e segna il passaggio al democratismo socialista, a condizioni che permettono allo Stato di estinguersi»[156].
Abbiamo sottolineato questo per collegarci ad un passo solo di Lenin in «Stato e rivoluzione», anzi al fondamentale passo di Engels, che Lenin cita:
«… per un partito il cui programma economico non è solo socialista in generale, ma veramente comunista, per un partito il cui scopo politico finale è la soppressione di ogni Stato e, quindi, di ogni democrazia«[157]. Engels parla del nostro, ossia del suo partito, allora ammorbato dal nome di socialdemocrazia. La citazione è nel cap. IV, n. 6, dal titolo: «Engels sul superamento della democrazia». E Lenin fa sua l’idea nel contesto più volte:
«infinitamente più importante della questione del nome del partito è l’atteggiamento del proletariato verso lo Stato […]. Si cade abitualmente nell’errore contro il quale Engels mette in guardia […] cioè si dimentica che la soppressione dello Stato è anche la soppressione della democrazia, e che l’estinzione dello Stato è l’estinzione della democrazia».

40 – Decisione nella dittatura

Nello stesso scritto di aprile 1918 il concetto di democrazia estrema, proletaria, di governo della popolazione – capolavoro della rivoluzione russa – non toglie non solo che la Dittatura sia richiesta sempre più inesorabile, ma – contro mille ideologi piccolo-borghesi ed anarcoidi del tempo – sia nella più netta maniera giustificata marxisticamente la forma unipersonale del suo esercizio. Questo, al tempo del «ritorno al marxismo-leninismo» nello sconcio XX congresso, non lo possiamo saltare. Né un Carlo Marx né un Vladimiro Lenin hanno mai applicato alla Dittatura l’oggi favoleggiato preservativo collegiale, o altro lubrificante.

Lenin parte dalle resistenze incontrate dalla decisione del III congresso dei Soviet su una «organizzazione ben congegnata» o «funzionale», e sul rafforzamento della disciplina. È uno dei tanti atti della lotta contro l’autonomismo anarcoide nelle fabbriche e nelle aziende, sulla loro autodirezione di massa, fesseria gigante di cui ci liberammo in dottrina ai primi passi marxisti, in pratica in quel torno del 1919, e che oggi c’è chi tira fuori come nuova formula della società proletaria, in correzione di Marx! Lenin qui staffila quelle posizioni piccolo-borghesi e pseudo-estremiste (a suo tempo egli apprese esserne stata la Sinistra italiana sempre spietata nemica), e quanto scrive può valere per i «ritornatori» a lui nelle sbevazzate sulla democrazia popolare e le direzioni collegiali.

«Sarebbe una grossissima sciocchezza e un ridicolissimo utopismo ritenere che senza costrizione e senza dittatura si possa passare dal capitalismo al socialismo»[158].

«In ogni transizione del genere la dittatura è indispensabile per due ragioni essenziali».
La prima è la resistenza degli sfruttatori, la seconda è che, anche senza la guerra esterna, è inevitabile l’interna guerra civile.

«Di questo insegnamento di tutte le rivoluzioni Marx ha dato una formula breve, netta, precisa ed incisiva: dittatura del proletariato.»

«Ma dittatura è una grande parola. E le grandi parole non vanno gettate al vento. La dittatura è un potere ferreo, rivoluzionariamente audace e rapido, implacabile nel reprimere sia gli sfruttatori che i criminali. Il nostro potere invece è eccessivamente mite; addirittura più simile alla gelatina che al ferro!».

«[…] Questo elemento [la controrivoluzione] agisce dall’interno, sfruttando ogni fattore di disgregazione, ogni debolezza, per corrompere, per aggravare l’indisciplina, la rilassatezza, il caos. Quanto più ci avviciniamo alla definitiva repressione armata della borghesia, tanto più questo elemento anarchico piccolo-borghese diventa per noi pericoloso […] La lotta contro di esso va condotta […] anche con la costrizione.»

«La lotta si è accesa su questo terreno intorno all’ultimo decreto sull’amministrazione delle ferrovie, che conferisce pieni poteri dittatoriali (o ‹poteri illimitati›) a singoli dirigenti […] Tra i socialisti-rivoluzionari si è sviluppata contro il decreto un’agitazione veramente da banditi».

41 – È marxista l’autorità individuale

Quei da Mosca, pigliate su:
«La questione ha assunto veramente un’enorme importanza: in primo luogo in linea di principio la nomina di singoli individui, investiti di poteri dittatoriali, illimitati, è o no compatibile con i principi fondamentali del potere sovietico?».

«Che assai spesso, nella storia dei movimenti rivoluzionari, la dittatura di singoli individui sia stata espressione, veicolo, strumento della dittatura delle classi rivoluzionarie, lo dimostra l’inconfutabile esperienza della storia. La dittatura di singoli è stata indubbiamente compatibile con la democrazia borghese».
Quante volte non abbiamo ricordato al filisteismo sinistroide italico il Generale Garibaldi, dittatore a Napoli, che fessamente la consegnò ad un re parlamentare?

Voi, dice Lenin ai filistei di Europa 1918, volete da noi una democrazia superiore a quella borghese, e poi ci dite: Con la vostra democrazia sovietica, ossia socialista, la dittatura personale è assolutamente incompatibile!

«Questi ragionamenti non stanno in piedi. Se non siamo anarchici, dobbiamo ammettere la necessità di uno Stato, cioè della coercizione, per il passaggio dal capitalismo al socialismo».
La forma di quella coercizione è determinata, Lenin spiega, da una serie di circostanze: sviluppo della classe rivoluzionaria, effetti della guerra, grado di resistenza degli sfruttatori.
«Non v’è quindi assolutamente nessuna contraddizione di principio tra la democrazia sovietica e l’uso del potere dittatoriale di singoli individui».
La contraddizione di principio non sta tra mollezza democratica e dittatura individuale, ma tra dittatura condotta dalla borghesia contro il proletariato, e dittatura del proletariato per schiacciare la borghesia. Purché passi la seconda e non la prima, ben venga la direzione suprema individuale, nelle adatte circostanze; esempio preclaro: Lenin stesso in aprile ed ottobre, contro tutti i «collegi» infessiti.

Chiarita la questione della dittatura politica suprema, Lenin passa a quella nei singoli servizi ed istituti dello Stato rivoluzionario, e ne fa una altrettanto serrata e risoluta difesa. Le formule sono tali da far l’effetto del panno rosso davanti al toro sui soliti piccolo-borghesi e libertari.
«Qualsiasi grande industria meccanica esige un’assoluta e rigorosissima unità di volontà, che diriga il lavoro comune di centinaia, migliaia e decine di migliaia di uomini».
«Come assicurare la più rigorosa unità di volontà? Con la sottomissione della volontà di migliaia di persone alla volontà di uno solo».
Più cruda di così non vi si poteva somministrare, patiti della dignità della persona!

«La rivoluzione ha appena spezzato le più antiche, solide e pesanti catene imposte alle masse dal regime del bastone. Così accadeva ieri; ma oggi la rivoluzione stessa esige, e proprio nell’interesse del socialismo, la sottomissione senza riserve delle masse alla volontà unica di chi dirige il processo lavorativo […] una disciplina ferrea durante il lavoro, una sottomissione senza riserve alla volontà di una sola persona, del dirigente sovietico».

42 – Conclusioni al 1918

Ripetiamo che non abbiamo aggiunto nessun corsivo a quelle parole e frasi incisive, di cui si potrebbe compiere un florilegio per i rapporti sui crimini… di Stalin, da dare da bere ai fessi.

Il quadro della situazione dato da Lenin cominciava con lo stabilire la precarietà della tregua che la Russia aveva ottenuto nel persistere della conflagrazione mondiale. Non si trattava affatto di «costruire socialismo». Si dovevano
«tendere al massimo tutte le forze per sfruttare la tregua concessaci da un concorso di circostanze per curare le più gravi ferite inferte dalla guerra a tutto l’organismo sociale della Russia e per risollevare economicamente il paese, senza di che non si può nemmeno parlare di un aumento più o meno serio delle sue capacità di difesa».

E Lenin aggiunge:
«È chiaro altresì che potremo recare un serio contributo alla rivoluzione socialista in occidente – che ritarda per una serie di circostanze – solo se sapremo risolvere il problema organizzativo che ci sta dinanzi»[159].

Interessano lo sviluppo dei rapporti produttivi i temi che seguono: Nuova fase della lotta contro la borghesia, che impone di «rallentare», sia pure non politicamente, l’offensiva contro il capitale. Importanza della lotta per il censimento (o inventario) economico e il controllo popolare. Aumento della produttività del lavoro, difettosa in Russia. Organizzazione dell’«emulazione». Organizzazione ben congegnata e dittatura (cui abbiamo sopra attinto) – Sviluppo dell’organizzazione sovietica. Per dimostrare la necessità del censimento economico Lenin scrive queste rilevanti parole, nelle quali si legge il futuro superamento del mercantilismo, da cui ancora la Russia di oggi è ben lontana:
«Lo Stato socialista può sorgere soltanto come una rete di comuni di produzione e di consumo che calcolino coscienziosamente la loro produzione e i loro consumi, economizzino il lavoro, ne elevino costantemente la produttività, riuscendo così a ridurre la giornata lavorativa a sette, a sei ore e anche meno»[160].
L’analisi economica ci renderà del tutto evidente che la società russa «di Stalin» è andata in direzioni opposte su tutti questi punti, uno per uno.

Nella conclusione finale del suo scritto Lenin torna ad additare come il più grave pericolo «il minaccioso elemento della rilassatezza e dell’anarchismo piccolo-borghese» e come il più importante compito dell’ora la lotta contro di esso.

Al puntò di dire:
«Questo è l’anello della catena degli avvenimenti storici a cui ora dobbiamo afferrarci con tutte le nostre forze per dimostrarci all’altezza del nostro compito, fino a quando passeremo all’anello seguente».

Era forse l’anello seguente «l’edificazione del socialismo» in Russia?! Lenin lo dice subito:
«L’anello che ci attrae con particolare splendore, con lo splendore delle vittorie della rivoluzione proletaria internazionale»[161].

E stavolta le maiuscole ci devono andare!

Egli torna a bollare il rivoluzionario chiacchierone ed impaziente.
«L’origine sociale di tipi siffatti è il piccolo proprietario esasperato dalla guerra, dall’improvvisa rovina […] che si dibatte istericamente […] oscillando tra la fiducia nel proletariato e gli accessi di disperazione…».
«Bisogna capire bene e fissarsi bene in mente che su questa base sociale non si può edificare nessun socialismo»[162].
Zac!

43 – Democrazia, eredità contadina

Per intendere che la linea storica, prima teorizzata e poi attuata, della rivoluzione bolscevica non contiene MAI l’edificazione del socialismo nella Russia isolata – che le sue tappe sono: conquista del potere politico da parte del partito operaio; completamento della rivoluzione democratica borghese; rivoluzione socialista politica, ossia dirigenza sociale anche nelle campagne da parte dello Stato operaio – basta ricorrere alla polemica di Lenin (e di Trotsky) contro i traditori del marxismo in occidente.

Le tappe della rivoluzione russa nelle campagne sono anzitutto determinate dalle condizioni di fatto: agricoltura estensiva, limitatissimo numero di salariati rispetto al contadiname totale, ignoranza tecnica e culturale nelle campagne.

(In Italia dovremmo essere in prima linea per la forza gloriosa del bracciantato rurale, prima fila del comunismo, e del capitalismo intraprenditore agrario: Lenin rinfaccia agli opportunisti che in Inghilterra vi sono ben pochi piccoli contadini, ma ciò è compensato dall’imborghesimento dei proletari di un’industria che allora succhiava da tutto il mondo. Tra noi, in combutta lurida, partito dei preti e partito degli stalinisti lavorano ad imborghesire il proletariato rurale quanto le aristocrazie urbane tipo FIAT ove bene hanno allignato).

Da una situazione come quella russa ad una gestione collettivista dell’agricoltura non si passa che traverso molte e lunghe fasi di transizione. Una sola forza storica le poteva abbreviare: la rivoluzione in Europa.

Dai testi di Lenin più volte risulta che la democrazia nello Stato operaio, nella formula di democrazia contadino-operaia, o in quella di democrazia proletaria, ci è rimasta nelle costole a causa della situazione delle campagne: non si poteva fare diversamente. Ma tutta la lotta è stata parimenti condotta nelle forme non parlamentari, ma dittatoriali, dal partito rivoluzionario: conquista gigante soprattutto per la rivoluzione occidentale, che ancora attendiamo.

Nel marzo del 1919 Lenin da un lato parla ad ogni passo della rivoluzione ungherese che vince le sue battaglie – dall’altro vede le nuvole nere della guerra civile che ha riconquistato territori alle truppe bianche, le quali tendono a trovare base oltre che nei ricchi kulak (che non è difficile liquidare nelle ritirate dei rossi) nella massa oscillante (Lenin) dei contadini medi. Lenin lotta disperatamente perché non si commetta l’errore di farseli nemici, e rivendica concessioni per essi, senza nascondere che sono di tipo borghese.

Prendiamo da un testo di allora un passo importante:
«La nostra opera di edificazione nelle campagne [né del socialismo, né delle sue basi] ha già superato il periodo nel quale tutto era subordinato all’esigenza fondamentale: la lotta per il potere».
E così Lenin scolpisce il trapasso di Ottobre:
«Questa opera di edificazione ha attraversato due fasi principali. Nell’Ottobre 1917 abbiamo preso il potere insieme ai contadini nel loro complesso [corsivo di Lenin]. Era una rivoluzione borghese, in quanto la lotta di classe [Lenin intende non tra contadini e feudatari, ma tra contadini semi-proletari e contadini ricchi, borghesi] nelle campagne non si era ancora sviluppata. Come ho già detto, la vera rivoluzione proletaria nelle campagne ebbe inizio soltanto nell’estate del 1918. Se non avessimo saputo suscitare questa rivoluzione, la nostra opera non sarebbe stata completa».
Lenin, sempre superbo di esattezza e chiarezza (e pure tanto falsato!), insiste ancora:
«La prima tappa fu la conquista del potere nelle città e l’instaurazione della forma sovietica di governo. La seconda tappa fu ciò che è essenziale per tutti i socialisti, senza di che i socialisti non sono tali: la differenziazione, nelle campagne, degli elementi proletari e semi-proletari [contadini costretti a prestare opera parziale di salariati] e la loro unione con il proletariato delle città per la lotta contro la borghesia rurale. Anche questa tappa nelle sue grandi linee è terminata»[163].
E qui Lenin ricorda i Comitati dei contadini poveri, e la possibilità ottenuta di «sostituirli con Soviet regolarmente eletti», organi dello stesso potere proletario nelle campagne.

Nella risposta a Kautsky egli annota che nel VI congresso dei Soviet del settembre 1918 i delegati bolscevichi, tra città e campagne, erano il 97 per cento[164]. Spulciate pure le concessioni di Lenin alla parola democrazia: non resterete che con un pugno… di pulci in mano.

44 – Lezione ai rinnegati

La formula di avere seguito i contadini, nella prima tappa, nel loro insieme, non è un modo di dire, ma un teorema della dottrina. La troviamo nell’«Anti-Kautsky» (scritto in fine del 1918).

«Tutti sanno che soltanto nell’estate e nell’autunno del 1918 i nostri villaggi hanno compiuto la ‹Rivoluzione d’Ottobre› (cioè la rivoluzione proletaria [parentesi nel testo])… A un anno dalla rivoluzione proletaria nelle capitali [sic!] è scoppiata, sotto l’influenza e con l’aiuto di questa, la rivoluzione proletaria nei villaggi più sperduti».

«Dopo aver portato a termine, assieme ai contadini nella loro [udite] totalità, la rivoluzione [udite] democratica borghese, il proletariato di Russia, appena è riuscito a scindere le campagne, a unire a sé i proletari e i semi-proletari rurali, a raggrupparli nella lotta contro i kulak e la borghesia, compresa la borghesia contadina, è passato definitivamente alla rivoluzione socialista».
E noi aggiungiamo: politica.

In mancanza di questo, Lenin segue, si sarebbe visto che il proletariato russo non era maturo per la rivoluzione socialista, i contadini sarebbero rimasti
«un tutto unico»«e la rivoluzione non avrebbe varcato i confini della rivoluzione democratica borghese».

Anche in questo casoLenin dice, badate – non sarebbe dimostrato che il proletariato non dovesse prendere il potere! E adesso ascoltate bene – siamo in fase, per quei cialtroni, di ritorno a Marx-Lenin!
«Giacché solo il proletariato ha condotto realmente a termine la rivoluzione democratica borghese, soltanto il proletariato [lasciateci anche qui enfatizzare!] ha fatto qualcosa di serio per avvicinare la rivoluzione proletaria mondiale, soltanto il proletariato ha creato lo Stato sovietico, compiendo il secondo passo – dopo la Comune – verso lo Stato Socialista»[165].

In principio marxista, rivoluzione socialista vuol dire creazione dello Stato socialista. Che può essere fondato in un paese solo, anche arretrato.

La creazione della società socialista in Russia è un granchio, che dalla penna marxista di Lenin non è mai uscito, signori falsari.

Egli ripete (lo fa sempre):
«La rivoluzione dei contadini nel loro insieme è ancora una rivoluzione borghese, e in un paese arretrato è impossibile trasformarla in rivoluzione socialista senza una serie di trapassi e stadi di transizione».

Si parla sempre di rivoluzione di classe, non di struttura economico-sociale. Uno di quegli stadi erano i venti anni, dopo i quali, anche tardando la rivoluzione in occidente, si poteva passare non al socialismo, ma dalla democrazia operaio-contadina nella forma sovietica alla pura dittatura proletaria, senza democrazia comunque aggettivata.

Dobbiamo ancora vedere come lo stalinismo ha sostenuto – e il preteso anti-stalinismo ripete – che proprio in quelle date Lenin prevedeva che si sarebbe passati dalla dittatura al suffragio universale! Nessun interesse hanno, i venticongressisti, a dirci dove si trova il falso editoriale.

Nella polemica con Kautsky, Lenin, dopo aver ricordato che «in Russia vi sono operai agricoli [salariati] ma il loro numero è limitato», e dopo avere ammesso che in forza della democrazia operaio-contadina si dovette, malgrado la dittatura delle bolsceviche capitali, subire la formula socialrivoluzionaria del godimento egualitario, cioè della non marxista pratica spartizione, deride la soluzione di Kautsky, che ormai «sente» una democrazia sola: quella borghese.

«Egli non tocca affatto il problema posto dal potere sovietico del modo come passare alla coltivazione della terra mediante le comuni e le associazioni. Ma la cosa più curiosa è che Kautsky vuol vedere ‹qualcosa di socialista› nella cessione in affitto dei piccoli appezzamenti. In realtà, questa è una parola d’ordine piccolo-borghese in cui non vi è l’ombra di ‹socialismo›. Se lo ‹Stato› che dà in affitto la terra non è uno Stato del tipo della Comune, ma una repubblica parlamentare borghese (tale l’eterna ipotesi di Kautsky) la cessione della terra in piccoli lotti sarà una tipica riforma liberale»[166].

Proveremo che la formula del colcos non è leniniana, ma sotto-kautskiana.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XX)

45 – Lenin e il «suffragio universale»

La relazione di Stalin sulla nuova costituzione del 1936 parte dalla decisione 6 febbraio 1935 del VII Congresso dei Soviet dell’URSS. Questa, prima ancora di dichiarare che si trattava di mettere la nuova Costituzione d’accordo con i rapporti tra le forze di classe allora esistenti in Russia, proclama che si tratta di
«democratizzare del tutto il sistema elettorale, di passare dal suffragio ristretto al suffragio universale, dal suffragio non del tutto eguale al suffragio eguale, dalle elezioni a più gradi al suffragio diretto, dallo scrutinio pubblico allo scrutinio segreto»[167].

Queste direttive sono vantate come un passo verso un sistema «completamente democratico», ed erano infatti una totale imitazione delle costituzioni democratiche borghesi, con il loro canone di suffragio universale, diretto, uguale e segreto; ed il mondo è invitato a considerarle come un abbandono della dittatura per il ritorno alla piena democrazia. Il mondo borghese non volle crederlo, suggestionato dal fatto che restava sempre permesso ed ammesso alle elezioni in Russia un solo partito, quello di governo; credette così di essere furbo; mentre teoricamente e storicamente si trattava appunto di volgere le terga alla dittatura di classe e alla rivoluzione.

Come abbiamo accennato, Stalin, nel difendere dalle critiche vicine e lontane il progetto che la Commissione allora nominata elaborò sotto la sua presidenza, sostiene che l’abolizione dei criteri storicamente essenziali del voto non uguale (da noi illustrato: operai cinque, contadini uno, borghesi zero) era stata «promessa» da Lenin nella sua relazione all’VIII congresso del Partito comunista bolscevico, nel marzo del 1919.

Bisogna distinguere tra due documenti. Quello che cita Stalin è il «Progetto di programma del partito c.b.» che figura (fedeltà a parte) nelle «Opere», al vol. XXIX, pagg. 85–124. Si tratta dunque di un testo scritto prima del Congresso. Ma la questione è anche trattata in altro scritto, che consiste nel «Rapporto sul programma del Partito» svolto da Lenin nel congresso il 19 marzo 1919, in parziale dissenso dal rapporto di Bucharin, relatore sullo stesso tema. Questo nelle «Opere» è allo stesso volume, pagg. 147–166. I testi, a parte la fedeltà dell’uno e dell’altro, sono diversi nella forma, e vanno brevemente considerati entrambi, in relazione alla loro data.

La data numerica significa poco, ma quello che, come sempre ricordiamo, risulta essenziale quando si adopera una citazione è il quadro della situazione generale in cui essa fu scritta, e il gioco delle forze storiche che allora dominavano la scena.

Il testo dato da Stalin nel 1936 è dunque di qualche tempo precedente al 19 marzo 1919, epoca del congresso, in cui la questione è affrontata da Lenin.

46 – La guerra civile al marzo 1919

L’VIII congresso fu preparato e si svolse nel momento cruciale della difesa del potere bolscevico, stabilito da un anno e mezzo, contro gli assalti controrivoluzionari che abbiamo ampiamente trattati in fine della Parte Prima di questa esposizione, considerando tale periodo come facente ancora parte di quelli in cui è al centro il problema politico-militare, con preminenza su quello economico-sociale.

Il 6 marzo Kolčak aveva traversato gli Urali, e il 15 era ai sobborghi di Ufa. Solo in fine di aprile doveva iniziarsi la controffensiva dell’esercito rosso. Il 21 marzo i francesi avanzavano da sud su Cherson, da Odessa, che solo in aprile dovevano evacuare. In maggio si delineavano gli attacchi ancora più gravi di Denikin al sud e Judenič al nord, che dovevano serrare su Leningrado e Mosca, liberate dalla pressione minacciosa solo nell’avanzato autunno. Alle spalle di tutti questi eserciti poderosi erano le potenze imperialiste della vittoriosa Intesa, che avevano ereditata la funzione stessa delle forze germaniche, turche, ecc.

Nella primavera del 1920 Denikin avrebbe dal sud di nuovo tentato, poi sostituito dal più possente esercito di Wrangel; solo dopo l’estate e la guerra polacca finita male davanti Varsavia, si sarebbe potuto parlare di pace.

Nel 1919 gli operai delle città malgrado ogni eroismo e maturità politica erano allo stremo delle forze, l’industria era precipitata al più basso scalino di tutta la sua storia, la carestia imperversava ad ondate, e lo Stato sovietico poteva calcolare di vincere dopo la dura resistenza solo grazie alle forze di validi alleati armati in tutte le province. Tali forze non potevano essere le sole dei contadini poveri e semipoveri: sarebbero state insufficienti. Si dovette sperare di ottenere e si ottenne l’appoggio dei contadini medi, e perfino tentare di evitare che parte dei contadini ricchi seguisse i bianchi e desse loro appoggio di uomini e di mezzi. Tale il problema che domina l’VIII congresso, e che come sempre Lenin non dissimula minimamente, anche quando i meno provveduti suoi compagni vorrebbero mascherare le dure esigenze sotto frasi dottrinali poco esatte, come avviene nel caso di Bucharin, proprio come era avvenuto nella precedente grave crisi del 1918: Brest Litovsk.

Dovevamo ricordare tutto questo per intendere il senso delle dichiarazioni di Lenin, e spiegare il loro obliquo sfruttamento tanti anni dopo.

Non si deve omettere per completare il quadro che, mentre i governi delle potenze democratiche borghesi alimentano la controrivoluzione, giunge agli estremi la feroce incanata della socialdemocrazia e della II Internazionale, che infama e diffama la rivoluzione comunista, e a cui poderosamente contrastano gli scritti teorici di Lenin e di Trotsky e tutta la polemica dei comunisti fuori di Russia.

Non si può trascurare la gravità delle conseguenze di questo lavoro assassino dei menscevichi russi e non russi, che fanno sì che strati incerti ma numerosissimi della popolazione russa fanno aperta lega coi reazionari e i bianchi zaristi nell’intento di rovesciare il potere dei bolscevichi.

47 – Un Lenin «suffragetto»?!

Pareva nel 1936 indiscusso che Stalin fosse mandato da Dio a compiere le promesse di Lenin, e veniva trattato da pazzo chi sosteneva quanto ha oggi ipocritamente ammesso il XX congresso, ossia che Stalin su tutti i punti aveva marciato in controsenso alle consegne di Lenin.

Il primo quindi, con assoluta sicumera e coi soliti interrogativi da «quiz», liquida la faccenda del suffragio:
«Non è tempo, compagni, di applicare questa indicazione di Lenin. «Penso che è tempo». «Mi pare chiaro». «Così stanno le cose».
E la tesi è questa:
«Lenin fin dal 1919 diceva che non era lontano il tempo in cui il potere sovietico avrebbe ritenuto utile introdurre il suffragio universale senza alcune limitazione. Fate attenzione. [sì, facciamola!], senza nessuna limitazione. Questo egli diceva quando l’intervento straniero non era stato ancora liquidato e la nostra industria e l’agricoltura si trovavano in una situazione disperata».

Stalin trae appunto al rovescio le conclusioni di una situazione veramente critica se non disperata per le sorti della rivoluzione socialista. Se le disfatte fossero continuate, e altrettanto per quelle fuori di Russia (Spartaco era già stato sgozzato dalla socialdemocrazia: i bolscevichi seguivano ansiosi Ungheria e Baviera, come in quegli stessi testi leniniani) la storia e un suo lettore del tipo di Lenin avrebbero posto il problema concreto se non era il caso di salvare la sola rivoluzione demoborghese, contro il pieno ritorno dello zarismo feudale. Allora si sarebbe a tal fine ingoiato anche il fetentissimo rospo del suffragio universale! Voglia chi ci segue riguardare il precedente paragrafo 44 e relativa citazione di Lenin.

Quindi, per grave che sia il dirlo, dialetticamente nel marzo 1919, se veramente facciamo rivivere nella nostra memoria e nel nostro studio quella situazione spietata, si imponeva l’ipotesi di ripiegare su una repubblica «borghese» in cui se non ammessi nel governo sarebbero stati tollerati, nel quadro delle forze, socialmente i contadini ricchi e politicamente quei menscevichi e socialrivoluzionari che si mostrarono poi tali canaglie da doverli disperdere a mitragliate, unica alternativa al farsi fare lo stesso servizio da loro. Proveremo ciò col testo stesso del rapporto di Lenin.

Ecco il passo, che non siamo in grado di confrontare in un più lungo testo adoperato da Stalin e, come abbiamo dedotto, da riferire a non oltre il febbraio 1919.
«Il P.C.R. deve spiegare alle masse lavoratrici, per evitare false generalizzazioni di necessità storiche transitorie, che la privazione di una parte dei cittadini del diritto di voto non riguarda affatto, nella Repubblica Sovietica, come invece accadeva nella maggioranza delle repubbliche democratiche borghesi, una categoria determinata di cittadini dichiarati senza diritti a vita, ma concerne soltanto gli sfruttatori, coloro che, in contrasto con le leggi fondamentali della R.S.S. si ostinano a difendere la loro situazione di sfruttatori, a mantenere rapporti capitalistici»[168].

Questo primo periodo anche testualmente non può essere teoricamente rifiutato. L’esclusione dal diritto di voto non deriva da qualità morali, legali, o razziali di una persona ma da un rapporto economico-sociale in cui contingentemente si trova il cittadino: chi è datore di lavoro non vota. Ma se, per espropriazione o per altro processo, si trasforma in salariato, senz'altro ridiviene elettore.

Proseguiamo nel testo che Stalin propina (dobbiamo in genere lavorare sempre su testi propinati dalla stessa fonte, ieri ineccepibile, oggi diffamata).
«Nella Repubblica Sovietica, da una parte, rafforzandosi di giorno in giorno il socialismo e riducendosi il numero di coloro che hanno oggettivamente la possibilità di restare sfruttatori o di mantenere rapporti capitalistici, diminuisce automaticamente la percentuale di coloro che sono privati del diritto del voto. Oggi in Russia questa percentuale non deve superare il 2–3 per cento. D’altra parte, nel più prossimo futuro, la fine dell’invasione straniera e il completamento dell’espropriazione degli espropriatori potranno, in determinate condizioni, creare una situazione in cui il potere statale proletario scelga altri metodi per reprimere la resistenza degli sfruttatori e istituisca il suffragio universale, senza nessuna limitazione».

Questo brano non solo è preso isolato, ma pare manipolato. Come è possibile che Lenin scriva che dopo il fatto (futuro) che sia stata condotta a termine l’espropriazione degli espropriatori vi sia ancora da porsi il problema di «reprimere la resistenza degli sfruttatori»?

È questa la ragione per cui tutta la deduzione si segue meglio in un testo completo come quello del rapporto che Lenin svolse al Congresso, e che considera un quadro di insieme di questioni: russe ed estere, di guerra civile e di rapporti sociali, ed a questo ci riporteremo.

48 – Il Congresso russo del 1919

Tale rapporto di Lenin si inizia con una parte molto importante, di cui ci siamo già bene avvalsi, ed in polemica con Bucharin. Questi aveva fondato la parte economica del programma sulla sola descrizione di un capitalismo di tipo monopolista ed imperialista. Lenin dimostra che è inseparabile la trattazione del capitalismo a concorrenza libera, e ciò tanto per motivi dottrinali marxisti, quanto in rapporto alle forme sociali russe del momento, in cui non solo è ben presente la concorrenza capitalista, ma insieme ad essa esistono forme sociali ancora più arretrate.

Questo grave tema si collega in pieno al testo sull’imposta in natura, e al famoso opuscolo del 1918 che Lenin in esso ampiamente riporta.

Una seconda parte è ancora di critica a Bucharin, ed è non meno importante. Sempre in relazione al quadro storico dello sviluppo russo nelle varie regioni, molte delle quali arretratissime, vengono respinte le esitazioni di Bucharin-Pjatakov sulla autodecisione nazionale dei popoli, e la sua sostituzione con la formula falsamente sinistra dell’«autodecisione del proletariato» (argomento che il nostro movimento ha trattato a Trieste e che sarà oggetto di ulteriori studi).

Tutto questo quadro viene sempre a sottolineare quanta zavorra borghese sia legata allo sviluppo russo, e come solo l’Europa possa rimorchiare la Russia al socialismo e non il contrario, tesi che, dura ad accettare in anni di gloriosa battaglia rivoluzionaria, è stata imposta – oltre che prima dalla sana dottrina – dalla forza inconfutabile della storia.

Lenin passa quindi alla questione del comportamento verso i piccoli proprietari e i contadini medi. Qui egli non riprende solo Bucharin ma anche gli organi dello Stato e del partito che svillaneggiano il contadino medio. Nello stesso congresso Lenin fa anche un rapporto sul lavoro nelle campagne, e sviscera questa questione anche sulle tracce di Marx ed Engels. Sempre in questo discorso Lenin ribatte il tema centrale dell’antitesi alternante: dittatura della borghesia o del proletariato, sole forze attive della storia moderna, e la conduce dal «Capitale» di Marx alla «verifica» della Rivoluzione Russa. Nessuna concessione adunque di natura dottrinale.

Tuttavia, quando si viene al contadino medio, Lenin ne dà una difesa impressionante, e spiega che anche a dire di Engels quella violenza che il proletariato rivoluzionario rivolge contro i fondiari e i capitalisti non può essere con la stessa intensità usata verso il medio contadino. Dice di più; e la citazione non stupisca:
«Persino nei confronti dei contadini ricchi, noi non diciamo con tanta risolutezza come per la borghesia: espropriazione totale dei contadini ricchi e dei kulak. Questa distinzione è fissata nel nostro programma. Noi diciamo: repressione della resistenza dei contadini ricchi, repressione delle loro velleità controrivoluzionarie. Ciò non è l’espropriazione totale»[169].

Voglia il lettore seguire il nostro sforzo di dare i termini dialettici delle successioni storiche. Siamo al solito: Stalin passò nel 1928 a sinistra di Lenin, abolì la NEP e sterminò i kulak, con metodi peggiori di ogni altra fase. Per ora, nel 1919, senza scapitare di un millimetro dalle posizioni del marxismo rivoluzionario, Lenin dice chiaramente: Siamo in una situazione tale da non poter «provocare» nemmeno il contadino ricco. Gli diremo: Se vai con Kolčak ti ridurremo alla fame e, se potremo, ti fucileremo; ma, se respingi l’invito di Kolčak, fa pur conto che faremo una certa differenza fra il tuo trattamento e quello usato al feudatario e al grande capitalista.

Tutto questo discorso non può intendersi senza stretto riferimento al momento che lo Stato e il partito sovietico attraversano. La coerenza teorica rigorosa non impedisce che si prendano le posizioni più utili tra le forze in gioco, soprattutto evitando di millantare di avere già scavalcato ostacoli, con i quali sono tuttora da fare conti scabrosi e sanguinosi.

In tutto questo discorso sui contadini Lenin dice che non si è ancora imparato come trattarli politicamente, ripete ad ogni passo tutti i pericolosi difetti di tali strati (abbiamo già citato vari brani in quel che precede) e soprattutto mette in piena luce la questione economica: la produzione industriale al 1919 è a zero, non si sa che cosa offrire ai contadini in cambio dei loro prodotti, il rapporto è ancora tale che resta al di sotto di una piena società borghese.

Date queste realtà, il partito deve procedere, senza nessuna rinunzia ai suoi principi e scopi rivoluzionari. Ed altro elemento da tener presente è la scarsissima cultura del contadino russo, come del resto ancora scarsa era quella stessa dell’operaio.

Lenin stabilisce che in quella fase, fra le tante di transizione che gli abbiamo sentito ricordare, tra proletari urbani e contadini vi è un patto di unità da rispettare, che non può assurgere ad una dittatura dello Stato operaio nelle campagne, ma deve lasciar passare verso i rurali i mezzi persuasivi di una comune democrazia interna (una specie di patto di non dittatura) che indiscutibilmente in teoria è una eredità democratico-borghese, di cui sarà lungo liberarsi. I 20 anni che Stalin snocciola al rovescio, quando dice che dopo 17 anni si possono costituzionalmente portare le due classi in piena parità![170].

49 – La privazione del diritto elettorale

Ed infine troviamo qui una esposizione di questo problema più coordinata di quella che sta nel passo dato da Stalin nel 1936. Essa è in funzione di un fatto evidente: i bianchi lavorano nelle campagne per superare l’odio di tutti i contadini contro il recente ricordo della servitù baronale e zarista aizzandoli contro i «capi bolscevichi di Pietrogrado e di Mosca». Vedete – essi dicono al contadino, che meno è povero meno di essi diffida – avete trovato dei nuovi padroni, sfruttatori, saccheggiatori. Nelle elezioni le città contano cinque volte di più di voi. Ciò vuol dire che, quando si tratta di darvi i pochi prodotti manufatti che vi servono, vi porteranno via cinque volte più grano del giusto. Il contadino miserrimo ci crederà per ignoranza enorme, il ricco e medio in parte anche per interesse. E Lenin, mentre dice che la dittatura deve essere di ferro e non di gelatina, ha il coraggio di affermare al congresso plaudente: Dobbiamo sì fare i decreti, ma non dobbiamo comandare al contadino medio di rispettarli!

E veniamo finalmente al punto che, non certo inutilmente, ha provocato questa esposizione e discussione di tesi di partito e di fatti di storia.

La prima affermazione di Lenin é:
«L’ultimo punto che mi spetta di esaminare è la funzione dirigente del proletariato e la privazione del diritto di voto».
Sottolineando, l’autore mette questo punto di principio fuori discussione.

Ricorda che tale fatto è sancito dalla Costituzione; ricorda gli attacchi feroci degli opportunisti esteri, e le risposte vigorose loro date a proposito di dittatura, democrazia borghese, e democrazia proletaria.

Aggiunge tuttavia:
«La questione della privazione della borghesia del diritto di voto non è da noi considerata come un criterio assoluto, perché teoricamente si può benissimo ammettere che la dittatura del proletariato reprima ad ogni passo la borghesia, senza tuttavia privarla dei diritti elettorali. Teoricamente ciò è perfettamente possibile e noi non presentiamo quindi la nostra Costituzione come un modello per gli altri paesi. Diciamo unicamente [scusate se è poco, aggiungiamo noi] che chi si immagina di poter passare al socialismo senza reprimere la borghesia non è un socialista»[171].

Ad una critica superficiale può sembrare che questo passo – e il successivo ricordo che la Costituzione non l’hanno fabbricata ed imposta i bolscevichi, ma, come già ricordammo, l’hanno formata i fatti storici reali, e l’hanno stesa materialmente i menscevichi e socialrivoluzionari prima di essere sbattuti fuori anche dai Soviet («Nessuno ha cacciato la borghesia dai Soviet, né prima né dopo la Rivoluzione di Ottobre. La borghesia stessa se ne è esclusa», ossia ha lasciato condurre dai Soviet, formatisi tra le masse, la Rivoluzione contro lo zar che avrebbe dovuto far lei!) – che questi passi parafrasino più o meno quello che insinuiamo sia stato «arrangiato» da Peppe Stalin.

Bisogna andare più a fondo, anche riferendo che Lenin dice (ed è la chiusa del rapporto):
«della ineguaglianza [elettorale] non facciamo un ideale, pure avendo dovuto la nostra Costituzione registrarla, perché il livello culturale è basso, perché l’organizzazione da noi è debole».

Per il marxismo una Costituzione non è infatti un ideale. Noi riteniamo che le Costituzioni siano passeggeri risultati della storia, e non pilastri fondamentali della storia futura di un popolo. Le Costituzioni sono una forma del dominio di classe, e sono caratteristiche delle rivoluzioni borghesi. Un’integrale Rivoluzione socialista farà a meno di carte costituzionali.

Essa farà anche a meno di diritti elettorali. La rivoluzione russa si è dovuta porre un problema di diritti elettorali, perché il problema storico della nascita della democrazia in Russia era ancora in piedi, e, non avendolo maneggiato la imbelle borghesia, ha fatto parte del carico che si sono dovuti addossare i proletari comunisti. Questi come loro compito storico specifico hanno l’estinzione della democrazia, e dello Stato, traverso l’abolizione delle classi (Engels, Lenin). Preso per volere della storia nelle mani quell’altro compito, lo hanno risolto in modo originale, in modo ben diverso da quello dei democratici borghesi e da quello dei socialdemocratici (vedere, dice Lenin, la Repubblica, che si pretende operaia, di Weimar!). Non hanno ideali costituzionali propri, hanno solo il compito dialettico di forzare i passi nelle inevitabili fasi di transizione.

In queste il problema fondamentale è di non perdere il potere. Quello che per Lenin è questione di principio è che bisogna reprimere la borghesia. Il male è non reprimerla, non debellarla, non conculcarla. A questa condizione potrebbe pure succedere che la facessimo votare. L’argomento è beffardo più che polemico e vale quello usato per il kulak: Se si mette contro di noi lo abbatteremo, ma non gli annunziamo di farlo nel caso che resti almeno neutrale nella guerra civile.

Una diversa posizione del problema potrebbe condurre a questo errore: per far vincere il socialismo non occorre schiacciare ed espropriare la borghesia, basta scrivere su una «carta» che non può votare.

La rivoluzione proletaria pura ha per sua via, come da cento passi riportati qui ed altrove, la guerra di classe, e non la conta dei voti. La rivoluzione russa era «doppia» e non pura, ha dovuto passare per guerre di classe e guerre di voti: l’importanza del suo modo di votare è stata di far intendere nella dottrina e nella politica ai proletari del mondo la tesi basilare della dittatura, senza il possesso della quale anche il ricorso alle armi resta privo di rivoluzionario efficiente vigore[172].

50 – Finale sulla democrazia elettiva

Possiamo ora concludere sulla questione dell’ineguale diritto elettivo in Russia, che sollevò allora e solleverà sempre enorme scalpore. Mai i comunisti fecero concessioni in questo sui principi, che nella discussione dottrinale furono dimostrati essere quelli di Marx e di Engels. Uno degli aspetti essenziali del comunismo è la critica della democrazia. Compito della rivoluzione comunista è la liquidazione della democrazia. Questa è un momento storico della serie delle dominazioni di classe ed una facciata della moderna società divisa in classi. In dottrina ne distruggiamo ogni pretesa a elevarsi a «valore» universale ed eterno, come la distruggiamo per il potere statale, altro aspetto di tutte le società di classe antiche e moderne. Il marxismo stabilisce il tendere storico alla società senza classi, che è senza Stato e senza democrazia elettiva: l’estinzione dell’uno e dell’altra.

La coerenza a queste posizioni di principio basta a condannare le attuali farneticazioni sulla «via» al comunismo «attraverso» la democrazia. E le degenerazioni dell’opportunismo di allora e di oggi, che eleva la democrazia a «valore limite», dalle cui linee il cammino al socialismo non può sortire. Nel 1919 ciò era giunto alla citata formula ubriaca: dittatura della democrazia!

Resta il problema del cammino traverso il quale si arriverà a liquidare storicamente lo Stato elettorale. Ed è su questa difficile dottrina, rimessa in alto dal marxista Lenin, che tutti gli avversari hanno speculato.

Appunto perché non siamo seguaci di Ideali, di Utopie, e quindi di Modelli costituzionali su cui si disegni lo Stato nuovo (che per noi è il non-Stato) sappiamo che dialetticamente, come lo stesso capitalismo, la democrazia quale forma storica deve descrivere una certa orbita, per giungere a tramontare. Quindi nelle opere teoriche di Marx, di Engels, di Lenin, di Trotsky troviamo dialetticamente connessi i «rami ascendenti» e i «rami discendenti» di tale orbita. La dialettica ci consente di intendere come si arrivi alla morte della democrazia traverso il suo stesso sviluppo, il suo perfezionamento, la sua spinta all’intrinseco estremo. La Russia era il paese in cui tale ramo doveva ancora essere percorso, anzi cominciato a percorrere, mancando una storia di libertà democratiche ed essendo le prime Dume pallide caricature dei Parlamenti occidentali già in atto da secoli. Decaduta la borghesia locale da tale suo compito di esaltazione democratica, il proletariato e il contadiname lo fanno proprio, e salgono a tappe giganti il ramo ascendente.

Lenin deve sbugiardare Kautsky nella tesi che in Marx si legga il concetto della democrazia come forma limite della rivoluzione proletaria. Ma lo deve anche confutare nella menzogna che la liberazione della Russia dal dispotismo preborghese sia stata svolta dal potere dei Soviet in modo deteriore rispetto ai liberalismi borghesi classici. Ed egli gli contesta che nella rivoluzione dei Soviet lo svincolamento, la spontaneità delle masse in moto hanno raggiunti limiti ignoti anche alle più gloriose rivoluzioni liberali.

Possiamo esprimere questo concetto dicendo che in Occidente le masse lavoratrici si erano non solo dissetate, ma ormai disgustate della linfa scorrente dalla fonte elettorale, che dapprima appare delizia, infine veleno. In Russia la sete di democrazia elettiva era un fatto storico, che non si poteva spegnere con l’astinenza. Questa immagine non deve far pensare ad elementi di ordine psicologico o morale, ma al problema materiale dei rapporti di forze. Da esso dipende che i contadini rovescino o meno milioni di combattenti nell’esercito nemico e non nel nostro. Dalle canagliate dei Kautsky dipende un’influenza che frena le masse europee dal legare le mani dei loro governi nell’azione di manutengolismo delle bande bianche.

In questo senso Lenin in dottrina deve non escludere che il complesso procedere della rivoluzione russa abbia per un momento a bere l’acqua o l’elisir della scheda per tutti.

Altro dice Stalin nel 1936, altro i suoi figli, addirittura degeneri, di oggi. Essi non dicono che il suffragio universale può essere un fiume che ci tocchi di traversare a nuoto, come tanti altri. Essi cadono nella posizione reazionaria che ne fa un oceano i cui limiti non saranno mai varcati.

Un giorno il proletariato di Occidente, che può con un passo solo salire sull’opposta sponda di questo torbido fiume e delle sue melme letali, ritroverà in tutto il suo vigore la tradizione storica della dittatura russa, che gli insegnò per sempre il diritto di stracciare il suffragio popolare universale, anche quando si era dovuto prima traversarlo, in fase borghese del processo.

La lezione è quella che non si va al socialismo senza reprimere la borghesia. Ed è anche permesso toglierle il sacro diritto al suffragio. Potrebbe per avventura il borghese avere in una data contingenza il permesso di accedere all’urna. Ma la rivoluzione rivendica quello, all’andata o al ritorno, di annullarlo come figura economico-sociale, sopprimerlo come figura fisica.

51 – I rapporti di produzione

La grandezza storica ed internazionale della Rivoluzione Russa, come risultato che nulla ha distrutto, né le sconfitte, né le paurose degenerazioni, sta nell’aver preso – nella fase in cui tutto permetteva di attendersi che si sarebbe sviluppata in una rivoluzione europea e mondiale – il massimo ritmo di svolgimento delle forme dello Stato, fino ad una dittatura totale nei confronti delle classi possidenti, malgrado l’interna caratteristica di una tolleranza democratica per ceti piccolo-borghesi agrari, mentre era minimo il passo di evoluzione dei rapporti produttivi e dell’economia sociale.

Dopo aver quindi trattato delle prime misure dello Stato sovietico e del governo comunista, e delle originali vicende attraverso cui furono inquadrate le forme dello Stato eretto in Ottobre, sulle rovine di quello zarista e delle sue propaggini borghesi e social-opportuniste di febbraio-ottobre, possiamo ora tornare al quadro dell’economia del paese sovietico nei primi anni dopo la conquista, durante e dopo la fase di difesa del potere rivoluzionario, di guerreggiata guerra civile.

Come non era possibile e tanto meno utile evitare, abbiamo già toccato in tutto il corso della trattazione, per le ripetute svolte storiche, il quadro di questi rapporti, e tra l’altro descritto il totale disordine, la grave paralisi in cui erano caduti per effetto della guerra mondiale e nel periodo della prima rivoluzione che depose lo zar.

Abbiamo tra l’altro a sufficienza attinto alla fonte data dallo scritto di Lenin che precede Ottobre (a noi soprattutto importa, oltre che seguire le vicende dei fatti economici, assodare che il grandioso moto del comunismo bolscevico ne ebbe chiara e completa visione tappa per tappa, fino a quando un’ondata controrivoluzionaria non apparve, levando la traditrice bandiera del socialismo costruibile e costruito entro l’isola russa): «La catastrofe imminente e come lottare contro di essa» – 10–14 settembre 1917.

Nella fase successiva i compiti economici devono cedere il passo a quelli politici: insurrezione armata – presa del potere centrale – dispersione dell’assemblea parlamentare – liquidazione della guerra imperialista – resistenza agli attacchi armati della controrivoluzione.

Subito dopo Brest Litovsk e la conseguente rottura coi socialisti rivoluzionari, per pochi mesi alleati nel governo, ed anche dopo la non lieve crisi interna del partito bolscevico a proposito dell’accettazione del terribile trattato dettato dai tedeschi, in una situazione economica sfavorevolissima e di fame, ma quando ancora non è salita la pressione delle guerre civili, lo scritto dell’aprile 1918 sui «Compiti immediati del potere sovietico» riassume ad opera di Lenin la prospettiva economica, e più volte vi abbiamo attinto al fine di chiarire che non si parlava menomamente di un’applicazione, come risorsa concreta, di sistemi e produzione e di consumo socialisti, ma di indirizzo rivoluzionario e politicamente socialista nello stabilire le misure del governo e le attività del partito che lo gestiva.

In questo scritto è chiaramente stabilito che si tratta di condurre la gestione dell’economia, anche recisamente definita come borghese e meno che borghese, attraverso una buona «amministrazione» ed «organizzazione». L’avvento della società socialista è cosa ben più alta che l’introdurre una buona organizzazione e una buona amministrazione; si tratterà di cosa radicalmente diversa dalla moralizzazione, pulizia, riordinamento della vita economica, dalla ingenua «révolte contre tous le coquins» della canzone!

In Russia, nell’aprile del 1918, Lenin non dice: facciamo il socialismo; e nemmeno: ora mi rimbocco le maniche e lo faccio! Dice appunto agli operai, avanguardia della rivoluzione sacrificata ed affamata dalla carestia: Addosso ai farabutti, ladri, speculatori, contrabbandieri e banditi, per ottenere una gestione meno rovinosa delle risorse vitali, sia pure nelle antiche forme borghesi mercantili e primitive.

52 – Non fretta demagogica

Lenin comincia col dire che si è già avuta troppa precipitazione nell’espropriare il capitale (ossia nella semplice statizzazione di aziende e gruppi di aziende).
«Finora si ponevano in primo piano i provvedimenti di immediata espropriazione degli espropriatori [bella vecchia frase di Marx, ma frase di agitazione più che di programma, notiamo noi]. Ora passa in primo piano l’organizzazione del censimento e del controllo nelle aziende i cui capitalisti sono già stati espropriati, così come in tutte le altre»[173].
Si tratta di una poderosa messa a punto marxista. Condurre aziende non è socialismo; socialismo è pervenire a produzione non aziendale, compito lontano e mondiale.

Non è qui il caso di corroborare tale tesi con le innumeri citazioni di Marx, da cui risulta che egli diede, ad ogni passo, i caratteri distintivi essenziali tra l’economia socialista e l’economia capitalista.

Interessa seguire ancora un poco il testo di Lenin:
«Se volessimo ora continuare ad espropriare il capitale con lo stesso ritmo di prima certamente subiremmo una sconfitta, giacché è chiaro, evidente per ogni uomo pensante, che il nostro lavoro di organizzazione di un censimento e di un controllo proletario è in ritardo in confronto a quello di immediata ‹espropriazione degli espropriatori›. Se ci accingeremo ora con tutte le forze al lavoro di organizzazione del censimento [o inventano] e del controllo, potremo risolvere questo problema, guadagnare il tempo perduto e portare vittoriosamente a termine la nostra campagna contro il capitale»[174].

Una parte importante di questo lavoro è quella che, come avverrà per vari anni, si riferisce alla necessità di assumere «specialisti» dall’estero.

«Il passaggio al socialismo è impossibile senza specialisti che dirigano i diversi settori della scienza, della tecnica e della ricerca, giacché il socialismo esige un’avanzata cosciente delle masse verso una produttività del lavoro maggiore rispetto a quella del capitalismo, e che parta dai risultati da questo raggiunti».
Lenin dichiara che la poca importanza data al lavoro di censimento e di controllo spiega le perplessità di molti operai e compagni nell’affidare posti direttivi a specialisti «borghesi». E conclude che gli specialisti ci vogliono per imparare dai paesi capitalistici, e che lo Stato sovietico dovrà decidersi a pagarli secondo le loro pretese.

53 – Un’abusata parola

Nella sua campagna per il censimento e il controllo e per l’aumento della produttività del lavoro – questo è un indice che interessa il socialismo (e non quello dell’aumento della produzione) in quanto significa castigamento del tempo di lavoroLenin ricorda che il russo è un cattivo lavoratore, rispetto ai paesi borghesi, e arriva a propugnare l’insegnamento in Russia del famoso sistema Taylor, per la razionalizzazione dei processi di lavoro. Solo che la borghesia lo vede come mezzo per un «maggior prodotto», e il socialismo come mezzo «per un minore sforzo e tempo di lavoro».

A questo punto ci incontriamo con una tesi di Lenin, grandemente sviluppata nell’epoca staliniana e gonfiata fino alle esagerate forme di premi, onorificenze, esaltazioni a quei lavoratori e a quelle comunità locali di lavoratori che raggiungevano il massimo prodotto, o che superavano i compiti loro attribuiti nei vari e multipli piani e programmi di lavoro e di produzione.

Si tratta della tesi sulla «emulazione», parola che doveva avere in verità un triste destino. Lenin parte dal rifiuto della banale tesi con cui i borghesi di tutti i tempi hanno scioccamente dichiarata impossibile la produzione socialista. Sopprimete, essi dissero fin dalle prime polemiche, l’interesse individuale, lo stimolo del guadagno, la spinta a migliorare rispetto al proprio simile, e la produzione si fermerà, nessuno vorrà lavorare. La società vive grazie alla gara, all’emulazione, tra l’uno e l’altro dei suoi membri, che i socialisti vogliono sopprimere.

In verità la risposta è che nella società attuale il 95 per cento degli uomini si assogetta a sforzi di lavoro non per il sogno di migliorare, ma per il fatto reale che, se non lo fa, peggiora, scende altri scalini economici, fino a crepar di fame.

La spinta è data dal bisogno e dalla paura, non dall’invidia per il vicino e dalla gara con lui; in ogni caso è gara a fregarlo, e non a far meglio di lui, a fini sociali.

Lenin rispose allora che la rivoluzione sovietica, destando le masse da un secolare letargo confinante con la completa ignavia, e portandole nel fuoco delle esigenze sociali, agiva come uno stimolante e non come un narcotico dell’attività di lavoro. In effetti non si trattava di passare da un’economia spiccatamente privatistica e individuale all’economia associata, lontana ancora, ma di qualche cosa di opposto: di introdurre, salendo da un’economia naturale patriarcale ad uno scambio nazionale di prodotti, nuove esigenze ed appetiti economici.

Lenin paragona il mezzo borghese di spingere all’emulazione e ai miglioramenti, la pubblicità, con il ben diverso metodo con cui egli sospinge il sistema sovietico ad organizzare una emulazione «di massa». Egli richiede che al controllo e alla formazione di quadri statistici e di censimento economico si accompagni la diffusione dei risultati, mettendo in evidenza nella stampa, tolta di mano ai borghesi, i migliori risultati. Ma le leve cui Lenin accenna non sono compensi in denaro dati dallo Stato, o altri vantaggi e solleticanti onori, bensì lo svolgersi di una maggiore maturità culturale e sensibilità sociale e politica, per cui le notizie degli esempi migliori dovrebbero servire a spronare la generale attività produttiva, in un comune interesse e scopo di classe.

L’imperativo del momento è in effetti un aumento della produzione, che deve venir rialzata dai minimi paurosi, meno che vitali, cui è piombata. L’appello al supremo sforzo della classe che lavora infatti si appoggia da un lato sull’emulazione tra gli strati più efficienti e quelli che la crisi generale ha intorpiditi fino all’estremo, ma si poggia anche sull’impiego, da noi largamente già trattato, di una stretta gerarchia di autorità nella produzione, e delle facoltà dittatoriali anche personali attribuite ai capi gerarchici di essa.

Agli effetti nefasti di questa economia dissestata venne presto ad aggiungersi l’uragano della guerra civile su tutti i fronti; e le sue fiamme e il fumo degli incendi nascosero i veri connotati dell’inquadratura sociale russa, che Lenin era impaziente di sottoporre ad una precisa anatomia e ad una presentazione estimativa e valutativa completa.

54 – Vecchio e nuovo capitalismo

Interessa a noi come fu tratteggiato allora questo quadro, potendo solo da tale punto di partenza chiarificare quali furono le modifiche che sopravvennero nella successione di fasi storiche: consolidamento del potere sovietico, distruzione dell’opposizione di sinistra, progresso economico dal 1926 al 1939, seconda guerra mondiale, spartizione del mondo con gli alleati, rivalità, guerra fredda, ciclo contemporaneo della coesistenza pacifica.

Per far tanto dobbiamo, ancora una volta, e prima di passare alla politica economica dello Stato bolscevico a guerra civile chiusa, servirci dei dibattiti dell’VIII congresso del partito, nella primavera dell’agitatissimo 1919.

Si trattava di un programma da partito giunto al potere, in cui le questioni di principio e di teoria si consideravano ormai sistemate, e si doveva venire al problema effettivo della politica economica del nuovo governo. Non si discuteva più che il partito comunista lotta per attuare politicamente la dittatura proletaria, ma si stabiliva, nel quadro della società russa del tempo, quale impiego il partito dovesse fare di questa conquistata dittatura.

La dottrina aveva già risposto che la dittatura proletaria è una fase di transizione durante la quale devono essere superate le forme capitalistiche.

Bucharin, incaricato di stendere il progetto di programma, imbevuto della vittoria di queste posizioni: necessità della dittatura rivoluzionaria; sua prima attuazione storica in Russia; stretto legame (doveva di lì a poco fondarsi a Mosca la Terza Internazionale) col movimento proletario dei paesi borghesi; e della tesi allora a tutti comune che il passaggio al socialismo era questione da porsi non per la sola Russia, ma come effetto di una rivoluzione internazionale, aveva formulato la parte descrittiva del programma in riferimento alla tappa imperialista del capitalismo mondiale – e in un giusto senso anche russo.

La costruzione poteva sembrare ovvia. Lenin aveva classicamente stabilito la dottrina, conseguentemente e strettamente marxista, dell’imperialismo, legando a questo grandioso fatto storico l’origine della guerra mondiale. Questa aveva coinvolto la Russia e provocato la rivoluzione sociale in questo paese immenso; da tale rivoluzione era sorta la storica concretezza della dittatura. Tutto poggiava su questi due perni: imperialismo capitalista – dittatura proletaria.

È notevole che proprio Lenin (lo dicemmo nel «Dialogato coi Morti»)[175], teorico della fase mondiale imperialista, rettifica questa posizione di Bucharin, per quanto attiene alla Russia. Bucharin aveva tolto dal vecchio programma tutta la parte che descriveva il primo capitalismo concorrentista e liberale, in cui le imprese di produzione si muovevano ognuna in modo autonomo, senza legami di cartelli e trust, e legislazioni di politica dirigista statale.

Ma in Russia, e non solo in Russia, non vi è contrapposizione tra due tipi e tempi di capitalismo: quello liberale e quello monopolista. Si tratta di due facce della stessa forma, come è chiaro fin dai primi saggi di Marx e di Engels sull’economia borghese, anche prima del 1850. Lenin ha descritto i fenomeni dell’imperialismo del novecento, quale conferma delle previsioni stabilite dai marxisti in presenza dei fenomeni dell’economia di capitalismo privato e delle sue apologie liberiste, concorrentiste, benthamiane e così via.

Bucharin era caduto in una contrapposizione scolastica, e la maggioranza della commissione, seguendo Lenin, volle ripristinare tutta la descrizione critica del primo capitalismo.

E Lenin tiene nel suo rapporto al congresso a stabilire che non si trattò di riguardi storiografici o di tradizionalismo, ma di stretto legame con l’attuale realtà del tempo.

«L’imperialismo puro, senza la base fondamentale del capitalismo, non è mai esistito; non esiste in nessun luogo, e non potrà mai esistere. È stata una generalizzazione errata di tutto ciò che è stato detto sui consorzi, i cartelli, i trust, il capitalismo finanziario, quando si è voluto presentare quest’ultimo come se esso non poggiasse affatto sulle basi del vecchio capitalismo»[176].

Lenin dichiara ciò falso. E lo dimostra col rifarsi in modo estremamente interessante alle tesi di Engels che la futura guerra (che venne poi nel 1914), assai più tremenda di tutte le antiche, avrebbe fatto talmente rinculare l’umanità da compromettere le stesse conquiste del capitalismo moderno, accettate come base del marxismo.

Questa posizione di Engels non è «pacifista», nel senso che inciti borghesi e proletari ad agire insieme per evitare la guerra. Essa è rivoluzionaria, perché spiega quello che noi da vario tempo andiamo ripetendo: la lunga guerra ci caccia indietro come condizioni oggettive e soggettive per la rivoluzione socialista: lungi dall’accettarla come nel 1914, i socialisti devono «fermarla con la rivoluzione». Se no, il capitalismo ha fiato per «cominciare tutto da capo».

Anche la seconda guerra non è stata fermata, e la rivoluzione si è ancora allontanata di ventenni: se la terza passerà, preparerà al capitalismo un altro mezzo secolo-cuscinetto, come l’attuale. O gli riproporrà addirittura il problema di rivivere tutta la vita, trasformandolo da vecchio fetente in roseo neonato!

Lenin ricorda le vanterie dei socialisti di guerra che, dinanzi alla sanguinosa rampogna delle masse che avevano spinto nel macello delle nazioni, tiravano il fiato constatando che l’impalcatura economica capitalista non era caduta in uno stato di barbarie
«e deridevano i fanatici o semi-anarchici [come, dice Lenin, essi ci chiamavano] le cui nere previsioni non si sono avverate»[177].

Lenin afferma che, e non solo in Russia, il capitalismo dopo la prima guerra ha regredito su forme antiche, e dà questa definizione della struttura sociale russa in quel tempo, che consideriamo della più alta importanza critica:

«Oggi in Russia subiamo le conseguenze della guerra imperialistica e viviamo all’inizio della dittatura del proletariato. E in pari tempo, in parecchie regioni della Russia che si sono trovate più di prima staccate le une dalle altre, assistiamo in molti luoghi al risorgere del capitalismo e allo sviluppo del suo primo stadio».

Parlava il medesimo Maestro che aveva dato negli anni 1890 la prima analisi del sorgere del capitalismo in Russia, e nel 1915 la prima del sorgere dell’imperialismo mondiale. L’una e l’altra volta mostrando che nulla aggiungeva a Marx.

Struttura economica e sociale della Russia d’oggi (XXI)

55 – Nel 1919 il capitalismo rinacque

Dal dibattito di Lenin con Bucharin nell’VIII congresso del partito bolscevico abbiamo tratto una citazione che concludeva: assistiamo al risorgere del capitalismo e allo sviluppo del suo primo stadio.

Lenin deduceva tale limpida verità di fatto dalle conseguenze della guerra imperialista che aveva devastato parte della Russia, seguita dalle altre non meno gravi devastazioni della guerra civile.

Ci sembra utile ricollegare tale constatazione e lo sviluppo dottrinale che le dà Lenin alla formula da noi usata sia nel «Dialogato coi Morti», che nella riunione di Cosenza.

Tutti i dati russi, ed anche quelli che sono nel famoso «Breve corso» e nel «Manuale di economia politica», di stretta marca staliniana, concordano nel ritenere che al suo minimo la produzione industriale russa, proprio in quell’anno 1919, toccò il fondo di un settimo della produzione antebellica. Ciò conferma quanto abbiamo dato nel nostro «Quadro» e nei diagrammi illustrati a Cosenza[178] ed in via di più esatta elaborazione circa la caduta tra il 1913 e il 1920, che è dell’87 per cento del livello di partenza. Esempi storici di discese di questa gravità non ne abbiamo trovati: il massimo effetto delle discese da «crisi economica» è dato dagli Stati Uniti nel 1929–32, ed è del 46 per cento; ossia la metà del disastro industriale russo, il quarto quanto a punto di arrivo. Inoltre si scende da un livello di alto potenziale industriale, assai più del massimo russo di anteguerra, che sarebbe facile far risaltare con gli indici pro-capite. La Russia del 1920 non produsse che 116 300 tonnellate di ghisa: il 2,8 % del 1913 in cui ne produceva 4,2 milioni di tonnellate! Di acciaio nel 1913 («Manuale») produsse 4,3 milioni di tonnellate (circa 30 chili per abitante). Nel fondo della crisi non restava che 1 chilo circa (uno) per abitante! Oggi sono 200 chili contro i 660 americani. Rifacendo il conto per 200 anziché 220 milioni di abitanti, sono 225 chili.

Ora l’America, al fondo della crisaccia 1932, produceva sempre una trentina di milioni di tonnellate di acciaio e dunque circa 200 chili per abitante, quanto la vantatissima Russia siderurgica di oggi, 1955! Nessun paragone tra l’incidenza delle due crisi. Se guardiamo le cadute industriali da guerra, i massimi sono dati dalla Germania, due volte: 45 e 69 per cento, e dal Giappone, una volta: 70 per cento. Si potrebbe rifare il confronto e sarebbero sempre fenomeni diversi dalla caduta russa dell’87, ossia al 13 per cento, al noto settimo, mentre per quei due paesi dalla ben più potente attrezzatura, rispetto alla Russia 1913, si cade al terzo circa (31 e 30), sopravvivendo almeno tanto potenziale industriale quanto se ne era ottenuto in Russia prima del precipizio (circa 30 chili di acciaio per abitante).

Dialetticamente la quantità compare come qualità: un capitalismo ridotto ad un chilo di acciaio per persona, che basta per i chiodi, le pennine e gli spilli in un anno, non è più capitalismo. Non risale, come «quantitativamente» parrebbe, ma rinasce, da un fondo sociale precapitalista. Quindi la Russia ha avuto due capitalismi, e non un capitalismo sostituito da socialismo.

È quindi per noi importante che questo stesso teorema venisse da Lenin spiegato al pur valoroso Bucharin, chiamato volta a volta – nelle frequenti svolte dialettiche prese al rovescio, ma riscattate alla fine cadendo da rivoluzionario di razza – profondo conoscitore di Marx (anche in questo testo) e non abile all’impiego della dialettica.

56 – Vie della rinascita

Lenin vede venire questo nuovo industrialismo capitalista, senza indulgere a nessun pietoso velo, in tutta la potenza dinamica del marxismo. Ne vede tutte le possibili soluzioni, e questa impostazione data in partenza, nel momento della spaventosa pausa vitale, contiene già tutta l’alternativa che pesò sul partito bolscevico russo negli anni che seguirono, e riempì di sé i violenti scontri con le opposizioni che è fatica titanica svincolare dal peso dell’ammasso di falsità che vi ha sovrapposto per oltre trent’anni lo stalinismo – mentre è vano sperare che la macchina dirigente dello Stato russo, vedova di ogni forza teoretica di partito, e parimenti impotente a digerire la dottrina di Marx e di Lenin, faccia qualcosa per ridare luce alla verità, tutta dedita come è a governare il timone secondo l’opportunità di fatto delle ultime svolte.

Siamo sempre lì. Il dibattito che studiamo riguarda un programma di partito, ed anzi quel suo primo capitolo che è descrittivo della situazione sociale. Può sembrare un lusso dottrinale quello di correggere l’omissione del primo formarsi della produzione capitalistica iniziale, in ambiente di libera concorrenza, passando subito alle caratteristiche del capitalismo del tempo imperialista. Invece la correzione non è solo di natura scientifica, ma di attualità storica e politica di quel momento. Le rettifiche di principio sono tutte preziose e fondamentali in quanto, come di norma, valgono ad evitare «sbandate» di tutti i luoghi e di tutti i tempi: ma insieme ad esse è sul tappeto l’ardente decisione sulle prospettive dello sviluppo russo.

Poniamo di primo abbordo la questione così: il partito crede, e preferisce, che l’industrializzazione della Russia (da tutti ritenuta indispensabile, in quanto o la si attua, quale che sia la trama dei rapporti produttivi, o si cadrà sotto l’invasione delle armate borghesi prima che la rivoluzione internazionale divampi) nasca nelle forme di un capitalismo secondario, di tipo imperialista?

Ci pare evidente che è la seconda forma che storicamente si è realizzata. Che significa che per Lenin nel 1919 questo non era né sicuro, né – per chi legge da dialettico – soddisfacente? Significa che Lenin sbagliava? Per noi significa che Lenin avvertiva il pericolo controrivoluzionario. Da allora sono passati trentasette anni. Noi assumiamo, e ciò corona quanto sotto tanti aspetti abbiamo detto in tutto lo studio, che il risultato ottenuto, per il comunismo rivoluzionario, non è solo un risultato fermato a mezzo sulla china della storia, ma è deteriore – soprattutto in riflesso all’economia agraria – rispetto a quello dell’edificazione (qui la parola va a posto) di un capitalismo di tipo primario. E diciamo di più: non solo nell’ipotesi, per noi ammissibile (si veda l’esegesi del dibattito 1926), un controllo statale comunista e internazionalista su tale sviluppo, ma anche nell’ipotesi della sua caduta sotto un potere dichiaratamente borghese, e della formazione aperta di nuove condizioni di rivoluzione classista, in parallelo a quelle mondiali.

Bucharin più tardi doveva proprio lui sviluppare tale teoria, ma al solito si buttava tutto su una deduzione dottrinale sviluppata unilateralmente e metafisicamente. Ciò si prestò a farlo apparire, da parte dei veri luridi traditori, come difensore dei capitalisti liberi agrari, dei kulak, che Stalin ebbe, nelle versioni ufficiali, il merito di fisicamente sterminare nel 1928.

Anticipiamo un momento la conclusione: essa sta nel confronto tra una campagna ove i proletari rurali senza terra conducano la lotta di classe, e quella attuale ove l’enorme maggioranza non è nemmeno – come nelle industrie urbane – di salariati di Stato, ma di esercenti e di goditori privati e familiari; in una parte, di minor peso economico e ancor minore peso sociale, associati in gestioni cooperative. Il socialismo non si rinviene né nell’uno né nell’altro sistema, come non si rinverrebbe nemmeno in un totale statalismo terriero di gestione o di esercizio. Chiamiamo duramente i tre tipi: kulak, colcos, sovcos. Quello attuale (che si presta allo stupido vanto: i capitalisti nella campagna non ci sono più) è per noi un punto di arrivo disfattista. Al suo posto Lenin avrebbe optato per il terzo, o per il primo, ben vero tutti e due non come traguardi finali, ma come strade per traversare il periodo di «buoni rapporti» coi contadini, e mantenere la rotta verso il socialismo, e verso il suo termine inseparabile: rivoluzione all’ovest.

Torniamo ora a seguire la dimostrazione di Lenin all’VIII congresso, dopo aver ricordato la sua valutazione dell’effetto della rivoluzione di Ottobre fuori delle due capitali e delle grandi città industriali: trasporto della lotta di classe nelle campagne. Lotta di classe vuol dire presenza dei kulak, e dei milioni di contadini loro salariati appoggiati dallo Stato operaio. Far sparire i kulak è il naturale obiettivo di questa lotta, ma pagano con la degradazione dei proletari di campagna da lavoratori associati a lavoratori parcellari, significa aver liquidato la lotta di classe ma dato vittoria alla controrivoluzione, imprimendo alla pur utile e rispettabile rivoluzione borghese di Russia una tonalità arretrata, e non avanzata, in quanto tale, in quanto borghese. Tu vedi, o Bucharin, che la lotta tra forma secondaria e primaria del capitalismo è già vinta; non vedi che siamo ancora al passaggio da forme precapitaliste rurali ad un capitalismo di sviluppo infantile e primario?

57 – Il capitalismo è uno

Lenin aveva detto che siamo nel 1919 in Russia dinanzi al risorgere di forme capitaliste del primo stadio. Aggiunge due cose importanti. Una è che questo stesso avviene fuori di Russia. L’altra è che passerà molto tempo prima che si possa fare un programma alla Bucharin, più elegante perché non affianca due partiti eterogenei, e si riduce a porre così la questione: abbiamo il potere e la dittatura, definiamo il nostro futuro passaggio dal capitalismo imperialista al socialismo totale. Elegante, ma falso semplicemente, Lenin dice; e quando ha meno voglia di complimenti a Bucharin scrive duramente: Bucharin lo capisce e dice che il programma deve essere concreto.
«La concretezza di Bucharin consiste nella descrizione libresca del capitalismo finanziario»[179].

Lenin è sempre rivoluzionario quando fa fare i «passi indietro». Egli dice dunque quanto al tempo:
«Da questa disparità, da questa costruzione fatta con materiale difforme – per quanto spiacevole e poco armonico possa parere – non usciremo per un ben lungo periodo. Quando ne usciremo, tracceremo un altro programma. Ma allora vivremo nella società socialista. Sarebbe ridicolo pretendere che allora le cose vadano come vanno oggi»[180].

Leggendo con gli occhi che ci vogliono, questo vuol dire: il capitalismo è uno, nei due tempi primario e secondario. È uno in tutti i luoghi al di sopra di ogni ineguale sviluppo, che possiamo constatare e studiare.

Questo nemico unico deve cadere sotto i colpi della rivoluzione internazionale, livellatrice delle condizioni della società socialista.

Quanto al luogo già Lenin aveva detto:
«E oggi non soltanto in Russia, non soltanto in Germania, ma anche nei paesi vincitori, incomincia appunto un’immensa distruzione del capitalismo contemporaneo, che elimina ovunque questo apparato artificioso [udite! Lenin allude alle forme monopolistiche] e risuscita il vecchio capitalismo».

Questo concetto del regredire delle forme dirigiste e monopoliste dopo le guerre non è di lieve conto. Per la Russia Lenin lo ribadisce con prove che trae dal «caos dei trasporti» e dal rinascere della mala pianta dei «mesciotniki», o venditori ambulanti neri, che noi diremmo «intrallazzisti». Egli cita la testimonianza di compagni tedeschi e anche svizzeri. Chi ha vissuto due dopoguerra ponderi questo formidabile rilievo, che sembra di passaggio, di Lenin. Chi di noi dopo la seconda guerra non ha qualche giorno potuto mangiare solo in quanto un tipo col sacco in ispalla ha bussato alla porta con un sorriso ruffiano? Era un «accumulatore primitivo di capitale»; ci riempiva la pancia svuotando il proletario borsellino. Se fossimo fisionomisti lo vedremmo passare ogni tanto in una fuoriserie. In qualche nostra città i più orrorizzanti grattacieli sono elevati da un ex stracciarolo, divenuto grazie al democratico sterco, se non il primo, il secondo cittadino.

Lenin continua, dopo la citazione della più che neutrale Svizzera:
«Questa categoria non la farete rientrare in nessuna definizione della dittatura del proletariato: dovrete ritornare indietro, ai primordi della società capitalista e della produzione mercantile».

Poi ritorna alla Russia e si rifà al suo antico programma, smentendo l’insinuazione del vivace Bucharin che si trattasse di vecchie viscere paterne.
«Il capitalismo da noi descritto nel 1903 continua ad esistere ancora nel 1919, nella repubblica proletaria sovietica, appunto in forza della decomposizione dell’imperialismo, del suo fallimento. Tale capitalismo si può trovare per esempio sia nel governatorato di Samara, sia in quello di Viatka, non troppo lontano da Mosca. In una epoca in cui la guerra civile smembra il paese, non usciremo tanto presto da questa situazione, da questa economia da mesciotniki».

Non se ne è usciti ancora, nella pianificatissima ma capitalistissima economia del 1955. Non sono membri di una classe nuova, ma rigurgito di forme vecchissime, i burocrati privilegiati della macchina statale, parassiti di un caos produttivo dai rendimenti pietosi a petto dei vecchi e nuovi capitalismi esteri. E i vari oratori dei congressi politici ventesimi e più che ventesimi, non sono che mesciotniki di un surrogato pestifero della dottrina dei giganti Marx e Lenin, che intrallazzano per il mondo.

58 – Alla luce dei grandi principi

Lenin si diffonderà in altri testi, che abbiamo studiato e studieremo ancora, sulla descrizione della struttura russa e del suo evolversi. Qui assurge a stabilire alcuni essenziali capisaldi, decisamente respingendo ogni contrapposizione alternante tra le due forme e tappe, liberistica e monopolistica, del capitalismo. Lenin ci pare esclamare: se un Bucharin che «mi sono cresciuto io» piglia di questi granchi sulla base del mio libro sull’imperialismo, e mi va fuori dai binari di papà Marx sui quali credevo avergli insegnato a correre senza la più piccola incertezza, che faranno gli altri, dopo, altrove, quando io sarò morto e quando sarà morta la Grande Rivoluzione?! Egli sembra avvertire le poderose sbronze dottrinarie per cui lontani pretesi marxisti di sinistra, inforcando quella sua pretesa alternativa, voltati dalla parte del deretano, partiranno per future crociate, e diranno che quel poverello di Marx conosceva solo un capitalismo oggi «superato», che oggi non va più: sono loro che, per evitare fiaschi del genere di quello capitato a Lenin, devono tutto riscoprire e rifare. Danno quindi di sprone al destriero della nuova dottrina, e gli allentano del tutto la coda, che tengono in pugno, pieni di sé.

Lenin ha ripetuto: In ogni governatorato agricolo vediamo, accanto all’industria monopolizzata, la libera concorrenza. Ma qui si ferma e sembra aver pensato: una volta ancora bisogna ritornare da capo, ricominciare ab ovo. Che Samara e che Viatka!
«In nessun luogo del mondo [passo da noi già citato] il capitalismo monopolistico non è esistito, né esisterà mai [nessuno-mai: la questione di dottrina per i marxisti precede sempre la valutazione particolare, di contingenza] senza che, in parecchi settori, sussista la libera concorrenza. Descrivere tale sistema significherebbe descrivere un sistema staccato dalla vita, falso, fittizio»[181].

Prima di proseguire su altre citazioni già, per la loro essenzialità, richiamate (vi fummo condotti perché il nostro illustre partner Stalin, che ignorava noi in modo totalitario, sta bene, ma ignorava altrettanto che fine avrebbe fatto la sua notorietà di immortale, si compiacque di battere l’eterodosso Jarošenko paragonandolo al Bucharin del 1919 battuto da Lenin, mentre egli aveva fondato tutto sulla difesa di Bucharin fino a quasi dieci anni dopo!) vogliamo fare un’ovvia dialettica integrazione. Bastano pochi passaggi algebrici (frase, citata da Marx, di Hegel su Keplero-Newton). Non esiste in nessun luogo e tempo la concorrenza pura, senza monopolio. Lo sviluppo è già in Engels, pre 1848 (la concorrenza genera il monopolio e il monopolio genera la concorrenza) e si potrebbero addurre diecine di passi di Marx. Se il capitalismo sviluppa al massimo il mercantilismo e dilata i mercati, grazie alla concorrenza, a limiti geografici prima ignoti, esso lo fa in quanto rompe preesistenti sfere di monopolio dovute al limitato giro delle merci. Se il capitalismo storicamente richiama la categoria concorrenza, la precedente proprietà signorile richiama la categoria monopolio. Da monopoli spesso sorse la prima accumulazione del capitale monetario, e i primi capitali dei re e degli Stati che dettero slancio alle grandi manifatture, alle grandi compagnie estrattive, di navigazione, ecc.[182].

Che le deduzioni di Marx si basassero tutte sulla descrizione di una società integralmente di concorrenza, è annosa buaggine. I capitalisti sostennero sempre che il loro sistema avrebbe girato a perfezione appena eliminatine gli inconvenienti, che facevano risalire alla presenza di avanzi e scorie feudali, e Marx provò come anche ammessa tale ipotesi le tesi rivoluzionarie erano pienamente dimostrate: la prima era quella della ricaduta nel monopolio e nel totalitarismo economico.

Inoltre Marx, nella teoria della rendita di natura borghese, dette tutte le equazioni che spiegano il moto del capitale monopolistico, e parassitario, che Lenin verificò per i periodi di espansione mercantile che preparano le guerre e le dittature imperiali.

Quando Marx dice che la democrazia è una dittatura della borghesia, egli dice, in lingua economica, che la produzione capitalistica mercantile esprime un monopolio di classe della produzione e dei prodotti.

Quindi la «libresca» contrapposizione di Bucharin non era solo un errore di fatto alla data 1919 in Russia, ma nasceva da errori di principio, storici e dottrinali, che Lenin elimina.

59 – Essenza costante del capitalismo

«Se Marx diceva della manifattura che essa è una sovrastruttura della piccola produzione di massa, l’imperialismo e il capitalismo finanziario sono una sovrastruttura del vecchio capitalismo».

Questo passo importante sta a dimostrare che durante la tappa imperialista il capitalismo resta lo stesso nella sua «struttura» essenziale, la quale non viene sostituita da una diversa struttura, ma genera una sovrastruttura sociale. Questa consiste nelle coalizioni tra imprenditori capitalisti, nella coalizione tra capitalisti finanziari, tra banchieri, nella più stretta unione tra queste forze unitarie di classe e lo Stato politico, o meglio nella più evidente unione, che si evolve verso il militarismo, l’occupazione delle colonie (fatti già storicamente dati all’inizio del primo capitalismo), verso più strette forme del potere politico, e la più palese, ma non nuova, dittatura politica del capitale. L’imperialismo non è un nuovo sistema economico al posto di un altro, ma una nuova sovrastruttura dello stesso sistema capitalistico a base di lavoro associato, di salariato, di rovesciamento dei piccoli produttori autonomi nel proletariato.

La citazione di Marx va così chiarita. Quando sorge la più semplice forma di manifattura capitalistica, la cooperazione semplice, non si ha che il riavvicinamento di tanti lavoratori parcellari che seguitano a fare l’antico mestiere, ossia producono un manufatto finito. Il mutamento non sta nella tecnica di lavoro, che resta la stessa; ma in un fatto economico-sociale, in un rapporto di proprietà: utensili, materie impiegate, manufatto finito non appartengono più al lavoratore parcellare, ma ad un unico capitalista che ha potuto anticipare gli acquisti di materia prima e salari. Tecnicamente nulla è cambiato, e nemmeno come rendimento della forza di lavoro (salvo, come Marx indica – Libro I, Cap. XII, Divisione del lavoro e manifattura – una economia sui tempi di trasporto ai singoli e dai singoli operatori). Quindi alla stessa struttura produttiva tecnica, ossia alla stessa piccola produzione artigiana, ma applicata ad una grande massa di prodotti, si è sovrapposta la forma capitalistica del padrone di manifattura. Quando la manifattura diventa organica, riunisce mestieri diversi da un lato, e poi con la divisione tecnica interna del lavoro li spezza in varie operazioni elementari, ad una mutata struttura tecnica e impiego della forza lavoro, di potenziato rendimento, si applica la stessa sovrastruttura sociale, e lo stesso rapporto di produzione tra salariato e capitalista, di prima.

Il «vecchio» capitalismo ha già svolto tutta la sua corsa di miglioramento del rendimento sociale del lavoro, quando è giunto alla grande industria meccanica.

Il monopolismo non fa fare a questa struttura tecnica nessun passo nuovo, ma vi sovrappone una nuova forma sociale-politica: il cartello padronale di classe, il peso dello Stato politico nella gestione della produzione, il prevalere della produzione, il prevalere sul capitale industriale del capitale finanziario. La nuova sovrastruttura consiste in queste forme parassite: la struttura-base resta la stessa, e la teoria della sua condanna era già perfezionata.

Ma se tutto ad un momento si sfascia e si ricade nelle forme di basso rendimento dell’economia di minutaglia, il «vecchio» capitalismo ha ragione utile di risorgere: in sostanza ha riguadagnato un diritto alla vita.

Dobbiamo ripetere quanto è forcaiolo e coglione chi lotta perché si torni indietro dalla fase dei grandi monopoli?

60 – Caratteri dello sviluppo russo

Questa chiara ricostruzione si riconferma nelle classiche frasi di Lenin, che abbiamo nel «Dialogato coi Morti» a pag. 72 in parte citate, riservando un maggior svolgimento del basilare tema.

«Sostenere [Bucharin] che esista un imperialismo integrale senza il vecchio capitalismo, significa prendere i propri desideri per realtà».
E noi diciamo: erano desideri rispettabili, e se vogliamo rivoluzionari. Ma il sostenere che possa esistere il vecchio capitalismo libero senza monopolismo e imperialismo, non solo è parimenti illusorio, ma mostra che si hanno desideri da forca.

«Se ci trovassimo di fronte ad un imperialismo integrale, che avesse trasformato da cima a fondo il capitalismo, il nostro compito sarebbe centomila volte più facile [animali, qui sta da oltre cent’anni il centro di tutto!]. Avremmo un sistema nel quale tutto sarebbe sottomesso al solo capitale finanziario. Non ci resterebbe allora che sopprimere la cima e rimettere il resto nelle mani del proletariato. Sarebbe cosa infinitamente piacevole, ma che non esiste nella realtà. In realtà lo sviluppo è tale che si deve agire in tutt’altro modo».

Lenin ripete e sottolinea il suo teorema:
«L’imperialismo è una sovrastruttura del capitalismo».
Così prosegue:
«Quando esso crolla ci si trova di fronte alla cima distrutta e alla base messa a nudo [la base, la sottostruttura, la vera struttura intima]. Ecco perché il nostro programma, se vuol essere veramente corretto, deve dire quello che è. C’è il vecchio capitalismo, che in diversi campi si è sviluppato fino all’imperialismo».

Lenin è ritornato, in questo rapporto fieramente polemico, da cui ci preme trarre ora quanto trascende lo stesso vitale contenuto di quella polemica, al decorso russo sociale, che è poi il nostro tema di ricerca.
«Le sue tendenze [notate] sono esclusivamente imperialistiche. I problemi essenziali possono essere esaminati unicamente dal punto di vista dell’imperialismo. Nessun problema importante della politica interna ed estera può essere risolto altrimenti che dal punto di vista di questa tendenza. Non è di questo che parla oggi il programma.
In realtà, esiste l’immenso sottosuolo del vecchio capitalismo. Vi è una sovrastruttura, l’imperialismo [udite!] che ha condotto alla guerra; e questa guerra è divenuta il punto di partenza della dittatura del proletariato. [Lenin dice punto di partenza, perché la dittatura è mista con i contadini, ed è solo nazionale]. Non si può saltare questa fase [sic!]. Questo fatto [udite!] caratterizza lo sviluppo stesso della rivoluzione in tutto il mondo [udite!] e rimarrà un fatto per lunghi anni«
[183].

Il modo in cui Lenin, a dispetto delle incessanti ed incessate menzogne, vede lo sviluppo della rivoluzione in Russia, è quello che lo salda allo sviluppo di essa in Occidente. Nell’ipotesi che la seconda ritardi, diviene assurdo tratteggiare voli, come quelli che Bucharin sosteneva in buona fede, da una tappa finale del capitalismo russo ad una società socialista nazionale.

Notiamo che il «Manuale» staliniano di economia politica descrive prima il modo di produzione socialista, e lo divide in varie parti:
A) Il periodo di transizione dal capitalismo al socialismo.
B) Il sistema socialista di economia nazionale. Quanto alla sezione
C) che chiude il trattato, si tratta solo dell’edificazione del socialismo nei paesi di democrazia popolare.

Ad un sistema di economia socialista internazionale, non ci si pensa nemmeno. E qui sarebbe già provato che il «modo di produzione» descritto come socialista non è che un’ulteriore, leniniana «sovrastruttura del solito e infamato capitalismo». Come dall’analisi emerge.

61 – Lo sviluppo internazionale

«Nell’Europa occidentale le rivoluzioni si faranno forse con meno scosse. Tuttavia la riorganizzazione del mondo intero, la riorganizzazione della maggioranza dei paesi [pensate alle colonie, ai popoli di colore] richiederà anni e anni. E questo vuol dire che nel periodo di transizione in cui viviamo ci sarà impossibile uscire da questa realtà a mosaico. Questa realtà, composta di parti eterogenee, non si può respingere, per quanto inelegante essa sia […]